Michael D. Higgins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michael Daniel Higgins
Mícheál Daniél Ó hUiginn
President Higgins's visit FINIRISH BATT HQ, Lebanon (cropped).jpg

Presidente della Repubblica d'Irlanda
In carica
Inizio mandato 11 novembre 2011
Capo del governo Enda Kenny
Leo Varadkar
Predecessore Mary McAleese

Ministro delle arti, della cultura e del Gaeltacht
Durata mandato 12 gennaio 1993 –
17 novembre 1994
Capo del governo Albert Reynolds
Predecessore John Wilson
Successore Bertie Ahern

Durata mandato 15 dicembre 1994 –
26 giugno 1997
Capo del governo John Bruton
Predecessore Bertie Ahern
Successore Síle de Valera

Sindaco di Galway
Durata mandato 3 dicembre 1981 –
1982
Predecessore Claude Toft
Successore Pat McNamara

Durata mandato 1990 –
1991
Predecessore Angela Lupton
Successore Michael Leahy

Dati generali
Partito politico Fianna Fáil (fino al 1968)
Laburista (1968-2011)
Indipendente (dal 2011)
Tendenza politica Socialismo democratico
Titolo di studio Laurea in Sociologia
Università Indiana University di Bloomington
Professione Poeta
Firma Firma di Michael Daniel HigginsMícheál Daniél Ó hUiginn

Michael Daniel Higgins (in lingua irlandese Micheál D. Ó hUigínn; Limerick, 18 aprile 1941) è un politico e poeta irlandese, Presidente della Repubblica d'Irlanda dall'11 novembre 2011[1][2].

Estrazione e formazione[modifica | modifica wikitesto]

Higgins proviene da una famiglia di estrazione sociale umile[3]. Il padre combatté nella guerra di indipendenza e lottò nelle file dei repubblicani durante la guerra civile[4]. Le sue scelte politiche gli fecero perdere il lavoro di barista a Charleville, per cui la famiglia si trasferì a Limerick[4]. Le condizioni di salute del padre di Higgins peggiorarono, anche per la sua dipendenza dall'alcol, quindi nel 1946 la madre scelse di trasferire Michael e il fratello minore John presso degli zii a Newmarket on Fergus[4].

Dopo avere frequentato il St. Flannan's College a Ennis, Higgins si trasferì a Galway per lavorare come impiegato presso la compagnia energetica ESB[5][4]. Nel tempo libero scriveva articoli e poesia e si dedicava al volontariato[4].

Nel 1961 un benefattore rimase colpito dalle capacità di Higgins e gli offrì un prestito per iscriversi all'università di Galway[4]. Higgins fu il primo della sua famiglia a frequentare l'università e fu molto attivo, vincendo borse di studio, unendosi all'associazione letteraria e di retorica, presiedendo il consiglio studentesco e la sezione universitaria locale del Fianna Fáil[3][4]. In seguito Higgins si impegnò per l'educazione dei suoi connazionali, offrendo lezioni come volontario nei paesi dell'Irlanda occidentale[3].

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine degli anni sessanta Higgins venne convinto dal deputato laburista Noël Browne a diventare membro del partito laburista[4].

Higgins è stato membro del consiglio cittadino e del consiglio della Contea di Galway ed è stato sindaco di Galway[3].

Nel 1973 il Taoiseach nominò Higgins membro del Seanad Éireann[6]. Higgins svolse l'incarico fino al 1977, quando si candidò per il Seanad ma venne sconfitto[6]. Nel 1981 Higgins venne eletto al Dáil Éireann in rappresentanza di Galway West e venne riconfermato alle elezioni del febbraio dell'anno successivo, ma perse quelle del novembre 1982[6]. Nel 1983 Higgins tornò a far parte del Seanad, in rappresentanza dell'università[6]. Durante gli anni settanta e ottanta Higgins si collocò politicamente nell'ala sinistra del partito laburista e si oppose all'espulsione dei membri più radicali dal partito e alla formazione di accordi di coalizione con altri partiti[4].

Dal 1987 al 2011 Higgins è stato ininterrottamente membro del Dáil, sempre eletto nel collegio di Galway West per conto del Partito laburista[6].

Dal 12 gennaio 1993 al 17 novembre 1994 e poi nuovamente dal 15 dicembre 1994 al 26 giugno 1997 Higgins è stato ministro delle arti, della cultura e del Gaeltacht nell'ambito dei governi di coalizione guidati da Albert Reynolds e John Bruton[7][6]. Fu il primo ministro incaricato degli affari culturali nella storia d'Irlanda[6]. In tale veste ha anche presieduto il Consiglio dei ministri della cultura dell'Unione europea nel secondo semestre del 1996[3]. Come ministro Higgins promosse la creazione del canale televisivo in irlandese TG4, rafforzò l'industria cinematografica irlandese, rilassò la legislazione sulla censura, promosse maggiori investimenti nei musei pubblici, sostenne la creazione di una rete di teatri e centri culturali in tutto il paese e promosse la riqualificazione dei canali[3]. Higgins è particolarmente attaccato alla difesa della lingua irlandese[3].

Higgins (a destra) nel 2011

Higgins ha partecipato a campagne per la parità dei salari tra uomini e donne, per l'accesso ai metodi contraccettivi, per il divorzio e per i diritti delle persone con disabilità[3]. È stato molto attivo anche per la difesa dei diritti umani e la promozione della pace a livello internazionale[3].

Presidente della Repubblica d'Irlanda[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 giugno 2011 Higgins vinse la nomination alla presidenza della repubblica del partito laburista, sconfiggendo gli altri due candidati Fergus Finlay e Kathleen O'Meara[5][8]. Alla scelta parteciparono tutti i parlamentari ed europarlamentari del partito e i membri del consiglio esecutivo del partito[8].

Higgins ha vinto le elezioni presidenziali irlandesi del 27 ottobre 2011, ricevendo il 39,6% delle prime preferenze e 1.007.104 voti su 1.790.438 dopo la redistribuzione delle preferenze (nella repubblica d'Irlanda si vota con voto singolo trasferibile)[9]. È entrato in carica come nono presidente della repubblica l'11 novembre 2011.

Vita personale[modifica | modifica wikitesto]

Higgins è sposato e ha quattro figli. Sua moglie è un'attrice.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Higgins ha una carriera di successo, oltre che come uomo politico, come poeta e sceneggiatore, oltre che come scrittore di non-fiction. Ha scritto su diverse riviste politiche e filosifiche soprattutto riguardo temi ideologici, di sociologia della letteratura, del clientelismo in politica, del regionalismo e dei media. Ha scritto e presentato un film su Montserrat, dal titolo: The Emerald Island, per Channel 4, e un documentario su Noel Browne.[79]

Le sue poesie sono state pubblicate in riviste e periodici, e raccolte in volumi.[80]

Poesia
  • The Betrayal (Salmon, Galway, 1990) ISBN 094833939x[83]
  • The Season of Fire (Brandon, Dingle, 1993) ISBN 0863221645[84]
  • An Arid Season (2004)
  • New and Selected Poems (Liberties Press, Dublino, 2011)[85]

In lingua italiana

  • Il tradimento e altre poesie, Del Vecchio Editore, Roma, 2014 (a cura di Enrico Terrinoni)
Saggistica
  • Causes for Concern (Liberties Press, Dublino, 2007)[85]
  • Renewing the Republic (Liberties Press, Dublino, 2011)[85]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Higgins è appassionato di sport, in particolare del calcio gaelico e dell'hurling[3]. Presiede il Galway United FC[3].
  • L'attore statunitense Martin Sheen è amico di Higgins e lo ha sostenuto durante la campagna per le elezioni presidenziali[2].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio internazionale per la pace Seán McBride, International Peace Bureau, 1992[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il nuovo presidente irlandese è Michael Higgins, Il Post, 28 ottobre 2011.
  2. ^ a b (EN) Cathy Hayes, Martin Sheen may attend President Michael D. Higgins' inauguration, Irish Central, 29 ottobre 2011. URL consultato il 31 ottobre 2011.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) About Michael D., Sito ufficiale di Michael D. Higgins. URL consultato il 1º novembre 2011.
  4. ^ a b c d e f g h i (EN) Michael D's ode to the presidency, Irish Times, 25 giugno 2011. URL consultato il 1º novembre 2011.
  5. ^ a b (EN) Labour chooses Higgins as its presidency candidate, Irish Times, 19 giugno 2011. URL consultato il 1º novembre 2011.
  6. ^ a b c d e f g (EN) Michael D. Higgins, House of the Oireachtas. URL consultato il 1º novembre 2011.
  7. ^ Fino al 21 gennaio 1993 la delega riguardava solo il Gaeltacht, poi venne estesa e il ministero assunse il nome di ministero delle arti, della cultura e del Gaeltacht.
  8. ^ a b (EN) Higgins wins Labour presidential nomination, RTE News. URL consultato il 1º novembre 2011.
  9. ^ (EN) Presidential election, RTE News, 29 ottobre 2011. URL consultato il 1º novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2011).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN267068070 · ISNI (EN0000 0000 7883 9720 · LCCN (ENn94055998 · GND (DE136690122
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie