Alopias vulpinus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Squalo volpe
Thresher shark.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Ordine Lamniformes
Famiglia Alopiidae
Genere Alopias
Specie A. vulpinus
Nomenclatura binomiale
Alopias vulpinus
Bonnaterre, 1788
Sinonimi

Squalus vulpes Gmelin, 1789

Areale

Alopias vulpinus distmap.png

Lo squalo volpe (Alopias vulpinus Bonnaterre, 1788) è uno squalo lamniforme della famiglia degli Alopidi.

Coi suoi 6 m di lunghezza, rappresenta la specie più grande fra le tre ascritte al genere Alopias: la metà della lunghezza totale, tuttavia, spetta alla parte superiore della caratteristica coda, che l'animale utilizza come scudiscio per stordire e sopraffare le prede. Molto diffuso nei mari tropicali, lo squalo volpe nuota spesso in superficie in aree costiere, ma è presente anche alla profondità di 350 m. Lo si osserva meglio dall'imbarcazione o con un semplice aeratore in mare aperto. Normalmente non attacca l'uomo, ma se ferito e preso all'amo può dare poderosi colpi di coda.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Già Aristotele, nel suo Historia Animalia, parlava dello squalo volpe: il pensatore e scienziato greco descriveva questi squali come animali molto astuti, particolarmente abili nello sfuggire ai pescatori (ad esempio rompendo le lenze a morsi) e dall'abitudine di ingoiare i propri piccoli per proteggerli (credenza probabilmente basata sul ritrovamento di embrioni prossimi alla nascita all'interno del corpo di qualche femmina)[2]. Comportamenti del genere portarono Aristotele a ritenere questo squalo estremamente furbo e a chiamarlo perciò ἀλώπιξ (alopex, "volpe" in greco antico), da cui derivano sia il nome comune che quello scientifico di questo animale.

Disegno di squalo volpe risalente al 1889.

La specie venne descritta scientificamente per la prima volta dal naturalista francese Pierre Joseph Bonnaterre, il quale nel 1788 la classificava nel suo Tableau encyclopédique et méthodique des trois règnes de la nature col nome di Squalus vulpinus. Il nome scientifico della specie deriva dal latino vulpes, col significato di "volpe"[3]. In seguito, la specie venne riclassificata e ascritta al genere Alopias da Rafinesque, col nome di Alopias macrourus ("dalla grande coda"): tuttavia, secondo le regole dell'ICZN, il nome valido rimase quello più assegnato per primo in termini cronologici, ed essendo stato appurato che lo squalo volpe non era strettamente imparentato con le altre specie del genere Squalus il nome scientifico assegnato alla specie divenne Alopias vulpinus[4].

Nell'ambito del genere Alopias, lo squalo volpe comune rappresenta un clade basale prossimo a quello comprendente le altre due specie (Alopias superciliosus e A. pelagicus) e comprendente anche un'ipotetica quarta specie identificata in base all'analisi degli allozimi di un campione di tessuto muscolare ritenuto inizialmente di A. pelagicus[5].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Si tratta della specie più grande della famiglia degli Alopiidae. Generalmente misura attorno ai 3-4 metri di lunghezza per un peso di 230–250 kg, ma può crescere ben al di là di tali misure: il record di lunghezza dello squalo volpe è di 7,60 m, mentre il record di peso è di 510 kg ed appartiene a una grossa femmina[6].
Le femmine, a parità d'età, sono più grandi e robuste dei maschi.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Uno squalo volpe conservato al Kelvingrove Museum di Glasgow lascia osservare tutte le caratteristiche salienti della specie.

Il corpo è tozzo e siluriforme, con testa tozza e larga dal profilo dorsale convesso e munita di muso conico. Gli occhi sono di medie dimensioni, mentre la bocca è relativamente piccola e munita di una piccola scanalatura a ciascun lato (presente anche in Alopias pelagicus, ma assente in A. superciliosus): in essa trovano posto 20 file di denti nella mascella e 21 nella mandibola, i quali sono piccoli e presentano forma allungata con fine seghettatura sul margine e mancanza di cuspidi laterali (osservabili invece in Alopias pelagicus). Le scaglie sono di tipo placoide, leggermente sovrapposte fra loro e molto piccole (0,21 mm di diametro). Gli archi branchiali sono 5, piuttosto piccoli e posti lateralmente sul corpo, quasi in posizione inferiore: gli ultimi due sono posizionati oltre l'attacco delle pinne pettorali.

