McLaren MP4-21

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
McLaren MP4-21
Kimi Raikkonen 2006 test.jpg
Kimi Räikkönen al volante della MP4-21.
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  McLaren
Categoria Formula 1
Squadra Team McLaren Mercedes
Progettata da Adrian Newey
Tim Goss
Sostituisce McLaren MP4-20
Sostituita da McLaren MP4-22
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca in fibra di carbonio
Motore Mercedes-Benz FO 108S 2.4 L
Trasmissione longitudinale in carbonio a 7 rapporti + retromarcia
Dimensioni e pesi
Peso 600 kg
Altro
Carburante Mobil
Pneumatici Michelin
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio del Bahrain 2006
Piloti 3 Kimi Räikkönen
4 Juan Pablo Montoya
Pedro de la Rosa
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
18 0 3 3

La McLaren MP4-21 è un'automobile monoposto sportiva di Formula 1, costruita dalla McLaren per partecipare al Campionato mondiale di Formula 1 2006.

Progettata da Adrian Newey, la vettura è stata inizialmente guidata da Kimi Räikkönen e Juan Pablo Montoya, con quest'ultimo che dal Gran Premio di Francia è passato alla NASCAR venendo sostituito da Pedro de la Rosa.

Nelle 18 gare disputate ha ottenuto tre pole position ed altrettanti giri veloci, in entrambi i casi per mano del finlandese Räikkönen. Al termine della stagione si è classificata al terzo posto tra i costruttori.

Presentazione[modifica | modifica wikitesto]

La vettura è stata presentata il 23 gennaio 2006.

Livrea e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

La livrea presenta una colorazione grigia metallizzata, con alcuni inserti neri e rossi in ossequio ai nuovi sponsor Fly Emirates e Johnnie Walker.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2006 § Modifiche al regolamento.

La McLaren MP4-21 è un'evoluzione della monoposto utilizzata dalla scuderia britannica nel corso della stagione precedente. Il telaio e le linee generali della nuova vettura, del resto, ricalcano ampiamente quelle della MP4-20.[1]

Aerodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista aerodinamico il primo profilo caratterizzante della MP4-21 è l'adozione di un alettone anteriore basso, corto e stretto, la cui parte inferiore assume una peculiare forma a cucchiaio che ricalca in gran parte quello della MP4-20, mentre dietro le ruote anteriori è possibile apprezzare degli schermi sdoppiati. Significativa è anche la presenza di pance corte e scavate nella parte inferiore con imbocco triangolare. Per quanto riguarda gli sfoghi dell'aria calda nella parte superiore, presentano una forma a ciminiera incurvata verso l'esterno che permette l'integrazione di scarichi alti e viene installato un impianto di feritoie trasversali sulle fiancate. Davanti alle ruote posteriori è possibile individuare un complesso di ricercati particolari aerodinamici comprensivo di pinne, spoiler e derive verticale, inoltre un piccolo alettone è collocato sul cofano motore e sopra il cambio. Un ulteriore profilo aerodinamico è collocato ai lati della luce posteriore. Le paratie dell'alettone posteriore presentano un angolo superiore smussato e seguono la curvatura della ruota, infine nella parte alta sono individuabili delle feritoie orizzontali. La struttura deformabile posteriore ha anche funzione aerodinamica.[1]

Telaio e sospensioni[modifica | modifica wikitesto]

Il telaio della MP4-21 è un monoscocca in fibra di carbonio ed alluminio a nido d'ape, come il cofano motore, con una zavorra di circa 90 chilogrammi per raggiungere il peso regolamentare di 600. I radiatori dell'acqua e dell'olio sono monolitici e ricurvi.

Per quanto riguarda le sospensioni, la sospensione anteriore adotta uno schema push-rod con attacchi inferiori sdoppiati ed ancoraggio sullo spigolo inferiore della scocca. Il triangolo superiore è rialzato e caratterizzato da un profilo alare che integra il braccio dello sterzo. La sospensione posteriore è caratterizzata invece dal fatto che l'elemento esterno della presa d'aria ha un profilo aerodinamico. Caratteristica comune è l'attacco del puntone delle sospensioni, infulcrato sul portamozzo. Le pinze dei freni sono oblique, con presa d'aria a cestello che copre il disco e permette l'espulsione dell'aria calda assialmente.

Motore[modifica | modifica wikitesto]

A causa del cambio di regolamento, la Mercedes-Benz sostituisce i precedenti motori V10 da 3000 cm con il nuovo FO 108S, un V8 inclinato a 90° da 2400 cm, due alberi a camme e quattro valvole per cilindro. Il propulsore pesa 95 chilogrammi, ha un alesaggio di 98 mm e sia il monoblocco sia la testa sono realizzate in alluminio. La gestione elettronica libera è realizzata da McLaren Electronic Systems, che grazie all'impianto STAR2 System permette al propulsore di sprigionare più di 700 CV a 20.000 giri/min, regime massimo di rotazione imposto dal regolamento. La vita massima dell'unità propulsiva è circa 1800 chilometri, la distanza delle prove e della gara di due Gran Premi.

Carriera agonistica[modifica | modifica wikitesto]

Risultati stagione 2006[modifica | modifica wikitesto]

(i Risultati in Grassetto indicano una Pole Position)

Anno Squadra Motore Gomme Piloti 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 Posizione Punti
2006 McLaren Mercedes-Benz V8 M BHR MAL AUS SMR EUR SPA MON GBR CAN USA FRA GER UNG TUR ITA CIN GIA BRA 110
Finlandia Räikkönen 3 Rit 2 5 4 5 Rit 3 3 Rit 5 3 Rit Rit 2 Rit 5 5
Colombia Montoya 5 4 Rit 3 Rit Rit 2 6 Rit Rit
Spagna de la Rosa 7 Rit 2 5 Rit 5 11 8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b kataweb.it, http://www.kataweb.it/speciali/formula1_2006/mclaren.html . URL consultato il 16 aprile 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1