Antille

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati di Antille (diversi dall'arcipelago), vedi Antille (disambigua).
Mappa politica delle Antille.

Le Antille sono un arcipelago (225 000 k; 21 550 000 abitanti) dell'America centrale caraibica.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Le isole sono disposte a formare un arco che parte dal sud della Florida e giunge fino alle coste del Venezuela.

Le Antille sono quello che rimane di una terra che univa America settentrionale e America meridionale.[senza fonte] Sono isole per lo più montagnose, con l'eccezione di Cuba. Esistono anche isole calcaree, vulcaniche o residui di antiche eruzioni.

Le parti a quota minore sono ricoperte da foresta pluviale, con molti esemplari della palma Oreodoxa; salendo di quota, tra i 1 200  ed i 2 300 m la foresta è meno rigogliosa, aumentano le felci arboree, le orchidee e il Pinus occidentalis.

Le isole[modifica | modifica sorgente]

L'arcipelago viene suddiviso in:

Grandi Antille[modifica | modifica sorgente]

Piccole Antille o Indie occidentali[modifica | modifica sorgente]

Isole Sopravento[modifica | modifica sorgente]

Isole Sottovento[modifica | modifica sorgente]

Nota: esistono tendenze geografiche che fanno comprendere nelle Antille anche le isole Bahamas e Turks e Caicos.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La scoperta delle isole da parte degli Europei, si deve a Cristoforo Colombo, esclusa Porto Rico. Divennero in seguito il rifugio di bucanieri anglo-francesi e poi di filibustieri per cadere alla fine nelle mani dei governi occidentali.

Il nome Antille deriva dallo spagnolo La Antilla, oggi località balneare nei pressi di Huelva nel sud della Spagna. I marinai che scoprirono queste isole erano infatti originari di quella zona e diedero alle isole appena scoperte il nome della loro terra lontana. Un'altra interpretazione segue invece l'idea che essa sia la storpiatura di "Ante illa" (davanti ad essa, in latino) in quanto si supponeva fossero le isole che erano davanti alla costa delle Indie. Un'altra ipotesi fa derivare il nome dalla leggendaria isola di Antilia[1].

Nel corso del XIX secolo nacquero i vari stati indipendenti, in ordine cronologico: Haiti (1803), Repubblica Dominicana (1843), Cuba (1899). Questi nel corso del XX secolo divennero sempre più influenzati dagli Stati Uniti d'America.

Etnologia[modifica | modifica sorgente]

Colombo non giunse su isole disabitate, gli originari abitanti delle Antille erano appartenenti a due grandi famiglie etniche sudamericane:

L'occupazione degli spagnoli causò la rapida scomparsa degli Arawak mentre i Caribi rimasero più a lungo, fino al XVII secolo, quando anche gli ultimi sopravvissuti vennero deportati.

Attualmente su queste isole sono presenti neri, mulatti e bianchi e le lingue riflettono questa varietà anche se predomina lo spagnolo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Aldo Tanchis, L'isola che non c'era. Geo n.23, novembre 2007 (pagina 27).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Geografia Portale Geografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Geografia