Giovanni Tonucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Tonucci
arcivescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Giovanni Tonucci.svg
Prior dilexit nos
Titolo Loreto
Incarichi attuali Prelato di Loreto e delegato pontificio del santuario della Santa Casa
Delegato pontificio della basilica di Sant'Antonio in Padova
Nato 4 dicembre 1941 a Fano
Ordinato presbitero 19 marzo 1966 dal vescovo Costanzo Micci
Consacrato arcivescovo 6 gennaio 1990 da papa Giovanni Paolo II

Giovanni Tonucci (Fano, 4 dicembre 1941) è un arcivescovo cattolico italiano, attualmente arcivescovo prelato di Loreto.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Conseguita nell'estate del 1960 la maturità classica presso il liceo Guido Nolfi di Fano, si trasferisce a Roma dove frequenta il Pontificio Seminario Romano Maggiore. Terminati gli studi teologici Tonucci viene ordinato sacerdote il 19 marzo 1966 da mons. Costanzo Micci allora vescovo di Larino.[1] Nel 1968 entra nel servizio diplomatico della Santa Sede e frequenta i corsi propedeutici alla carriera presso la Pontificia Accademia Ecclesiastica proseguendo allo stesso tempo la sua formazione presso l'Università Lateranense, dove consegue due dottorati in teologia e diritto canonico.

Attività diplomatica ed ecclesiastica[modifica | modifica sorgente]

Dal 1971 alla fine del 1973 la "carriera diplomatica" lo porta dapprima a Yaoundé in Camerun, poi fra il 1974 e il 1976 è a Londra nel Regno Unito; dal luglio del 1976 è nuovamente a Roma, trasferito presso la I Sezione - Affari Generali della Segreteria di Stato della Santa Sede dove lavora con monsignor Agostino Casaroli,[2] per poi passare, nell'aprile del 1978, alle dipendenze della II Sezione - Rapporti con gli Stati guidata da Achille Silvestrini.[3] Alla fine del 1984 viene assegnato alla nunziatura apostolica di Belgrado nell'allora Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia, dove rimane sino all'estate del 1987 quando viene trasferito a Washington negli Stati Uniti.

Il 21 ottobre 1989 viene nominato arcivescovo titolare di Torcello e nunzio apostolico per la Bolivia; consacrato vescovo il 6 gennaio 1990 da papa Giovanni Paolo II; co-consacranti: mons. Giovanni Battista Re[4] e mons. Miroslav Stefan Marusyn.[5]
In Bolivia rimane sino al 9 marzo 1996 quando assume l'incarico di osservatore permanente della Santa Sede presso gli organismi delle Nazioni Unite per l'ambiente e gli insediamenti umani (UNEP/UN-HABITAT) e l'ufficio della nunziatura apostolica a Nairobi, in Kenia.

Dal 16 ottobre 2004 è nunzio apostolico (con sede a Stoccolma) per la Svezia, la Danimarca, la Finlandia, l'Islanda e la Norvegia dove succede a mons. Piero Biggio.

Il 18 ottobre 2007 viene nominato arcivescovo prelato di Loreto e delegato pontificio del santuario della Santa Casa.

Dall'8 marzo 2014 ricopre anche l'incarico di delegato pontificio della basilica di Sant'Antonio in Padova.

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

Suo fratello, don Paolo Maria Tonucci è stato missionario in Brasile dal 1965 al 1994, periodo durante il quale si è strenuamente battuto per i diritti dei poveri contro le usurpazioni della dittatura militare, lotte che gli costarono il titolo di "persona indegna" di ricevere la cittadinanza brasiliana.[6]

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Commendatore con placca dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore con placca dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni Tonucci, "God's letter to me – 101 questions and answers on the Bible".
  • Giovanni Tonucci, Roberto Ansuni; et al, Don Paolo, Fano, Fondazione Cassa di Risparmio di Fano, Grapho 5, 2004.
  • Giovanni Tonucci: Visioni di un pellegrino. Le foto di Mzee Mwenda. Ediz. italiana e inglese, Velar, 2006. ISBN 88-7135-233-5.
  • Giovanni Tonucci, Massimo Ciavaglia "El Vangel cum l'ha scrit San Marc". (in dialetto fanese), Ven. Confraternitas Sanctae Mariae Suffragii, Fano, 2007.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Costanzo Micci fu nominato il 15 agosto 1966 amministratore apostolico "Sede Plena" di Fano e vescovo titolare di Maiuca, titolo che tenne sino al 1º giugno 1973 quando divenne vescovo di Fano sino alla morte avvenuta il 4 settembre 1985.
  2. ^ Agostino Casaroli: creato cardinale il 30 giugno 1979 da Giovanni Paolo II, diventerà cardinal Segretario di Stato dal 1º luglio 1979 al 1º dicembre 1990.
  3. ^ Achille Silvestrini: creato cardinale nel concistoro del 28 giugno 1988
  4. ^ Giovanni Battista Re: successivamente nominato Cardinale, Prefetto della Congregazione per i Vescovi e Presidente della Pontificia Commissione per l'America Latina.
  5. ^ Miroslav Stefan Marusyn: arcivescovo titolare di Cadi, Segretario della Congregazione per le Chiese Orientali.
  6. ^ Biografia di don Paolo Maria Tonucci

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Osservatore permanente aggiunto presso l'OSA Successore Flag of the Vatican City.svg
 ? 1987 - 21 ottobre 1989  ?
Predecessore Vescovo titolare di Torcello
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Gino Paro 21 ottobre 1989 - 18 ottobre 2007 Gianfranco Agostino Gardin
Predecessore Nunzio apostolico in Bolivia Successore Flag of the Vatican City.svg
Santos Abril y Castelló 21 ottobre 1989 - 9 marzo 1996 Rino Passigato
Predecessore Nunzio apostolico in Kenia Successore Flag of the Vatican City.svg
Clemente Faccani 9 marzo 1996 - 16 ottobre 2004 Alain Paul Charles Lebeaupin
Predecessore Osservatore permanente presso l'UNEP e l'UN-HABITAT Successore Flag of the Vatican City.svg
- 1997 - 16 ottobre 2004 Alain Paul Charles Lebeaupin
Predecessore Nunzio apostolico in Svezia, Danimarca, Finlandia, Islanda e Norvegia Successore Flag of the Vatican City.svg
Piero Biggio 16 ottobre 2004 - 18 ottobre 2007 Emil Paul Tscherrig
Predecessore Prelato di Loreto
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Giovanni Danzi dal 18 ottobre 2007 in carica
Predecessore Delegato pontificio per il Santuario lauretano Successore Ancona loreto.jpg
Giovanni Danzi dal 18 ottobre 2007 in carica
Predecessore Delegato pontificio per la Basilica di Sant'Antonio in Padova Successore Padova, basilica del santo.JPG
Vittorio Lanzani dall'8 marzo 2014 in carica