Barbara di Brandeburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi con lo stesso nome, vedi Barbara di Brandeburgo (1527-1595).
Barbara di Brandeburgo
Barbara di Brandeburgo
Barbara di Brandeburgo
Andrea Mantegna, dettaglio della Camera degli Sposi, Mantova
Marchesa consorte di Mantova
Stemma
In carica 1437 - 1478
Predecessore Paola Malatesta
Successore Margherita di Baviera
Nascita 1423
Morte Mantova, 7 novembre 1481
Luogo di sepoltura Cattedrale di San Pietro, Mantova
Casa reale Hohenzollern
Padre Giovanni l'Alchimista
Madre Barbara di Sassonia-Wittenberg
Consorte Ludovico III Gonzaga
Figli Federico
Gianfrancesco
Francesco
Paola Bianca
Susanna
Dorotea
Cecilia
Rodolfo
Barbara
Ludovico
Paola
Religione cattolicesimo
Principato di Brandeburgo
Hohenzollern
COA family de Markgrafen von Brandenburg (1417).svg

Federico I
Federico II
Alberto III
Giovanni I
Gioacchino I
Gioacchino II
Giovanni Giorgio
Gioacchino III
Giovanni Sigismondo
Giorgio Guglielmo
Federico I Guglielmo
Federico III
Modifica

Barbara di Hohenzollern (1423Mantova, 7 novembre 1481) fu una nobile del Brandeburgo, nipote dell'imperatore Sigismondo e marchesa di Mantova dal 1444 al 1478.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu la prima figlia di Giovanni l'Alchimista, erede dell'Elettore del Brandeburgo Federico I di Hohenzollern, e di Barbara di Sassonia-Wittenberg (1405-1465). Suo padre rinunciò però ai suoi diritti di primogenitura ed a quelli di successione nel Brandeburgo e fu insignito dei possedimenti degli Hohenzollern nella Franconia.

A dieci anni venne data in sposa al diciannovenne Ludovico, figlio ed erede del Signore di Mantova Gianfrancesco Gonzaga. Le nozze vennero celebrate a Mantova il 12 novembre 1433[1]. Il matrimonio con Barbara, imparentata con l'Imperatore Sigismondo e con l'Elettore di Brandeburgo significò un sostanziale potenziamento per la famiglia Gonzaga, che era stata recentemente insignita dall'Imperatore Sigismondo del Marchesato di Mantova. Essendosi sposata in giovane età, Barbara fu educata alla corte di Mantova con gli altri membri della famiglia Gonzaga e divenne una delle donne più notevoli e più colte del Rinascimento. Imparò quattro lingue e fu un'esperta di letteratura. Tra i suoi maestri vi fu anche l'umanista Vittorino da Feltre. Barbara divenne marchesa consorte di Mantova alla morte del suocero nel 1444, mantenendo il titolo fino a quando rimase vedova nel 1478. A succedere a Ludovico III fu loro figlio Federico I Gonzaga.

Insieme alla famiglia, venne ritratta da Andrea Mantegna nel famoso affresco "la Camera degli Sposi", presso il Castello di San Giorgio a Mantova[2].

Stimatissima dal marito, che le affidò la reggenza del Marchesato durante le sue numerose assenze, Barbara partecipò alla gestione del governo[3] e curò personalmente l'educazione dei figli[4]. Ella diede particolare risalto alle relazioni tra Mantova ed il Sacro Romano Impero, facendo sposare tre dei suoi figli e figlie con principi e principesse tedesche. Barbara condusse inoltre gran parte della corrispondenza diplomatica, non solo con la sua famiglia, ma anche con i Visconti, la Curia, e numerose personalità dell'Impero. Diede incarico a Girolamo da Cremona di finire il messale in pergamena che Gianlucido Gonzaga aveva commissionato nel 1442 a Belbello da Pavia e che è conosciuto oggi col nome di Messale di Barbara[5].

Matrimonio e figli[modifica | modifica sorgente]

Dal matrimonio nacquero dodici figli[6]:

Omaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Barbara è il personaggio principale del romanzo storico La principessa di Mantova, della scrittrice Marie Ferranti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Hohenzollern 2
  2. ^ Ludovico II e Barbara di Brandeburgo dalla camera degli sposi
  3. ^ Questa pagina non è attiva
  4. ^ Donne e conoscenza storica
  5. ^ l
  6. ^ Gonzaga 2

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Adelaide Murgia, I Gonzaga, Milano, Mondadori, 1972. (ISBN non esistente)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Marchesa consorte di Mantova Successore Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
Paola Malatesta 1452-1478 Margherita di Wittelsbach