Coda di squalo volpe.

Queste ultime sono insolitamente lunghe e di aspetto falciforme, mentre le pinne pelviche sono quadrangolari e di piccole dimensioni. Di piccole dimensioni è anche la seconda pinna dorsale, mentre la prima è di medie dimensioni e si innesta con il margine anteriore in corrispondenza di quello posteriore delle pettorali. Ciò che colpisce di più in questo animale è tuttavia la pinna caudale, eterocerca nella sua parte superiore, che arriva ad essere lunga quanto il corpo e che a sua volta presentata un'espansione triangolare nella sua parte finale.

Come altri squali pelagici della famiglia Lamnidae, lo squalo volpe possiede una striscia di tessuto muscolare striato a respirazione aerobica su ciascun fianco: tale tessuto è in grado di emettere calore tramite contrazione continua e prolungata nel tempo[7]: oltre a questa caratteristica (condivisa fra l'altro anche con le due specie congeneri), questa specie presenta anche dei muscoli striati posti in profondità nel torso e collegati a una rete mirabile di capillari che consente uno scambio quasi immediato del calore prodotto. In tal modo, l'animale è in grado di mostrare un certo grado di omeotermia, con la temperatura corporea che generalmente supera quella esterna in media di circa 2 °C (anche se tale valore varia anche in maniera significativa da individuo a individuo)[8].
A differenza delle altre due specie congeneri (ed in particolare di Alopias superciliosus, in cui tale struttura è particolarmente sviluppata), lo squalo volpe risulta privo di una seconda rete mirabile posta fra gli occhi e il cervello, con funzione protettiva nei confronti dei primi, in quanto avente funzione di ammortizzare gli sbalzi di temperatura dovuti al movimento verticale dell'animale nella colonna d'acqua[9].

Lo squalo volpe è di colore bruno-grigiastro con riflessi metallici sui fianchi, che tende a scurirsi sino a diventare quasi nero man mano che si procede verso il dorso: a livello delle pinne pettorali e del peduncolo caudale sono presenti macchie di colore più scuro, mentre la pinna dorsale è di un caratteristico colore verde scuro (nelle altre specie di squalo volpe è solitamente di colore violaceo). Il ventre è biancastro, così come la base delle pinne pettorali (che in Alopias pelagicus è invece dello stesso colore del dorso) e la zona sotto gli occhi.[10]. Dopo la morte, tuttavia, il corpo perde i suoi riflessi metallici e il colore vira velocemente verso il grigio.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di grandi nuotatori solitari, che percorrono instancabilmente gli oceani alla ricerca di cibo: sebbene sia possibile osservarli in coppie o in gruppetti, tali assembramenti sono il più delle volte dovuti alla presenza di un'abbondante fonte di cibo nelle vicinanze. A volte questi squali possono essere osservati mentre si esibiscono in salti e acrobazie fuori dall'acqua, similmente a quanto osservabile in molti cetacei: si pensa che questo insolito comportamento abbia la stessa funzione del breaching di questi ultimi, oppure abbia un qualche ruolo nella lotta contro i parassiti[11].
Fra i parassiti di questa specie finora descritti figurano varie specie di copepodi (nove specie del genere Nemesis, che colpiscono le branchie[12], Gangliopus pyriformis[13], Bariaka alopiae[14] e Kroeyerina benzorum[15]), il protozoo Giardia intestinalis[16], i cestodi Paraorygmatobothrium exiguum e Sphyriocephalus tergetinus,[17][18] e (anche se eccezionalmente) Campula oblonga[19].

Sebbene si tratti di un predatore posto all'apice della catena alimentare, lo squalo volpe (ed in particolare gli esemplari giovani) può cadere preda di altri squali di maggiori dimensioni: alcune popolazioni di orca, inoltre, sono state osservate cacciare attivamente esemplari di questa specie al largo della Nuova Zelanda[20].

