Luca Lotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luca Lotti
Luca Lotti daticamera.jpg

Ministro per lo Sport
In carica
Inizio mandato 12 dicembre 2016
Presidente Paolo Gentiloni
Predecessore Claudio De Vincenti (delega allo sport)

Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
con delega all'editoria
Durata mandato 28 febbraio 2014 –
12 dicembre 2016
Presidente Matteo Renzi
Predecessore Giovanni Legnini
Successore Maria Teresa Amici

Segretario del Comitato interministeriale per la programmazione economica
In carica
Inizio mandato 28 febbraio 2014
Presidente Matteo Renzi
Paolo Gentiloni
Predecessore Rocco Girlanda

Deputato della Repubblica italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
PD
Circoscrizione XII Toscana
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Titolo di studio laurea in scienze dell'amministrazione

Luca Lotti (Empoli, 20 giugno 1982) è un politico italiano, ministro per lo sport dal 12 dicembre 2016 nel governo di Paolo Gentiloni e segretario del comitato interministeriale per la programmazione economica dal 28 febbraio 2014, dopo essere stato dal 28 febbraio 2014 sottosegretario di stato alla presidenza del consiglio dei ministri con delega all'editoria nel Governo Renzi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è diplomato al liceo scientifico Pontormo di Empoli nel 2001 con una votazione pari a 90/100[1] e si è laureato in scienze dell'amministrazione presso l'Istituto Cesare Alfieri di Firenze con una tesi in “e‐government sui rapporti tra pubblica amministrazione e cittadino”.

Membro di Azione Cattolica e allenatore di una squadra di calcio di bambini con un passato da giocatore sui campi dell'Eccellenza, dal 2004 per due mandati è Consigliere Comunale di Montelupo Fiorentino, dove risiede, eletto nelle fila de La Margherita.

Nel dicembre del 2005 in comune il sindaco gli presenta il Presidente della Provincia Matteo Renzi accompagnandolo poi alla Fiera della ceramica. Due giorni dopo Renzi lo chiama offrendogli di lavorare nel suo staff e Lotti decide di accettare nonostante abbia ricevuto un'offerta di lavoro da una banca toscana. Per sei mesi si "fa le ossa" a Bruxelles con Lapo Pistelli e dal 17 luglio 2006 entra nello staff di Renzi che ad ottobre lo nomina capo dello stesso. Nel 2009 lo segue al Comune di Firenze diventando Capo di Gabinetto e responsabile della segreteria; si sposa con Cristina Mordini,[2] ex dipendente comunale di sei anni più grande di lui e all'epoca impiegata proprio presso la segreteria del primo cittadino, diventando poi padre di Gherardo.[3] Nel 2012 coordina la campagna di Renzi per le primarie del PD che in quest'occasione non riuscirà a vincere.

Alle elezioni politiche del 2013 viene eletto deputato della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione XII Toscana per il Partito Democratico diventando l'uomo di fiducia di Renzi in Parlamento, il capo della corrente dei renziani.[4][5]
Il 5 giugno di quell'anno viene scelto come responsabile nazionale degli enti locali del Partito Democratico nella nuova segreteria nazionale del segretario "reggente" Guglielmo Epifani.
Il 9 dicembre diviene membro della segreteria nazionale del Partito Democratico, con a capo il nuovo segretario nazionale Renzi, con il ruolo di responsabile nazionale dell'organizzazione e coordinatore nazionale della segreteria.

Dal 28 febbraio 2014 è sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega all'informazione e comunicazione del Governo e all'editoria nel Governo Renzi. È anche segretario del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE).

Il 12 dicembre 2016 viene nominato ministro dello sport nel Governo Gentiloni.[6]

Il 15 marzo 2017 il Senato respinge una mozione di sfiducia presentata dal Movimento Cinque Stelle nei suoi confronti in quanto Lotti risulterebbe indagato per rivelazione di segreto d'ufficio[senza fonte] in relazione ad appalti Consip.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro per lo sport Successore
carica istituita dal 12 dicembre 2016 in carica
Controllo di autorità VIAF: (EN192144928812954440391 · SBN: IT\ICCU\CFIV\321928