Shin Bet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lo Shin Bet è l'agenzia di intelligence per gli affari interni dello stato di Israele. Nata nel 1948, è una delle tre principali organizzazioni per la sicurezza dello Stato, assieme ad Aman (intelligence militare delle IDF) e al Mossad (responsabile della gestione della raccolta di intelligence nelle operazioni all'estero).

Il nome ufficiale sarebbe in realtà Shabak (in lingua ebraica, שב"כ shabak ascolta[?·info], acronimo di "Shérūt Bītāhōn Klālī" שירות ביטחון כללי, che significa appunto Servizio di sicurezza generale), le cui due prime iniziali ebraiche originano proprio l'espressione Shin Bet. Il suo motto è "מגן ולא יראה," ovvero: "(Scudo di) difesa che non sarà visto" o "scudo invisibile".

Il quartier generale dello Shin Bet si trova ad Afeka, un quartiere settentrionale di Tel Aviv, su una collina, a nord di Park Hayarkon. Il Mossad si trova invece sull'autostrada costiera, tra Tel Aviv e Herzliya, vicino alla stazione di servizio ("Geliloth Intersection"), presso le Intelligence Unit 504 e 8200. שֵׁירוּת הַבִּיטָּחוֹן הַכְּלָלִישב"כ

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Si ritiene che lo Shin Bet abbia tre ali operative:[1]

  • Il dipartimento arabo: responsabile principalmente delle attività antiterrorismo legate agli arabi in Israele, Cisgiordania e Striscia di Gaza.
  • Dipartimento israeliano ed estero: precedentemente chiamato dipartimento per gli affari non arabi. Comprende il dipartimento di controspionaggio e prevenzione della sovversione nel settore ebraico, noto anche come "dipartimento ebraico".[2] È responsabile della prevenzione dello spionaggio e del trattamento degli estremisti che svolgono azioni (come il terrorismo) contro lo stato e il regime democratico . Poiché le sue preoccupazioni originali riguardavano principalmente il blocco comunista, si ridusse dopo la caduta dell'Unione Sovietica, ma aumentò di nuovo in importanza in risposta all'attività terroristica ebraica a partire dai primi anni '80.[3]
  • Dipartimento di protezione della sicurezza: responsabile della protezione delle persone e delle località di alto valore nel paese come funzionari governativi, ambasciate, aeroporti e strutture di ricerca.

L'unità antiterroristica Yamas è direttamente subordinata allo Shin Bet.

Sebbene sia un'agenzia di sicurezza, non fa parte del Ministero della Difesa israeliano e il suo capo risponde direttamente al Primo Ministro di Israele .

Doveri e ruoli[modifica | modifica wikitesto]

I compiti dello Shin Bet sono la protezione della sicurezza dello stato, l'esposizione di gruppi terroristici l'interrogatorio di sospetti terroristi, la fornitura di informazioni sulle operazioni antiterrorismo in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, il controspionaggio, la protezione personale degli alti funzionari pubblici, la protezione di importanti infrastrutture e edifici governativi, e salvaguardare le compagnie aeree israeliane e le ambasciate d'oltremare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Con la dichiarazione d'indipendenza israeliana del 1948, lo Shin Bet fu fondato come un ramo delle forze di difesa israeliane e inizialmente era guidato da Isser Harel (il padre dell'intelligence israeliana, che in seguito guidò il Mossad). La responsabilità per l'attività dello Shin Bet è stata successivamente spostata dall'IDF all'ufficio del primo ministro. Durante la guerra arabo-israeliana del 1948, le responsabilità dello Shin Bet includevano solo questioni di sicurezza interna. Nel febbraio del 1949 (poco prima della fine della guerra), le sue responsabilità furono estese al controspionaggio.[4]

Uno dei principali successi dello Shin Bet fu l'ottenimento di una copia del discorso segreto pronunciato da Nikita Krusciov nel 1956, in cui denunciava Stalin. Un'edizione polacca del discorso è stata fornita all'ambasciata israeliana a Varsavia dal fidanzato del segretario di un funzionario comunista polacco. L'ufficiale di collegamento polacco dello Shin Bet ha trasmesso la copia a Israele. Il governo israeliano ha quindi deciso di condividere le informazioni con gli Stati Uniti, che le hanno pubblicate con l'approvazione israeliana.[5] Tuttavia, uno studio pubblicato nel 2013 da Matitiahu Mayzel mette in dubbio la storia, sostenendo che il discorso non era segreto e che era stato trasmesso in Occidente da più fonti, tra cui agenzie politiche e di intelligence sovietiche.[6]

Un notevole risultato nel controspionaggio fu la cattura di Israel Beer del 1961, che si rivelò essere una spia sovietica. Beer era un tenente colonnello nelle riserve, un commentatore esperto di questioni di sicurezza e un caro amico del Ben-Gurion, in grado di raggiungere alti circoli israeliani. Beer fu processato e condannato a dieci anni di prigione (in seguito estesa dalla Corte suprema a quindici anni, a seguito del suo appello), dove morì. Un anno prima, Kurt Sitte, un tedesco cristiano dei Sudeti e professore nel Technion, era stato rivelato come una spia cecoslovacca .[7]

Medaglia assegnata ai dipendenti Shin Bet nel 40 ° anniversario dello stato di Israele, 1988

Nel 1967, un doppio agente egiziano-israeliano, Rif'at al Gamal / Jacques Bitton, fornì all'Egitto false informazioni sui piani di battaglia di Israele, sostenendo che avrebbe iniziato con operazioni a terra. Gli egiziani lasciarono quindi i loro aerei su piste aperte, il che consentì all'Aeronautica israeliana di mettere fuori combattimento l'aeronautica egiziana entro tre ore dallo scoppio della Guerra dei Sei Giorni .[8] L'operazione Yated, come fu successivamente nota, è considerata uno degli inganni di maggior successo nella storia dell'intelligence israeliana, alla pari dell'operazione britannica Operazione Mincemeat durante la seconda guerra mondiale.

Dopo la guerra, il monitoraggio dell'attività terroristica in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza diventa una parte importante della missione dello Shin Bet. Nel periodo 1984-1986, lo Shin Bet ebbe una grave crisi in seguito all'affare Kav 300 in cui quattro militanti palestinesi dirottarono un autobus. Due dei dirottatori furono uccisi nello stallo che ne seguì, gli altri due furono uccisi poco dopo essere stati presi in custodia dagli ufficiali Shin Bet, che in seguito dissimularono l'evento e cospirarono per incastrare un ufficiale dell'IDF.[9] In seguito alla vicenda, il capo dello Shin Bet, Avraham Shalom, fu costretto a dimettersi.

La Commissione Landau del 1987, istituita per indagare sui metodi di interrogatorio dello Shin Bet, criticò l'organizzazione e stabilì linee guida per regolare quali forme di pressione fisica potevano essere usate sui prigionieri. Tra le pratiche autorizzate vi erano "mantenere i prigionieri in posture terribilmente scomode, coprendo loro la testa con sacchi sporchi e maleodoranti e privandoli del sonno". I gruppi per i diritti umani in Israele hanno sostenuto che una tale pratica equivale a tortura.[10] Un rapporto ufficiale del 1995 di Miriam Ben-Porat, reso pubblico nel 2000, mostrava che Shin Bet "abitualmente" andava oltre la "moderata pressione fisica" autorizzata dalla Commissione Landau. Nel rapporto, Israele ha ammesso per la prima volta che i detenuti palestinesi sono stati torturati durante la Prima Intifada, tra il 1988 e il 1992.

Nel 1995, lo Shin Bet non è riuscito a proteggere il primo ministro israeliano, Yitzhak Rabin, assassinato dall'estremista di destra Yigal Amir. Shin Bet aveva scoperto i piani di Amir e un agente Shin Bet fu inviato per monitorare Amir e riferì che Amir non era una minaccia. In seguito all'assassinio, il direttore dello Shin Bet, Carmi Gillon, diede le dimissioni. Successivamente, la Commissione Shamgar ha segnalato gravi carenze nell'unità di sicurezza personale. Un'altra fonte di imbarazzo e critica è stata il comportamento violento, provocatorio e incitante di Avishai Raviv, un informatore dell'unità ebraica di Shin Bet durante il periodo che ha portato all'assassinio.[11] Più tardi, Raviv fu assolto dalle accuse di aver incoraggiato Yigal Amir a uccidere Yitzhak Rabin.

