Mustique

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mustique
Spiaggia di Mustique
Spiaggia di Mustique
Geografia fisica
Localizzazione Piccole Antille
Coordinate 12°52′00″N 61°11′00″W / 12.866667°N 61.183333°W12.866667; -61.183333Coordinate: 12°52′00″N 61°11′00″W / 12.866667°N 61.183333°W12.866667; -61.183333
Arcipelago Piccole Antille
Superficie 6 km²
Geografia politica
Stato Saint Vincent e Grenadine Saint Vincent e Grenadine
Parrocchia Grenadine
Demografia
Abitanti 500
Cartografia
LocationMustique.PNG
Mappa di localizzazione: Saint Vincent e Grenadine
Mustique

[senza fonte]

voci di isole di Saint Vincent e Grenadine presenti su Wikipedia

Mustique è una piccola isola privata delle Piccole Antille, situata alla congiunzione di Mar dei Caraibi e Oceano Atlantico. È una delle isole Grenadine, la maggior parte delle quali (compresa Mustique) fa parte dello stato di Saint Vincent e Grenadine.

Ha una superficie di 5,7 km² e conta numerose barriere coralline. La fauna è composta da tartarughe, aironi e molte altre specie. La popolazione ammonta a 500 abitanti, collocati nei villaggi di Lovell, Britannia Bay e Dover.

Popolarità[modifica | modifica sorgente]

L'isola di Mustique è di proprietà della Mustique Company, anche se formalmente è il governo di Saint Vincent e Grenadine ad averla concessa con un contratto d'affitto a lungo termine, di cui sono titolari, a turno, gli abitanti dell'isola. Vi sono circa 90 ville private, molte delle quali sono cedute in affitto dalla Mustique Company, e un hotel, The Firefly, gestito da privati.

Il lusso e l'isolamento garantiti dal luogo hanno fatto di Mustique un'attrazione per gente famosa e milionari: Noel Gallagher, la Principessa Margaret, Mick Jagger, Bryan Adams, Shania Twain, Kate Moss, David Duchovny e Tea Leoni, Felix Dennis, David Bowie, Tommy Hilfiger, Hugh Grant, Kate Middleton, il Duca di Cambridge, Robert Worcester, Jack Diamond, Pierce Brosnan e Nigella Lawson.

La Regina Elisabetta II e il Principe Filippo visitarono privatamente Mustique negli anni sessanta[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Welcome to the official website of the British Monarchy

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jacques Patuelli, Caraibi - Le Piccole Antille da Grenada alle Isole Vergini, Verona, Il Frangente, 2004.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

isole Portale Isole: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di isole