Una leggenda comune fra i pescatori vede lo squalo volpe come inseparabile amico-nemico del pesce spada: i due animali sarebbero soliti affrontarsi a colpi di coda e spada, e spesso collaborerebbero nella caccia alle balene. Qui i resoconti diventano discordanti: mentre in una versione lo squalo volpe distrarrebbe la preda nuotando in cerchio attorno ad essa e fendendo l'acqua con la coda, permettendo al pesce spada di infilzare indisturbato un punto vulnerabile della balena, nell'altra il pesce spada si piazzerebbe verticalmente al di sotto della balena, mentre lo squalo volpe, saltando sul dorso di quest'ultima e martellando con la coda, la spingerebbe a infilzarsi sulla spada. Altri racconti descrivono lo squalo volpe come cacciatore solitario di cetacei, che aggredirebbe tagliando loro grossi pezzi di carne con la coda.
Tuttavia, né lo squalo volpe, né tantomeno il pesce spada possiedono una dentizione adatta a sopraffare balene e a nutrirsi della loro carne: probabilmente, tali racconti hanno avuto origine da avvistamenti di orche (la cui alta pinna dorsale potrebbe essere stata confusa con la pinna caudale di uno squalo volpe, e che effettivamente annoverano fra le proprie prede anche le balene) nei pressi di qualche balena uccisa e dal ritrovamento di rostri di pesce spada conficcati nel corpo di qualche balenottera, probabilmente dovuti a qualche incidente causato dalle scarse doti di frenata di questo pesce[21].

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

La quasi totalità (fino al 97%) della dieta dello squalo volpe è costituita da piccoli pesci ossei pelagici gregari, come aringhe, sgombri, aguglie, pesci serra e pesci lanterna. Di tanto in tanto essi si cibano anche di prede di maggiori dimensioni (come i sauri), così come di calamari e di altri invertebrati pelagici.
Gli squali volpe tendono ad essere abbastanza selettivi ed abitudinari per quanto riguarda le prede, concentrandosi su poche specie, ma divenendo più opportunisti nei periodi caldi, dovuti all'influenza di El Niño: ad esempio, le popolazioni californiane di squalo volpe si nutrono principalmente della sardina Engraulis mordax, ma durante i periodi più caldi cacciano anche altre prede solitamente occasionali, come Sardinops sagax, Merluccius productus, Scomber japonicus e anche invertebrati come Loligo opalescens e Pleuroncodes planipes[22].

Per cacciare le proprie prede, lo squalo volpe si serve della lunga coda per fendere l'acqua, compattando così i banchi e potendosi nutrire agevolmente attraversandoli senza farli disperdere: spesso quest'azione viene svolta in coppie o in piccoli gruppi, che tuttavia non sono precostituiti ma si incontrano casualmente sul luogo del banchetto.
Nell'immaginario collettivo lo squalo volpe utilizza la lunghissima coda per menare fendenti e scudisciate sulle prede. A supporto di tale credenza vi sarebbero alcuni avvistamenti di squali intenti a compiere questo gesto: nell'inverno 1865 l'ittiologo irlandese Harry Blake-Knox avrebbe osservato uno squalo volpe dilaniare a colpi di coda e poi mangiare una strolaga maggiore (testimonianza questa giudicata poco verosimile, poiché si ritiene che la coda dello squalo volpe non sia possieda muscolatura sufficiente ad esercitare una forza tale da provocare lesioni sul corpo delle prede), mentre il 14 aprile 1923 un altro esemplare lungo attorno ai due metri colpì con la coda degli Atherinopsis californiensis sotto gli occhi dell'oceanografo W. E. Allen. Inoltre, il fatto che non sia raro trovare questi squali impigliati agli ami dei palamiti per la coda lascia supporre che ciò avvenga quando l'animale tenta di colpire con la coda le prede prese all'amo.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Due esemplari neonati di squalo volpe.

Si tratta di squali ovovivipari: la femmina dà alla luce un numero di piccoli che va da due a sette (nelle popolazioni del Pacifico le nidiate contano solitamente un numero pari di piccoli, mentre nelle popolazioni dell'Atlantico tale numero è solitamente dispari[23]). L'accoppiamento avviene solitamente nei mesi estivi, dimodoché la femmina partorisca in un periodo favorevole dell'anno (marzo-giugno nelle popolazioni californiane, mesi estivi in quelle mediterranee, gennaio-maggio in quelle indo-pacifiche), mentre la femmina ritorna a nord per passare l'estate. Durante la gestazione (che dura circa nove mesi) gli embrioni praticano l'ovofagia, nutrendosi delle uova non fecondate che la madre periodicamente produce. L'embrione assume le uova intere, in quanto i piccoli denti sono ricoperti da tessuto e diventano funzionali solo poco prima della nascita, probabilmente per evitare che i piccoli possano ferire la madre durante la gestazione[24].

Il fatto che siano state individuate aree di nursery per i piccoli nel sud della California e della Spagna fa pensare che il parto avvenga in aree accuratamente scelte dalle femmine in tutto l'areale occupato dalla specie. Alla nascita i piccoli sono insolitamente grandi, misurando fino a 160 cm di lunghezza (un terzo degli adulti) per un peso di 5–6 kg. Essi crescono a ritmo molto veloce (fino a mezzo metro l'anno) durante i primi anni di vita: la crescita tende poi a stabilizzarsi con l'età, fino a raggiungere valori medi di una decina di centimetri l'anno negli adulti[25]. Attorno ai tre anni, i piccoli lasciano le aree di nursery (site in acque basse e calme, come baie e lagune) e si avventurano in mare aperto[26].
La maturità sessuale viene raggiunta ad età e dimensioni che sembrano essere differenti sia nei due sessi che nelle varie popolazioni: i maschi generalmente maturano attorno ai 5 anni d'età (2,6-3,4 m di lunghezza) in tutto l'areale occupato dalla specie, mentre le femmine maturano alcuni anni più tardi, a una lunghezza che va dai 2,6 m (Baja California) ai 4,5 m (Oceano Indiano).

Sebbene non si conosca con esattezza la speranza di vita dello squalo volpe, comparando le dimensioni di questa specie con quelle delle altre due specie (che vivono in media 20-30 anni) è stato stimato che lo squalo volpe possa vivere fino a 43 anni o anche di più[27].

Distribuzione ed habitat[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una specie diffusa in tutti i mari temperati e subtropicali del mondo: nell'Atlantico lo si trova ad ovest dal Newfoundland alle Antille e in Brasile e Argentina, mentre ad est è diffuso dallo Skagerrak al Ghana. Nell'Oceano Indiano lo si trova dal Sudafrica all'Indonesia e nell'Oceano Pacifico lo squalo volpe è osservabile dal Giappone alla Nuova Zelanda a ovest e dalla Columbia Britannica al Cile ad est: è inoltre diffuso anche fra le varie isole del Pacifico, specialmente alle Hawaii. Lo squalo volpe è invece assente dal Mar Baltico, dal Mar Rosso e dal Golfo Persico, così come dalle acque circumpolari: lo si trova invece abbastanza di frequente nel Mediterraneo (specialmente nel Golfo del Leone), dove sembrerebbe essere stata addirittura identificata un'area di nursery lungo la costa spagnola[28], oltre che in almeno una parte del Mar Nero[29].
La sua così ampia diffusione è dovuta al fatto che gli squali volpe sono animali estremamente mobili che sono soliti compiere lunghe migrazioni, nella maggior parte dei casi dovute allo spostamento delle prede (che seguono le correnti oceaniche) e solitamente dirette verso l'Equatore durante l'inverno e verso i poli durante l'estate[30]. I maschi sembrano essere più propensi a percorrere lunghe distanze rispetto alle femmine, mentre i giovani non compiono spostamenti di una certa entità almeno fino al raggiungimento della maturità. La popolazione residente nella porzione occidentale dell'Oceano Indiano tende altresì alla stanzialità, mostrando separazione dei sessi in base alla differente profondità occupata, segregazione che appare tanto più evidente durante i mesi in cui le femmine partoriscono[31].
Nonostante questa grossa tendenza a compiere grandi spostamenti, gli squali volpe di differenti popolazioni raramente si accoppiano fra loro: questa caratteristica è emersa dalle analisi del DNA mitocondriale, che hanno evidenziato un marcata variabilità genetica fra le popolazioni di squalo volpe dei tre oceani[32].

Gli squali volpe mostrano un maggiore attaccamento alle acque costiere rispetto alle due specie congeneri, tenendosi generalmente a ridosso della piattaforma continentale e rivelandosi piuttosto difficili da osservare a più di 30 km dalla costa: i giovani individui addirittura eleggono a propria dimora le acque poco profonde, come baie e insenature, dove trovano riparo dai predatori.
Sebbene La maggior parte degli avvistamenti siano avvenuti nei pressi della superficie, sono stati ripresi squali volpe fino a profondità di 550 m e probabilmente questa specie può spingersi anche a profondità maggiori. Mentre durante il giorno rimangono a più di 100 m di profondità, durante le ore notturne gli squali volpe risalgono a profondità minori per trovare il cibo[33].

Rapporti con l'uomo[modifica | modifica sorgente]

A dispetto delle dimensioni abbastanza ragguardevoli, gli squali volpe non costituiscono un pericolo per l'uomo in quanto esso non è visto come potenziale fonte di cibo: si tratta di animali che ad ogni modo vanno avvicinati con cautela in quanto capaci di infliggere profonde ferite coi denti e di spezzare le ossa con la potente coda. Tale potenziale pericolosità viene però annullata dal fatto che questi squali si rivelino abbastanza timidi e risultino difficili da osservare per i subacquei.
Sino ad oggi sono stati registrati un solo attacco all'uomo e quattro a barche (probabilmente dovuti ad individui pescati accidentalmente e particolarmente battaglieri), oltre a una presunta aggressione a un apneista neozelandese. Circola infine un racconto riguardante un pescatore statunitense decapitato da un colpo di coda di uno squalo volpe di 5 m[34].

Piatto a base di squalo volpe.

L'uomo, invece, costituisce un pericolo concreto per questo squalo: gli squali volpe cadono infatti abitualmente vittima dei palamiti e dei sistemi di pesca utilizzati per catturare i pesci spada, specie nell'Atlantico[35]. Oltre alla pesca accidentale, esiste un fiorente business che riguarda la pesca dello squalo in generale e minaccia anche questa specie: la pelle viene trattata e commercializzata sotto forma di cuoio, la carne viene commercializzata salata o affumicata per il consumo umano, l'olio estratto dal fegato viene utilizzato in farmaceutica e cosmetica, ma il pezzo pregiato sono le pinne, che vengono pagate a peso d'oro sui mercati asiatici in quanto ingrediente principe della zuppa di pinne di pescecane. Perfino negli Stati Uniti sussisteva una flotta di imbarcazioni preposte alla pesca dello squalo volpe, che nel 1982 arrivò a contare 228 imbarcazioni, garantendo un pescato annuo di 1091 tonnellate[36]: attualmente la pesca allo squalo volpe appare in netta diminuzione, soprattutto a causa del drastico calo del numero di esemplari nella zona.

Uno squalo volpe preso all'amo.

Lo squalo volpe rappresenta inoltre un ambitissimo trofeo per i pescatori sportivi, in quanto ritenuto (assieme allo squalo mako) un fiero avversario molto difficile da sopraffare: la pesca sportiva a questo squalo viene praticata soprattutto in California, Sudafrica e Nuova Zelanda[37].