Pochi mesi dopo l'assassinio di Rabin, il principale costruttore di bombe di Hamas Yahya Ayyash è stato assassinato in un omicidio mirato in cui un dispositivo esplosivo è stato piazzato nel suo telefono cellulare .[12]

Gillon è stato sostituito dall'Ammiraglio Ami Ayalon, che ha contribuito a ripristinare il morale dell'organizzazione dopo la debacle dell'assassinio di Rabin e riabilitare la sua immagine pubblica.[13]

Nel 2000, Ayalon fu sostituito da Avi Dichter, un ex commando Sayeret Matkal e un esperto agente Shin Bet, che rafforzò i rapporti di lavoro con le forze di difesa israeliane e la polizia israeliana. Dichter era al comando quando scoppiò l'Intifada di al-Aqsa e ha trasformato lo Shin Bet in un attore di spicco nella guerra al terrorismo dopo il crollo del Vertice di Camp David del 2000 .

Nel novembre 2003, quattro ex capi di Shin Bet (Avraham Shalom, Yaakov Peri, Carmi Gillon e Ami Ayalon) hanno invitato il governo israeliano a raggiungere un accordo di pace con i palestinesi.[14]

Nel maggio 2005, Dichter è stato sostituito da Yuval Diskin, che ha servito fino al 2011.

Nel 2011, Yoram Cohen è stato scelto come nuovo capo di Shabak e ha prestato servizio fino al 2016.

Nel 2016, Nadav Argaman è stato scelto come nuovo capo di Shabak e ha assunto l'incarico l'8 maggio 2016.

Responsabilità[modifica | modifica wikitesto]

L'ex assistente speciale del direttore Shin Bet, Barak Ben-Zur, ha affermato che dal 1948 (o più in particolare dal 1957) il gruppo è stato messo sotto il controllo della Knesset per monitorare il suo budget. Nel maggio 2002, è stato fissato un punto di riferimento quando Shin Bet è stato portato sotto il controllo del Comitato per gli affari esteri e la sicurezza di Knesset, che potrebbe indagare se sta funzionando all'interno di confini legali che, a sua volta, coinvolge anche il Comitato Costituzione, Diritto e Giustizia. Il consulente legale del governo approva le attività di Shin Bet, il Gabinetto politico-di sicurezza riceve le segnalazioni direttamente dal direttore di Shin Bet e ogni detenuto ha il diritto di presentare un reclamo.[15]

Raccolta di informazioni, metodi di interrogatorio e tortura[modifica | modifica wikitesto]

Shin Bet estrae anche informazioni interrogando i sospetti, con metodi che hanno ripetutamente sollevato preoccupazioni. Nel 1987, dopo le denunce per l'uso eccessivo della violenza, la Commissione Landau elaborò linee guida che condonavano "moderata pressione fisica" quando necessario, ma nel 1994 il controllore di stato Miriam Ben-Porat scoprì che tali regolamenti erano stati ripetutamente violati e che i comandanti GSS senior non lo impedivano .[16]

Più tardi, nel 1999, la Corte Suprema israeliana ha ascoltato diverse petizioni contro i metodi dello Shin Bet, tra cui (1) "lo scuotimento forzato e ripetuto della parte superiore del busto del sospetto, in un modo che fa oscillare rapidamente il collo e la testa" (2) ammanettare il sospetto in una "posizione di Shabach" dolorosa per un lungo periodo di tempo, (3) la "rana accovacciata" che consiste in "accovacciamenti consecutivi e ripetuti sulla punta dei piedi" e altri metodi. La Corte ha stabilito che Shin Bet non aveva l'autorità, anche sotto la difesa della "necessità", di impiegare tali metodi.[17] Questa sentenza è stata accolta come una pietra miliare contro l'uso della tortura sui prigionieri palestinesi.[18]

Lo Shin Bet afferma che ora usa solo mezzi psicologici, sebbene B'Tselem e Amnesty International continuino ad accusare Shin Bet di impiegare metodi fisici che equivalgono a tortura in base alle convenzioni internazionali.[19][20][21][22] Nel 2015, Physicians for Human Rights-Israel ha osservato che le petizioni contro Shin Bet erano quadruplicate dal 2012 e ha affermato che, nel corso degli ultimi anni, di 850 denunce contro Shin Bet per tortura, nessuna erano stata indagata. Hanno inoltre affermato che non esiste alcun sistema di ricorso legale contro le organizzazioni di sicurezza.[23]

Lo Shin Bet ha anche lavorato a stretto contatto con l'Aeronautica israeliana nelle "uccisioni mirate" di comandanti e leader di fazioni palestinesi[24] di Hamas, la Jihad islamica, le Brigate dei martiri di Al-Aqsa e Fatah. Questi assassinii vengono di solito eseguiti da elicotteri. Sia i comandanti IAF che gli agenti Shin Bet siedono insieme nel centro di comando per monitorare le operazioni. Il compito di Shin Bet è quello di fornire informazioni su quando e dove il bersaglio sarà disponibile per uno attacco e quindi reagire al feedback dei droni IAF per garantire che gli uomini sul posto siano effettivamente i target corretti.[senza fonte]

Detenzione[modifica | modifica wikitesto]

Salah Haj Yihyeh, un palestinese che gestisce cliniche mobili per i medici per i diritti umani, è stato arrestato per essere interrogato dalla Shin Bet. Nell'interrogatorio, Yihyeh ha risposto a domande sulle attività dell'organizzazione, il suo budget, l'identità dei suoi donatori e dettagli su altri impiegati da PHR. Il consiglio dei Medici per i diritti umani, in una lettera al capo dello Shin Bet Yuval Diskin, respinse "l'attraversamento di una linea rossa in una democrazia". La lettera sosteneva che, poiché l'unica ragione per interrogare un dipendente del gruppo era spaventarlo, le tattiche erano inaccettabili e illegali.[25]

Il giornalista palestinese Mohammed Omer è stato arrestato nel luglio 2008 da Shin Bet. Arrivato con un volo da Londra, Omer afferma di essere stato preso da parte da un ufficiale Shin Bet. Secondo Democracy Now!, Omer è stato successivamente interrogato, sottoposto a perquisizione e poi picchiato da otto ufficiali armati di Shin Bet. Le ferite avrebbero lasciato Mohammed Omer in ospedale per una settimana.[26] Il governo israeliano ha respinto apertamente le affermazioni di Omer, citando incoerenze nelle sue accuse e rilevando che tali indagini sono rigorosamente regolate.[27][28]

Visibilità[modifica | modifica wikitesto]

Un tempo considerato un impegno per l'anonimato permanente e persino l'invisibilità nella società israeliana, oggi un agente Shin Bet che raggiunge un alto grado nel servizio, in particolare il direttore, è considerato un candidato per l'adesione alle migliori unità del governo israeliano e della comunità imprenditoriale. Questo processo segue una tendenza iniziata da ex generali e colonnelli delle forze di difesa israeliane, dai pionieri come Moshe Dayan, Ariel Sharon e Yitzhak Rabin. Nello Shin Bet e nel servizio di intelligence del Mossad, la tendenza si è manifestata molto più tardi (a metà degli anni '90), anche se Isser Harel (che era stato capo di entrambi i servizi) e Meir Amit del Mossad hanno entrambi servito da legislatori.[senza fonte]

Oggi gli ex direttori di Shabak sono sempre più visibili come candidati a cariche superiori. Yaakov Peri è diventato il presidente di Bank HaMizrahi nel 2002 ed è diventato anche un ospite molto visibile nei programmi televisivi. Carmi Gillon è presidente del Consiglio locale di Mevaseret Sion, un sobborgo di Gerusalemme, mentre Avi Dichter e Ami Ayalon sono stati allo stesso momento candidati alla carica di ministro della Difesa (Dichter per il partito Kadima formato dal primo ministro Ariel Sharon, Ayalon nel partito laburista). Dichter divenne infine Ministro della sicurezza interna del governo guidato da Ehud Olmert. Ayalon ha attirato un ampio seguito come co-iniziatore con il dignitario palestinese Sari Nusseibeh dell'iniziativa non governativa Peoples' Voice per presentare una petizione ai governi di Israele e dell'Autorità Palestinese per una soluzione permanente.[senza fonte]

Nel 2007, il servizio ha lanciato la sua prima unità di reclutamento pubblica in assoluto, svelando un "sito Web fluido" e acquistando annunci online in Israele e all'estero in una campagna volta a "attrarre programmatori di computer di alto livello" alla sua divisione informatica. Il 18 marzo 2008, è stato annunciato che il sito ufficiale di Shin Bet avrebbe offerto anche un blog, in cui quattro dei suoi agenti avrebbero discusso anonimamente su come venivano reclutati e che tipo di lavoro svolgessero; rispondendo anche alle domande inviate dai membri del pubblico.[29] La decisione di lanciare il blog è stata presa dai vertici di Shin Bet, tra cui il direttore Yuval Diskin, e fa parte del tentativo di attrarre lavoratori ad alta tecnologia nel dipartimento IT in crescita dell'agenzia. Secondo gli ufficiali Shin Bet, il sito Web e il blog mirano anche a promuovere un'immagine pubblica più accessibile e positiva per i servizi segreti, a lungo associata a "attività oscure, sotto copertura e persino violente".[30]

Nel 2012, sei ex capi degli Shin Bet (Shalom, Peri, Gillon, Ayalon, Dichter e Diskin) sono apparsi in un film documentario, The Gatekeepers, e hanno discusso i principali eventi delle loro attività.

Reuven Rivlin, presidente di Israele, con Yoram Cohen, ex direttore dello Shin Bet e Nadav Argaman, nuovo direttore. Maggio 2016

Compiti e ruoli[modifica | modifica wikitesto]

Direttori dello Shin Bet[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Profile: Israel's Shin Bet agency, BBC News, 30 gennaio 2002. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  2. ^ https://www.mako.co.il/tv-ilana_dayan/2013-57bdf6356897e310/Article-2d9bf6356897e31006.htm.
  3. ^ (HE) Roni Hadar e Yossi Melman, There's Someone To Not Talk With, in Haaretz, 12 luglio 2006.
  4. ^ Shin Bet history Archiviato il 30 ottobre 2016 in Internet Archive. (Hebrew)
  5. ^ There's a speech by Khrushchev from the conference (Hebrew), in Haaretz, 7 marzo 2006.
  6. ^ Matitiahu Mayzel, Israeli Intelligence and the leakage of Khrushchev's "Secret Speech", in The Journal of Israeli History, vol. 32, n. 2, 2013, pp. 257–283, DOI:10.1080/13531042.2013.822730.
  7. ^ Shin Bet between 1957 and 1967 (Hebrew)
  8. ^ Yossi Melman, How Israel won the Six-Day War Israel News, su Haaretz, 31 marzo 2011. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  9. ^ David K. Shipler, Arab and Jew: Wounded Spirits in a Promised Land. 1986. ISBN 0-8129-1273-X. pages 89, 90.
  10. ^ Israel admits torture 9 February 2000, BBC
  11. ^ See the chapter on Raviv in the Shamgar report in Hebrew
  12. ^ Katz, Samuel. The Hunt for the Engineer. Lyons Press, 2002. ISBN 1-58574-749-1
  13. ^ Amir Oren, איילון מסוגל, ברק לא - מאמרים ודעות - הארץ, su Haaretz, 15 gennaio 2007. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  14. ^ Conal Urquhart, Israel's hard men fight for peace, in The Observer, London, 30 novembre 2003. URL consultato il 23 maggio 2010.
  15. ^ Inside Shabak, Al Jazeera English, 24 ottobre 2013. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  16. ^ A/55/373 of 11 September 2000, Domino.un.org. URL consultato il 30 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2013).
  17. ^ Public Committee Against Torture v. Israel (PDF), Elyon.court.gov.il. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  18. ^ World: Middle East Israeli 'torture' methods illegal, September 6, 1999, BBC
  19. ^ The Interrogation of Palestinians During the Intifada: Ill-Treatment, "Moderate Physical Pressure" or Torture?, March 1991 | B'Tselem, Btselem.org, 1º gennaio 1990. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  20. ^ The ISA interrogation regime: routine ill-treatment | B'Tselem, Btselem.org, 1º gennaio 2011. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  21. ^ Israel and the Occupied Palestinian Territories | Amnesty International, Amnesty.org. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  22. ^ Kept in the Dark, Oct. 2010 | B'Tselem, Btselem.org. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  23. ^ Tamar Pileggi, '850 Torture Complaints yield no investigations,' The Times of Israel 11 February 2015.
  24. ^ BBC News - Israel pounds Gaza after deadly attacks near Eilat, Bbc.co.uk, 18 agosto 2011. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  25. ^ Akiva Eldar, Haaretz: "Physicians for Human Rights official detained by Shin Bet", 3 June 2008.
  26. ^ Democracy Now: "Award-Winning Palestinian Journalist Mohammed Omer Details Abuse by Israeli Security Officials", 7 July 2008.
  27. ^ PMO (via IMRA): Response to Allegations Regarding Mohammed Omer Al-Mughaier
  28. ^ Ofra Edelman, "Charges dropped against settler filmed shooting Palestinians" – Haaretz, 14 July 2009.
  29. ^ Tim Franks, Israel's Shin Bet launches blog, BBC News, 17 marzo 2008. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  30. ^ Yaakov Katz, "Shin Bet security agency launches blog", Jerusalem Post, 17 March 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN143005771 · ISNI (EN0000 0001 2223 8843 · LCCN (ENn81132147 · GND (DE4357582-1 · WorldCat Identities (ENlccn-n81132147