Ferrari F1-75

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ferrari F1-75
Ferrari F1-75 in Melbourne.jpg
La F1-75 guidata da Charles Leclerc durante le prove libere del Gran Premio d'Australia 2022
Descrizione generale
Costruttore Italia  Ferrari
Categoria Formula 1
Squadra Scuderia Ferrari
Progettata da Enrico Cardile
Enrico Gualtieri
David Sanchez
Fabio Montecchi
Diego Ioverno
Tiziano Battistini
Marco Adurno
Diego Tondi
Rory Byrne
Sostituisce Ferrari SF21
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Materiale composito a nido d'ape con fibra di carbonio
Motore Ferrari 066/7 1.6 V6 turbo ibrido
Trasmissione Cambio longitudinale Ferrari 8 marce + RM con comando semiautomatico sequenziale a controllo elettronico
Altro
Carburante Shell V-Power
Pneumatici Pirelli
Avversarie Vetture di Formula 1 2022
Risultati sportivi
Debutto Bahrein Gran Premio del Bahrein 2022
Piloti 16. Monaco Charles Leclerc
55. Spagna Carlos Sainz Jr.
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
10 3 7 4

La Ferrari F1-75 è la sessantottesima monoposto di Formula 1 prodotta dalla Ferrari, realizzata per partecipare al campionato mondiale di Formula 1 2022.

Livrea[modifica | modifica wikitesto]

La livrea della F1-75, così come le vetture degli anni precedenti, si presenta con una colorazione rossa opaca; per questa vettura è utilizzata una nuova gradazione realizzata dal Centro Stile Ferrari, denominata Rosso Ferrari F1-75.[1] Diversamente dalla SF21, non appare la sfumatura amaranto presente sul retrotreno e compaiono nuove sezioni colorate di nero, ossia le ali anteriore e posteriore — riprendendo uno degli stilemi tipici delle vetture del Cavallino degli anni 1980 e 1990 —[2] e una fascia presente dietro l'airscope, la quale comprende un logo celebrativo; sono infine riportati in nero anche i numeri di gara, scritti con un tipo di carattere diverso rispetto alla SF21.

Il logo celebrativo di cui sopra, il quale nella livrea è sottostato dal tricolore italiano, è formato da un «75», scritto a mo' di monogramma, dalle date «1947-2022» e dal logo del Cavallino rampante. Esso è volto a celebrare il 75º anniversario dalla fondazione della Ferrari. Lo stesso scopo ha anche il nome "F1-75".[3]

Non essendo più presente in qualità di title sponsor, ma soltanto come sponsor comune,[4] spariscono i loghi di Mission Winnow del cofano motore e dalle ali, presenti sulle Ferrari da fine 2018, mentre nella zona delle pance occupata fin dal 2013 dal logo di UPS, è presente adesso il nuovo sponsor CEVA. Sulla vettura tornano, per la prima volta dal 2017 i loghi della banca Santander, posizionati sul muso e sul cofano motore, mentre debuttano i loghi di Snapdragon che si trovano sull'Halo e sulle prese dei canali Venturi. Dal Gran Premio dell'Emilia-Romagna fa il suo debutto anche il logo Frecciarossa, posizionato sui braccetti delle sospensioni anteriori e presente occasionalmente negli appuntamenti di Spagna, Francia e Italia.[5]

Davanti alle alette attaccate alle prese d’aria dei freni sono presenti delle strisce bianche per la vettura di Charles Leclerc e gialle per quella di Carlos Sainz Jr., in riferimento alle rispettive bandiere nazionali monegasca e spagnola;[2] dal Gran Premio d'Arabia Saudita viene proposta la stessa differenza cromatica per i contorni dei numeri di gara dei due piloti, per migliorarne la leggibilità.[6]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Telaio e aerodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio delle pance laterali e delle griglie d'aria longitudinali

A causa del cambio regolamentare programmato dalla FIA per la stagione 2022, la F1-75 si caratterizza per essere un progetto del tutto nuovo completamente diverso dalle sue predecessori. Il regolamento permette di progettare, dopo la sua abolizione nel 1983, un fondo curvo che permette di sfruttare l'effetto suolo. Ai lati della scocca, dove fino all'annata precedente erano presenti i bargeboards, compaiono gli estrattori d'aria, atti a portare aria al fondo vettura dove sono presenti due canali Venturi.[7]