Tutti questi fattori hanno fatto sì che lo status delle tre specie del genere Alopias venisse modificato nel 2007 dall'IUCN, passando da "dati insufficienti" a "vulnerabile"[38]. Per evitare di intaccare troppo le popolazioni, come accaduto in California, e per permettere a quelle rimanenti di riprendersi numericamente, alcuni governi hanno imposto precise regolamentazioni sia per ciò che concerne la quantità che le dimensioni degli squali volpe catturabili, in alcuni casi dichiarando fuorilegge la pratica della pesca al solo fine di ottenere le pinne. Simili provvedimenti si sono dimostrati benefici, in quanto ad esempio la popolazione californiana di squalo volpe ha mostrato un incremento annuo compreso fra il 4 ed il 7%[39].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Goldman, K.J. & members of the Shark Specialist Group 2002, Alopias vulpinus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ Bodson, L. 1983. Aristotle's statement on the reproduction of sharks. Journal of the History of Biology, 16: 391-407.
  3. ^ Ebert, D.A., Sharks, Rays, and Chimaeras of California, London, University of California Press, 2003, ISBN 0-520-23484-7.
  4. ^ Jordan, V. Thresher Shark - Alopias vulpinus. Florida Museum of Natural History. Retrieved on December 23, 2008.
  5. ^ Eitner, B.J., Systematics of the genus Alopias (Lamniformes: Alopiidae) with evidence for the existence of an unrecognized species in Copeia, vol. 1995, nº 3, 18 agosto 1995, pp. 562–571, DOI:10.2307/1446753.
  6. ^ Booth, J. and agencies, Giant thresher shark caught off Cornish coast in Times Online (London), 22 novembre 2007. URL consultato il 23 dicembre 2008.
  7. ^ Martin, R.A. Common Thresher Shark. ReefQuest Centre for Shark Research. Retrieved on December 23, 2008.
  8. ^ Bernal, D. and Sepulveda, C.A., Evidence for temperature elevation in the aerobic swimming musculature of the common thresher shark, Alopias vulpinus in Copeia, vol. 2005, nº 1, 24 febbraio 2005, pp. 146–151, DOI:10.1643/CP-04-180R1.
  9. ^ Weng, K.C. and Block, B.A., Diel vertical migration of the bigeye thresher shark (Alopias superciliosus), a species possessing orbital retia mirabilia in Fishery Bulletin - National Oceanic and Atmospheric Administration, vol. 102, nº 1, 2004, pp. 221–229.
  10. ^ Compagno, L.J.V., Sharks of the World: An Annotated and Illustrated Catalogue of Shark Species Known to Date (Volume 2), Rome, Food and Agriculture Organization, 2002, pp. 86–88, ISBN 92-5-104543-7.
  11. ^ Leonard, M. A Firsthand Account of a Jumping Thresher Shark. University of Florida Museum of Natural History. Retrieved on December 23, 2008.
  12. ^ Benz, G., S. Adamson. 1990. Disease caused by Nemesis robusta (van Beneden, 1851) (Eudactylinidae: Siphonostomatoida: Copepoda) infections on gill filaments of thresher sharks (Alopias vulpinus (Bonnaterre, 1758)), with notes on parasite ecology and life history. Canadian Journal of Zoology, 68/6: 1180-1186.
  13. ^ Izawa, K. 2010. Free-living stages of the parasitic copepod, Gangliopus pyriformis gerstaecker, 1854 (Siphonostomatoida, Pandaridae) reared from eggs. Crustaceana, 83: 829-837.
  14. ^ Borucinska, J., K. Kotran, M. Shackett, T. Barker. 2009. Melanomacrophages in three species of free-ranging sharks from the northwestern Atlantic, the blue shark Prionacae glauca (L.), the shortfin mako, Isurus oxyrhinchus Rafinesque, and the thresher, Alopias vulpinus (Bonnaterre). Journal of Fish Diseases, 32: 883-891.
  15. ^ Deets, G.B., Phylogenetic analysis and revision of Kroeyerina Wilson, 1932 (Siphonostomatoida: Kroyeriidae), copepods parasitic on chondrichthyans, with descriptions of four new species and the erection of a new genus, Prokroyeria in Canadian Journal of Zoology, vol. 65, nº 9, 1987, pp. 2121–2148, DOI:10.1139/z87-327.
  16. ^ Lasek-Nesselquist, E., A.L. Bogomolni, R.J. Gast, D.M. Welch, J.C. Ellis, M.L. Sogin and M.J. Moore, Molecular characterization of Giardia intestinalis haplotypes in marine animals: variation and zoonotic potential in Diseases of Aquatic Organisms, vol. 81, nº 1, 19 agosto 2008, pp. 39–51, DOI:10.3354/dao01931, PMID 18828561.
