Unapologetic

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Unapologetic
ArtistaRihanna
Tipo albumStudio
Pubblicazione19 novembre 2012
(vedi Date di Pubblicazione)
Durata55:06 (standard)
67:50 (deluxe)
Dischi1 + 1 DVD
Tracce14 (edizione standard)
17 (edizione deluxe)
GenerePop[1]
Contemporary R&B[2]
Dubstep[3]
EtichettaDef Jam
ProduttoreRobyn Rihanna Fenty (exec.), Benny Blanco, David Guetta, Stargate, Tyler McGown, Giorgio Tuinfort, Flippa, Pop Wansel, Oakwud, Mike Will Made It, Future, Mikey Mike, Chase & Status, Nicky Romero, Parker Ighile, Mikky Ekko, Justin Parker, Elof Loelv, The-Dream, Carlos McKinney, Brian Kennedy, No I.D., Labrinth, Naughty Boy
RegistrazioneGiugno - novembre 2012
Certificazioni
Dischi d'oroBelgio Belgio[7]
(Vendite: 15.000+)
Brasile Brasile[8]
(Vendite: 20.000+)
Danimarca Danimarca[9]
(Vendite: 10.000+)
Germania Germania[10]
(Vendite: 100.000+)
Italia Italia[11]
(Vendite: 30.000+)
Messico Messico[12]
(Vendite: 30.000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[13]
(Vendite: 7.500+)
Spagna Spagna[14]
(Vendite: 20.000+)
Ungheria Ungheria[15]
(Vendite: 3.000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[16]
(Vendite: 70.000+)
Austria Austria[17]
(Vendite: 20.000+)
Canada Canada[18]
(Vendite: 80.000+)
Francia Francia (2)[19]
(Vendite: 200.000+)
Irlanda Irlanda (2)[20]
(Vendite: 30.000+)
Polonia Polonia (3)[21]
(Vendite: 60.000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[22]
(Vendite: 600.000+)
Russia Russia (4)[23]
(vendite: 80 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[24]
(Vendite: 2.000.000+)
Svezia Svezia[25]
(Vendite: 40.000+)
Svizzera Svizzera[26]
(Vendite: 40.000+)
Rihanna - cronologia
Album precedente
(2011)
Album successivo
(2016)
Logo
Logo del disco Unapologetic
Singoli
  1. Diamonds
    Pubblicato: 27 settembre 2012
  2. Stay
    Pubblicato: 7 gennaio 2013[4]
  3. Nobody's Business
    Pubblicato: 7 gennaio 2013 (FRA)[5]
  4. Pour It Up
    Pubblicato: 8 gennaio 2013[6]
  5. Loveeeeeee Song
    Pubblicato: 3 aprile 2013 (UK)
  6. Right Now
    Pubblicato: 28 maggio 2013
  7. What Now
    Pubblicato: 1º ottobre 2013
  8. Jump
    Pubblicato: 29 gennaio 2014 (AUS)

Unapologetic è il settimo album della cantante barbadiana Rihanna, pubblicato il 19 novembre 2012 dall'etichetta discografica Def Jam Recordings.

Registrato a cavallo tra giugno e novembre 2012, Unapologetic è frutto delle visite di Rihanna in diverse sale di registrazione nel periodo in cui la cantante promuoveva il suo sesto album, Talk That Talk. Rihanna è la produttrice esecutiva del disco e ha arruolato alcuni collaboratori precedenti, The-Dream, David Guetta, Stargate e Chase & Status. Per sonorità l'album affronta generi pop, EDM e dubstep, molto in auge in Talk That Talk e Rated R, ma anche ballate. Rihanna ha duettato nell'album con l'ex-fidanzato Chris Brown, in Nobody's Business.[27] Nonostante ciò, il disco è andato incontro agli assensi di siti, riviste e specialisti del settore dai quali è stata apprezzata la produzione e le sonorità moderne. Da alcuni è stato disapprovato il suo materiale grezzo e la decisione dell'artista di pubblicare un album a cadenza annuale.[28] Unapologetic diventa, inoltre, il primo album della cantante a raggiungere la prima posizione nella Billboard 200[29] vendendo oltre 238.000 copie[29] e il terzo[30] e quinto[31] consecutivo album a debuttare al primo posto rispettivamente nella Official Albums Chart[30] e Swiss Albums Top 100 Music Charts.[31]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2012 Rihanna ha rivelato che anche se non aveva ancora registrato nessuna canzone nuova, aveva iniziato a lavorare sulle nuove sonorità del suo settimo album. Il 12 settembre 2012 la Def Jam Recordings ha annunciato ufficialmente su Twitter che, la settimana seguente, Rihanna avrebbe lanciato un nuovo singolo e che il suo nuovo album sarebbe stato pubblicato nel novembre 2012.[32]

Registrazione e produzione[modifica | modifica wikitesto]

A dark blonde woman wearing a grayish shining outfit is performing
Rihanna canta il singolo di lancio "Diamonds" durante il suo Diamonds World Tour del 2013.

Il 20 giugno 2012 Rihanna si è accinta a registrare il suo settimo album di inediti, collaborando con i produttori Nicky Romero e Burns.[33] Rihanna e Burns si sono appartati per tre giorni in una sala di registrazione a Londra all'incirca nello stesso periodo in cui Rihanna si è esibita nella catena di concerti per Radio 1's Hackney Weekend.[34] È stato anche annunciato che Rihanna avesse assoldato Eric Bellinger, Sean Garrett e gli Swedish House Mafia per il suo settimo album di inediti.[35] Il 6 luglio 2012, No I.D., produttore esecutivo della Def Jam, ha rivelato di aver appena cominciato a lavorare con Rihanna al nuovo disco dicendo: "Ci lavorerò la settimana prossima per non più di sette giorni".[36] Il 10 luglio 2012, il cantante e produttore britannico Labrinth ha annunciato alla Capital FM che stesse lavorando con Rihanna al disco dicendo: "speravo da tempo di poter collaborare con lei perciò mi sono rivolto ai suoi manager, credo che adesso lei stia lavorando su qualche materiale in qualche studio di registrazione, il che sembra davvero fantastico. Non è ancora entrata nel mio studio ma spero di darle delle belle sorprese".[37] Il 17 luglio 2012, è stato dato per certo che Rihanna avrebbe collaborato con il cantante Ne-Yo e il membro dei N-Dubz, Fazer. In un'intervista con Capital FM, Ne-Yo ha dichiarato in merito al disco che "mi sono appena messo a fare del materiale per Rihanna, come ben saprete. Lei è la donna più impegnata nel mondo dello showbiz in questo momento. È coinvolta nel processo di mettere su il nuovo disco in questo preciso momento, e io sono entrato in gioco con gli Stargate, David Guetta e qualche altro produttore per questo compito".[38]

Il 13 luglio 2012, Sean Garrett ha comunicato di essere stato in sala di registrazione con il DJ David Guetta per lavorare all'album di Rihanna: "sono stato in studio con David per produrre un po' di materiale per Rihanna di recente. Lui trae spunto delle cose che a me non piacciono, e io sono portato per le cose che a lui non piacciono. Lui vuole essere più urban mentre io voglio essere più internazionale, per cui ci diamo una spinta a vicenda e speriamo di aiutare Rihanna. Lavora sodo ed è bello scrivere per qualcuno che ha una mentalità aperta".[39] Il 21 agosto, Claude Kelly ha confessato di aver scritto alcuni brani per Rihanna mentre la cantante si esibiva a Londra, dicendo: "Rihanna è una superstar mondiale e adesso è in concerto tra stadi e arene, perciò ho voluto scrivere canzoni che riflettessero il suo pubblico.[40]

Le sonorità e i testi[modifica | modifica wikitesto]

Rihanna, in una dichiarazione sull'album, ha detto: "Amo sperimentare e mi piace lavorare con diverse sonorità per poi metterle insieme, così non hanno una sola dimensione".[41] Rihanna ha anche aggiunto: "Al momento siamo impegnati a collezionare e creare la sonorità prima di iniziare a lavorare sulla direzione dei testi o sulle melodie. A tal proposito ho una mezza idea, anche se lì per lì è appena abbozzata. Perciò non vedo l'ora di iniziarla".[42]

Il cantante statunitense Sean Garrett ha commentato l'album definendolo "un eccellente mix di generi musicali". Secondo Jon Caramanica dal The New York Times, la musica dell'album è "cruda e consunta" con una produzione "incivilizzata e feroce", prendendo per esempio la produzione "gutturale" di David Guetta in Phresh Out the Runway e Right Now.[43] "Sembra che stavolta i produttori abbiano pensato di provare con qualcosa di nuovo", fuori dagli standard dello "schema pop-dance" con cui Rihanna aveva preso la mano, "o perlomeno di reimpostare sonorità ormai di moda in quadretti meno familiari", ha azzardato la giornalista Alexis Petridis.[44] C'è chi vi ha letto un "R&B torvo e ombroso" come Jon Dolan della rivista Rolling Stone.

Il rapper statunitense Eminem è stato affiancato a Rihanna nel brano Numb, rendendola in tal modo la terza collaborazione dei due artisti dopo il successo globale di Love the Way You Lie e del suo seguito.

Mentre la prima metà dell'album è caratterizzata da canzoni dance aggressive le quali sonorità variano dalla dubstep alla dance pop con effetti sonori selvaggi e rudimentali, la seconda metà presenta stili disco, reggae e rock.[senza fonte]

Brani[modifica | modifica wikitesto]

Il brano d'apertura di Unapologetic, Phresh Out the Runway è un "incalzante numero da discoteca" che mostra prestissimo la corda e affianca stile hip hop e EDM.[45] Diamonds, lanciato come primo singolo, è una ballad mid-tempo che poggia su generi di musica elettronica, soul e pop.[46][47] Numb è un brano da festa che prende spunto dalla musica del Medio Oriente e si snoda lentamente e in cui Rihanna si divide la scena con il rapper Eminem.[45] Jump è un impetuoso brano dance dalle sfumature dubstep che usa un sample di Pony, brano del cantante Ginuwine del 1996.[48] Right Now è "una carta vincente per le discoteche".[45]

What Now è una ballata "vulnerabile" che mette in luce il suo "ritornello duro".[45] Stay è la terza ballad del disco che Rihanna canta con il suono di un pianoforte e di una chitarra.[49][50] Love Without Tragedy/Mother Mary è un brano in due parti profondamente personale che si apre con un'inclinazione malinconica per poi trasfigurarsi in una confessione aperta e in cui Rihanna alza sempre di più il suo tono di voce.[45]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Diamonds: il singolo di lancio di Unapologetic, Diamonds, viene mandato alle radio di tutto il mondo il 27 settembre 2012. Il singolo decolla velocemente nelle classifiche di tutto il mondo, raggiungendo la #1 in molti paesi, fra cui gli Stati Uniti, dove ha sostato per tre settimane in vetta alla classifica nazionale. Nei primi giorni di giugno 2013 Diamonds viene certificata triplo platino. Diamonds ha avuto molto successo anche in Italia, Gran Bretagna, Nuova Zelanda e Germania, ma soprattutto in Australia, dove ha ricevuto ben 5 dischi di platino con oltre 350.000 copie. Il video di Diamonds, diretto da Anthony Mendler, viene pubblicato l'8 novembre 2012 e con 800 milioni di visualizzazioni su YouTube è fra i più visti di sempre ed il più cliccato di Rihanna.
  • Nobody's Business: il duetto con Chris Brown viene estratto il 7 gennaio 2013 come primo singolo promozionale dell'album. Viene pubblicato solo in Francia, dove raggiunge la posizione n°36.[51]
  • Stay: il duetto con Mikky Ekko viene estratto internazionalmente il 7 gennaio 2013. Si distingue in diverse nazioni, venendo certificato varie volte platino in Australia e Stati Uniti. Nella Billboard Hot 100 arriva fino alla #3, ma vende più di Diamonds, che è stata alla #1 per varie settimane. Il video di Stay viene pubblicato sul canale VEVO di Rihanna l'11 febbraio 2013. Il video viene censurato per presunti contenuti sessuali. Pochi giorni dopo però viene rivisitata la decisione ed il video ritorna ad essere accessibile a tutti. Nonostante questo piccolo inconveniente il video ha superato le 500 milioni di visualizzazioni.
  • Pour It Up: il giorno dopo l'estrazione di Stay, l'8 gennaio, viene mandata alle radio urban americane Pour It Up. Il singolo, che non ha ricevuto né promozione né video ufficiale, arriva fino alla posizione 19 della Hot 100 e vende quasi 2.000.000 di copie nel territorio statunitense, un risultato eccezionale se viene contata la mancata promozione. Il 20 marzo viene pubblicato un remix con i rapper T.I., Young Jeezy, Rick Ross e Juicy J, al contrario di come detto in precedenza che vedeva anche la collaborazione di 2 Chainz. Il 2 ottobre viene pubblicato dal canale RihannaVEVO il video che raggiunge in solo tre giorni 26 milioni di visualizzazioni. Finora conta più di 200 milioni di visualizzazioni sul suo canale Youtube.
  • Loveeeeeee Song: singolo in collaborazione con il rapper Future, pubblicato in aprile per il mercato inglese.
  • Right Now: la collaborazione col DJ David Guetta viene pubblicata ufficialmente il 28 maggio in tutto il mondo, non riscontrando tuttavia un buon successo commerciale. Negli ultimi giorni di luglio vengono pubblicati 14 remix, nella speranza di far decollare la traccia, ma il singolo non va oltre la #50 nella Billboard Hot 100, sebbene raggiunga la vetta della Billboard Hot dance/club.
  • What Now: il 29 agosto vengono pubblicati 10 remix dance della canzone, in seguito, i primi giorni di settembre viene confermata la scelta di What Now, la pubblicazione è prevista mondialmente il 1º ottobre. Il video viene girato a metà settembre in Thailandia, fra una data e l'altra delle 6 date asiatiche del Diamonds World Tour. What Now viene certificata oro in Australia ancor prima della sua estrazione. Il video conta oltre 175 milioni di visualizzazioni sul canale Youtube della cantante.
  • Jump, con influenze dubstep e pop, è entrato in rotazione radiofonica il 29 gennaio 2014 in Australia e Nuova Zelanda.

777 Tour e Diamonds World Tour[modifica | modifica wikitesto]

Rihanna in un concerto americano del suo Diamonds World Tour del 2013.

A metà novembre 2012, poco prima della pubblicazione dell'album, Rihanna parte per il 777 Tour (14 - 20 novembre) che consiste in 7 spettacoli in 7 giorni in 7 nazioni diverse (Messico, Canada, Svezia, Francia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti). Rihanna, accompagnata da fan e giornalisti, ha viaggiato su un Boeing 777.

Il Diamonds World Tour, invece, è il tour ufficiale dell'album Unapologetic. È partito l'8 marzo 2013 da Buffalo e prevede una prima parte negli Stati Uniti e Canada, una seconda in Europa (compresa una tappa marocchina) e un'ultima in Asia, Oceania e Sud Africa. Proprio quest'ultima sezione è divisa da quasi due mesi dal resto del tour: infatti l'ultima tappa europea, a Helsinki, avrà luogo il 28 luglio, mentre quella successiva, a Macao il 13 settembre. Durante la prima e la seconda parte del tour, Rihanna è arrivata varie volte in ritardo agli spettacoli, causando anche il malcontento del pubblico. La cantante ha però bissato un nuovo record, riempiendo vari stadi in buona parte dell'Europa. Il tour è stato complessivamente un successo: avendo infatti incassato oltre 140 milioni di dollari, è il quinto di maggiore incasso del 2013 secondo Billboard.

