Dichiarazione d'indipendenza israeliana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dichiarazione d'indipendenza israeliana

La Dichiarazione d'indipendenza israeliana,[N 1] formalmente nota come dichiarazione dell'istituzione dello Stato d'Israele (in ebraico: הכרזה על הקמת מדינת ישראל), fu proclamata il 14 maggio 1948 (5 Iyar 5708) da David Ben Gurion, capo esecutivo dell'Organizzazione sionista mondiale,[N 2][1] presidente dell'Agenzia Ebraica per Israele, e presto diventerà primo primo ministro d'Israele.[2] Dichiarò l'istituzione di uno stato ebraico nella terra d'Israele denominato Stato d'Israele, che entrerà in vigore alla fine del mandato britannico alla mezzanotte di quel giorno.[3][4]

L'evento è celebrato ogni anno in Israele con una festa nazionale dell'indipendenza il 5 Iyar di ogni anno secondo il calendario ebraico.[5]

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Dichiarazione Balfour (1917), Libro bianco (Palestina), Mandato britannico della Palestina, Olocausto e Sionismo.
Il piano di partizione delle Nazioni Unite
Ritratto di lord Balfour, insieme alla sua dichiarazione del 1917

La possibilità di una patria ebraica nel mandato britannico della Palestina era stata un obiettivo delle organizzazioni sioniste dalla fine del XIX secolo. Nel 1917, l'allora ministro degli Esteri britannico, Arthur Balfour, dichiarò in una lettera al leader della comunità ebraica britannica lord Walter Rothschild, che:[6]

«L'opinione del governo di Sua Maestà favorisce l'istituzione in Palestina di una casa nazionale per il popolo ebraico e farà del suo meglio per facilitare il raggiungimento di questo oggetto, fermo restando che non deve essere fatto nulla che possa ledere i diritti civili e religiosi delle comunità non ebree esistenti in Palestina o dei diritti e dello status politico di cui godono gli ebrei in qualsiasi altro paese.»

(Arthur Balfour, lettera a Walter Rothschild)

Attraverso questa lettera, che divenne nota come Dichiarazione Balfour, la politica del governo britannico approvò ufficialmente il sionismo. Dopo la prima guerra mondiale, il Regno Unito ricevette un mandato per la Palestina, che aveva conquistato dagli ottomani durante la guerra. Nel 1937 la Commissione Peel suggerì di spartire Mandato Palestina in uno stato arabo e uno stato ebraico, sebbene la proposta fu respinta dal governo come inattuabile e fu almeno in parte responsabile del rinnovamento della rivolta araba del 1936-1939.

Di fronte alla crescente violenza dopo la seconda guerra mondiale, gli inglesi consegnarono la questione alle Nazioni Unite recentemente istituite. Il risultato fu la risoluzione 181 (II), un piano per dividere il territorio del mandato britannico della Palestina tra Stati arabi ed ebrei indipendenti con un regime internazionale speciale per la città di Gerusalemme. Lo stato ebraico avrebbe ricevuto circa il 56% della superficie terrestre del Mandato di Palestina, includendo l'82% della popolazione ebraica, sebbene fosse separata da Gerusalemme. Il piano fu accettato dalla maggior parte della popolazione ebraica, ma respinto da gran parte della popolazione araba. Il 29 novembre 1947, la risoluzione raccomandava al Regno Unito, in quanto potenza mandataria per la Palestina, e a tutti gli altri membri delle Nazioni Unite, l'adozione e l'attuazione, per quanto riguarda il futuro governo del Mandato britannico della Palestina, del piano di partizione con l'unione economica sono state messe ai voti nel Assemblea Generale delle Nazioni Unite.[7]

Il risultato è stato da 33 a 13 a favore della risoluzione, con 10 astensioni.

«Risoluzione 181 (II): PARTE I: Costituzione e governo futuri della Palestina:
A. RISOLUZIONE DEL MANDATO, PARTIZIONE E INDIPENDENZA:
la clausola 3 prevede:
Stati arabi ed ebrei indipendenti e il regime internazionale speciale per la città di Gerusalemme (...) nasceranno in Palestina due mesi dopo che l'evacuazione delle forze armate della potenza obbligatoria è stata completata, ma in ogni caso entro il 1° ottobre 1948.»

(Risoluzione 181)

I paesi arabi, che si erano tutti opposti al piano, hanno proposto di interrogare la Corte internazionale di giustizia sulla competenza dell'Assemblea generale a dividere un paese, ma la risoluzione è stata respinta.

Redazione del testo[modifica | modifica wikitesto]

Nel giorno della sua proclamazione, Eliahu Epstein scrisse a Harry S. Truman che lo stato era stato proclamato "all'interno delle frontiere approvate dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nella sua risoluzione del 29 novembre 1947".

La prima bozza della dichiarazione è stata fatta da Zvi Berenson, consulente legale del sindacato Histadrut e in seguito giudice della Corte suprema, su richiesta di Pinchas Rosen. Una seconda bozza, rivista, è stata fatta da tre avvocati, A. Beham, A. Hintzheimer e Z. E. Baker, ed è stata rivista da un primo comitato che comprende David Remez, Pinchas Rosen, Haim Moshe Shapira, Moshe Sharett e Aharon Zisling.[8] Una seconda riunione del comitato, che comprendeva David Ben Gurion, Yehuda Leib Maimon, Moshe Sharett e Aharon Zisling, ha prodotto il testo finale.[9]

Voto del Minhelet HaAm[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 maggio 1948, il Minhelet HaAm (in ebraico: מנהלת העם, letteralmente Amministrazione popolare) fu convocato per votare sulla dichiarazione d'indipendenza.[10][11] Mancavano tre dei tredici membri, con Yehuda Leib Maimon e Yitzhak Gruenbaum bloccati nella Gerusalemme assediata, mentre Yitzhak Meir Levin era negli Stati Uniti.

L'incontro è iniziato alle 1:45 del pomeriggio e si è concluso dopo la mezzanotte. La decisione era tra accettare la proposta di tregua, formulata dagli americani, o dichiarare l'indipendenza. Quest'ultima opzione è stata messa ai voti, con sei dei dieci membri presenti a sostenerla:

Chaim Weizmann, presidente dell'Organizzazione sionista mondiale, e che presto diventerà il primo presidente d'Israele, approvò la decisione, dopo aver riferito di aver chiesto:[8]

«Cosa stanno aspettando, gli idioti?»

(Chaim Weizmann)

Formulazione finale[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto di testo è stato presentato per l'approvazione a una riunione di Moetzet HaAm (in ebraico: מועצת העם, letteralmente Consiglio popolare) presso l'edificio del Fondo Nazionale Ebraico di Tel Aviv il 14 maggio. La riunione è iniziata alle 13:50 e si è conclusa alle 15:00, un'ora prima che la dichiarazione dovesse essere fatta, e nonostante le divergenze in corso, con un voto unanime a favore del testo finale. Durante il processo, ci sono stati due dibattiti importanti, incentrati su questioni quali confini e religione.

Confini[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Piano di partizione della Palestina.
Gli abitanti di Tel Aviv aspettano fuori dall'edificio del JNF i delegati durante la dichiarazione di indipendenza

I confini non sono stati specificati nella Dichiarazione. Tuttavia, il suo quattordicesimo paragrafo includeva un impegno per l'attuazione del piano di partizione delle Nazioni Unite:

«Lo Stato d'Israele è pronto a cooperare con le agenzie e i rappresentanti delle Nazioni Unite per attuare la risoluzione dell'Assemblea Generale del 29 novembre 1947»

(Dichiarazione d'indipendenza d'Israele)

Il progetto originale aveva dichiarato che i confini sarebbero stati decisi dal piano di partizione dell'ONU. Mentre questo è stato sostenuto da Pinchas Rosen e Bechor Shalom Sheetrit, è stato contrastato da Ben Gurion e Aharon Zisling, con Ben Gurion che ha dichiarato:[8]

«Abbiamo accettato la risoluzione delle Nazioni Unite, ma gli arabi no, si stanno preparando a farci guerra. Se li sconfiggiamo e catturiamo la Galilea occidentale o il territorio su entrambi i lati della strada per Gerusalemme, queste aree diventeranno parte dello stato. Perché dovremmo obbligarci ad accettare confini che in ogni caso gli arabi non accettano?»

(Ben Gurion)

L'inclusione della designazione dei confini nel testo è stata abbandonata dopo che il governo provvisorio d'Israele, il Minhelet HaAm, ha votato 5 a 4 contro di esso.[9] I revisionisti, impegnati in uno stato ebraico su entrambe le sponde del fiume Giordano, ovvero la Transgiordania, volevano includere la frase "entro i suoi confini storici", ma senza successo.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo problema principale riguardava l'inclusione di Dio nell'ultima sezione del documento, con la bozza che utilizzava la frase "e riponendo la nostra fiducia nell'Onnipotente". I due rabbini, Shapira e Yehuda Leib Maimon, hanno sostenuto la sua inclusione, dicendo che non poteva essere omesso, con Shapira che sosteneva la dicitura "Dio d'Israele" o "Onnipotente e Redentore d'Israele".[8] Fu fortemente opposto da Aharon Zisling, un membro del secolarista Mapam. Alla fine fu usata la frase "rocca d'Israele", che poteva essere interpretata come riferendosi a Dio, o alla terra d'Israele, Ben Gurion dice:

«Ognuno di noi, a modo suo, crede nella "rocca d'Israele" mentre la concepisce. Vorrei fare una richiesta: non lasciare che questa frase venga votata.»

(Ben Gurion)

Sebbene il suo uso fosse ancora contrastato da Zisling, la frase fu accettata senza voto.

Denominazione del nuovo stato[modifica | modifica wikitesto]

David Ben Gurion legge la dichiarazione d'indipendenza alla cerimonia della dichiarazione di stato il 14 maggio 1948 davanti ai microfoni della casa discografica Sound

Gli scrittori dovevano anche decidere il nome del nuovo stato. Terra d'Israele (Eretz Israel), Ever (dal nome Eber), Judea e Sion furono tutti suggeriti, così come Ziona, Ivriya ed Herzliya.[12] La Giudea e Sion furono respinte perché, secondo il piano di spartizione, Gerusalemme (Sion) e la maggior parte dei monti della Giudea sarebbero stati fuori dal nuovo stato.[13] Ben Gurion ha presentato "Israele" ed è passato con un voto di 6 a 3.[14] I documenti ufficiali rilasciati nell'aprile 2013 dall'Archivio di Stato d'Israele mostrano che alcuni giorni prima della fondazione dello Stato d'Israele nel maggio 1948, i funzionari stavano ancora discutendo su come il nuovo paese sarebbe stato chiamato in arabo: Palestina (فلسطين Filastin), Sion (صهيون Sayoun) o Israele (إسرائيل Eesra'il). Furono fatte due ipotesi: "Che uno stato arabo stava per essere istituito accanto a quello ebraico in linea con la risoluzione delle partizioni dell'ONU dell'anno precedente, e che lo stato ebraico avrebbe incluso una grande minoranza araba i cui sentimenti dovevano essere presi in considerazione". Alla fine, i funzionari hanno respinto il nome Palestina perché pensavano che sarebbe stato il nome del nuovo stato arabo e avrebbero potuto creare confusione, quindi hanno optato per l'opzione più semplice: Israele.[15]

Altri contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Alla riunione del 14 maggio, diversi altri membri di Moetzet HaAm hanno suggerito aggiunte al documento. Meir Vilner voleva che denunciasse il mandato e le forze armate britanniche, ma Sharett disse che era fuori posto. Meir Argov ha spinto a menzionare i campi degli sfollati in Europa e a garantire la libertà di lingua. Ben Gurion concordò con quest'ultimo, ma notò che l'ebraico doveva essere la lingua principale dello stato.

Il dibattito sulla formulazione non è terminato del tutto anche dopo che la dichiarazione era stata formulata. Il firmatario della dichiarazione Meir David Loewenstein ha successivamente affermato:[16]

«Ha ignorato il nostro unico diritto alla terra d'Israele, che si basa sull'alleanza del Signore con Abramo, nostro padre, e ha ripetuto le promesse nel Tanach. Ha ignorato l'aliyah del Ramban e degli studenti del Vilna Gaon e del Ba'al Shem Tov e i diritti degli ebrei che vivevano nel "Vecchio Yishuv".»

(Meir David Lowenstein)

Cerimonia di dichiarazione[modifica | modifica wikitesto]

L'invito alla cerimonia, datato 13 maggio 1948.

La cerimonia si tenne al museo di Tel Aviv (oggi noto come Independence Hall) ma non fu ampiamente pubblicizzato poiché si temeva che le autorità britanniche potessero tentare di impedirlo o che gli eserciti arabi potessero invadere prima del previsto. Un messaggero è stato inviato dal corriere la mattina del 14 maggio, dicendo ai destinatari di arrivare alle 15:30 e di mantenere segreto l'evento. L'evento è iniziato alle 16:00 (orario scelto per non violare il sabato) ed è stato trasmesso in diretta come prima trasmissione della nuova stazione radio Kol Yisrael.[17]

Una folla celebrativa fuori dal museo di Tel Aviv, situata nel 16 Rothschild Boulevard, per ascoltare la dichiarazione

La bozza finale della dichiarazione è stata digitata presso l'edificio del Fondo Nazionale Ebraico in seguito alla sua approvazione all'inizio della giornata. Ze'ev Sherf, che rimase nell'edificio per consegnare il testo, si era dimenticato di organizzare il trasporto per se stesso. Alla fine, ha dovuto contrassegnare un'auto di passaggio e chiedere all'autista (che guidava un'auto in prestito senza patente) di portarlo alla cerimonia. La richiesta di Sherf fu inizialmente respinta ma riuscì a convincere l'autista a prenderlo.[8] L'auto è stata fermata da un poliziotto per eccesso di velocità durante la guida attraverso la città anche se un biglietto non è stato emesso dopo che gli è stato spiegato che stava ritardando la dichiarazione di indipendenza.[14] Sherf è arrivato al museo alle 15:59.[18]

David Ben-Gurion dichiara l'indipendenza sotto un grande ritratto di Theodor Herzl, fondatore del sionismo moderno

Alle 16:00, Ben Gurion ha aperto la cerimonia battendo il martelletto sul tavolo, provocando una consegna spontanea di Hatikvah, che presto diventerà l'inno nazionale israeliano, tra i 250 ospiti.[14] Sul muro dietro il podio c'era un ritratto di Theodor Herzl, il fondatore del moderno sionismo, e due bandiere, di quella che in seguito diventerà la bandiera ufficiale d'Israele.

Dopo aver detto al pubblico:

«Ora ti leggerò la pergamena della dichiarazione d'indipendenza d'Israele, che ha superato la sua prima lettura da parte del Consiglio Nazionale»

(Ben Gurion)

, Ben Gurion ha continuato a leggere la dichiarazione, impiegando 16 minuti, terminando con le parole:

«Accettiamo la pergamena della fondazione dello stato ebraico alzandosi»

(Ben Gurion)

e invitando il rabbino Fishman a recitare la benedizione di Shehecheyanu.[14]

Firmatari[modifica | modifica wikitesto]