Anche le ali vengono semplificate per regolamento: l'ala anteriore, che forma un cucchiaio nella parte centrale, è composta da quattro elementi, tutti collegati direttamente al muso che presenta una forma tondeggiante e termina con una punta (con conformazione adattabile al tipo di circuito) dove viene aggiunta nuovamente una presa d'aria NACA (soluzione già vista in passato sulla Ferrari 641 F1).[7]

Le prese d'aria laterali sono alte e hanno una forma stretta e lunga mentre le pance, molto larghe, hanno sotto di esse un piccolo incavo che porta l'aria verso il retrotreno, mentre sono scavate nella parte superiore, al fine di incrementare il carico aerodinamico e portare aria sopra il diffusore. Ai lati del cofano motore ci sono due griglie che terminano all'interno degli scavi sopra le pance, mentre l'airscope torna ad essere di forma triangolare come sulla SF90 e sulla SF1000. La F1-75 inoltre monta i cerchi da 18 pollici previsti dal regolamento, dotati di copricerchi.[7]

Motore[modifica | modifica wikitesto]

Rispetto alla passata stagione, il Cavallino porta in dote una nuova specifica denominata 066/7 che diventa la prima della nuova "famiglia" dei Superfast, rinnovata nella parte termica e con il medesimo sistema ibrido portato al debutto sulla SF21 nel Gran Premio di Russia 2021.

Presentazione[modifica | modifica wikitesto]

La Ferrari F1-75 è stata presentata il 17 febbraio 2022 sui canali social e sul sito ufficiale della Scuderia Ferrari,[8] ma era già trapelata un'immagine della vettura vista lateralmente alla vigilia della presentazione.[9]

Scheda tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Ferrari F1-75
Configurazione
Carrozzeria: monoposto Posizione motore: posteriore Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Posti totali: 1 Bagagliaio: assente Serbatoio: 110 kg
Meccanica
Tipo motore: Ferrari 066/7 V6 turbo ibrido con bancate di 90° Cilindrata: 1600 cm³
Distribuzione: Bialbero a 24 valvole con punterie pneumatiche Alimentazione: 500 bar-diretta (1 iniettore per cilindro)
Prestazioni motore Potenza: 1035 CV
Accensione: Magneti Marelli statica Impianto elettrico: Magneti Marelli
Frizione: doppia multidisco a comando elettroidraulico Cambio: longitudinale sequenziale Ferrari, 8 marce + RM con comando semiautomatico a cambiata veloce
Telaio
Corpo vettura in materiale composito a nido d'ape con fibra di carbonio
Sterzo cremagliera servoassistito
Sospensioni anteriori: push-rod / posteriori: pull-rod
Freni anteriori: Freni a disco Brembo / posteriori: Freni a disco Brembo
Pneumatici Pirelli / Cerchi: BBS da 18 in
Altro
Energia batteria (a giro) MJ Sistema ERS
Potenza MGU-K: 120 kW Giri max MGU-K: 50 000 giri/min Giri max MGU-H: 125 000 giri/min
Fonte dei dati: Scuderia Ferrari

Carriera agonistica[modifica | modifica wikitesto]

Test[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Test F1 2022.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2022.

La vettura si dimostra subito molto competitiva sia in qualifica che in gara, conquistando la doppietta nel Gran Premio inaugurale (con la vittoria di Leclerc su Sainz Jr.) e dimostrandosi regolarmente in grado di competere per la vittoria, nonostante il continuo saltellamento (o porpoising) prodotto in rettilineo, mentre le Red Bull sono costrette al ritiro per malfunzionamenti. Nel secondo Gran Premio a Gedda la F1-75 riesce a conquistare il secondo e terzo posto, sempre con Leclerc davanti a Sainz, a solo mezzo secondo dal vincitore Max Verstappen, dopo un lungo duello, che si ripete dopo il Gran Premio del Bahrein, fra il monegasco e l'olandese. Invece, alla terza gara stagionale in Australia, Charles Leclerc agguanta il suo primo grand chelem con oltre 20 secondi di distacco dall'inseguitore Sergio Pérez, frutto sia della maggiore affidabilità della Rossa rispetto ai rivali della Red Bull (infatti Verstappen è costretto al secondo ritiro stagionale per problemi meccanici a metà gara), sia della prestazione ottima e inaspettata del Cavallino Rampante, mentre il madrileno Carlos Sainz Jr. si ritira dopo un incidente avvenuto nelle fasi iniziali del Gran Premio, dopo essere partito dalla nona casella per aver avuto problemi in Q3.

Ben meno felice è invece il risultato avuto al Gran Premio di Imola 2022 dove il monegasco perde il controllo a 8 giri dalla fine passando dalla terza alla nona posizione per poi concludere la gara al sesto posto. Per quanto riguarda Sainz, accolto da un contatto con il rivale Daniel Ricciardo al primo giro, è costretto ad abbandonare ancora una volta la gara. Alla gara successiva, svoltasi per la prima volta nel circuito di Miami, Leclerc e Sainz Jr. partiti dalla prima fila sono sopravanzati in gara dall'olandese Verstappen, che quindi vince la gara con i ferraristi subito dietro. Infatti subito al via l'alfiere della Red Bull sorpassa lo spagnolo e dopo nove giri in rettilineo sorpassa anche il monegasco, il quale ha un passo migliore della gara imolese (anche per la differenza di temperatura, più alta nel tracciato americano), ma comunque paga due decimi a giro rispetto a Verstappen, soprattutto su mescola media.

Piloti[modifica | modifica wikitesto]

Piloti ufficiali
Nazione Nome Numero
Monaco Charles Leclerc 16
Spagna Carlos Sainz Jr. 55
Piloti di riserva
Nazione Nome Numero
Italia Antonio Giovinazzi 99
Germania Mick Schumacher 47
Israele Robert Švarcman[10] 39

Risultati in Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

Anno Team Motore Gomme Piloti Flag of Bahrain.svg Flag of Saudi Arabia.svg Flag of Australia.svg Flag of Emilia-Romagna (de facto).svg Flag of the United States.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Austria.svg Flag of France.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
2022 Scuderia Ferrari Ferrari P Monaco Leclerc 1 2 1 62 2 Rit 4 Rit 5 4 265
Spagna Sainz Jr. 2 3 Rit Rit4 3 4 2 Rit 2 1
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Apice – Risultato Sprint
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un rosso molto speciale, su ferrari.com. URL consultato il 16 maggio 2022.
  2. ^ a b Francesco Corghi, Ferrari F1-75 | Livrea retrò di 30 anni per un ritorno al futuro, su it.motorsport.com, 17 febbraio 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
  3. ^ Presentata la F1-75, una monoposto innovativa e coraggiosa, su ferrari.com. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  4. ^ Sorpresa in casa Ferrari: tra gli sponsor torna Mission Winnow, su f1ingenerale.com. URL consultato il 10 aprile 2022.
  5. ^ Frecciarossa e Scuderia Ferrari: l’eccellenza italiana viaggia veloce, su fsnews.it, 22 aprile 2022.
  6. ^ Piergiuseppe Donadoni, Ferrari F1-75: il muso può accorciarsi e c’è una piccola modifica alla livrea, su formu1a.uno, 25 marzo 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
  7. ^ a b c Franco Nugnes e Giorgio Piola, Ferrari F1-75 | Muso innovativo e doppia... zona Coca Cola, su it.motorsport.com. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  8. ^ (EN) Ferrari unveil their 2022 challenger, the F1-75 | Formula 1®, su formula1.com, 17 febbraio 2022. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  9. ^ Francesco Rapetti, F1 | Leak Ferrari 2022: svelata in anticipo la F1-75? [ FOTO ], su f1ingenerale.com, 16 febbraio 2022. URL consultato il 23 marzo 2022.
  10. ^ Robert Švarcman è un pilota russo, ma è costretto a correre da atleta neutrale potendo utilizzare la bandiera della Federazione Internazionale dell'Automobile a causa del divieto degli emblemi nazionali russi a seguito dell'invasione russa dell'Ucraina, cfr. (EN) FIA announces World Motor Sport Council decisions in relation to the situation in Ukraine, su fia.com, 1º marzo 2022. URL consultato il 1º marzo 2022. Successivamente decide di utilizzare la licenza israeliana in virtù della doppia cittadinanza, cfr. Binotto blinda Shwartzman: “Ha licenza israeliana, resterà con noi”, su formulapassion.it, 29 aprile 2022. URL consultato il 19 giugno 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]