McLaren MCL36

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
McLaren MCL36
Lando Norris drives the McLaren MCL36 during the 2022 British Grand Prix..jpg
Norris alla guida della MCL36 a Silverstone
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  McLaren
Categoria Formula 1
Squadra Regno Unito McLaren F1 Team
Progettata da James Key
Sostituisce McLaren MCL35M
Sostituita da McLaren MCL37
Note [1]
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio monoscocca in fibra di carbonio composita a nido d'ape
Motore Mercedes-AMG M13 E Performance 1.6 V6 turbo-ibrido
Trasmissione McLaren sequenziale a 8 rapporti + retromarcia
Altro
Carburante Gulf
Pneumatici Pirelli
Avversarie Vetture di Formula 1 2022
Risultati sportivi
Debutto Bahrein Gran Premio del Bahrein 2022
Piloti 3. Australia Daniel Ricciardo
4. Regno Unito Lando Norris
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
22 0 0 2

La McLaren MCL36 è una monoposto di Formula 1 costruita dalla scuderia inglese McLaren per disputare il campionato mondiale di Formula 1 2022. La vettura è stata presentata il 12 febbraio 2022 all'interno del McLaren Technology Centre.[2][3]

Livrea[modifica | modifica wikitesto]

La livrea iniziale della MCL36, presentata l'11 febbraio, si discosta dalle monoposto di Woking degli ultimi anni: il colore alla base è il nero, non più così presente sulle livree McLaren dalla MCL32, mentre lo storico arancione papaya rimane il colore predominante. Il blu utilizzato sulle precedenti vetture fa spazio al celeste. L'arancione si trova sui tre flap superiori e sugli endplate dell'ala anteriore, nella striscia centrale che parte dal muso — dove è contornato da due strisce celesti che si uniscono sulla punta del muso —, che continua anche sull'halo e che termina sul cofano motore e in una vasta area su ciascuna pancia laterale. Tali aree sono sottostate da una sottile striscia celeste, la quale continua verso il retro della vettura, fino alle ruote, dove si allarga e si solleva obliquamente. I lati del muso e della cellula di sopravvivenza, invece, hanno sfondo nero. Sul cofano motore, all'altezza del poggiatesta, è presenta una banda orizzontale nera che separa l'arancio delle pance e della striscia centrale e nel quale sono presenti alcuni sponsor. Il celeste si trova anche sull'ala posteriore, più precisamente nella zona laterale e sull'ala mobile del DRS, in una sottile riga che parte dagli attacchi posteriori dell'Halo e che attraversa il cofano sulla banda nera e infine di questo colore sono anche i numeri di gara. Il resto della vettura, come la parte inferiore delle pance insieme al fondo e parte delle ali anteriore e posteriore, ha il colore della base.[4]

Dalla sessione di test, a Sakhir, la livrea della MCL36 adotta alcune variazioni: il nero della base viene esteso a tutto l'alettone posteriore, eccetto la zona superiore del flap del DRS, e a gran parte del cofano motore, la fascia azzurra che percorre il retrotreno diventa arancione e infine la zona dell'airscope viene decorata con un motivo simile a quello presente sulle pance.[5] Per i test sul cofano viene pubblicizzata la McLaren Artura, ma dalla prima gara, a seguito di un accordo raggiunto con Google, sul cofano motore appare il logo di Android, mentre i copricerchi vengono colorati con i colori blu, rosso, verde e giallo di Google Chrome e la scritta "McLaren Artura" viene spostata dietro l’ala posteriore.[6]

Dal Gran Premio di Miami vengono aggiunti i loghi del nuovo sponsor OKX all’interno e all’esterno delle paratie e dietro il flap principale dell’ala posteriore.[7]

Per i Gran Premi di Singapore e Giappone le due MCL36 correranno con una livrea celebrativa del ritorno della Formula 1 in Asia orientale. La nuova livrea, ideata con lo sponsor OKX, varia da quella usuale per l'adozione del colore rosa neon in sostituzione dell'azzurro e per l'inserimento di decorazioni illustranti motori ispirati allo stile cyberpunk sulle fiancate tra la fascia rosa e la zona arancione, in cima all'airscope e sulle pance dietro agli specchietti. In rosa sono riportati anche i loghi del suddetto sponsor sulle paratie esterne dell'ala posteriore e i numeri di gara sul cofano motore. Quello posto sul muso, invece, è nero. Infine dal cofano motore viene eliminata la fascia orizzontale arancione.[8]

Per il Gran Premio di Abu Dhabi le due MCL36 mostrano una livrea rivisitata, la quale presenta delle decorazioni disegnate dall'artista libanese Anna Tangles. Tali ornamenti sono collocati sui flap e sull'esterno delle paratie dell'ala anteriore oltreché sulle pance — laddove è mantenuto lo schema cromatico ma leggermente variato quello geometrico — e rappresentano ornamenti tipici dello stile artistico di Tangles. Tale aggiornamento di livrea è parte della campagna Drive by Change organizzata da Vuse, in collaborazione con McLaren, fine a dare una piattaforma agli artisti emergenti per mostrare i loro lavori a un pubblico globale attraverso il motorsport.[9]

Contesto e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il passaggio dai motori Renault ai Mercedes doveva coincidere con l'entrata in vigore del nuovo regolamento tecnico delle cosiddette "monoposto a effetto suolo", ma a causa del congelamento degli stessi nel 2021 il propulsore tedesco ha debuttato sulla MCL35M.[10][11] Lo sviluppo della MCL36 è iniziato ad inizio 2020, ma è stato sospeso dal 28 marzo 2020 al 31 dicembre 2020 a causa della posticipazione del nuovo regolamento.[12] La McLaren ha ripreso lo sviluppo della MCL36 all'inizio di gennaio 2021 con dei test relativi all'aerodinamica.[13] La produzione di alcuni componenti, principalmente telaio e alcune parti del cambio, è iniziato a luglio 2021.[14] Il telaio ha superato i test di omologazione FIA ad inizio dicembre 2021.[15]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La MCL36 è la prima vettura della scuderia inglese che segue un nuovo corso regolamentare e si caratterizza dunque per essere completamente diversa dalle sue antenate.[16] Il regolamento permette di progettare, dopo la sua abolizione nel 1983, un fondo curvo che permette di sfruttare l'effetto suolo. Tutta la zona dove fino all'annata precedente erano presenti i bardgeboards, ora è occupata da delle prese d'aria atte a portare aria al fondo vettura e dove sulla MCL36 si trova un deflettore che convoglia l'aria al di sotto delle pance,[17] con quest'ultime che hanno una forma rastremata. Le prese d'aria laterali sono posizionate più in alto, mentre il cofano motore ha un'andatura regolare fino alla coda della vettura. Sempre secondo il regolamento, anche le ali vengono semplificate. L'ala anteriore è formata da 4 elementi: il muso si attacca dal secondo elemento, tutti gli elementi superiori sono attaccati lateralmente al muso come da regolamento, mentre l'elemento più basso passa sotto il muso ed è sospeso sporgendo davanti a quest'ultimo, mentre nella zona esterna gli elementi formano uno scalino per indirizzare i flussi verso l'esterno. Tutti gli elementi dell'ala formano una superficie unica con gli endplate come imposto dal regolamento. La sospensione anteriore adotta uno schema pull-rod, differenziandosi dalle annate antecedenti e utilizzata l'ultima volta dalla McLaren sulla MP4-28,[18] mentre la sospensione posteriore adotta un sistema push rod, anch'esso in discontinuità con il passato. La MCL36 inoltre monta i cerchi da 18 pollici della BBS previsti dal regolamento, dotati di copricerchi.[19]

Scheda tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - McLaren MCL36
FIA F1 Austria 2022 Nr. 3 Ricciardo.jpg
Configurazione
Carrozzeria: monoposto Posizione motore: centrale Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Posti totali: 1 Bagagliaio: assente Serbatoio: 110 kg
Meccanica
Tipo motore: Mercedes-AMG F1 M13 E Performance, V6 con bancate di 90° Cilindrata: 1600 cm³
Distribuzione: bialbero a 4 valvole per un totale di 24 con punterie pneumatiche Alimentazione: 500 bar-diretta (1 iniettore per cilindro)
Prestazioni motore Potenza: 1000 CV
Accensione: elettronica McLaren Electronic Systems (MES) Impianto elettrico: McLaren Electronic Systems (MES)
Frizione: doppia Cambio: longitudinale McLaren, 8 marce + retromarcia, con comando semiautomatico elettronico sequenziale
Telaio
Corpo vettura monoscocca in materiale composito a nido d'ape con fibra di carbonio
Sospensioni anteriori: pull-rod / posteriori: push rod
Freni anteriori: Freni a disco Brembo autoventilati / posteriori: Freni a disco Brembo autoventilati
Pneumatici Pirelli / Cerchi: BBS da 18 in
Altro
Energia batteria (a giro) MJ Sistema ERS
Potenza MGU-K: 120 kW Giri max MGU-K: 50 000 giri/min Giri max MGU-H: 125 000 giri/min
Fonte dei dati: McLaren-Mercedes F1 Team

Carriera agonistica[modifica | modifica wikitesto]

Test[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Test F1 2022.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2022.

Piloti[modifica | modifica wikitesto]

Piloti ufficiali
Nazione Nome Numero
Australia Daniel Ricciardo 3
Regno Unito Lando Norris 4
Piloti di riserva
Nazione Nome
Regno Unito Will Stevens
Regno Unito Oliver Turvey
Messico Patricio O'Ward 28
Stati Uniti Colton Herta
Spagna Álex Palou 28

Risultati in Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

Anno Team Motore Gomme Piloti Flag of Bahrain.svg Flag of Saudi Arabia.svg Flag of Australia.svg Flag of Emilia-Romagna (de facto).svg Flag of the United States.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom (3-5).svg Flag of Austria.svg Flag of France.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
2022 McLaren Mercedes P Australia Ricciardo 14 Rit 6 186 13 12 13 8 11 13 9 9 15 15 17 Rit 5 11 16 7 Rit 9 159
Regno Unito Norris 15 7 5 35 Rit 8 6 9 15 6 7 7 7 12 7 7 4 10 6 9 Rit7 6
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Apice – Risultato Sprint
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) McLaren MCL36A Technical Specification, su mclaren.com, 11 febbraio 2022. URL consultato il 12 febbraio 2022.
  2. ^ Franco Nugnes e Giorgio Piola, F1 | McLaren MCL36: il pull anteriore non è la sola novità!, su it.motorsport.com, 11 febbraio 2022. URL consultato il 12 febbraio 2022.
  3. ^ McLaren, presentata la MCL36: la nuova monoposto di Ricciardo e Norris per la F1 2022, su sport.sky.it, 11 febbraio 2021. URL consultato il 12 febbraio 2022.
  4. ^ (EN) Alex Kalinauckas, McLaren unveils MCL36 2022 F1 car with updated livery, su motorsport.com, 11 febbraio 2022. URL consultato il 12 febbraio 2022.
  5. ^ Franco Nugnes, F1 | McLaren MCL36: nuova livrea nel filming day in Bahrain, su it.motorsport.com, 9 marzo 2022. URL consultato il 16 marzo 2022.
  6. ^ Matteo Senatore, Ufficiale: McLaren-Google, accordo pluriennale, su formulapassion.it, 16 marzo 2022. URL consultato il 16 marzo 2022.
  7. ^ F1 | McLaren annuncia partnership pluriennale con la criptovaluta Okx, su F1inGenerale, 3 maggio 2022. URL consultato il 3 maggio 2022.
  8. ^ (EN) McLaren Racing and OKX unveil special "Future Mode" livery to celebrate the return to Asia, su mclaren.com, 27 settembre 2022. URL consultato il 27 settembre 2022.
  9. ^ Tobia Elia, F1 | McLaren svela una livrea speciale in occasione del GP di Abu Dhabi - FOTOGALLERY, su f1ingenerale.com, 16 novembre 2022. URL consultato il 16 novembre 2022.
  10. ^ (EN) Adapt or get left behind, su mclaren.com, 18 dicembre 2019. URL consultato il 12 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2020).
  11. ^ (EN) Laurence Edmondson, FIA will closely monitor McLaren's switch to Mercedes power, su espn.com.au, 16 aprile 2020. URL consultato il 12 febbraio 2022.
  12. ^ (EN) FIA approve raft of F1 rule changes for 2020 and 2021, su formula1.com, 31 marzo 2020. URL consultato il 12 febbraio 2022.
  13. ^ (EN) MCL35M progress report, su mclaren.com, 25 gennaio 2021. URL consultato il 12 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2021).
  14. ^ (EN) Triple threat, su mclaren.com, 3 luglio 2021. URL consultato il 12 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2021).
  15. ^ (EN) Mat Coch, McLaren 2022 chassis passes impact test, su speedcafe.com, 10 dicembre 2021. URL consultato il 12 febbraio 2022.
  16. ^ Sky Sport, 'Ripasso Mondiale', ecco come cambia la F1, su sport.sky.it. URL consultato l'11 febbraio 2022.
  17. ^ F1 | McLaren MCL36: un tunnel per simulare il doppio fondo?, su it.motorsport.com. URL consultato il 12 febbraio 2022.
  18. ^ F1 | McLaren MCL36: il pull anteriore non è la sola novità!, su it.motorsport.com. URL consultato il 12 febbraio 2022.
  19. ^ Piergiuseppe Donadoni, Ritorno al passato: ecco i copricerchi per le F1 2022, su Formu1a.uno, 12 maggio 2021. URL consultato il 12 febbraio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]