Salvatore Gristina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Salvatore Gristina
arcivescovo della Chiesa cattolica
Salvatore-gristina-vescovo-di-catania.jpg
L'arcivescovo Salvatore Gristina in corteo per la processione dell'offerta della cera in occasione della festa patronale di Sant'Agata.
Coat of arms of Salvatore Gristina.svg
In spe resurrectionis
 
TitoloCatania
Incarichi attuali
Incarichi ricoperti
 
Nato23 giugno 1946 (72 anni) a Sciara
Ordinato presbitero17 maggio 1970 da papa Paolo VI
Nominato vescovo16 luglio 1992 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo3 ottobre 1992 dal cardinale Salvatore Pappalardo
Elevato arcivescovo7 giugno 2002 da papa Giovanni Paolo II
 

Salvatore Gristina (Sciara, 23 giugno 1946) è un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver compito gli studi presso il Seminario Arcivescovile di Palermo ha conseguito la Laurea in Filosofia presso l'Università degli Studi di Palermo e la Licenza in Diritto Canonico presso la Pontificia Università Lateranense.

Ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Ordinato sacerdote il 17 maggio 1970 da papa Paolo VI, ha frequentato la Pontificia Accademia Ecclesiastica (1974-1976), conseguendo il relativo diploma in Scienze diplomatiche, e successivamente ha prestato servizio come Addetto di Nunziatura, Segretario di Nunziatura ed Uditore di Nunziatura presso le Rappresentanze Pontificie in Costa d’Avorio (1976-1980), Trinidad e Tobago (1980-1983) e Brasile (fino al 1984).

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Salvatore Gristina riapre il tempio di Santa Barbara a Paternò nel 2013.

Il 16 luglio 1992 viene nominato vescovo titolare di Musti di Numidia, ausiliare di Palermo.

Riceve l'ordinazione episcopale il 3 ottobre 1992 per l'imposizione delle mani del cardinale Salvatore Pappalardo (coconsacranti: vescovo Vincenzo Cirrincione, cardinale Jean-Louis Pierre Tauran).

Il 23 gennaio 1999 viene nominato vescovo di Acireale.

Il 7 giugno 2002 viene promosso arcivescovo di Catania.

Il 19 gennaio 2016 viene eletto presidente della Conferenza Episcopale Siciliana.[1]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mons. Salvatore Gristina nuovo presidente della Conferenza Episcopale Siciliana, su Chiese di Sicilia. Sito ufficiale della Conferenza Episcopale Siciliana, 19 gennaio 2016. URL consultato il 19 gennaio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN304911805