Come leader dello Yishuv, David Ben Gurion fu la prima persona a firmare. La dichiarazione doveva essere firmata da tutti i 37 membri di Moetzet HaAm. Tuttavia, non potevano partecipare dodici membri, undici dei quali intrappolati nella Gerusalemme assediata e uno all'estero. I restanti 25 firmatari presenti sono stati richiamati in ordine alfabetico per firmare, lasciando spazi per gli assenti. Sebbene gli fosse rimasto uno spazio tra le firme di Eliyahu Dobkin e Meir Vilner, Zerach Warhaftig firmò in cima alla colonna successiva, portando a ipotizzare che il nome di Vilner fosse stato lasciato solo per isolarlo o per sottolineare che anche un comunista era d'accordo con la dichiarazione.[14] Tuttavia, Warhaftig in seguito lo negò, affermando che gli era stato lasciato uno spazio (poiché era uno dei firmatari intrappolati a Gerusalemme) in cui una forma ebraica del suo nome si sarebbe adattata alfabeticamente, ma ha insistito per firmare sotto il suo nome reale in modo da onorare la memoria di suo padre e così è stato spostato giù di due spazi. Lui e Vilner sarebbero stati gli ultimi firmatari sopravvissuti e rimasero vicini per il resto della loro vita. Dei firmatari, due erano donne: Golda Meir (Meyerson/Myerson) e Rachel Cohen Kagan.[19]

Ben Gurion (a sinistra) Firma della Dichiarazione di Indipendenza detenuta da Moshe Sharet

Quando Herzl Rosenblum, un giornalista, fu chiamato per firmare, Ben Gurion gli ordinò di firmare sotto il nome di Herzl Vardi, suo pseudonimo, poiché desiderava più nomi ebraici sul documento. Sebbene Rosenblum accettò la richiesta di Ben Gurion e legalmente cambiò il suo nome in Vardi, in seguito ammise di pentirsi di non aver firmato con Rosenblum.[14] Numerosi altri firmatari in seguito ebraizzarono i loro nomi, tra cui Meir Argov (Grabovsky), Peretz Bernstein (poi Fritz Bernstein), Avraham Granot (Granovsky), Avraham Nissan (Katznelson), Moshe Kol (Kolodny), Yehuda Leib Maimon (Fishman), Golda Meir (Meyerson / Myerson), Pinchas Rosen (Felix Rosenblueth) e Moshe Sharett (Shertok). Altri firmatari hanno aggiunto i loro tocchi, tra cui Saadia Kobashi che ha aggiunto la frase "HaLevy", riferendosi alla tribù di Levi.[20]

Dopo che Sharett, l'ultimo dei firmatari, aveva messo il suo nome sulla carta, il pubblico si fermò di nuovo e l'orchestra filarmonica d'Israele suonò l'inno nazionale. Ben Gurion ha concluso l'evento con le parole:[14]

«Lo Stato d'Israele è stabilito! Questo incontro è aggiornato!»

(Ben Gurion)

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Conflitto arabo-israeliano e Guerra arabo-israeliana del 1948.
Numero di HaMashkif, giornale del movimento revisionista in Israele. Domenica, Iyar 7, 1948. Il titolo annuncia: "lo Stato d'Israele è stato stabilito". Sulla prima foglia compaiono fotografie di Herzl e Jabotinsky, il testo della Dichiarazione di Indipendenza e le parole del comandante principale di Irgun Tzeva'i Leumi

La dichiarazione è stata firmata in un contesto di guerra civile tra le popolazioni arabe ed ebraiche del mandato, iniziata il giorno dopo il voto di spartizione alle Nazioni Unite sei mesi prima. I vicini stati arabi e la Lega Araba si sono opposti al voto e hanno dichiarato che sarebbero intervenuti per impedirne l'attuazione. In un cablogramma del 15 maggio 1948 al Segretario Generale delle Nazioni Unite, il Segretario Generale della Lega degli Stati Arabi affermò che:[21]

«gli Stati Arabi si trovano costretti a intervenire per ripristinare la legge e l'ordine e per controllare ulteriori spargimenti di sangue.»

(Segretario generale della Lega degli stati Arabi)

Nei giorni successivi alla dichiarazione, gli eserciti di Egitto, Transgiordania, Iraq e Siria ingaggiarono truppe israeliane nell'area di quella che aveva appena cessato di essere Palestina mandataria, dando così inizio alla guerra arabo-israeliana del 1948. Una tregua iniziò l'11 giugno, ma i combattimenti ripresero l'8 luglio e si fermarono di nuovo il 18 luglio, prima di ricominciare a metà ottobre e terminare infine il 24 luglio 1949 con la firma dell'accordo di armistizio con la Siria. A quel punto Israele aveva mantenuto la sua indipendenza e aumentato la sua area di terra di quasi il 50% rispetto al piano delle Nazioni Unite del 1947.[22]

Il primo lato del disco con la registrazione della Dichiarazione di Indipendenza dello Stato d'Israele

In seguito alla dichiarazione, Moetzet HaAm divenne il Consiglio di Stato provvisorio, che fungeva da organo legislativo per il nuovo stato fino alle prime elezioni del gennaio 1949.

Molti dei firmatari avrebbero avuto un ruolo di primo piano nella politica israeliana dopo l'indipendenza: Moshe Sharett e Golda Meir sono stati entrambi Primo Ministro, Yitzhak Ben Zvi è diventato il secondo presidente del paese nel 1952, e molti altri sono stati ministri. David Remez fu il primo firmatario a morire, morendo nel maggio del 1951, mentre Meir Vilner, il più giovane firmatario a soli 29 anni, fu il più longevo, prestando servizio nella Knesset fino al 1990 e morendo nel giugno 2003. Eliyahu Berligne, il più vecchio firmatario di 82, è deceduto nel 1959. fix Undici minuti dopo mezzanotte, gli Stati Uniti hanno di fatto riconosciuto lo Stato d'Israele.[23] Ciò è stato seguito dall'Iran dellos Scià Mohammad Reza Pahlavi - che aveva votato contro il piano di spartizione delle Nazioni Unite - Guatemala, Islanda, Nicaragua, Romania, Uruguay. L'Unione Sovietica fu la prima nazione a riconoscere pienamente Israele de jure il 17 maggio 1948,[24] seguito da Polonia, Cecoslovacchia, Jugoslavia, Irlanda e Sudafrica. Gli Stati Uniti hanno esteso il riconoscimento ufficiale dopo le prime elezioni israeliane, come aveva promesso Truman il 31 gennaio 1949.[25] In virtù della risoluzione dell'Assemblea generale 273 (III), Israele fu ammesso a far parte delle Nazioni Unite l'11 maggio 1949.[26]

Nei tre anni successivi alla guerra arabo-israeliana del 1948, circa 700.000 ebrei immigrarono in Israele, risiedendo principalmente lungo i confini e nelle ex terre arabe.[27] Circa 136.000 furono alcuni dei 250.000 sfollati ebrei della seconda guerra mondiale. E dalla guerra arabo-israeliana del 1948 fino ai primi anni '70, 800.000-1.000.000 di ebrei lasciarono, fuggirono o furono espulsi dalle loro case nei paesi arabi; 260.000 di loro raggiunsero Israele tra il 1948 e il 1951 e 600.000 entro il 1972.[28][29][30]

Allo stesso tempo, un gran numero di arabi partì, fuggì o fu espulso da quello che divenne Israele. Nella relazione del comitato tecnico sui rifugiati, presentata alla Commissione di conciliazione delle Nazioni Unite per la Palestina a Losanna il 7 settembre 1949 A / 1367 / Rev.1 al paragrafo 15,[31] la stima dell'esperto statistico, che il Comitato riteneva accurato quanto le circostanze lo consentivano, ha indicato che i rifugiati dal territorio controllato da Israele ammontavano a circa 711.000.[32]

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

Per Alain Dieckhoff, se il regime politico d'Israele non è definito in questa dichiarazione, il suo carattere ebraico è affermato lì e i principi fondamentali che costituiscono uno stato di diritto appaiono lì esplicitamente: giustizia e pace, libertà di coscienza, adorazione, educazione e cultura, cittadinanza equa e completa e soprattutto:[33]

«completa uguaglianza dei diritti sociali e politici a tutti i cittadini senza distinzione di credo, razza e sesso.»

(Alain Dieckhoff)

Lo stesso Alain Dieckhoff spiega anche che questa dichiarazione è il risultato di un compromesso tra i diversi componenti del movimento sionista.[34] Pertanto, la designazione "Stato d'Israele" evita di parlare del concetto di "Repubblica d'Israele" che i sionisti religiosi hanno rifiutato. La creazione di questo stato è giustificata dal legame indissolubile tra il popolo ebraico e la sua terra, il volontarismo dei pionieri che resuscitarono la lingua ebraica, costruirono città e villaggi, dalla Shoah, dai principi del diritto internazionale (dichiarazione Balfour e il piano di partizione della Palestina votato dall'ONU) e dal principio di autodeterminazione. Finalmente ancora secondo Alain Dieckhoff, la roccia d'Israele menzionata in conclusione è intesa come popolo ebraico dagli agnostici e come Dio dai religiosi.[34]

Analisi per passaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il documento inizia tracciando una linea diretta tra i tempi biblici e il presente:[8]

«la terra d'Israele è il luogo di nascita del popolo ebraico. Lì si formò la sua identità spirituale, religiosa e politica. Lì per la prima volta ebbe uno stato, creò valori culturali di valore nazionale e universale e diede al mondo l'eterno Libro dei Libri.»

Riconosce l'esilio ebraico nel corso dei secoli, citando sia la vecchia fede che la nuova "politica":

«Dopo essere stati costretti all'esilio dalla loro terra, le persone hanno mantenuto la loro fede durante la diaspora e non hanno mai smesso di pregare e aspettare il loro ritorno lì e il ripristino della loro libertà politica.»

Parla del desiderio sincero degli ebrei di tornare nel loro ex paese:

«Indotti dai loro legami storici e tradizionali, gli ebrei si sforzarono in ogni generazione successiva di ristabilirsi nella propria patria ancestrale. Negli ultimi decenni, sono tornati in modo massiccio.»

Descrive l'immigrazione ebraica in Israele nei seguenti termini:

«Pionieri e sostenitori, fecero fiorire i deserti, resuscitarono l'ebraico, costruirono numerose città e una prospera comunità controllando la propria economia e cultura, amando la pace ma sapendo come difendersi, portando benedizioni per il progresso di tutti gli abitanti del paese e aspirando all'indipendenza nazionale. Nel 1897, convocato dal padre spirituale dello stato ebraico, Theodor Herzl, convocò il Primo Congresso sionista e proclamò il diritto degli ebrei alla rinascita nazionale in cui sosteneva di essere il suo paese. Questo diritto fu sostenuto dal governo britannico nella Dichiarazione Balfour del 2 novembre 1917 e ribadito nel Mandato della Società delle Nazioni, in particolare a livello internazionale sancendo lo storico legame tra ebrei e Palestina e il diritto degli ebrei a ricostruire la propri casa nazionale.»

La Shoah spinge al reinsediamento della madrepatria:

«La recente catastrofe sugli ebrei - il massacro di milioni di ebrei in Europa - è stata un'altra chiara dimostrazione dell'urgenza di risolvere il problema della loro mancanza di stato ristabilendo in Israele lo stato ebraico. Le porte della patria per ogni ebreo e darebbe agli ebrei il privilegio di essere membro della comunità delle nazioni. I sopravvissuti all'Olocausto nazista in Europa, così come gli ebrei in altre parti del mondo, hanno continuato a emigrare in Israele, impotenti di fronte a difficoltà, restrizioni e pericoli, e non hanno mai smesso di far valere il loro diritto a una vita di dignità, libertà e di legami con la loro patria nazionale.»

Il 29 novembre 1947, l'Assemblea Generale approvò una risoluzione che raccomandava i profili per "La futura Costituzione e Governo della Palestina". Ha raccomandato l'istituzione di un governo provvisorio per lo stato ebraico, che potrebbe essere soggetto a determinati requisiti e garanzie costituzionali.[35] Ha incoraggiato gli abitanti d'Israele a prendere le misure necessarie per attuare una forma costituzionale di governo. Sulle questioni di sovranità e autodeterminazione:

«Il 29 novembre 1947, l'Assemblea Generale approvò una risoluzione che chiedeva l'istituzione di uno stato ebraico nella terra d'Israele; l'Assemblea Generale ha invitato gli abitanti della terra d'Israele a prendere le misure necessarie da parte loro per attuare questa risoluzione. Il riconoscimento delle Nazioni Unite del diritto degli ebrei di stabilire il proprio stato è irrevocabile. Questo diritto è il diritto naturale degli ebrei di essere padroni del proprio destino, come tutte le altre nazioni, del proprio stato sovrano. Così i membri e i rappresentanti degli ebrei di Palestina e del movimento sionista alla fine del mandato britannico, in virtù del loro diritto naturale e storico e basati sulla risoluzione delle Nazioni Unite dichiarano la creazione di uno stato ebraico nella terra d'Israele che sarà conosciuto come lo Stato d'Israele. Israele sarà aperto all'immigrazione ebraica e alla raccolta di esiliati; promuovere lo sviluppo del paese a beneficio di tutti i suoi abitanti; sarà basato sulla libertà, la giustizia e la pace come annunciato dai profeti d'Israele; deve garantire la piena uguaglianza dei diritti sociali e politici di tutti i suoi abitanti, indipendentemente dalla religione, dalla razza o dal sesso; deve garantire la libertà di religione, coscienza, lingua, istruzione e cultura; salvaguardare i luoghi santi di tutte le religioni e deve essere fedele ai principi della Carta delle Nazioni Unite»

Il nuovo stato ha promesso che avrebbe preso le misure necessarie per l'unione economica di tutta la terra d'Israele e ha dichiarato:[36]

«Tra gli attacchi di mesi contro di noi - agli abitanti arabi dello Stato d'Israele per preservare la pace e partecipare alla crescita dello Stato sulla base della piena ed equa cittadinanza e della sua rappresentanza in tutte le istituzioni provvisorie e permanenti. Estendiamo la nostra mano a tutti gli stati vicini e ai loro villaggi in un'offerta di pace e buon vicinato e chiediamo di stabilire legami di cooperazione e aiuto reciproco con il popolo sovrano ebreo stabilito nel proprio paese. Lo Stato d'Israele è pronto a fare la sua parte in uno sforzo congiunto per far avanzare l'intero Medio Oriente.»

Infine, gli ebrei della diaspora sono chiamati a unirsi agli "ebrei liberi nella loro terra" immigrando e costruendo e per stare con coloro che lottano per la realizzazione del loro sogno eterno, la redenzione d'Israele. La Dichiarazione distingue tra ebrei nella terra d'Israele ed ebrei nel resto del mondo. Si conclude con la frase "MiToh Bitahon BeTzur Yisrael", che può essere tradotta come "Con fede nel Dio d'Israele" o, in alternativa, "Con la forza d'Israele". Questo doppio significato significava che il documento finiva in modo soddisfacente sia per le fazioni secolari che per quelle religiose dello Yishuv.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Interno della Indipendence Hall ai giorni nostri

Principi[modifica | modifica wikitesto]

I principi del nuovo stato sono nella sua terza sezione. Questa sezione descrive i principi di base in base ai quali lo Stato d'Israele opererà:

  • Lo Stato d'Israele sarà aperto all'immigrazione ebraica.
  • Lo Stato d'Israele prenderà in considerazione lo sviluppo della terra a beneficio di tutti i suoi residenti.
  • Lo Stato d'Israele sarà fondato sulle basi della libertà, della giustizia e della pace alla luce della visione dei profeti d'Israele.
  • Lo Stato d'Israele manterrà pari diritti sociali e politici per tutti i suoi cittadini, indipendentemente da religione, razza e genere.
  • Lo Stato d'Israele garantirà la libertà di religione, libertà di coscienza, lingua, istruzione e cultura.
  • Lo Stato d'Israele preserverà i luoghi santi per tutte le religioni.
  • Lo Stato d'Israele sarà fedele ai principi della Carta delle Nazioni Unite.

Questi principi sono alla base della definizione dello Stato d'Israele come stato ebraico e democratico.

Dichiarazione d'intenti alle nazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nella quarta sezione (dichiarazione di intenti) vi è un obbligo più specifico e in particolare nei confronti degli arabi d'Israele.

  • Nazioni Unite, per favore, dai una mano al popolo ebraico nel costruire il suo stato e nell'accettare lo Stato d'Israele nella famiglia delle nazioni.
  • Residenti arabi dello Stato d'Israele, che chiedono la pace e prendono parte alla costruzione dello stato sulla base della piena ed equa cittadinanza e rappresentanza nelle istituzioni governative.
  • I paesi vicini e i loro popoli, chiedendo cooperazione e assistenza reciproca con il popolo ebraico indipendente nel loro paese.
  • Il popolo ebraico nella diaspora, chiedendo l'immigrazione nello Stato d'Israele, contribuisce alla sua costruzione e si pone sempre alla sua destra.

Osservazioni in merito alla dichiarazione d'indipendenza da parte del consiglio di stato provvisorio[modifica | modifica wikitesto]

Prima pagina del verbale della prima riunione del Consiglio provvisorio dello Stato d'Israele

Nella prima riunione del Consiglio di Stato provvisorio, i membri del consiglio hanno fornito informazioni sulla dichiarazione di stato.[37]

«Non approvo il seguente paragrafo: "Lo Stato d'Israele sarà pronto a cooperare con le istituzioni e i rappresentanti delle Nazioni Unite per adempiere alla sua risoluzione del 29 novembre 1947 e lavorerà per stabilire la piena unità economica della Palestina". Siamo sconvolti da questo paragrafo perché ha una sorta di suggerimento - sottolineo: suggerimento - di consenso alla divisione. Vorremmo pubblicare questa riserva come promesso dal Primo Ministro, la nostra partecipazione all'ultima sessione del Consiglio popolare e alla cerimonia festiva non annulla l'atteggiamento dei nostri rappresentanti nella sede sionista. Abbiamo partecipato perché non volevamo essere separati dalla regola in un'occasione così importante e festosa. Inoltre, non volevamo indebolire l'impressione di Likud e la piena unificazione attorno al primo governo esteriore.»

«Il programma secolare e la forma secolare di questa dichiarazione, che viene utilizzata nella fondazione dello Stato d'Israele, ha gravemente danneggiato i miei sentimenti e i sentimenti del giudaismo ultra-ortodosso per i seguenti motivi: a) Ignora il nostro unico diritto alla terra d'Israele, che si basa su un'alleanza tra l'alleanza del Signore con Abramo e le molte promesse che abbiamo fatto nella Toràh, nei libri dei profeti e nelle sacre scritture. B) Ignora i grandi diritti del vecchio insediamento che gettò le basi per la costruzione della terra mentre soffriva innumerevoli sacrifici e l'amore sincero e fedele di Sion, mantenuto l'eterna connessione tra il popolo disperso e la terra desolata. Il proclama ricorda l'élite di Ramban, studenti del Vilna Gaon e dell'Autorità Palestinese, sottolineando che solo nelle ultime generazioni gli ebrei sono tornati nella loro terra nelle masse. C) Ignora il carattere speciale del nostro paese, la terra Santa e la Viola. Destinato non solo all'istituzione del suo regno indipendente, ma principalmente per il gusto di vivere una vita di santità e purezza. D) Si astiene dal menzionare e menzionare nella definizione del carattere dello Stato d'Israele che si baserà sulle leggi dei nostri insegnamenti sacri, scritti e devozionali e deve anche adempiere ai suoi comandamenti e leggi in tutte le aree della vita nello Stato d'Israele. E) E recentemente, si astiene dal menzionare il nome, ringraziando il Dio d'Israele per essere venuto, i miracoli visibili a cui i nostri occhi hanno assistito in questi giorni ed esprimendo la nostra convinzione che non dovremmo appoggiarci al nostro Padre celeste. Signori! Dovrei notare che, nonostante tutto quanto sopra, io, rappresentante di Agud-Israele, ho anche firmato la dichiarazione del Consiglio popolare, l'ho fatto, riconoscendo la dura responsabilità e il pericolo che ci circonda ovunque per impedire alle nazioni del mondo di interpretare le nostre riserve sul contenuto e la formulazione secolare della dichiarazione come una divisione all'interno del campo. Israele.»

«Devo sottolineare alcuni punti che riteniamo manchino dal diploma israeliano di base. Innanzi tutto, pensiamo che verremo lesi da un mandato che viene descritto unilateralmente, in modo inappropriato rispetto al suo vero contenuto. Pensiamo che tutti i problemi che hanno attraversato Israele negli ultimi trenta anni e le forme più brutali e palesi di oppressione degli ultimi tre anni siano il risultato del mandato britannico, che in effetti era un dominio coloniale basato sull'oppressione politica, economica e militare di entrambi i popoli del paese. Il governo obbligatorio straniero fece tutto il possibile per litigare tra ebrei e arabi secondo il principio imperialista di "segregare e governare" per impedire la loro indipendenza nazionale. Il governo obbligatorio era e rimane il principale organizzatore dell'attuale guerra contro la comunità ebraica e contro la storica decisione dell'Assemblea delle Nazioni Unite del 29 novembre 1947. C'è un altro punto che crediamo manchi da questo certificato di base; la spiegazione che abbiamo ascoltato dal sig. Sheratok non risponde a questa domanda. A nostro avviso, va detto che il Consiglio dichiara che vedrete l'esistenza di basi o basi militari britanniche o di altro tipo in Palestina dopo l'assassinio del primo agosto 1948 della sua indipendenza nella sovranità dello Stato d'Israele. Pensiamo che le cose siano visibili a tutti - che erano e rimangono nostri amici durante questa guerra, e il futuro prossimo e lontano dimostrerà chi saranno i nostri amici nella nostra indipendenza. E così il certificato di base deve indicare l'aiuto delle forze di pace e democrazia nel mondo per la nostra impresa di liberazione nazionale. Pensiamo alla mancanza di queste cose come un difetto nella pergamena fondante per lo Stato d'Israele. E così il certificato di base deve indicare l'aiuto delle forze di pace e democrazia nel mondo per la nostra impresa di liberazione nazionale. Pensiamo alla mancanza di queste cose come un difetto nella pergamena fondante per lo Stato d'Israele. E così il certificato di base deve indicare l'aiuto delle forze di pace e democrazia nel mondo per la nostra impresa di liberazione nazionale. Pensiamo alla mancanza di queste cose come un difetto nella pergamena fondante per lo Stato d'Israele. E poche altre cose: quante volte uno stato ebraico ritorna senza essere "indipendente". Comprendo che l'intenzione di tutti è per la vera indipendenza, ma in un momento simile, quando l'imperialismo distorce così tanto la nozione di indipendenza e vuole rappresentare la Giordania e l'Iraq come stati indipendenti, la questione di uno stato ebraico indipendente indipendente deve essere enfatizzata, quindi è chiaro che intendiamo l'indipendenza di verità. Con tutta l'importanza della carta fondamentale, che afferma l'uguaglianza dei diritti di tutti i cittadini israeliani, indipendentemente dalla nazionalità o dalla religione, in relazione al passato esistente che abbiamo una grande minoranza araba, una difficoltà - insieme ai diritti civili - indicherebbe anche i diritti degli arabi come minoranza nazionale per i nostri interessi. Per amore dell'amicizia, per la condivisione e per la realizzazione dell'elemento elementare di qualsiasi stato democratico in relazione a una minoranza nazionale.»

Zvi Lurie nel 1962
Kalman Kahane nel 1951

«I rappresentanti del Partito dei Lavoratori Uniti, che hanno condiviso la firma dello statuto istitutivo dello Stato, vedono che questo grande atto di giustizia storica è il trionfo del movimento di liberazione nazionale ebraico, il risultato degli sforzi pionieristici e dei risultati del movimento operaio ebraico, la lotta della comunità ebraica con i suoi oppressori. E la sua difesa contro i suoi assalitori, il costante e implacabile rovesciamento delle masse del nostro popolo da tutti gli angoli del mondo sulle rive della patria, il frutto del popolo d'Israele sul regime di schiavitù imperialista del potere del mandato e gli schemi di maturazione delle forze imperialiste in America, il pieno sostegno del loro fedele sostegno per E i gruppi guidati da repubbliche democratiche popolari. Il Partito dei Lavoratori Uniti giocherà più vigorosamente e più pienamente il suo ruolo pionieristico nella campagna - un dipendente e un sistema di combattimento - e allo stesso tempo si concentrerà sulla mobilitazione generale dell'intero pubblico per proteggere il nostro paese dall'attacco nemico, dagli invasori feudali, dai loro imperialisti e assistenti fascisti, Il visibile e il nascosto; la parte garantirà un'equa distribuzione dei doveri pubblici nella mobilitazione, nei servizi e nelle tasse e chiederà a tutte le istituzioni statali di mantenere un regime che eliminerà ogni evasione e prevenga l'onere degli oneri per le masse dei lavoratori e del pubblico. Il Partito dei lavoratori uniti combatterà con Nablus con gli altri partiti progressisti e democratici nel paese per la vera indipendenza dello Stato d'Israele, e prima di tutto lo stato lo proteggerà dalla sua dipendenza politica, militare o economica dalle potenze imperialiste e da qualsiasi tentativo di sfruttamento a fini interventisti; lo Stato d'Israele sarà una pietra miliare della pace in Medio Oriente e in tutto il mondo. Il Partito dei lavoratori uniti guiderà la campagna per una vera alleanza con le masse del popolo arabo dentro e fuori lo Stato d'Israele, per la piena uguaglianza dei diritti tra tutti i cittadini dello stato come ebrei e arabi, Promuovere una relazione fraterna di condivisione tra il popolo ebraico e quello arabo in Palestina e in tutto il Medio Oriente, per aumentare le forze di liberazione sociale nella società araba, verso un fronte socialista comune con le masse di lavoratori, segmenti e intelligence avanzata; alla perfezione della terra d'Israele sulle basi di un accordo. Non acquisizione e disuguaglianza. Il partito dei lavoratori uniti assumerà la guida dei suoi sforzi per progettare l'immagine democratica popolare dello Stato d'Israele, lo sviluppo della città e del villaggio per innalzare il tenore di vita di tutti i residenti e l'assorbimento dell'immigrazione di massa, la legislazione sociale e la riforma agraria come base del progresso sociale, dell'indipendenza e della libertà di associazione dello stato, Contro le forze di reazione e il clericalismo aggressivo e contro ogni manifestazione di fascismo. Il partito dei lavoratori uniti si impegnerà per la realizzazione del socialismo nello Stato d'Israele.»

«A causa del fatto che la proposta per la pergamena di base è stata successivamente inventata - non ci è stata data, ai lavoratori di Agudat Yisrael che non sono rappresentati nel governo provvisorio, la possibilità di chiedersi quale fosse la prima formula della dichiarazione, che ha portato a molte cose che potrebbero essere modificate. Se abbiamo firmato la dichiarazione, è per dimostrare unità con Israele in questo momento.»

«Abbiamo sentito i commenti. Queste cose non arrivarono a indebolire la validità dell'unità ebraica che fu rivelata il giorno dell'istituzione dello stato ebraico. Questa unità esiste ed esiste. Al contrario: è proprio la rivelazione di disaccordi su questioni di secondo grado che dimostra quanto siano gli ebrei più coesi - nello stabilire lo stato e nel suo fermo desiderio di sostenerlo e proteggerlo. Questo Likud esiste, e sarà lo spirito vivente che è una volta nel pubblico che è qui, e in quello che non è ancora qui.»

Status nella legge israeliana[modifica | modifica wikitesto]

Independence Hall nel 2007

L'articolo 13 della dichiarazione prevede che:

«lo Stato d'Israele si basa su libertà, giustizia e pace come previsto dai profeti d'Israele e assicurerà la completa uguaglianza dei diritti sociali e politici a tutti i suoi abitanti indipendentemente da religione, razza o sesso.»

(Dichiarazione di indipendenza israeliana)

Tuttavia, la Knesset sostiene che la dichiarazione non è un documento legale ordinario né parte della costituzione.[38] La corte suprema ha stabilito che le garanzie erano dei semplici principi guida e che la dichiarazione non è una legge costituzionale che emana una sentenza pratica sul rispetto o l'annullamento di varie ordinanze e statuti.[39] Nel 1994 la Knesset ha modificato due leggi fondamentali, dignità umana e libertà, introducendo, tra le altre modifiche, una dichiarazione in cui si afferma che:

«i diritti umani fondamentali in Israele saranno onorati (...) nello spirito dei principi inclusi nella dichiarazione d'istituzione dello Stato d'Israele.»

(Costituzione d'Israele)

Rotolo di pergamena[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene Ben Gurion abbia detto al pubblico che stava leggendo dal rotolo di indipendenza, in realtà stava leggendo da appunti scritti a mano perché solo la parte inferiore del rotolo era stata completata dall'artista e calligrafo Otte Wallish al momento della dichiarazione e il resto del documento non è stato completato fino a giugno.[16] La pergamena, rilegata in tre parti, è generalmente conservata negli Archivi nazionali del paese.

Ricorrenza[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Yom HaAtzmaut.
Timbro israeliano del 1958 che commemora il decimo anno di indipendenza

La Dichiarazione di Indipendenza viene celebrata ogni anno in Israele durante la festa nazionale di Yom HaAtzmaut (in ebraico יום העצמאות), che si celebra il quinto giorno del mese di Ijar immediatamente dopo il Giorno della Memoria dei Caduti (Yom HaZikaron).[5]

Nei territori palestinesi è ricordata durante il giorno della Nakba[N 3].

Nella cultura popolare[modifica | modifica wikitesto]

Alla dichiarazione è stato dedicato un francobollo in Israele per il decimo anniversario nel 1958.

Il testo della pergamena è presentato nell'ultima pagina del dizionario di Lily Stone in sei volumi, pubblicato nel 2000.

In occasione della festa dell'indipendenza, la dichiarazione di indipendenza è stata stampata a Gerusalemme una versione che misurava 6 metri di altezza per 1,6 metri di larghezza. È stata appesa ad un'impalcatura.[40]

Nel 2012, il Consiglio per la conservazione dei siti Web, in collaborazione con l'uomo d'affari Boaz Dekel, ha avviato una cerimonia per ripristinare la firma della Dichiarazione di Indipendenza da parte di nipoti o figli, di tutti i 37 firmatari della Dichiarazione d'Indipendenza. La cerimonia si tenne nella Independence Hall di Tel Aviv, il luogo in cui fu firmata la Dichiarazione d'Indipendenza nel 1948.[41]

Confronto con dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti d'America[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Dichiarazione d'indipendenza degli Stati Uniti d'America.

Vi sono differenze e somiglianze tra le due affermazioni scritte in momenti diversi, in circostanze storiche diverse e su contesti ideologici diversi. La dichiarazione d'indipendenza israeliana, come la dichiarazione d'indipendenza americana, dichiara l'indipendenza politica. Entrambi iniziano parlando dei seguenti concetti: verità, ragione e spiegazione della situazione storica che porta alla conclusione della dichiarazione d'indipendenza. La dichiarazione americana è incentrata sui principi illuministici di libertà, autodeterminazione e ragione morale, la dichiarazione d'indipendenza israeliana enfatizza una storia più antica: la storia ebraica nella terra d'Israele e la diaspora ebraica, ma anche la dichiarazione Balfour, la Shoah e la risoluzione delle Nazioni Unite. Nonostante la lunga lista di torti morali dal re britannico e dal parlamento britannico verso le colonie, la dichiarazione d'indipendenza israeliana non critica esplicitamente la Gran Bretagna e il governo del mandato britannico. Essa viene infatti formulata senza contrasti perché si basa sulla decisione delle Nazioni Unite successiva al disimpegno inglese come potenza mandataria. Contrariamente alla dichiarazione d'indipendenza americana in cui Dio è nominato per appellativi (Dio della natura, Creatore, Corte suprema, Provvidenza) come espressione della credenze massoniche di stampo deista, nella dichiarazione d'indipendenza israeliana, dio è sempre menzionato e solo una volta appare col titolo di "Tzur Yisrael". Contrariamente alla dichiarazione di indipendenza americana in cui l'enfasi è posta sull'indipendenza e il disimpegno politico dalla "Corona britannica", la dichiarazione d'indipendenza israeliana enfatizza il carattere del giovane stato e la sua attività futura.