  17. ^ Ruhnke, T.R., Paraorygmatobothrium barberi n. g., n. sp. (Cestoda: Tetraphyllidea), with amended descriptions of two species transferred to the genus in Systematic Parasitology, vol. 28, nº 1, maggio 1994, pp. 65–79, DOI:10.1007/BF00006910.
  18. ^ Gomez Cabrera, S., Forma adulta de Sphyriocephalus tergetinus (Cestoda: Tetrarhynchidea) en Alopias vulpinus (Peces: Selacea) in Revista Iberica de Parasitologia, vol. 43, nº 3, 1983, p. 305.
  19. ^ Adams, A.M., E.P. Hoberg, D.F. McAlpine and S.L. Clayden, Occurrence and morphological comparisons of Campula oblonga (Digenea: Campulidae), including a report from an atypical host, the thresher shark, Alopias vulpinus in Journal of Parasitology, vol. 84, nº 2, aprile 1998, pp. 435–438.
  20. ^ Visser, I.N., First observations of feeding on thresher (Alopias vulpinus) and hammerhead (Sphyrna zygaena) sharks by killer whales (Orcinus orca) specialising on elasmobranch prey in Aquatic Mammals, vol. 31, nº 1, gennaio 2005, pp. 83–88, DOI:10.1578/AM.31.1.2005.83.
  21. ^ Wood, W., Adventures with Big Fish - Big Game Fishing and Whaling, Read Books, 2008, ISBN 1-4437-3729-1.
  22. ^ Preti, A., Smith, S.E. and Ramon, D.A., Diet differences in the thresher shark (Alopias vulpinus) during transition from a warm-water regime to a cool-water regime off California-Oregon, 1998–2000 in California Cooperative Oceanic Fisheries Investigations Report, vol. 45, 2004, pp. 118–125.
  23. ^ Species Fact Sheets: Alopias vulpinus (Bonnaterre, 1788. FAO Fisheries and Agriculture Department. Retrieved on December 23, 2008.
  24. ^ Shimada, K., Teeth of embryos in lamniform sharks (Chondrichthyes: Elasmobranchii) in Environmental Biology of Fishes, vol. 63, 2002, pp. 309–319, DOI:10.1023/A:1014392211903.
  25. ^ The International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas. Preliminary investigations into the age and growth of the shortfin mako, Isurus oxyrinchus, white shark, Carcharodon carcharias, and thresher shark, Alopias vulpinus, in the western North Atlantic Ocean. 54. Madrid, Spain: The International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas. 2002.
  26. ^ Lewis, J. 2011. "Alopias vulpinus" (On-line), Animal Diversity Web. Accessed August 23, 2011
  27. ^ National Oceanic and Atmosphere Administration. Age and growth estimates of the bigeye thresher shark, Alopias superciliosus, in Northeastern Taiwan waters. 96. Seattle, Wa: National Marine Fisheries Service. 1998.
  28. ^ Maddalena, A. de & Baensch, H., 2005. Haie im Mittelmeer. Stuttgart: Franckh-Kosmos Verlags-GmbH & Co.
  29. ^ Kabasakal, H., 1998. A note on the occurrence of the thresher shark, Alopias vulpinus from the south-western Black Sea. Journal of the Marine Biological Association of the United Kingdom, 78, 685–686
  30. ^ Cartamil, D. 2009. Movement patterns, habitat preferences, and fisheries biology of the common thresher shark (Alopias vulpinus) in the Southern California Bight. San Diego: University of California. Accessed September 16, 2010
  31. ^ Martin, R.A. Biology of the Common Thresher (Alopias vulpinus). ReefQuest Centre for Shark Research. Retrieved on December 23, 2008.
  32. ^ Trejo, T. (2005). "Global phylogeography of thresher sharks (Alopias spp.) inferred from mitochondrial DNA control region sequences". M.Sc. thesis. Moss Landing Marine Laboratories, California State University.
  33. ^ MarineBio. 2010. "Alopias vulpinus, Thresher Shark" (On-line). MarineBio.org
  34. ^ Cacutt, L., The Big-Game Fishing Handbook, Stackpole Books, 2000, ISBN 0-8117-2673-8.
  35. ^ Atlantic Common Thresher Shark. FishWatch - U.S. Seafood Facts. Retrieved on December 23, 2008.
  36. ^ Mazurek, R., Seafood Watch Fishery Report: Sharks Volume I Common Thresher, MBA SeafoodWatch, 2001.
  37. ^ Rudow, L., Rudow's Guide to Fishing the Mid Atlantic: Coastal Bays and Ocean, Geared Up Publications, 2006, ISBN 0-9787278-0-0.
  38. ^ More oceanic sharks added to the IUCN Red List, IUCN, 22 febbraio 2007. URL consultato il 21 dicembre 2008.
  39. ^ Pacific Common Thresher Shark. FishWatch - U.S. Seafood Facts. Retrieved on December 23, 2008.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci