Bakuman.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bakuman)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
« Diventa un mangaka insieme a me![1] »
(Akito Takagi parlando con Moritaka Mashiro)
Bakuman.
manga
Copertina italiana del primo volume
Copertina italiana del primo volume
Titolo orig. バクマン。
(Bakuman.)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Testi Tsugumi Ohba
Disegni Takeshi Obata
Editore Shūeisha
1ª edizione 7 agosto 2008 – 23 aprile 2012[2].
Collanaed. Shōnen Jump
Periodicità Trimestrale (vol.1-17)
Bimestrale/mensile (vol.18-20)1
Tankōbon 20 (completa) +1 character book
Censura no
Editore it. Panini Comics - Planet Manga
1ª edizione it. 25 marzo 2010 – 6 giugno 2013
Periodicità it. bimestrale
Volumi it. 20 (completa)
Formato it. 11,5 × 17,5 cm
Target shōnen
Generi commedia scolastica, romantico
Temi Manga
Bakuman.
serie TV anime
Titolo orig. バクマン。
(Bakuman.)
Autori
Regia
Soggetto
Sceneggiatura Reiko Yoshida
Character design Tomoyuki Shitaya
Animazione Tomoyuki Shitaya
Dir. artistica Chikako Shibata
Studio J.C.Staff
Musiche Audio Highs
Rete NHK-E
1ª TV 2 ottobre 2010 – 30 marzo 2013
Episodi 75 (completa) in 3 stagioni
Aspect ratio 16:9
Durata ep. 25 min
Censura no
Episodi it. inedito
Target shōnen
Generi commedia scolastica, romantico
Temi Manga

Bakuman. (バクマン。?) è un manga giapponese edito da Shūeisha all'interno di Shōnen Jump, a partire dalla doppia uscita 37-38 del 7 agosto 2008, per poi concludersi nella doppia uscita 20-21 del 23 aprile 2012. La serie, scritta da Tsugumi Ohba, è disegnata da Takeshi Obata: questo segna un grande ritorno alla collaborazione tra questi due autori, che fino a due anni prima avevano lavorato insieme per Death Note, una serie cartacea e animata giunta anche in Italia. La serie è composta da un totale di 176 capitoli, raccolti in 20 tankobon, e da un character book chiamato "charaman". In Italia Bakuman è stato pubblicato da Panini Comics sotto l'etichetta Planet Manga dal 25 marzo 2010 al 6 giugno 2013 e ha vinto come miglior manga dell'anno al Nanoda Manga Awards 2010, premio giuria popolare.[3]

Bakuman. è stato adattato in una serie televisiva anime composta da 3 stagioni da 25 episodi ciascuna, trasmesse dal 2010 al 2013 sulla rete NHK-E e tutte prodotte dallo studio J.C.Staff: la prima stagione è andata in onda dal 2 ottobre 2010 al 2 aprile 2011; la seconda è andata in onda dal 1º ottobre 2011 al 24 marzo 2012; la terza stagione è iniziata il 6 ottobre 2012 e si è conclusa il 30 marzo 2013. I registi della serie TV sono Kenichi Kasai e Noriaki Akitaya, mentre Reiko Yoshida supervisiona la sceneggiatura.[4]

Sono iniziate a maggio 2014 le riprese, sotto la direzione di Hitoshi One, del live action che vedrà come protagonisti Takeru Sato nei panni di Moritaka e Ryunosuke Kamiki in quelli di Akito.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Capitoli di Bakuman..
« Se il nostro sogno si realizzerà... sposami![1] »
(Moritaka Mashiro parlando con Azuki Miho)

La storia narra di due ragazzi frequentanti delle scuole medie, Mashiro Moritaka e Takagi Akito: il primo è un giovane disegnatore, vincitore di alcuni premi giovanili, il secondo è un abile scrittore famoso in tutta la regione per i suoi rendimenti scolastici. Takagi, notando la notevole abilità nel disegno di Mashiro, lo invita ad unirsi a lui per seguire la strada che li porterà a diventare un famoso duo di mangaka. Ad unirsi a loro ci sarà Azuki, innamorata e ricambiata in amore da Mashiro, che come loro possiede un sogno ambizioso: diventare una seiyū, ovvero una doppiatrice.