C'è una certa somiglianza tra i due testi in diverse sezioni:

Sezione Dichiarazione di indipendenza d'Israele Dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti
Verità In Palestina fu fondato il popolo ebraico, in cui si formò la sua figura spirituale, religiosa e politica, in cui visse uno stato di comunione, in cui creò beni culturali nazionali e interamente umani e lasciò in eredità al mondo il libro della vita eterna. Crediamo che queste verità siano evidenti, che tutti gli esseri umani sono creati uguali e il loro Creatore ha concesso loro diritti inalienabili, tra cui: vita, libertà e ricerca della felicità.
Ragione del diritto naturale Questa dichiarazione delle Nazioni Unite del diritto del popolo ebraico di stabilire il proprio stato ci non può essere tolta. È naturale diritto del popolo ebraico esistere come popolo e col proprio stato sovrano. E ogni volta che una forma di governo diventa lesiva di questi diritti, è il diritto della gente di cambiarlo o annullarlo. È loro diritto, e persino loro dovere, rinunciare a questo tipo di governo e mettere nuove guardie sulla loro sicurezza per il futuro a venire.
Legittimazione Durante la seconda guerra mondiale, la comunità ebraica in Israele contribuì pienamente alla lotta delle nazioni che perseguivano la libertà e la pace contro le forze naziste, e nel sangue dei suoi soldati e il suo sforzo bellico le fece acquisire il diritto di rimanere con i popoli delle Nazioni Unite. In ognuna di queste fasi dell'oppressione, abbiamo cercato di correggere la distorsione nella lingua dei più umilianti. Inoltre, non disdegnavamo il nostro rapporto con i nostri fratelli britannici. Periodicamente li avvertivamo dei tentativi della loro legislatura d'imporci leggi ingiustificate. Dobbiamo quindi venire a patti con la necessità, che ci ha fatto annunciare la nostra separazione.
Organismo di dichiarazione Pertanto qui riuniti, siamo membri del Consiglio del Popolo, rappresentanti della comunità ebraica e il movimento sionista, alla scadenza del mandato britannico della Palestina, e in effetti la nostra naturale e storico e sulla base della risoluzione delle Nazioni Unite, dichiariamo con la presente dichiarazione la creazione di uno stato ebraico in Palestina, lo Stato d'Israele. Pertanto, siamo rappresentanti degli Stati Uniti d'America, riuniti al Congresso Generale, e facciamo appello al Giudice Supremo di tutti i mondi e gli chiediamo di vedere la giustizia delle nostre intenzioni, e ci dichiariamo solennemente, per loro e per legge, stati liberi e indipendenti.
Firma Con fede nel Dio d'Israele, apponiamo la nostra firma a questa dichiarazione. E per questa dichiarazione, con ferma certezza sotto gli auspici della suprema provvidenza, ci impegniamo a vicenda, alla nostra vita, alla nostra proprietà e alla nostra dignità.

Elenco firmatari[modifica | modifica wikitesto]

Chaim Weizmann a New York al momento della firma chiederà in seguito di poterla firmare ricevendo un rifiuto da Ben Gurion che userà la mancata firma di Weizmann per trarne un vantaggio politico. Weizmann riuscirà in seguito a essere eletto presidente

Questo è l'elenco numerato dei firmatari in ordine di firma, il primo che firmò fu Ben Gurion, dopo di lui firmarono in ordine alfabetico.

  1. David Ben Gurion - leader dell'Organizzazione sionista mondiale e capo dell'Agenzia Ebraica
  2. Daniel Auster - vice sindaco di Gerusalemme
  3. Yitzhak Ben Zvi - presidente del Consiglio nazionale ebraico (Wa'ad ha-Leumi)
  4. Mordechai Bentov - giornalista, membro dell'Agenzia Ebraica
  5. Eliyahu Berligne - membro del Consiglio nazionale ebraico (Wa'ad ha-Leumi)
  6. Fritz Bernstein - direttore del dipartimento economico dell'Agenzia Ebraica
  7. Rachel Cohen Kagan - direttore del dipartimento sociale del Consiglio nazionale ebraico (Wa'ad ha-Leumi)
  8. Eliyahu Dobkin - direttore esecutivo dell'Agenzia Ebraica
  9. Yehuda Leib Fishman - rabbino, leader del sionismo religioso
  10. Zeev Gold - rabbino, direttore del dipartimento di Gerusalemme dell'Agenzia Ebraica
  11. Meir Grabovsky - Sionista, membro del partito Mapai
  12. Avraham Granovskij - direttore del Fondo Nazionale Ebraico
  13. Yitzhak Gruenbaum - membro del Consiglio popolare (Mo'ezet ha-Am)
  14. Kalman Kahana - rabbino ultra-ortodosso, membro del partito Agudat Yisrael
  15. Eliezer Kaplan - membro dell'agenzia esecutiva dell'Agenzia Ebraica
  16. Avraham Katznelson - membro del Consiglio nazionale ebraico (Wa'ad ha-Leumi)
  17. Saadia Kobashi - membro del Consiglio nazionale ebraico (Wa'ad ha-Leumi)
  18. Moshe Kolodny - direttore del dipartimento immigrazione dell'Agenzia Ebraica
  19. Yitzhak Meir Levin - rabbino ultra-ortodosso, membro del partito Agudat Yisrael
  20. Meir David Loewenstein - membro del Consiglio popolare (Mo'ezet ha-Am)
  21. Zvi Luria - membro del Consiglio nazionale ebraico (Wa'ad ha-Leumi)
  22. Golda Meir - direttore del dipartimento politico dell'Agenzia Ebraica
  23. Nahum Nir - membro del Consiglio popolare (Mo'ezet ha-Am)
  24. David Zvi Pinkas - membro del Consiglio nazionale ebraico (Wa'ad ha-Leumi)
  25. Felix Rosenblueth - avvocato, membro del partito Mapai
  26. David Remez - membro del Consiglio nazionale ebraico (Wa'ad ha-Leumi)
  27. Berl Repetur - membro del Consiglio popolare (Mo'ezet ha-Am)
  28. Zvi Segal - vice presidente del movimento revisionista sionista
  29. Mordechai Shatner - membro del Consiglio nazionale ebraico (Wa'ad ha-Leumi)
  30. Ben Zion Sternberg - politico del movimento sionismo revisionista
  31. Bechor Shalom Sheetrit - capo giudice del distretto di Lod
  32. Haim Moshe Shapira - membro del dipartimento immigrazione dell'Agenzia Ebraica
  33. Moshe Shertok - negoziatore per conto movimento sionista presso le autorità mandatarie britanniche
  34. Herzl Vardi - giornalista e politico della tendenza revisionista del sionismo
  35. Meir Vilner - membro del Partito Comunista Palestinese
  36. Zerach Warhaftig - avvocato all'università ebraica
  37. Aharon Zisling - delegato dell'Agenzia Ebraica all'ONU

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni
  1. ^ Ebraico: הכרזת העצמאות, Hakhrazat HaAtzma'ut/מגילת העצמאות Megilat HaAtzma'ut
    Arabo: وثيقة إعلان قيام دولة إسرائيل, Wathiqat 'iielan qiam dawlat 'iisrayiyl
  2. ^ allora conosciuta semplicemente come Organizzazione sionista
  3. ^ letteralmente catastrofe
Fonti
  1. ^ (EN) Michael Brenner e Shelley Frisch, Zionism: A Brief History, Markus Wiener Publishers, 2003, p. 184.
  2. ^ (EN) Zionist Leaders: David Ben Gurion 1886–1973, Israel Ministry of Foreign Affairs. URL consultato il 20 aprile 2020.
  3. ^ (EN) Proclamation of Independence, su knesset.gov.il. URL consultato il 20 aprile 2020.
  4. ^ (EN) Zionists Proclaim New State of Israel, Truman Recognizes it and Hopes for Peace, in New York Times, New York. URL consultato il 20 aprile 2020.
  5. ^ a b Yom ha-'atzmauth, su comunitaebraicabologna.it. URL consultato il 21 aprile 2020.
  6. ^ (EN) M. E. Yapp, The Making of the Modern Near East 1792–1923, Harlow, Longman, 1987, p. 290, ISBN 0-582-49380-3.
  7. ^ (EN) United Nations General Assembly: A/RES/181(II): 29 November 1947: Resolution 181 (II): Future government of Palestine, su un.org, 26 aprile 2012. URL consultato il 23 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2012).
  8. ^ a b c d e f (EN) The State of Israel Declares Independence, su Israeli Ministry of Foreign Affairs. URL consultato il 21 aprile 2020.
  9. ^ a b (EN) J. Harris, The Israeli Declaration of Independence, in The Journal of the Society for Textual Reasoning, vol. 7, 1998. URL consultato il 21 aprile 2020.
  10. ^ (EN) Tuvia Friling e S. Ilan Troen, Proclaiming Independence: Five Days in May from Ben-Gurion's Diary, in Israel Studies, vol. 3, 1998, pp. 170–194.
  11. ^ (EN) Zeev Maoz e Ben D. Mor, Bound by Struggle: The Strategic Evolution of Enduring International Rivalries, in University of Michigan Press, 2002, p. 137.
  12. ^ (EN) Martin Gilbert, Israel: A History, London: Doubleday, 1998, p. 187, ISBN 0-385-40401-8.
  13. ^ (EN) Why not Judea? Zion? State of the Hebrews?, in Haaretz, 7 maggio 2008. URL consultato il 7 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2008).
  14. ^ a b c d e f g (EN) Elli Wohlgelernter, One Day that Shook the world, in The Jerusalem Post, 30 aprile 1998. URL consultato l'11 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2012).
  15. ^ (EN) Why Israel's first leaders chose not to call the country 'Palestine' in Arabic, su timesofisrael.com. URL consultato il 20 aprile 2020.
  16. ^ a b (EN) Wallish and the Declaration of Independence, in The Jerusalem Post. URL consultato il 20 aprile 2020.
  17. ^ (EN) Shelley Kleiman, The State of Israel Declares Independence, su Israel Ministry of Foreign Affairs. URL consultato il 20 aprile 2020.
  18. ^ (EN) The throwback museum that echoes independence, in St. Louis Jewish Light, 5 dicembre 2012. URL consultato il 20 aprile 2020.
  19. ^ (EN) Establishment of Israel: Signatories to the Israeli Declaration of Independence, su Jewish Virtual Library. URL consultato il 20 aprile 2020.
  20. ^ (EN) For this reason we congregated, in tam, Tel Aviv, Iton, 23 aprile 2004. URL consultato il 12 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2007).
  21. ^ (EN) PDF copy of Cablegram from the Secretary-General of the League of Arab States of the 15 May 1948, su un.org, 13 dicembre 2013. URL consultato il 13 dicembre 2013 (archiviato il 7 gennaio 2014).
  22. ^ (EN) Kenneth Cragg, Palestine. The Prize and Price of Zion, Cassel, 1997, pp. 57, 116, ISBN 978-0-304-70075-2.
  23. ^ (EN) United states de facto Regnition of State of Israel, su ourdocuments.gov, 14 maggio 1948.
  24. ^ (EN) Ian J. Bickerton, The Arab-Israeli Conflict: A History, Reaktion Books, 2009, p. 79.
  25. ^ (EN) Press Release, 31 January 1949. Official File, Truman Papers, su Truman Library. URL consultato il 19 prile 2020.
  26. ^ (EN) United Nations: General Assembly: A/RES/273 (III): 11 maggio 1949: 273 (III). Admission of Israel to membership in the United Nations, su unispal.un.org. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato il 15 giugno 2013).
  27. ^ (EN) Benny Morris, VI, in Righteous Victims.
  28. ^ (EN) Adi Schwartz, All I Wanted was Justice, in Haaretz, 4 gennaio 2008. URL consultato il 20 aprile 2020.
  29. ^ (EN) Malka Hillel Shulewitz, The Forgotten Millions: The Modern Jewish Exodus from Arab Lands, Continuum, 2001, pp. 139, 155.
  30. ^ (EN) Ada Aharoni, The Forced Migration of Jews from Arab Countries, su Historical Society of Jews from Egypt website. URL consultato il 1º febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2012).
  31. ^ (EN) Report of the Technical Committee on Refugees (Submitted to the United Nations Conciliation Commission for Palestine in Lausanne on 7 September 1949), su domino.un.org. URL consultato il 20 aprile 2020.
  32. ^ (EN) General Progress Report and Supplementary Report of the United Nations Conciliation Commission for Palestine, Covering the Period from 11 December 1949 to 23 October 1950, su unispal.un.org. URL consultato il 19 maggio 2014 (archiviato il 20 maggio 2014).
  33. ^ (FR) Alain Dieckhoff, L'État d'Israël, Fayard, 2008. URL consultato il 20 aprile 2020.
  34. ^ a b (FR) Alain Dieckhoff, Israël, le retour du judaïsme, in Le Monde, Éditions Complexes, 25 marzo 2003, p. 101. URL consultato il 20 aprile 2020.
  35. ^ (EN) United Nations General Assembly Resolution 181, Part I. – Future Constitution and Government of Palestine, Declaration, su yale.edu. URL consultato il 20 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2006).
  36. ^ (EN) Declaration of Establishment of State of Israel, su Ministero degli affari esteri d'Israele, 14 maggio 1948. URL consultato il 20 aprile 2020.
  37. ^ (HE) La prima sessione del Consiglio di Stato provvisorio (PDF), su main.knesset.gov.il, Tel Aviv, 16 maggio 1948. URL consultato il 20 aprile 2020.
  38. ^ (EN) The Proclamation of Independence, su knesset.gov.il. URL consultato il 20 aprile 2020.
  39. ^ (EN) The Declaration of the Establishment of the State of Israel, su mfa.gov.il. URL consultato il 18 aprile 2020. Israeli Ministry of Foreign Affairs
  40. ^ (EN) Neta Bar Yosef, Dichiarazione di indipendenza, in Israel Today, 24 aprile 2012.
  41. ^ (HE) Tal Shalv, dopo 63 anni: "Nipoti" hanno firmato la Dichiarazione di Indipendenza, in Walla, 13 gennaio 2012. URL consultato il 20 aprile 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) Joan B. Culla, La tierra más disputada: El sionismo, Israel y el conflicto de Palestina, Madrid, Alianza, 2005, ISBN 978-84-206-4728-9.
  • (EN) Jay Harris, The Israeli Declaration of Independence, in The Journal of the Society for Textual Reasoning. URL consultato il 20 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2011).
  • (DE) Elmar Krautkrämer, Der israelisch-palästinensische Konflikt, in Aus Politik und Zeitgeschichte. URL consultato il 20 aprile 2020.
  • (DE) Angelika Timm, Von der zionistischen Vision zum jüdischen Staat, in Informationen zur politischen Bildung. URL consultato il 20 aprile 2020.
  • (EN) Zvi Bernzon, The Declaration of Independence - Vision and Reality, 1988.
  • (EN) Amnon Rubinstein e Barak Medina, La legge costituzionale dello Stato di Israele, I: Principi di base, 6ª ed., Schocken Publishing, 2005, pp. 49-37.
  • (EN) Mordechai Naor, Great Friday - The Wonderful Drama of the State's Establishment, Biblioteca Yehuda Dekel, 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN180324384 · LCCN (ENn94111820