Berillo di Catania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
san Berillo di Catania

Vescovo

 
MorteI secolo
Venerato daChiesa cattolica
Patrono diCatania

Berillo di Catania (Antiochia di Siria, ... – I secolo) è stato un vescovo romano, venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Originario di Antiochia di Siria, secondo la tradizione san Berillo sarebbe stato ordinato vescovo da san Pietro nel I secolo e inviato in Sicilia ove divenne il primo vescovo di Catania.

Su san Berillo, Gaetano Zito afferma:

«La tradizione ha identificato il primo vescovo [di Catania] con un certo Berillo, del quale si afferma che nel 42 sia stato ordinato vescovo ad Antiochia da Pietro e da questi appositamente inviato ad evangelizzare Catania. Di lui si fa menzione come protovescovo catanese nella vita di Leone il Taumaturgo dell'VIII secolo, nella Vita di Pancrazio di Taormina, in due testi liturgici del IX secolo (Canoni attribuiti a Teofane Siciliano e a Giuseppe Innografo) che lo esaltavano come primo vescovo petrino. È ormai acquisito che la datazione di Berillo non è sostenibile: sia per la cronologia più accreditata della vita di S. Pietro, sia per le difficoltà interne alla comunità apostolica in merito all'apertura ai pagani. La tradizione su Berillo, di conseguenza, è priva di certezza e si presenta come una ricostruzione agiografica redatta nella Catania di fine sec. VIII e inizio sec. IX, quando ormai la città era pienamente soggetta al patriarcato di Costantinopoli e mirava accreditare, presso le Chiese d'Oriente, la fondazione apostolica della sua Chiesa per ottenere l'elevazione a sede arcivescovile e metropolitana. Tuttavia, alla luce di quanto accaduto per Marciano di Siracusa, storicamente attestato ma non come vescovo ordinato anche lui da Pietro ad Antiochia bensì in un tempo successivo a quello sancito dalla tradizione, e cioè almeno tra il sec. III e il sec. IV, potrebbe non escludersi del tutto la storicità di Berillo.»

(Gaetano Zito, Storia delle Chiese di Sicilia, Libreria editrice vaticana, 2009, p. 357)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]