Maia Sandu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maia Sandu
Maia Sandu - EPP Summit - June 2017 (35463818515).jpg
Maia Sandu al summit del Partito Popolare Europeo nel luglio 2017

Primo ministro della Moldavia
Durata mandato 8 giugno 2019 –
13 novembre 2019
Presidente Igor Dodon
Predecessore Pavel Filip
Successore Ion Chicu

Ministro della Pubblica Istruzione (Moldavia)
Durata mandato 24 luglio 2012 –
30 luglio 2015
Capo del governo Vlad Filat
Iurie Leancă
Chiril Gaburici
Natalia Gherman (ad interim)
Predecessore Mihail Șleahtițchi
Successore Corina Fusu

Dati generali
Partito politico Azione e Solidarietà (2016-attuale)
Partito Liberal Democratico (2012–2015)
Università Accademia degli Studi di economia della Moldavia
Accademia della Pubblica Amministrazione
John F. Kennedy School of Government
Professione Economista

Maia Sandu (Risipeni, 24 maggio 1972) è un'economista e politica moldava, Primo ministro della Moldavia dall'8 giugno al 12 novembre 2019.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata nel villaggio di Risipeni, nel distretto di Fălești, nella RSS Moldava, ha studiato management dal 1989 al 1994 presso l'Accademia degli Studi di Economia della Moldavia (ASEM). Poi, dal 1995 al 1998, si è laureata in relazioni internazionali presso L'Accademia della Pubblica Amministrazione (AAP) a Chișinău. Nel 2010, si è laureata alla John F. Kennedy School of Government presso la Harvard University.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

La Sandu in un incontro con Ovidiu Raețchi nel gennaio 2016

Dal 2010 al 2012, la Sandu ha lavorato come Consigliere del Direttore Esecutivo presso la Banca Mondiale a Washington. Dal 2012 al 2015 è stata Ministro della Pubblica Istruzione della Moldavia. Il 23 Luglio 2015 il Partito Liberal Democratico ha proposto la sua nomina alla carica di Primo Ministro della Moldavia, succedendo a Natalia Gherman e Chiril Gaburici.[1] Il giorno dopo essere stata proposta da una rinnovata coalizione filoeuropea, la Sandu ha disposto la partenza del capo della Banca nazionale di Moldova, Dorin Drăguţanu e del Procuratore di Stato Corneliu Gurin come condizioni per la sua accettazione della carica.[2] Infine, Valeriu Streleț fu nominato a discapito della Sandu dal Presidente della Moldavia.

Il 23 dicembre 2015 ha fondato la lista civica "În pas cu Maia Sandu” ("In cammino con Maia Sandu") che in seguito è diventato un partito politico chiamato Partito di Azione e Solidarietà.

Nel 2016, Maia Sandu si è candidata alle elezioni presidenziali in Moldavia. Candidatasi con una lista civica filo-europea, è stata una dei due candidati che hanno raggiunto il ballottaggio delle elezioni.[3]

L'8 giugno 2019 giura come primo ministro dopo l’accordo tra ACUM e PSRM.[4] Tuttavia, dopo soli 5 mesi, il 12 novembre si dimette dalla carica di primo ministro a seguito di una mozione di sfiducia.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ex World Bank economist set to become Prime Minister, su dw.com.
  2. ^ (EN) Moldova Premier, su reuters.com.
  3. ^ (EN) Moldova to hold runoff election for president, su theguardian.com.
  4. ^ Stallo politico in Moldova, la premier Maia Sandu: "Il nuovo governo è legittimo", su it.euronews.com. URL consultato il 10 giugno 2019.
  5. ^ Moldavia, nuovo governo filorusso, su rainews.it. URL consultato il 15 novembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN50146095200500371030 · GND (DE1188314270 · WorldCat Identities (EN50146095200500371030