Attentato di Fiumicino del 1985

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Strage di Fiumicino (1985))
Jump to navigation Jump to search
Strage di Fiumicino del 1985
Fiumicino1985.jpg
L'aeroporto di Fiumicino poco dopo l'attentato
TipoStrage
Data27 dicembre 1985
8:15
LuogoAeroporto di Roma-Fiumicino, Roma
StatoItalia Italia
Coordinate41°48′27″N 12°15′02.88″E / 41.8075°N 12.2508°E41.8075; 12.2508Coordinate: 41°48′27″N 12°15′02.88″E / 41.8075°N 12.2508°E41.8075; 12.2508
Responsabili4 terroristi palestinesi legati a Abu Nidal
Conseguenze
Morti16 (inclusi 3 terroristi)
Feriti76
Strage di Schwechat del 1985
TipoStrage
Data27 dicembre 1985
8:15
LuogoAeroporto di Vienna-Schwechat, Vienna
StatoAustria Austria
Obiettivopasseggeri della compagnia aerea israeliana El Al
Responsabili3 terroristi palestinesi legati a Abu Nidal
Conseguenze
Morti4 (incluso 1 terrorista)
Feriti44

L'attentato di Fiumicino del 1985 fu un attacco terroristico perpetrato il 27 dicembre 1985 dal gruppo palestinese estremista facente capo ad Abu Nidal, che assaltò l'aeroporto di Roma-Fiumicino; contemporaneamente venne colpito anche quello di Vienna; i due attacchi ebbero luogo con una differenza di pochi minuti l'uno dall'altro alle 9:15 circa.[1] In totale i due attentati causarono 19 morti e 120 feriti: 13 morti e 76 feriti a Roma, tre morti e 44 feriti a Vienna; tre terroristi del commando che attaccò l'aeroporto di Roma furono uccisi e uno, ferito, venne catturato, mentre nel commando che attaccò l'aeroporto di Vienna si contarono un morto e due feriti presi prigionieri.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'attacco all'aeroporto di Fiumicino[modifica | modifica wikitesto]

L'azione terroristica fu perpetrata da uomini armati che, dopo aver gettato bombe a mano, aprirono il fuoco con raffiche di mitra sui passeggeri in coda per il check-in dei bagagli presso gli sportelli della compagnia aerea nazionale israeliana El Al e dell'americana TWA, scegliendo le loro vittime in modo indiscriminato. Nell'attacco all'aeroporto di Fiumicino morirono 13 persone (tra cui il diplomatico statunitense Wes Wessels e il generale Donato Miranda Acosta, addetto militare del Messico in Italia) e 76 furono ferite. I terroristi che parteciparono alla strage di Fiumicino furono in totale quattro: tre di essi furono uccisi dalle guardie della sicurezza aeroportuale nel corso dell'azione e uno, il capo del commando Mohammed Sharam, fu catturato vivo dalla Polizia.[1][3]

L'attacco all'aeroporto di Vienna[modifica | modifica wikitesto]

Nell'attacco all'aeroporto di Vienna, con modalità simili a quello di Roma, causò tre vittime, un israeliano e due austriaci, tra i passeggeri, e 44 feriti. L'attacco coinvolse tre terroristi poi fuggiti su un'automobile rubata: uno di loro, Mongi Ben Aballah Saadaoui, venne ucciso durante l'inseguimento, gli altri due, Abdelaziz Merzaughi e Mongi Ben Ahmed Shaaouali, furono catturati alla fine dell'inseguimento.[4]

I terroristi[modifica | modifica wikitesto]

La regia del duplice attentato è stata attribuita al leader politico estremista e terrorista palestinese Abu Nidal.

Secondo quanto riferisce l'ammiraglio Fulvio Martini (all'epoca direttore del SISMI) nella sua autobiografia Nome in codice: Ulisse, i servizi italiani erano stati avvertiti fin dal 10 dicembre della possibilità di un attentato e poi, grazie alle informazioni ricevute dai servizi di un paese arabo amico, il 19 dicembre erano riusciti a restringere il periodo temporale in cui sarebbe avvenuto tra il 25 e il 31 dicembre e a individuare il bersaglio nell'aeroporto di Fiumicino. Stando a quanto afferma l'ammiraglio, sia le forze di polizia italiane sia i servizi alleati furono avvertiti. Gli stessi israeliani, dopo questo avvertimento, fecero appostare diversi tiratori scelti in difesa della postazione della compagnia El Al. Furono poi questi tiratori tra i primi ad aprire il fuoco sugli attentatori. Tuttavia, sempre secondo Martini, qualcosa non funzionò nella gestione delle forze dell'ordine italiane e nonostante le informazioni ottenute con più di una settimana di anticipo l'azione dei terroristi non venne fermata in tempo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Telegiornale: Roma, attentato a Fiumicino, TG3 (Network Rai), 27 dicembre 1985. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  2. ^ (EN) Twin Attacks at the Airports of Vienna and Rome (Dec. 27, 1985), su shabak.gov.il. URL consultato il 21 gennaio 2018.
  3. ^ Nel 1985 uccise 13 persone nella strage all’aeroporto di Fiumicino. Adesso esce di cella e fa il giardiniere, su Focus on Israel. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  4. ^ (DE) Zeit im Bild (News): Terroranschlag auf den Flughafen Wien-Schwechat 1985, ORF Austrian Broadcasting Corporation, 27 dicembre 1985. URL consultato il 2 febbraio 2014.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Fulvio Martini, Nome in codice: Ulisse, Rizzoli, 1999
  • (EN) BBC: "On This Day", su news.bbc.co.uk.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]