Carcharias taurus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Squalo toro
Carcharias taurus newport.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Ordine Lamniformes
Famiglia Odontaspididae
Genere Carcharias
Specie taurus
Nomenclatura binomiale
Carcharias taurus
Rafinesque, 1810
Areale

Carcharias taurus distmap.png

Lo squalo toro (Carcharias taurus) è un grosso squalo abitante delle acque costali di tutto il mondo con nomi diversi a seconda del luogo in cui abita. A discapito del suo aspetto è relativamente placido e si muove lentamente, nonostante questo rimane un ottimo nuotatore.

È a rischio d'estinzione e, spesso, in italiano, viene confuso con il Carcharhinus leucas, a causa del nome inglese di quest'ultimo, bull shark.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Lo squalo si raduna tipicamente nelle acque costiere, alla profondità di 10-60 metri, anche se è stato visto in profondità maggiori. Spesso si nasconde in buche e grotte durante il giorno ed esce la notte per mangiare. Ricerche indicano che generalmente lo squalo rimane entro un chilometro dal luogo di aggregazione, e vicino al fondo dell'oceano. Presente in tutto il mondo, nell'Atlantico, nel Pacifico e nell'Oceano Indiano. Tra il 1950 e il 1960 era vicino all'estinzione nelle acque australiane dove ancora oggi è classificato come vulnerabile.

Anatomia[modifica | modifica wikitesto]

Il corpo è massiccio, con due larghe pinne dorsali, la coda è allungata con un lungo lobo superiore. Cresce fino alla lunghezza di 320 cm. Il maschio raggiunge la maturità quando è grande 210 cm e la femmina a 220 cm.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

La riproduzione è ovovivipara. La femmina ha due uteri. Dentro l'utero il giovane squalo formatosi per primo, mangia gli altri così generalmente da ogni gestazione (che può durare dai 6 ai 9 mesi) nascono uno/due esemplari.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci