Alepisauridae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Alepisauridi
Longnoselancetfish.jpg
Alepisaurus ferox
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Aulopiformes
Famiglia Alepisauridae
Genere Alepisaurus

La famiglia Alepisauridae comprende 2 specie di pesci abissali, appartenenti all'ordine Aulopiformes. Comprende il solo genere Alepisaurus.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questi pesci sono diffusi negli abissi dell'Atlantico e del Pacifico. Si ritrovano anche nelle acque profonde del Giappone, Portogallo e Madera. Alepisaurus ferox è stato segnalato anche nel mar Mediterraneo in acque italiane.

Fanno vita batipelagica.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il corpo è molto allungato e sottile, non appiattito lateralmente ma a sezione più o meno circolare. Bocca ed occhi grandi. I denti sono sottili e molto lunghi. La pinna dorsale è lunga e molto alta. La pinna anale è piccola; le pinne ventrali sono inserite molto indietro (all'incirca a metà della pinna dorsale). La pinna caudale è biloba. Le scaglie, i fotofori e la vescica natatoria sono assenti.

Il colore di questi pesci quando sono vivi è biancastro madreperlaceo sul ventre e più scuro sul dorso con pinne molto scure o nere.

Sono pesci di grandi dimensioni, fino a 2 metri di lunghezza.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Poco nota. Effettuano migrazioni oceaniche anche su lunghissime distanze.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Sono ovipari ed ermafroditi. Uova e larve sono pelagiche.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di cefalopodi, crostacei, salpe e pesci.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome scientifico della famiglia deriva dalle parole greche a, senza + lepis, scaglie + sauros, lucertola e significa lucertola senza scaglie, certamente dovuto all'aspetto da rettile delle due specie.

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

Si catturano molto raramente con reti a strascico o palamiti.

Le carni sono commestibili ma flaccide e di scarsissimo valore, inoltre l'aspetto inquietante non favorisce il consumo di questi pesci.

Specie[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tortonese E. Osteichthyes, Calderini, 1975 p. 204
  • "Alepisauridae" FishBase. Ed. Ranier Froese and Daniel Pauly. February 2006 version. N.p.: FishBase, 2006.
  • T. Kubota & T. Uyeno (1978). "On some meristic characters of lancetfish, Alepisaurus, collected from Suruga Bay, Japan". Journal of Faculty of Marine Science and Technology, Tokai University 11: 63–69.
  • A. S. Jensen (1948). "Contributions to the ichthyofauna of Greenland". Spolia Zool. Mus. Havn. Shriff Univ. Zool. Mus. Københaven 9: 1–182.
  • Alepisaurus ferox (TSN 162527) Integrated Taxonomic Information System. Accessed on 19 March 2006.
  • "Alepisaurus ferox" FishBase. Ed. Ranier Froese and Daniel Pauly. February 2006 version. N.p.: FishBase, 2006.
  • "Alepisaurus brevirostris" FishBase. Ed. Ranier Froese and Daniel Pauly. February 2006 version. N.p.: FishBase, 2006.
  • Scholz, Tomáš; Euzet, Louis & Moravec, František (1998): Taxonomic status of Pelichnibothrium speciosum Monticelli, 1889 (Cestoda: Tetraphyllidea), a mysterious parasite of Alepisaurus ferox Lowe (Teleostei: Alepisauridae) and Prionace glauca (L.) (Euselachii: Carcharinidae). Systematic Parasitology 41(1): 1–8. DOI: 10.1023/A:1006091102174 (HTML abstract)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci