La stirpe delle tenebre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
La stirpe delle tenebre
manga
Titolo orig. 闇の末裔
(Yami no matsuei)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Yoko Matsushita
Editore Hakusensha
1ª edizione 20 giugno 1996 – 20 dicembre 2002
Collanaed. Hana to Yume
Tankōbon 11 (completa)
Pagine 190
Editore it. Star Comics
1ª edizione it. 10 agosto 2003 – 10 maggio 2004
Volumi it. 11 (completa)
Formato it. 12 × 18 cm
Pagine it. 192
Target shōnen-ai
Genere horror
Eredi del buio
serie TV anime
Asato Tsuzuki nell'anime
Asato Tsuzuki nell'anime
Titolo orig. 闇の末裔
(Yami no matsuei)
Autore Yoko Matsushita
Regia Hiroko Tokita
Soggetto
Sceneggiatura
Character design Yumi Nakayama
Animazione
Dir. artistica Junichi Higashi
Studio J.C.STAFF
Musiche Tsuneyoshi Saito
Rete WOWOW
1ª TV 2 ottobre 2000 – 18 dicembre 2000
Episodi 13 (completa)
Durata ep. 24'
Censura no
Reti it. Man-Ga, YouTube (canale Yamato Animation)
1ª TV it. 9 marzo 2011 – 21 giugno 2014
Episodi it. 13 (completa)
Durata ep. it. 24'
Censura it. no

La stirpe delle tenebre (闇の末裔 Yami no matsuei?) letteralmente "I discendenti delle tenebre", conosciuto anche come Eredi del buio (titolo italiano dell'anime) è uno shōnen'ai dai toni dark. È la prima opera della giovanissima e poco conosciuta in Italia Yoko Matsushita.

Composto da 11 volumi ed edito da Hakusensha dal 1996, il manga è stato sospeso nel 2002 con 11 volumi all'attivo: sembra, infatti, che Matsushita abbia smesso di disegnare per incomprensioni con l’editore giapponese. In Italia i volumi sono stati pubblicati dalla casa editrice Star Comics fra il 2003 e il 2004 per mancanza di materiale proveniente dal Giappone.

Nel 2000 lo studio di animazione J.C.STAFF ha prodotto un anime in 13 episodi, trasmessi dal network giapponese WOWOW. In Italia l'anime è stato distribuito da Yamato Video per il mercato home video ed è andato in onda su Man-Ga nel 2011, ad eccezione dell'ultimo episodio. Dall'11 ottobre 2013 al 3 gennaio 2014 è stato pubblicato per lo streaming su internet sul canale di YouTube Yamato Animation.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel mondo dei morti, chiamato Meifu, esiste un'organizzazione, il Juohcho che giudica i peccati che i defunti commettono nella loro vita. Gli Shinigami, ossia Dei della morte, operano nell'Enma-cho, uno dei dieci uffici del Juohcho. Il loro compito è scortare le anime dalla Terra al Meifu. Nella storia i protagonisti, Asato Tsuzuki e il suo collega Hisoka Kurosaki, due shinigami diventati tali per cause misteriose, scoprono le vicende che hanno caratterizzato le loro vite passate e quelle del loro principale antagonista: un dottore psicopatico chiamato Muraki Kazutaka, il cui passato è legato soprattutto al giovane Hisoka, sedicenne dal carattere difficile.

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Asato Tsuzuki
Giovane dai capelli castani e dagli occhi viola, ha un carattere molto solare ed è dotato di una gran simpatia; la sua regola ferrea è "Ogni pranzo deve terminare col dessert" e ne è davvero fissato.
Hisoka Kurosaki
Ragazzo di sedici anni, dai capelli biondi e gli occhi verdissimi; è il compagno di Tsuzuki, che con lui si comporta come un fratello maggiore; all'apparenza è schivo e disinteressato, sembra che del suo partner non gliene importi nulla, ma si dimostra essere decisamente emotivo e a volte gli scappano anche le lacrimucce.

Kazutaka Muraki[modifica | modifica wikitesto]

Uomo di grande fascino, dalla pelle bianca come la porcellana e i capelli d'argento; ama le bambole e fa girare la testa a tutte le ragazze che incontra, ma i suoi sentimenti sono rivolti ad un'unica e sola persona.....

Sigle[modifica | modifica wikitesto]

Sigla iniziale
"Eden" eseguita dai To Destination
Sigla finale
"Love Me" eseguita dai The Hong Kong Knife

L'edizione italiana dell'anime ha mantenuto le sigle originali giapponesi.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione italiana è a cura di Yamato Video. Il doppiaggio italiano è stato effettuato presso lo studio Raflesia di Milano sotto la direzione di Aldo Stella. I dialoghi italiani dono di Silvia Bacinelli.

Personaggi Voce giapponese Voce italiana
Tsuzuki Asato Shinichiro Miki Gabriele Calindri
Kurosaki Hisoka Mayumi Asano Massimo Di Benedetto
Kazutaka Muraki Shou Hayami Ivo De Palma
Seiichiro Tatsumi Toshiyuki Morikawa Marco Balzarotti
Yutaka Watari Toshihiko Seki Luca Bottale
Gushoshin Blu Wasabi Mizuta Anna Bonel
Gushoshin Arancio Yumiko Nakanishi Patrizia Scianca
Il Conte Juurouta Kosugi Paolo Sesana
Oriya Mibu Kazuhiko Inoue Diego Sabre
Capufficio Konoe Tomomichi Nishimura Marco Pagani
Wakaba Yuri Shiratori Jolanda Granato
Mariko Ikaruga Eriko Kawasaki Tosawi Piovani
Voce narrante Juurouta Kosugi Paolo Sesana

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giappone Italia
Prima indagine (3 episodi)
1 Nagasaki (1)
「長崎編 (1)」 - nagasaki hen (1)
2 ottobre 2000 9 marzo 2011
2 Nagasaki (2)
「長崎編 (2)」 - nagasaki hen (2)
9 ottobre 2000 16 marzo 2011
3 Nagasaki (3)
「長崎編 (3)」 - nagasaki hen (3)
16 ottobre 2000 23 marzo 2011
Seconda indagine (3 episodi)
4 Il trillo del diavolo (1)
「悪魔のトリル編 (1)」 - akuma no toriru hen (1)
23 ottobre 2000 30 marzo 2011
5 Il trillo del diavolo (2)
「悪魔のトリル編 (2)」 - akuma no toriru hen (2)
30 ottobre 2000 6 aprile 2011
6 Il trillo del diavolo (3)
「悪魔のトリル編 (3)」 - akuma no toriru hen (3)
6 novembre 2000 13 aprile 2011
Terza indagine (3 episodi)
7 Il re di spade (1)
「スォードのK (1)」 - suodo no K (1)
13 novembre 2000 20 aprile 2011
8 Il re di spade (2)
「スォードのK (2)」 - suodo no K (2)
20 novembre 2000 27 aprile 2011
9 Il re di spade (3)
「スォードのK (3)」 - suodo no K (3)
27 novembre 2000 4 maggio 2011
Quarta indagine (4 episodi)
10 Kyoto (1)
「京都編 (1)」 - kyōto hen (1)
4 dicembre 2000 11 maggio 2011
11 Kyoto (2)
「京都編 (2)」 - kyōto hen (2)
11 dicembre 2000 18 maggio 2011
12 Kyoto (3)
「京都編 (3)」 - kyōto hen (3)
18 dicembre 2000 25 maggio 2011
13 Kyoto (4)
「京都編 (4)」 - kyōto hen (4)
18 dicembre 2000 data italia = (21 giugno 2014)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]