Andrea Riggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrea Riggio
arcivescovo della Chiesa cattolica
Andreariggiobusto.jpg
Andreariggiostemma.jpg
Incarichi ricoperti Vescovo di Catania
Patriarca latino di Costantinopoli
Nato 10 marzo 1660 a Palermo
Ordinato presbitero 15 gennaio 1685
Nominato vescovo 20 aprile 1693 da papa Innocenzo XII
Elevato patriarca 13 gennaio 1716 da papa Clemente XI
Deceduto 15 dicembre 1717 a Roma

Andrea Riggio (Palermo, 10 marzo 1660Roma, 15 dicembre 1717) è stato un vescovo cattolico italiano.

Fu vescovo di Catania dal 1693 al 1717, prelato domestico del Papa e patriarca latino di Costantinopoli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondogenito del principe Luigi Riggio Giuffrè, nacque a Palermo il 10 marzo 1660. All'età di trentatré anni, nel 1693, giunse a Catania, città della cui diocesi sarebbe stato il nuovo vescovo.

Proprio durante il suo viaggio verso Roma per ottenere l'investitura vescovile dalle mani del Papa, Catania e la sua intera diocesi fu colpita da uno storico tragico evento, il terremoto dell'11 gennaio 1693, che rase al suolo la città mietendo circa sedicimila vittime.

Andrea Riggio fu nominato vescovo da papa Innocenzo XII il 20 aprile 1693, e non tardò a fare rientro nella sua Catania, che, stravolta dal sisma, piangeva ancora le sue innumerevoli vittime. Da nuovo vescovo egli si dovette rimboccare le maniche non solo per la cura delle anime, tragicamente provate in quel triste momento, ma anche per la ricostruzione degli edifici sacri.

La parrocchiale di San Giuseppe in Pisano Etneo, frazione di Zafferana Etnea, una delle chiese fatte costruire da Riggio[1]

Si adoperò così per la ricostruzione della Cattedrale, del Seminario, del Palazzo Vescovile, di una decina di chiese, cercando di riassestare il bilancio delle parrocchie e dei monasteri della diocesi. Fu così che, nell'agosto del 1712, inaugurò e benedisse la Cattedrale, per la costruzione della quale aveva anche investito del proprio denaro.

Il vescovo Riggio dovette però combattere anche contro la diffidenza del Palazzo Senatorio e del Tribunale della Monarchia, che nell'intraprendenza del capo della chiesa catanese videro un ostacolo ai loro progetti, in modo particolare sul tema della libertà e dell'immunità ecclesiastiche.

Tra il Palazzo Senatorio e il Vescovado si svilupparono così degli attriti, che crebbero nel corso di alcuni eventi. Nel 1699, infatti, un reo confesso di omicidio, mentre veniva portato al patibolo, incrociò sulla strada il vescovo. In questi casi era usanza a quell'epoca che il popolo potesse chiedere la grazia al vescovo, e così avvenne. Il vescovo Riggio concesse la grazia, ma i soldati riportarono il condannato nelle prigioni, senza metterlo in libertà. Questo atto di prepotenza fu giudicato dal Riggio come un affronto, e organizzando una sorta di sommossa, riuscì a farsi consegnare il prigioniero e a liberarlo. Un altro episodio che suscitò le ire della Corte di Spagna, fu quello che vide come movente la costruzione nottetempo del famoso Arco di san Benedetto, in Via dei Crociferi, per collegare le due ali del monastero delle benedettine, separate dall'asse viario di via Crociferi. Nonostante il progetto della costruzione di questo arco fosse stato bandito dai Giudici del Real Patrimonio, il vescovo Riggio diede il via all'opera, minacciando di scomunica chiunque l'avesse contrastato.

Ma l'episodio decisivo fu quello che avvenne nel 1713, quando il Viceré mandò un drappello di soldati a Catania per costringere il vescovo Andrea Riggio a lasciare la città, colpevole di aver aiutato nella fuga alcuni briganti che si erano rifugiati in una chiesetta privata. Il vescovo, allora, lasciò Catania per raggiungere Siracusa, scomunicando il capitano, il tenente e i soldati, e lasciando l'interdetto sulla Cattedrale e sulla diocesi di Catania.

Il vescovo Riggio trascorse gli ultimi anni della sua vita a Roma, dove fu nominato, nel frattempo, prelato domestico del Pontefice e Patriarca latino di Costantinopoli. Morì con in cuore il desiderio di tornare nella sua Catania il 15 dicembre 1717, a soli 57 anni, colpito da un'emorragia cerebrale.

La sua salma fu trasferita a Catania nel 1727, accolta da una folla di cittadini riconoscenti e consapevoli della grave perdita che la città aveva subito e dei torti che il vescovo Andrea Riggio aveva dovuto subire. Le spoglie mortali del vescovo furono inumate nella cappella di sant'Agata, all'interno della Cattedrale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Patanè - Pisano: esperide di mia delizia - Note di vita di una comunità rurale etnea dal XVII al XX secolo - Galatea Editrice, 2005.
  • L. Sciacca - I catanesi com'erano - Vito Cavallotto Editore, 1975.
Predecessore Vescovo di Catania Successore BishopCoA PioM.svg
Francesco Antonio Carafa 20 aprile 1693 - 15 dicembre 1717 Juan Álvaro Cienfuegos Villazón
Predecessore Patriarca titolare di Costantinopoli Successore PrimateNonCardinal PioM.svg
Luigi Pico della Mirandola 13 gennaio 1716 - 15 dicembre 1717 Camillo Cibo