Half of Me Documentary[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 settembre 2013 viene reso disponibile l'Half of Me Documentary, un documentario con le riprese di Phil Griffin, che mostra il Diamonds World Tour da un'altra prospettiva: da una parte gli spettacoli coi retroscena, spiegati dalla stessa Rihanna, dall'altra sono state prese le storie di alcuni dei suoi fan, che si ispirano a lei e la considerano come punto di riferimento. Il tutto racchiuso in 11 minuti. Il teaser del documentario è stato presentato pochi giorni prima della release ufficiale.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[52] 3.5/5 stelle
Billboard[45] Favorevole
Entertainment Weekly B+
Idolator[53] 4/5
Los Angeles Times[54] Misto
NME[55] 7/10
Rolling Stone[56] 3.5/5 stelle
Sentireascoltare[57] 5/10
The A.V. Club[58] C+
The Daily Telegraph[59] 3/5 stelle
The Guardian[44] 3/5 stelle
The Independent[60] 3/5 stelle
The New York Times[43] Favorevole
The Times[61] 3/5 stelle

Sul sito Metacritic, Unapologetic è stato valutato con un punteggio di 61 su 100 basato su 15 recensioni, finendo nella categoria delle "Recensioni per la maggiore favorevoli".[28]

Jon Caramanica dal The New York Times ha identificato Unapologetic in uno dei migliori album di Rihanna insieme al suo "innovativo" Good Girl Gone Bad del 2007 e alla sua "apoteosi pop", Loud, del 2010. Ha dichiarato più in là che il disco "dà prova alla grande del suo talento".[43] Neil McCormick del quotidiano The Daily Telegraph ha scritto che nel disco "c'è un po' di tutto" ed è stato un po' dubbioso in merito alla concentrazione sull'"amore confuso" di Rihanna nella seconda metà dell'album e "la soap opera del pop poco edificante ma allo stesso tempo molto interessante".[62] Alexis Petridis del quotidiano The Guardian ha definito le sonorità del disco "di gran lunga più interessanti" di quelle di Talk That Talk, e ha asserito che "c'è qui del materiale che vale la pena ascoltare, sempre che si sia capaci di sbrogliare la musica dalla vita privata dell'artista".[44] La redattrice del sito AllMusic, Andy Kellman, è stata del parere che "l'unica vera via per goderselo nel suo aspetto più significativo è quella di non prenderlo troppo sul serio ma come puro passatempo" e l'ha definita "un'altra sana ventata alla musica pop di oggi".[52] Randall Roberts dal Los Angeles Times ha scritto che "i testi commerciali avvelenano" il disco, "nonostante invece sul profilo musicale Rihanna si è evoluta in una delle dive del pop di prima linea".[54]

James Reed dal The Boston Globe è dell'opinione che, con l'album, Rihanna "fa il dito medio a coloro che la criticano, specialmente a chi non approva che abbia perdonato Chris Brown".[63]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

I crediti sono adattati a quanto è indicato nel sito ufficiale di Rihanna, e non corrispondono a quelli indicati nel booklet dell'album.[64]

  1. Phresh out the Runway[65][66] – 3:42 (David Guetta, Giorgio Tuinfort, Terius Nash, Robyn Fenty)
  2. Diamonds – 3:45 (Sia Furler, Benjamin Levin, Mikkel Eriksen, Tor Hermansen)
  3. Numb (feat. Eminem) – 3:25 (Sam Dew, Robyn Fenty, Warren Felder, Ronald "Flip" Colson, Pop Wansel)
  4. Pour It Up – 2:41 (Robyn Fenty, Michael Williams, Theron Thomas, Timothy Thomas)
  5. Loveeeeeee Song (feat. Future) – 4:16 (Nayvadius Wilburn, Denisea "Blu June" Andrews, Robyn Fenty)
  6. Jump – 4:24 (Kevin Cossum, M. B. Williams, Mikkel Eriksen, Tor Hermansen, Saul Milton, Will Kennard)
  7. Right Now (feat. David Guetta) – 3:01 (Terius Nash, Robyn Fenty, David Guetta, Mikkel Eriksen, Tor Hermansen, Shaffer Smith, Giorgio Tuinfort, Nick Rotteveel)
  8. What Now – 4:03 (Olivia Waithe, Robyn Fenty, Parker Ighile, Nathan Cassells)
  9. Stay (feat. Mikky Ekko) – 4:00 (Mikky Ekko, Justin Parker, Elof Loelv)
  10. Nobody's Business (feat. Chris Brown) – 3:36 (Terius Nash, Robyn Fenty, Carlos McKinney, Michael Jackson)
  11. Love Without Tragedy/Mother Mary – 6:58 (Terius Nash, Robyn Fenty, Carlos McKinney)
  12. Get it Over With – 3:31 (James Fauntleroy, Robyn Fenty, Brian Seals)
  13. No Love Allowed – 4:09 (Sean "Elijah Blake" Fenton, Robyn Fenty, Alexander Izquierdo, Ernest Wilson, Steve Wyreman)
  14. Lost in Paradise – 3:35 (Ester Dean, Robyn Fenty, Timothy McKenzie, Mikkel Eriksen, Tor Hermansen)
Edizione deluxe
  1. Half of Me – 3:12 (Emeli Sandé, Shahid Khan, Mikkel Eriksen, Tor Hermansen)
  2. Diamonds (Dave Audé 100 Extended) – 5:03 (Sia Furler, Benjamin Levin, Mikkel Eriksen, Tor Hermansen)
  3. Diamonds (Gregor Salto Downtempo Remix) – 4:29 (Sia Furler, Benjamin Levin, Mikkel Eriksen, Tor Hermansen)
Deluxe edition DVD
  1. First Look: 2012 Loud Tour Live at the O2 – 23:04

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Nella classifica italiana, Unapologetic debutta alla posizione numero 7, diventando immediatamente il più alto posizionamento di un album di Rihanna in Italia, superando Talk That Talk. Il disco riesce a resistere nella top 20 per otto settimane, più di qualunque altro album della popstar. In totale, Unapologetic è rimasto per 34 settimane nella classifica album italiane.[67]

Francia[modifica | modifica wikitesto]

In Francia, Unapologetic debutta al 3º posto con 37.342 copie, registrando la più alta vendita settimanale di un album della cantante superando Talk That Talk che aveva venduto 26.153 copie nel 2011.[68] Con un decremento delle vendite del 45% (20.682 copie), l'album scende al settimo posto.[69] Nonostante un incremento delle vendite del 7% (22.060 copie), l'album scende all'ottavo posto.[70] Unapologetic ha venduto oltre 220.000 copie nel territorio francese.[71]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Unapologetic ha debuttato alla 1ª posizione nella Official Albums Chart con una vendita pari a 99.357 copie.[30] È la quarta numero uno di Rihanna nella classifica dopo Good Girl Gone Bad del 2007, Loud del 2010 e Talk That Talk del 2011 e la terza consecutiva (dopo Loud e Talk That Talk).[30] La settimana seguente, l'album scende alla 3ª posizione con un decremento delle vendite del 32% (67.161 copie).[72] Vendendo altre 60.721 copie (-10%), Unapologetic scende al sesto posto.[73] L'album risulta essere il 10º più venduto nel corso del 2012, secondo i dati forniti dalla Official Charts Company, con un totale di 475.000 copie distribuite.[74]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Unapologetic è entrato direttamente alla 1ª posizione nella Billboard 200 con oltre 238.000 copie vendute;[29] diventando il primo album della cantante ad arrivare in testa alla classifica statunitense[29] ed il quarto ad avere raggiunto il podio dopo Good Girl Gone Bad (2º posto, 2007), Loud (3º posto, 2010) e Talk That Talk (3º posto, 2011).[29] Nella seconda settimana di presenza, Unapologetic scende al sesto posto (72.000 copie, -70%).[75] In un mese, l'album ha venduto oltre 420.000 copie, nei soli Stati Uniti.[76] A tredici settimane dall'uscita, Unapologetic ha venduto 721.000 copie.[77] Dopo un mese, le vendite complessive dell'album sono pari a 806.700 copie.[78]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Date di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Nazione Data Formato Etichetta
Australia[108] 19 novembre 2012 Standard, Deluxe Universal Music
Francia[109]
Germania[110]
Colombia
Regno Unito[111] Mercury Records
Stati Uniti[112] Def Jam Recordings
Porto Rico[112]
Italia[113] 20 novembre 2012 Universal Music
Paesi Bassi[114]
Polonia[115]
Spagna
Svezia[116] 21 novembre 2012
Giappone[117]
Argentina 6 dicembre 2012
Indonesia[108] 17 dicembre 2012 Standard

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Unapologetic, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (EN) Jude Rogers, Rihanna: Unapologetic – review, The Guardian, 24 novembre 2012. URL consultato il 25 agosto 2017.
  3. ^ (EN) Stacy-Ann Ellis, ‘Unapologetic’ Review: Rihanna Is Sorry She’s Not Sorry, Vibe, 19 novembre 2012. URL consultato il 25 agosto 2017.
  4. ^ Rihanna - Stay (secondo singolo), su rnbjunk.com. URL consultato il 1º dicembre 2012.
  5. ^ http://lescharts.com/showinterpret.asp?interpret=Rihanna
  6. ^ Urban/UAC Future Releases (January 8, 2013), All Access Music Group. URL consultato il 4 marzo 2013 (archiviato il 9 gennaio 2013).
  7. ^ (EN) GOLD AND PLATINUM CERTIFICATIONS - ALBUMS - 2012, su ultratop.be.
  8. ^ Brazilian album certifications – Rihanna – "Unapologetic", Associação Brasileira dos Produtores de Discos. URL consultato il 29 aprile 2013.
  9. ^ (DA) IFPI, su ifpi.dk. URL consultato il 29 novembre 2012.
  10. ^ Bundesverband Musikindustrie: Gold-/Platin-Datenbank
  11. ^ CERTIFICAZIONE ALBUM fisici e digitali settimana 9 del 2013 (PDF), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 12 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2013).
  12. ^ Certificaciones Amprofon, su amprofon.com.mx. URL consultato il 24 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2016).
  13. ^ (EN) NZ Top 40 Albums Chart, su nztop40.co.nz. URL consultato il 17 dicembre 2012.
  14. ^ Spanish album certifications – Rihanna – "Unapologetic", su promusicae.es. URL consultato il 29 aprile 2013.
  15. ^ Adatbázis - Arany- és platinalemezek - MAHASZ - Magyar Hangfelvétel-kiadók Szövetsége
  16. ^ (EN) Top 50 Albums Chart – 24/12/2012, ARIA. URL consultato il 23 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2012).
  17. ^ (DE) IFPI Austria - Verband der Österreichischen Musikwirtschaft, su ifpi.at.
  18. ^ (EN) Gold and Platinum, su musiccanada.com. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  19. ^ (FR) Platinum, su chartsinfrance.net. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  20. ^ (EN) The Irish Charts - All there is to know, su irishcharts.ie. URL consultato il 29 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2016).
  21. ^ (PL) Platynowe CD 2013, su bestsellery.zpav.pl. URL consultato il 16 gennaio 2013.
  22. ^ BPI - Certified Awards, su bpi.co.uk.
  23. ^ (RU) Обновления сертификаций в России и СНГ (PDF), Afina Pallada. URL consultato il 24 giugno 2018.
  24. ^ (EN) Platinum Certification of "Unapologetic" by RIAA, RIAA. URL consultato il 24 maggio 2016.
  25. ^ Copia archiviata, IFPI. URL consultato il 24 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2013).
  26. ^ Swiss Charts - Albums Top 100 01.08.2010 - swisscharts.com
  27. ^ L'ossessione di Rihanna per Chris Brown, MTV (Italy). URL consultato il 26 novembre 2012.
  28. ^ a b Unapologetic Reviews, Ratings, Credits, and More, Metacritic. URL consultato il 26 novembre 2012.
  29. ^ a b c d e f (EN) Rihanna Earns First No. 1 Album on Billboard 200 Chart, su billboard.com. URL consultato il 28 novembre 2012.
  30. ^ a b c d (FR) Tops UK : Olly Murs écrase les Girls Aloud, Rihanna en tête côté albums, Syndicat national de l'édition phonographique. Chartsinfrance.net. URL consultato il 27 novembre 2012.
  31. ^ a b c hitparade.ch - Rihanna - Unapologetic, hitparade.ch. URL consultato il 28 novembre 2012.
  32. ^ Rihanna’s New Album Due Out In November, Sources Say, Idolator. URL consultato il 26 novembre 2012.
  33. ^ Rihanna recording new music during trip to London - Music News, Digital Spy, 20 giugno 2012. URL consultato il 21 settembre 2012.
  34. ^ Rihanna's next producer Burns reveals new single 'Lies', Gigwise, 25 luglio 2012. URL consultato il 21 settembre 2012.
  35. ^ Becky Bain, Rihanna Refuses To Take A Break, Begins Work On Seventh Album, Idolator.com. URL consultato il 29 settembre 2012.
  36. ^ Rap-Up TV: No I.D. Talks Nas, Kanye West, and Rihanna Albums, Rap-Up.com. URL consultato il 21 settembre 2012.
  37. ^ Rihanna to work with Labrinth for new album - Music News, Digital Spy, 10 luglio 2012. URL consultato il 29 settembre 2012.
  38. ^ Rihanna Drafts Ne-Yo and Fazer for Seventh Album?, Singersroom, 16 luglio 2012. URL consultato il 29 settembre 2012.
  39. ^ Rihanna Working With David Guetta On New Album, MTV (UK), 30 luglio 2012. URL consultato il 29 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2013).
  40. ^ Rihanna's New Album Will Be Full Of "Anthemic Stadium Songs", Capital FM, 21 agosto 2012. URL consultato il 29 settembre 2012.
  41. ^ Rihanna talks about the new sound for the seventh album, announces "Where Have You Been" single, freshlikedougie.com. URL consultato il 29 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2013).
  42. ^ Everything we know about Rihanna's new album, Gigwise, 30 luglio 2012. URL consultato il 21 settembre 2012.
  43. ^ a b c Jon Caramanica, Steely-Strong and Provocative as She Refines Her Persona, in The New York Times, The New York Times Company, 20 novembre 2012. URL consultato il 20 novembre 2012.
  44. ^ a b c Alexis Petridis, Rihanna: Unapologetic – review, in The Guardian (Londra), 15 novembre 2012, section G2, p. 21. URL consultato il 15 novembre 2012.
  45. ^ a b c d e f Andrew Hamp, Rihanna, 'Unapologetic': Track-By-Track Review, Billboard, 17 novembre 2012.
  46. ^ Gary Gentles, Rihanna- Diamonds, in Singers Room, MLE Publications, 26 settembre 2012. URL consultato il 26 settembre 2012.
  47. ^ Michael Baggs, Rihanna premieres new single: Diamonds, in Gigwise, Digital Giant, 26 settembre 2012. URL consultato il 26 settembre 2012.
  48. ^ Jocelyn Vena, Rihanna 'Captures The Spirit' Of 'Pony,' Ginuwine Says – Music, Celebrity, Artist News, MTV, 12 novembre 2012. URL consultato il 19 novembre 2012.
  49. ^ Rihanna debuts new song 'Stay' on 'Saturday Night Live' – video – Music News, Digital Spy, 12 novembre 2012. URL consultato il 19 novembre 2012.
  50. ^ Jocelyn Vena, Rihanna's Sincere 'Stay' Shines Under 'SNL' Spotlight – Music, Celebrity, Artist News, MTV.com, 12 novembre 2012. URL consultato il 19 novembre 2012.
  51. ^ (FR) lescharts.com, http://www.lescharts.com/showitem.asp?interpret=Rihanna+feat.+Chris+Brown&titel=Nobody%27s+Business&cat=s.
  52. ^ a b Unapologetic - Rihanna : Songs, Reviews, Credits, Awards, AllMusic. URL consultato il 26 novembre 2012.
  53. ^ Rihanna’s ‘Unapologetic’: Album Review, Idolator. URL consultato il 26 novembre 2012.
  54. ^ a b Randall Roberts, Review: Rihanna's 'Unapologetic' shines light on past drama, in Los Angeles Times, 16 novembre 2012. URL consultato il 16 novembre 2012.
  55. ^ Album Reviews - Rihanna - 'Unapologetic', NME. URL consultato il 26 novembre 2012.
  56. ^ Unapologetic / Album Reviews, Rolling Stone. URL consultato il 26 novembre 2012.
  57. ^ Rihanna - Unapologetic / Recensione / 2012, Sentireascoltare. URL consultato il 26 novembre 2012.
  58. ^ Rihanna: Unapologetic / MusicalWork Review, The A.V. Club. URL consultato il 26 novembre 2012.
  59. ^ Rihanna, Unapologetic, album review, The Daily Telegraph. URL consultato il 26 novembre 2012.
  60. ^ Album: Rihanna, Unapologetic (Mercury/Def Jam) - Reviews, The Independent. URL consultato il 26 novembre 2012.
  61. ^ ALBUM REVIEWS - Rihanna: Unapologetic, The Times. URL consultato il 26 novembre 2012.
  62. ^ Neil McCormick, Rihanna, Unapologetic, album review, in The Daily Telegraph (Londra), 16 novembre 2012. URL consultato il 16 novembre 2012.
  63. ^ James Reed, Rihanna takes aim at critics on ‘Unapologetic’, in The Boston Globe, 20 novembre 2012. URL consultato il 20 novembre 2012.
  64. ^ Unapologetic Album Credits, su rihannanow.com. URL consultato il 28 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2013).
  65. ^ Conosciuta anche come Fresh Off the Runway
  66. ^ Andy Kellman, Unapologetic - Rihanna, AllMusic, 2012. URL consultato il 15 giugno 2016.
  67. ^ http://italiancharts.com/showitem.asp?interpret=Rihanna&titel=Unapologetic&cat=a
  68. ^ (FR) Top Albums : "Génération Goldman" détrône Hallyday, Rihanna démarre fort, Pokora rebondit, Syndicat national de l'édition phonographique. Chartsinfrance.net. URL consultato il 29 novembre 2012.
  69. ^ (FR) Top Albums : Patrick Bruel devant "Génération Goldman" et Céline Dion, Booba bat un record, Syndicat national de l'édition phonographique. Chartsinfrance.net. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  70. ^ (FR) "Génération Goldman" surprend, Céline Dion assure, Syndicat national de l'édition phonographique. Chartsinfrance.net. URL consultato il 16 dicembre 2012.
  71. ^ (FR) L'album Unapologetic de Rihanna : extraits, infos, charts, titres, écouter et télécharger., Syndicat national de l'édition phonographique. Chartsinfrance.net.
  72. ^ (FR) Tops UK : Olly Murs réalise le doublé, Rihanna et Bruno Mars s'envolent, Kesha déçoit, Syndicat national de l'édition phonographique. Chartsinfrance.net. URL consultato il 4 dicembre 2012.
  73. ^ (FR) Tops UK : Olly Murs résiste, Michael Bublé cartonne, Gabrielle Aplin surprend et Tulisa floppe, Syndicat national de l'édition phonographique. Chartsinfrance.net. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  74. ^ a b (EN) The Official Top 40 Biggest Selling Albums Of 2012 revealed!, su officialcharts.com. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  75. ^ (EN) Alicia Keys Earns Fifth No. 1 Album on Billboard 200 Chart, su billboard.com. URL consultato il 5 dicembre 2012.
  76. ^ (EN) Hip Hop Album Sales: The Week Ending 12/16/2012, su hiphopdx.com. URL consultato il 19 dicembre 2012.
  77. ^ (EN) Chart Moves: 'Pitch Perfect' First Soundtrack to Sell Half-Million in Nearly a Year, su billboard.com. URL consultato il 22 febbraio 2013.
  78. ^ (EN) Jimi Hendrix Lives Atop The Competition, Bruno Mars Hits A Milli, Kendrick Lamar's Good In Top 20 & T.I. Makes A Royal Return, su sohh.com. URL consultato il 13 marzo 2013.
  79. ^ Top 50 Albums Chart – 26/11/2012, ARIA. URL consultato il 26 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2012).
  80. ^ austriancharts.at - Rihanna - Unapologetic, austriancharts.at. URL consultato il 28 novembre 2012.
  81. ^ ultratop.be - Rihanna - Unapologetic, ultratop.be. URL consultato il 30 novembre 2012.
  82. ^ ultratop.be - Rihanna - Unapologetic, ultratop.be. URL consultato il 30 novembre 2012.
  83. ^ (EN) Canadian Albums, su billboard.com. URL consultato il 29 novembre 2012.
  84. ^ danishcharts.com - Rihanna - Unapologetic, danishcharts.com. URL consultato il 30 novembre 2012.
  85. ^ finnishcharts.com - Rihanna - Unapologetic, finnishcharts.com. URL consultato il 26 novembre 2012.
  86. ^ http://lescharts.com - Rihanna - Unapologetic, http://lescharts.com. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  87. ^ charts.de - Rihanna - Unapologetic, hitparade.ch. URL consultato il 27 novembre 2012.
  88. ^ Irish Music Charts Archive: Top 75 Artist Album, Week Ending 22 November 2012, GFK Chart-Track. URL consultato il 26 novembre 2012.
  89. ^ Classifica settimanale dal 19-11-2012 al 25-11-2012, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 29 novembre 2012.
  90. ^ norwegiancharts.com - Rihanna - Unapologetic, norwegiancharts.com. URL consultato il 30 novembre 2012.
  91. ^ charts.org.nz - Rihanna - Unapologetic, charts.org.nz. URL consultato il 29 novembre 2012.
  92. ^ dutchcharts.nl - Rihanna - Unapologetic, dutchcharts.nl. URL consultato il 26 novembre 2012.
  93. ^ (PT) TOP 30 ARTISTAS, su media.rtp.pt. URL consultato il 29 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2012).
  94. ^ 2012-12-01 Top 40 Official UK Albums Archive, The Official Charts Company. URL consultato il 26 novembre 2012.
  95. ^ (CS) TOP50 Prodejní - RIHANNA - Unapologetic, su ifpicr.cz. URL consultato il 28 novembre 2012.
  96. ^ Scottish Albums Top 40 - 1st December 2012, The Official Charts Company. URL consultato il 26 novembre 2012 (archiviato il 26 novembre 2012).
  97. ^ (HU) Keresés lista és dátum szerint - 2012. 47. hét, su mahasz.hu. URL consultato il 28 novembre 2012.
  98. ^ (EN) ARIA Australian End of Year Chart - ARIA Top 100 Albums Chart - 2012, Australian Recording Industry Association, 7 gennaio 2013. URL consultato il 10 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2013).
  99. ^ (DE) Ö3 Austria Top 40 - Longplay Charts 2012, Orf.at. URL consultato il 3 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2013).
  100. ^ (NL) Jaaroverzichten 2012, Ultratop. Hung Medien. URL consultato il dicembre 2012.
  101. ^ (FR) RAPPORTS ANNUELS 2012, Ultratop. Hung Medien. URL consultato il dicembre 2012.
  102. ^ (DA) Album Top-100 - 2012 (PDF), Hitlisten.nu. URL consultato il 2 marzo 2013 (archiviato il 2 marzo 2013).
  103. ^ (FR) 200 album più venduti in Francia nel 2012 (PDF), su proxy.siteo.com.s3.amazonaws.com. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  104. ^ (EN) Best of 2012, Irish Recorded Music Association. URL consultato il 2 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2013).
  105. ^ CLASSIFICHE ANNUALI 2012 FIMI GfK: DOMINA IL REPERTORIO ITALIANO., su fimi.it. URL consultato il 14 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2013).
  106. ^ (NL) Jaaroverzichten 2012, MegaCharts. Hung Medien. URL consultato il dicembre 2012.
  107. ^ (DE) SWISS YEAR-END CHARTS 2012, su swisscharts.com. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  108. ^ a b Buy Unapologetic: Deluxe Edition Rihanna, R&B, CD/DVD, Sanity.com.au. URL consultato il 26 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2013).
  109. ^ Unapologetic - Edition Deluxe : Amazon.fr: Musique, Amazon.fr. URL consultato il 26 novembre 2012.
  110. ^ Unapologetic (Limited Deluxe Edition): Amazon.de: Musik, Amazon.de. URL consultato il 26 novembre 2012.
  111. ^ Unapologetic [Deluxe Edition]: Amazon.co.uk: Music, Amazon.co.uk. URL consultato il 26 novembre 2012.
  112. ^ a b Amazon.com: Unapologetic [Deluxe Edition] [CD/DVD]: Music, Amazon.com. URL consultato il 26 novembre 2012.
  113. ^ Unapologetic: Rihanna: Amazon.it: Musica, Amazon.it. URL consultato il 26 novembre 2012.
  114. ^ Unapologetic (Limited Deluxe Edition), Rihanna, BOL (Netherlands). URL consultato il 26 novembre 2012.
  115. ^ Unapologetic (Deluxe Edition) - Rihanna za 67,99 zł, Empik.com. URL consultato il 26 novembre 2012.
  116. ^ Unapologetic - Deluxe Explicit (CD+DVD) - Rihanna - Musik, CDON Group (Sweden). URL consultato il 26 novembre 2012.
  117. ^ Unapologetic - Deluxe Edition (w/ DVD, Limited Edition), CD Japan. URL consultato il 26 novembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica