Parco dell'Acqua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco dell'Acqua
(ex parco Maserati)
Parcoacqua 020.JPG
Uno degli specchi d'acqua artificiali
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMilano
IndirizzoMunicipio 3
Caratteristiche
Superficie110.000 m²
Inaugurazione2004
Gestorecomune di Milano
Aperturail parco non ha recinzione
Ingressi
Mappa di localizzazione

Coordinate: 45°28′46.89″N 9°15′03.61″E / 45.479692°N 9.251003°E45.479692; 9.251003

Il Parco dell'Acqua, noto anche come Parco Maserati, è la struttura verde ricavata dov'era localizzata una parte del complesso industriale Innocenti Maserati a Lambrate (quartiere Rubattino), nel Municipio 3 di Milano.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le attività industriali sull'area cessarono nel 1993: si trattava di una superficie ad andamento est-ovest, attraversata nella sua parte mediana (da nord a sud) da due elementi sovrapposti di forte "rigidità", la tangenziale est e il Lambro nella sua "ombra". Occorreva contemperare le esigenze residenziali con quelle del recupero di strutture ed edifici già appartenenti alle passate attività, dotandole nel contempo di standard di verde e di servizi a un livello consono al recupero dell'intera superficie.

Nel 1997 il comune di Milano indisse un concorso d'idee per un Piano di Riqualificazione Urbana (P.R.U. Rubattino) complessivo e da questo sono emerse le linee che hanno portato alla realizzazione del parco come punto nodale del sistema.[1]

Acque, prati, alberi e viali[modifica | modifica wikitesto]

Ancora capannoni della dismessa Maserati a est del parco

Il laghetto a sbalzo sul Lambro e sotto la tangenziale (9000 metri quadrati), con la piazza e la fontana monumentale progettata dall'architetto Luigi Caccia Dominioni, è collegato alla via Riccardo Pitteri dal lungo Boulevard verde, il "viale dei platani"; vi sono oltre 56.000 metri quadrati di prati, alberature isolate, larghe macchie di cespugli intersecate da percorsi pedonali e ciclabili. Le aree di gioco per i più piccoli sono sei, mentre due quelle riservate ai cani.

Nelle aree boscate sono state messe a dimora robinie, acero campestre, carpino bianco, frassino maggiore, alcune varietà di ontano, orniello, platano comune, pioppo cipressino, quercia e salice bianco che non hanno ancora raggiunto le dimensioni ottimali. Nel frattempo, alcune varianti al P.R.U. hanno mutato la destinazione d'uso degli edifici sopravvissuti dei vecchi stabilimenti, che ora hanno la finalità di sede o residenza universitaria e questo sta favorendo (2011) l'ampliamento degli spazi verdi che al completamento dei lavori raggiungeranno una superficie di 320.000 metri quadrati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ PRU Rubattino, Comune di Milano. URL consultato il 2 marzo 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

La parte occidentale del parco
  • Alma Lanzani Abbà, Pia Meda, Alberi a Milano, fotografie di Gabriele Lanzani et al; illustrazioni di Silvia Rovati, Milano, CLESAV - Cooperativa Libraria Editrice per le Scienze Agrarie, Alimentari e Veterinarie, giugno 1985.
  • Liliana Casieri, Lina Lepera; Anna Sanchioni, Itinerari nel verde a Milano, supervisione botanica: Pia Meda; supervisione farmacognostica: Massimo Rossi; Illustrazioni e impaginazione: Linke Bossi, Consonni, Montobbio, Comune di Milano, settore ecologia, GAV.
  • Comune di Milano - Arredo, Decoro Urbano e Verde - Settore Tecnico Arredo Urbano e Verde, 50+ parchi giardini - ed. 2010/2011, Comune di Milano / Paysage.
  • Aleni S.,Redaelli V. (a cura di), Storie industriali. Passato e presente nel sud est di Milano, Milano, Ed. Quattro, 2010, ISBN 88-904655-1-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]