Con il passare del tempo la loro abilità ed esperienza cresce, tra grandi soddisfazioni e forti delusioni che li porterà a maturare e a conoscere persone straordinarie, che saranno per loro importanti amici, rivali, confidenti e mentori.

Alla vigilia della loro pubblicazione su Akamaru Jump Takagi e Mashiro, con l'aiuto di Kaya Miyoshi, amica di Miho, scelsero il loro nome d'arte con cui sarebbero comparsi sulla rivista cioè Muto Ashirogi. Il nome è composto da tre degli ideogrammi dei nomi dei tre ragazzi più i kanji di "sogno" e "realizzare". Lo scelsero come segno di buon augurio per la realizzazione dei loro sogni.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Bakuman..

I manga dei mangaka in Bakuman.[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Manga presenti in Bakuman..
« Mio zio... Kawaguchi Taro, diceva... che quando si cerca di diventare mangaka sono necessari Superbia, Sudore e Fortuna. Ma quando si comincia a pubblicare ci vogliono... Forza fisica... Forza mentale... e infine Forza di volontà, per non arrendersi mai di fronte a niente.[5] »
(Moritaka Mashiro)

Rifacendosi quasi alla tecnica teatrale del "Plot in the Plot", Tsugumi Ohba e Takeshi Obata presentano all'interno di Bakuman. numerose storie rese in forma di manga dai numerosi protagonisti della serie, mostrando nei vari capitoli estratti dei name e tavole complete realizzate dagli artisti nella serie, oltre a diverse copertine di Shonen Jump mostranti i titoli originali. Tali storie rappresentano l'elemento di originalità di questa serie e alcune hanno riscosso un buon gradimento anche tra i lettori. Uno dei manga che appaiono nella serie, Lontra numero 11, scritta e disegnata da Kazuya Hiramaru, ha riscosso un tale successo nella realtà da spingere gli autori a scrivere un capitolo pilota della storia, pubblicato in seguito su Shonen Jump.

Nell'anime questo aspetto viene ulteriormente sottolineato, dedicando intere scene alla lettura di name e tavole complete con i personaggi delle serie doppiati (similmente ai VOMIC).

Media[modifica | modifica sorgente]

Manga[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Capitoli di Bakuman..

Bakuman. è scritto da Tsugumi Ohba e illustrato da Takeshi Obata e fu serializzato per la prima volta in Giappone da Shūeisha sulla sua rivista settimanale Weekly Shōnen Jump dall'11 agosto 2008 al 23 aprile 2012.[6][7] I 176 capitoli che compongono la serie sono stati raccolti in venti tankobon: il primo volume è stato pubblicato il 5 gennaio 2009[8], mentre l'ultimo è stato pubblicato il 4 luglio 2012.[9] Per permettere agli autori la realizzazione dei capitoli da inserire nei volumi, questi ultimi hanno avuto cadenza trimestrale dal primo al diciassettesimo volume, mentre gli ultimi 3 volumi hanno avuto una cadenza mensile poiché la serie era terminata.

In Italia il manga è stato pubblicato da Panini Comics dal marzo 2010 sulla testata Planet Manga e si è concluso il 6 giugno 2013.

Di seguito trovate una tabella con le nazioni in cui è pubblicata la serie, con relativo numero di volumi rilasciato ad oggi.

Stato Casa editrice Volumi
Giappone Giappone Shūeisha 20 (completa)
Italia Italia Panini Comics 20 (completa)
Stati Uniti Stati Uniti VIZ Media Communications 20 (completa)
Germania Germania Tokyopop 20 (completa)
Spagna Spagna Norma Editorial 20 (completa)
Francia Francia Kana 17

Anime[modifica | modifica sorgente]

Un adattamento ad anime basato sul manga omonimo è stato prodotto dal 2010 al 2013 dallo studio d'animazione J.C.Staff ed è costituito da tre stagioni, per un totale di 75 episodi.

