Theodor Herzl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Theodor Herzl

Theodor Herzl (in ebraico: תאודור הרצל?; in ungherese: Tivadar Herzl; Pest, 2 maggio 1860Edlach, 3 luglio 1904) è stato un giornalista, scrittore e avvocato ungherese naturalizzato austriaco.

Theodore Herzl signature.svg
Tomba della famiglia Herzl a Döbling, Vienna

Ebreo-ungherese di lingua tedesca di origine ashkenazita, fu il fondatore nel 1897 del movimento politico del sionismo, che si proponeva di far sorgere nei Territori Coloniali del Mandato britannico della Palestina uno Stato Ebraico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Theodor Herzl è nato a Budapest in via Dohány, nel luogo dove oggi sorgono il museo ebraico e la Sinagoga grande di Budapest. Conclusi gli studi al Ginnasio Evangelico di Budapest, si trasferì a Vienna per studiare diritto e letteratura, prendendo il dottorato in legge nel 1884.

Dal 1891 divenne corrispondente da Parigi del giornale Neue Freie Presse. A Parigi ebbe modo di seguire l'affare Dreyfus e conoscere quanto radicato fosse nella società europea l'antisemitismo. Nel 1896 pubblicò Der Judenstaat (Lo stato Ebraico) dove propugnava ai governi europei l'idea che si creasse uno stato ebraico (in una qualsiasi colonia delle potenze europee), che sottraesse gli Ebrei alle persecuzioni antisemite.

Dopo la morte, la sua salma fu in un primo momento sepolta accanto a quella del padre a Döbling per poi essere trasferita – in ottemperanza alle sue volontà testamentarie – nel 1950 a Gerusalemme. Nell'ultimo viaggio di Papa Francesco in Israele, la tomba di Herzl è stata per la prima volta visitata da un pontefice

L'ideologia sionista[modifica | modifica wikitesto]

Insieme a Max Nordau, Herzl è il padre del sionismo e il fondatore del movimento sionista al congresso di Basilea del 1897, in cui venne eletto presidente. Sostenne il diritto degli ebrei di fondare uno stato ebraico, in Palestina o in Uganda (come proposto dagli Inglesi). Questa patria sarebbe dovuta servire per accogliere gli ebrei che avessero voluto o non avessero potuto vivere serenamente nel paese in cui abitavano.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Le idee sioniste furono contrastate dagli ebrei marxisti, i quali consideravano che con la fine del capitalismo sarebbe finito l'antisemitismo, anche se la successiva evoluzione dell'Unione Sovietica fece venir meno, con la sua politica, tale argomentazione.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (HU) Attila Novák, Theodor Herzl, Budapest, 2002, ISBN 963-9323-48-9.
  • Theodor Herzl, La bella Rosalinda. Racconti filosofici, a cura di Vincenzo Pinto. Milano, M&B, 2004.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN76317061 · LCCN: (ENn50037348 · ISNI: (EN0000 0001 1029 6798 · GND: (DE118550241 · BNF: (FRcb119074370 (data) · NLA: (EN35190930 · BAV: ADV10173219