Società missionaria di San Giuseppe di Mill Hill

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Società missionaria di San Giuseppe di Mill Hill (in latino Societas Missionariorum S. Ioseph de Mill Hill; in inglese St. Joseph's Missionary Society of Mill Hill) è una società clericale di vita apostolica di diritto pontificio. I membri di questa società pospongono al loro nome la sigla M.H.M.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Herbert Vaughan, fondatore della società

La congregazione venne fondata da Herbert Vaughan (1832-1903) per formare il clero missionario da inviare nelle colonie inglesi: quando manifestò l'intento di aprire, a tal fine, un seminario presso Londra a Nicholas Wiseman, arcivescovo di Westminster, questi gli rivelò che anche Vincenzo Pallotti, a Roma, aveva suggerito di dare vita a un istituto simile.[2]

Il 1º marzo 1866 Vaugham, insieme a un professore e a uno studente, prese possesso della Holcombe House a Mill Hill, un sobborgo di Londra: il seminario venne inaugurato il 19 marzo successivo (festa di san Giuseppe) da Henry Edward Manning, successore di Wiseman alla guida dell'arcidiocesi di Westminster.[3]

Nel 1879 Vaugham affidò ad Alice Ingham il servizio domestico nel collegio dando così inizio alle Suore Francescane Missionarie di San Giuseppe,[4] il ramo femminile della congregazione.

Le prime filiali della società vennero aperte in Tirolo, Germania e in Belgio al fine di reclutare missionari; nel 1871 venne fondata la prima missione negli Stati Uniti d'America, per l'apostolato presso la popolazione afroamericana, e dal ramo statunitense della congregazione ebbe origine la Società di San Giuseppe del Sacro Cuore; vennero poi aperte missioni in India (1875), Afghanistan (1879), Borneo (1881), Nuova Zelanda (1885), Uganda (1894), Congo belga (1905) e ai Caraibi (1912).[3]

La società ricevette il pontificio decreto di lode il 28 gennaio 1897; venne approvata definitivamente dalla Santa Sede il 25 aprile 1908 e le sue costituzioni vennero approvate dalla Congregazione di Propaganda Fide l'8 luglio 1925.[3]

Attività e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

La società si dedica essenzialmente all'attività missionaria.[1]

I missionari di Mill Hill vengono reclutati tradizionalmente nel Regno Unito, in Irlanda, Paesi Bassi, Italia (Alto Adige) e Austria (da tempi più recenti anche negli Stati Uniti d'America in India, Kenya, Uganda, Camerun, Congo, Filippine); svolgono il loro apostolato in India, Pakistan, Malesia, Filippine, Uganda, Kenya, Sudan, Congo, Camerun, Ecuador, Brasile, Nuova Zelanda, Australia, Falkland e Isole dell'Atlantico del Sud.[5] La sede generalizia è a Mill Hill.[1]

Al 31 dicembre 2005, la compagnia contava 32 case e 619 membri, 427 dei quali sacerdoti.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Ann. Pont. 2007, pp. 1512-1513.
  2. ^ M. Escobar (cur.), op. cit., vol. II (1953), pp. 1419-1425, articolo a cura di J. Thoonen.
  3. ^ a b c DIP, vol. VIII (1988), coll. 1639-1635, voce a cura di M. Fleischmann e H. Stampfeld.
  4. ^ Ann. Pont. 2007, p. 1587.
  5. ^ Mill Hill Missionaries. URL consultato il 13-2-2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo