Zoran Milanović

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zoran Milanović
16 obljetnica vojnoredarstvene operacije Oluja 04082011 Zoran Milanovic 38.jpg

Presidente della Croazia
In carica
Inizio mandato 19 febbraio 2020
Capo del governo Andrej Plenković
Predecessore Kolinda Grabar-Kitarović

Primo ministro della Croazia
Durata mandato 23 dicembre 2011 –
22 gennaio 2016
Presidente Ivo Josipović
Kolinda Grabar-Kitarović
Predecessore Jadranka Kosor
Successore Tihomir Orešković

Presidente del Partito Socialdemocratico di Croazia
Durata mandato 2 giugno 2007 –
26 novembre 2016
Predecessore Željka Antunović
Successore Davor Bernardić

Dati generali
Partito politico Indipendente
(dal 2020)
Partito Socialdemocratico di Croazia
(1999-2020)
Università Università di Zagabria
Firma Firma di Zoran Milanović

Zoran Milanović (Zagabria, 30 ottobre 1966) è un politico croato, presidente della Croazia dal 19 febbraio 2020[1]. In precedenza era stato presidente del Partito Socialdemocratico di Croazia e anche Primo ministro della Croazia dal 2011 al 2016[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Suo padre, Stipe Milanović (1938–2019), era un economista e sua madre, Đurđica (nata Matasić) Milanović, era un'insegnante di inglese e tedesco[3].

Suo padre fu un membro della Lega dei Comunisti di Jugoslavia (SDK)[4] e Zoran fu battezzato in segreto dalla nonna materna, Marija Matasić, alla chiesa dei Santi Pietro e Paolo di Zagabria, con nome battesimale "Marijan"[3]. Crebbe nel quartiere di Knežija e dopo il 1970 a Trnje[3]. Aveva un fratello, Krešimir, morto nel 2019.

Ne 1981 iniziò a frequentare il Centro manageriale e giudiziario[3][5].

Milanović nel 1985 si iscrisse all'università di Zagabria, che lasciò per il servizio militare, per ritornare nel 1986 e laurearsi in Giurisprudenza[3].

Milanović si sposò nel 1994 con Sanja Musić, dalla quale ebbe due figli, Ante Jakov e Marko[6].

Oltre al croato, parla anche inglese, russo e francese[7].

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999, si iscrisse al Partito Socialdemocratico (SDP) e dopo la vittoria di SDP nelle elezioni del 2000, gli fu data la responsabilità dei contatti con la NATO e tre anni dopo divenne assistente del ministro degli esteri Tonino Picula per poi lasciare l'incarico dopo la sconfitta elettorale di SDP nel 2003.

Al congresso straordinario di SDP, il 2 giugno 2007, il presidente storico del partito Ivica Račan, diede le sue dimissioni annunciando nuove elezioni primarie. Milanović si candidò pur essendo considerato un "outsider", a causa della sua breve carriera nel partito, correndo contro Željka Antunović (favorita in quanto presidente facente funzioni), Milan Bandić e Tonino Picula. Nel primo turno ottenne 592 voti, scavalcando Željka Antunović.[8] Nel secondo turno, ha affrontato Antunović e di nuovo ha vinto con un ampio margine, divenendo presidente del partito.

Milanović ha suscitato grande scalpore sui giornali quando ha affermato che Josip Broz Tito era stato un politico più positivo e in generale migliore di Franjo Tuđman.[9]

Alle elezioni parlamentari del 2007 SDP ottiene 56 seggi (31,5% dei voti), dietro di soli 10 deputati dai conservatori di HDZ, che formarono la maggioranza guidata dal premier Ivo Sanader.

Nel 2011 SDP si unì ad altri tre partiti di sinistra creando la coalizione Kukuriku con Milanović leader. Kukuriku ha vinto le elezioni parlamentari nello stesso anno con una maggioranza assoluta di 81 seggi.

Milanović è stato eletto Primo ministro dal Parlamento croato, dopo aver assunto l'incarico il 23 dicembre 2011.

Dopo le elezioni del 2015 il SDP – che aveva partecipato alle consultazioni nella coalizione di centrosinistra Croazia in Crescita – è passato all'opposizione nel gennaio 2016[10][11].

Alle successive elezioni del 2016 i socialdemocratici, presenti all'interno dell'alleanza Coalizione Popolare, risultano essere il secondo partito e restano all'opposizione del nuovo Governo Plenković I di centrodestra (HDZ-Most-HNS)[12].

Presidente della Croazia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 si è candidato alle elezioni presidenziali in Croazia del 2019-20. Al primo turno svoltosi il 22 dicembre ha ottenuto il 29,6% dei voti, precedendo Kolinda Grabar-Kitarovic (candidata del partito di maggioranza di centrodestra) arrivata seconda con il 26,7% dei voti[13].

Ha vinto il secondo turno conquistando il 52,6% dei voti, venendo eletto presidente per il centrosinistra unito[14].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze croate[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua funzione di Presidente della Croazia dal 18 febbraio 2020 è:

Gran maestro del Grand'ordine del re Tomislavo - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro del Grand'ordine del re Tomislavo
Gran maestro del Grand'ordine della regina Jelena - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro del Grand'ordine della regina Jelena
Gran maestro del Grand'ordine del re Petar Krešimir IV - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro del Grand'ordine del re Petar Krešimir IV
Gran maestro del Grand'ordine del re Dmitar Zvonimir - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro del Grand'ordine del re Dmitar Zvonimir
Gran maestro dell'Ordine del duca Trpimir - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine del duca Trpimir
Gran maestro dell'Ordine del duca Branimir - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine del duca Branimir
Gran maestro dell'Ordine del duca Domagoj - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine del duca Domagoj
Gran maestro dell'Ordine di Nikola Šubić Zrinski - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine di Nikola Šubić Zrinski
Gran maestro dell'Ordine di Ban Jelačić - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine di Ban Jelačić
immagine del nastrino non ancora presente Gran maestro dell'Ordine di Petar Zrinski e Fran Krsto Frankopan
Gran maestro dell'Ordine di Ante Starčević - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine di Ante Starčević
immagine del nastrino non ancora presente Gran maestro dell'Ordine di Stjepan Radić
Gran maestro dell'Ordine della Danica Hrvatska - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine della Danica Hrvatska
Gran Maestro dell'Ordine della croce croata - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della croce croata
Gran Maestro dell'Ordine del trifoglio croato - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del trifoglio croato
Gran Maestro dell'Ordine del canneto croato - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del canneto croato

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gianluca Modolo, Elezioni in Croazia, Milanovic nuovo presidente con il 54%, su la Repubblica, 5 gennaio 2020. URL consultato il 6 gennaio 2020 (archiviato il 6 gennaio 2020).
  2. ^ (EN) Agence France-Presse, Croatia elects leftist Zoran Milanović to be next president, in The Guardian, 6 gennaio 2020. URL consultato il 6 gennaio 2020 (archiviato il 6 gennaio 2020).
  3. ^ a b c d e (HR) Ivica Radoš, Milanović – Od fakina iz kvarta do šefa Banskih dvora, in Večernji list, 5 dicembre 2011 (archiviato il 6 gennaio 2020).
  4. ^ (HR) J. Kerbler, Zoran Milanović: Moj deda je bio ustaša!, in Večernje novosti, 15 agosto 2016. URL consultato il 6 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2019).
  5. ^ (HR) Ilko Ćimić, Biografija: Zoran Milanović, in Javno, 2 giugno 2007. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2007).
  6. ^ (HR) Renata Rašović, Premijerova supruga samozatajna je liječnica i majka, in Večernji list, 6 dicembre 2011. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2017).
  7. ^ (EN) Zoran Milanovic elected new president of Croatia, in Croatia Week, 5 gennaio 2020. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato il 6 gennaio 2020).
  8. ^ Uskoro rezultati izbora za predsjednika SDP-a – Nacional.hr Archiviato il 30 giugno 2012 in WebCite.
  9. ^ BIRN: Zoran Milanovic: A New Name In Croatian Politics Archiviato il 9 febbraio 2012 in Internet Archive.
  10. ^ In Croazia ha vinto il centrodestra, in Il Post, 9 novembre 2015. URL consultato il 6 gennaio 2020 (archiviato il 23 aprile 2017).
  11. ^ (EN) Vedran Pavlic, New Croatian Government: First 40 Days, in Total Croatia News, 1º marzo 2016. URL consultato il 6 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2016).
  12. ^ (EN) Igor Ilic, Croatia parliament approves new conservative-led cabinet, in Reuters. URL consultato il 6 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2019).
  13. ^ Alessandra Briganti, Milanovic (Spd) e Grabar-Kitarovic (Hdz) al ballottaggio. In Croazia avanza l’estrema destra, in il manifesto, 24 dicembre 2019. URL consultato il 6 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2020).
  14. ^ Elezioni Croazia, vince con il 52,7% l’ex premier socialdemocratico Milanovic: è il nuovo presidente. Sconfitta per i conservatori, in Il Fatto Quotidiano, 6 gennaio 2020. URL consultato il 6 gennaio 2020 (archiviato il 7 gennaio 2020).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della Croazia Successore Flag of Croatia.svg
Kolinda Grabar-Kitarović dal 19 febbraio 2020 in carica
Predecessore Primo ministro della Croazia Successore Flag of Croatia.svg
Jadranka Kosor 23 dicembre 2011 - 22 gennaio 2016 Tihomir Orešković
Controllo di autoritàVIAF (EN277708121 · ISNI (EN0000 0003 8476 5141 · LCCN (ENnb2012019791 · GND (DE1027200524 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2012019791