La prima stagione, composta da 25 episodi, fu annunciata sul secondo numero del 2010 della rivista Weekly Shōnen Jump.[10] ed è stata trasmessa per la prima volta su NHK e NHK-E dal 2 ottobre 2010 al 2 aprile 2011. La trasmissione della seconda stagione, prevista per l'autunno 2011, fu annunciata nel dicembre 2010 sempre tramite la rivista Weekly Shōnen Jump; la trasmissione avvenne poi sempre su NHK-E dal 1 ottobre 2011 al 24 marzo 2012.[11][12] Vista la popolarità della seconda stagione dell'anime una terza stagione fu annunciata nel terzo/quarto numero doppio (2012) della rivista Weekly Shōnen Jump e fu trasmessa dal 6 ottobre 2012 al 30 marzo 2013.[13]

Per chiari problemi legati ai marchi registrati e per evitare il fenomeno della pubblicità occulta, l'anime presenta alcune modifiche rispetto al manga originale come il nome della casa editrice Shueisha trasformato in Yueisha o i nomi delle riviste stesse, Weekly Shonen Jump è diventato Weekly Shonen Jack, Akamaru trasformato in NEXT!, Margaret cambiato in Magnolia.

Fuori dal Giappone, i diritti della prima stagione dell'anime sono stati acquistati dalla Viz Media Europe per diversi paesi, quali: Francia, Italia, Germania, Inghilterra, Spagna e Portogallo.[14] Al momento la distribuzione è avvenuta solo in Francia tramite l'editore Kazé e in Inghilterra è stato rilasciato in anteprima sempre tramite Kazé con i sottotitoli in inglese e in lingua originale; in Italia la serie è ancora inedita.

Di seguito potete trovare l'elenco degli episodi, suddivisi nelle stagioni scelte per la trasmissione.

Titolo internazionale
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
Episodi Trasmissione
Giappone
1 Bakuman.
「バクマン。」 -  Bakuman.
25 2010-2011
2 Bakuman. 2
「バクマン。」 -  Bakuman.
25 2011-2012
3 Bakuman. 3
「バクマン。」 -  Bakuman.
25 2012-2013

Altri prodotti[modifica | modifica sorgente]

La serie ha ispirato la creazione di un gioco per Nintendo DS: Bakuman.: Mangaka e no Michi[15], uscito il 15 dicembre 2011 in Giappone e pubblicato da Namco Bandai.

Sono stati pubblicati anche due romanzi riguardanti Lontra Numero 11, il manga del mangaka fittizio Kazuya Hiramaru, scritti entrambi da Tsugumi Ohba e Sho Hyuga. Il primo romanzo è stato pubblicato il 29 dicembre 2011 mentre il secondo il 4 luglio 2012[16]. Entrambi sono stati pubblicati solo in Giappone.

Riguardo Lontra Numero 11 è stato pubblicato anche un capitolo su Weekly Shonen Jump di 15 pagine, di cui una a colori, corrispondente al capitolo 75 del manga fittizio[17].

È stato inoltre annunciato un film live action per la serie, diretta da Hitoshi One ed in uscita nel 2015. Al progetto parteciperà anche Takeshi Obata che fornirà il concept di base del film e alcune tavole che appariranno nel lungometraggio. Gli attori che impersoneranno Moritaka Mashiro e Akito Takagi sono rispettivamente Takeru Satoh e Ryunosuke Kamiki[18].

Sondaggi[modifica | modifica sorgente]

Nel manga di Bakuman fino adesso sono stati presentati tre sondaggi di popolarità, il primo e il terzo sono dedicati alle serie manga comparse nella storia (cap. 58 e cap. 158) mentre il secondo è dedicato ai personaggi della serie (cap. 110). Di seguito sono presentate le top ten con relativi voti ricevuti.

Primo sondaggio:

  • Detective Trap: Indagini con truffa (1822)
  • Crow (1435)
  • Soldi e idee sono tutto (894)
  • Lontra numero 11 (836)
  • Kiyoshi Knight (233)
  • Hideout Door (199)
  • La leggenda dei supereroi
  • Uno su cento milioni
  • W Earth: Le due Terre
  • Cheese Okaki

Secondo sondaggio:

  • Eiji Niizuma (1761)
  • Mashiro Moritaka (1249)
  • Kazuya Hiramaru (1012)
  • Miho Azuki (856)
  • Akito Takagi (827)
  • Lontra Numero 11 (803)
  • Shinta Fukuda (635)
  • Yuriko Aoki (627)
  • Koji Yoshida (409)
  • Aiko Iwase (351)

Terzo sondaggio:

  • PCP: Perfect Crime Party (1674)
  • Crow (1354)
  • Classroom of truth (875)
  • Soldi e idee sono tutto (654)
  • Detective Trap: Indagini con truffa (486)
  • Panty flash-fight (389)
  • Lontra numero 11 (320)
  • You can't reach me (214)
  • La leggenda dei supereroi (164)
  • S I A: soldi, idee e aspetto (137)

Riferimenti al mondo dei manga[modifica | modifica sorgente]

Bakuman può essere considerata la prima serie che illustra al pubblico, anche se in modo frammentario, l'importanza dei fan e dell'ordine delle serie all'interno di Shōnen Jump. Sin dal primo capitolo ci sono molti riferimenti alla produzione della rivista e all'importanza delle classifiche al suo interno. Nella serie ci sono anche riferimenti a serie del passato, tra cui lo stesso Death Note, ampiamente citato dai personaggi.

Altra citazione si ha nella copertina del volume 2, in cui i due protagonisti sono ritratti in una fumetteria realmente esistente mentre reggono diversi manga, tra cui sono riconoscibili Naruto 43, One Piece 52 e Bleach 36.

Oltre a riferimenti a serie di Shonen Jump sono presenti richiami anche ad altre opere: nell'episodio 5 della prima serie animata "Estate e name" appaiono due personaggi tipici dei videogiochi Pokémon, ovvero il Pigliamosche e la Borghese.[19]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Bakuman, volume 1 capitolo 1, Sogni e Realtà
  2. ^ Confermata la fine di Bakuman.
  3. ^ Nanoda Manga Awards 2010: i risultati, Nanoda, 11 febbraio 2011. URL consultato il 30 gennaio 2013.
  4. ^ Bakuman: annunciata la serie animata per il 2010, Animeclick, 11 dicembre 2009. URL consultato il 30 gennaio 2013.
  5. ^ Bakuman, volume 6 capitolo 50, Eccessi e Forza di volontà
  6. ^ Death Note Creators Confirmed to Launch Bakuman Manga, Anime News Network, 3 agosto 2008. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  7. ^ Bakuman Manga to End on Monday, April 23, Anime News Network, 18 aprile 2012. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  8. ^ (JA) バクマン./1| 小畑 健/大場 つぐみ, Shueisha. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  9. ^ (JA) バクマン./20 | 小畑 健/大場 つぐみ, Shueisha. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  10. ^ (EN) Bakuman. Manga's TV Anime Confirmed for Fall 2010, Anime News Network, 10 dicembre 2009. URL consultato il 1º febbraio 2013.
  11. ^ (EN) Bakuman Manga Gets 2nd TV Anime Next Fall, Anime News Network, 14 dicembre 2010. URL consultato il 1º febbraio 2013.
  12. ^ (EN) Bakuman 2 TV Anime Slated for October 1, Anime News Network, 29 agosto 2011. URL consultato il 1º febbraio 2013.
  13. ^ (EN) Bakuman Manga Gets 3rd TV Anime Next Fall, Anime News Network. URL consultato il 1º febbraio 2013.
  14. ^ (EN) VIZ MEDIA EUROPE TO ACQUIRE BAKUMAN, Viz Media Europe, 23 marzo 2012. URL consultato il 1º febbraio 2013.
  15. ^ Bakuman Gets Manga Creation Game for Nintendo DS - Interest - Anime News Network
  16. ^ Seconda novel per Lontra numero 11, Mangaforever.
  17. ^ Arriva lo spin-off di Bakuman., Mangaforever.
  18. ^ Bakuman, annunciato un film per il 2015, mangaka in carne ed ossa, Animeclick.it. URL consultato il 07 maggio 2014.
  19. ^ Bakuman. - Prima serie anime - Episodio 5 Estate e name

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]