Luca Lotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Luca Lotti

Ministro per lo sport
Durata mandato12 dicembre 2016 –
1º giugno 2018
Capo del governoPaolo Gentiloni
PredecessoreClaudio De Vincenti[N 1]
SuccessoreGiancarlo Giorgetti[N 1]

Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
con delega all'informazione e all'editoria
Durata mandato28 febbraio 2014 –
12 dicembre 2016
Capo del governoMatteo Renzi
PredecessoreGiovanni Legnini
SuccessoreSesa Amici

Segretario del Comitato interministeriale per la programmazione economica
Durata mandato28 febbraio 2014 –
1º giugno 2018
Capo del governoMatteo Renzi
Paolo Gentiloni
PredecessoreRocco Girlanda
SuccessoreGiancarlo Giorgetti

Coordinatore del Partito Democratico
Durata mandato15 dicembre 2013 –
18 settembre 2014
PredecessoreMaurizio Migliavacca
SuccessoreLorenzo Guerini

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato15 marzo 2013 –
12 ottobre 2022
LegislaturaXVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
CoalizioneXVII: Italia. Bene Comuneì
XVIII: Centro-sinistra 2018
CircoscrizioneToscana
CollegioXVIII: 4 (Empoli)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politicoPartito Democratico (dal 2007)
In precedenza:
DL (2004-2007)
Titolo di studioLaurea in Scienze dell'amministrazione
UniversitàIstituto Cesare Alfieri
ProfessioneDirigente pubblico

Luca Lotti (Empoli, 20 giugno 1982) è un politico italiano, ministro per lo Sport dal 12 dicembre 2016 al 1º giugno 2018 nel governo Gentiloni.

È stato Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega all'informazione e all'editoria dal 28 febbraio 2014 12 dicembre 2016 nel governo Renzi e segretario del comitato interministeriale per la programmazione economica dal 28 febbraio 2014 al 1º giugno 2018 nei governi Renzi e Gentiloni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è diplomato al liceo scientifico "Pontormo" di Empoli nel 2001, e si è laureato in scienze dell'amministrazione presso l'Istituto Cesare Alfieri dell'Università degli Studi di Firenze, con una tesi in "E-Government sui rapporti tra pubblica amministrazione e cittadino" nel 2006.

Membro di Azione Cattolica, allenatore di una squadra di calcio di bambini con un passato da giocatore sui campi dell'Eccellenza[1][2], dal 2004 fino al 2014 per due mandati è stato consigliere comunale di Montelupo Fiorentino, dove risiede, eletto nelle file de "La Margherita" di Francesco Rutelli.

Amicizia con Matteo Renzi[modifica | modifica wikitesto]

A dicembre del 2005, il sindaco di Montelupo Fiorentino gli presenta l'allora Presidente della Provincia di Firenze Matteo Renzi, accompagnandolo poi alla Fiera della ceramica. Due giorni dopo Renzi lo chiama, offrendogli di lavorare nel suo staff e Lotti decide di accettare, nonostante abbia ricevuto un'offerta di lavoro da una banca toscana[3]. Dal 17 luglio 2006 entra nello staff di Renzi, che a ottobre lo nomina capo dello stesso staff.

Nel 2009, dopo l'elezione di Renzi a sindaco di Firenze, segue Renzi al Comune di Firenze, diventando suo Capo di Gabinetto e responsabile della segreteria[4]; si sposa con Cristina Mordini,[5] ex dipendente comunale di sei anni più grande di lui e all'epoca impiegata proprio presso la segreteria del primo cittadino, diventando poi padre di Gherardo e Anita.[6]

Nel 2012 coordina la campagna elettorale di Renzi per le primarie della coalizione di centro-sinistra "Italia. Bene Comune", che in quest'occasione non riuscirà a vincere e verranno vinte da Pier Luigi Bersani.[3]

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Luca Lotti eletto alla Camera nel 2013.

Alle elezioni politiche del 2013 viene candidato alla Camera dei deputati, tra le liste del Partito Democratico nella circoscrizione Toscana in quinta posizione, risultando eletto deputato. All'inizio della XVII legislatura della Repubblica è diventato l'uomo di fiducia di Renzi e alla guida della corrente "renziana" in Parlamento[3][7][8].

Il 5 giugno 2013 viene scelto come Responsabile degli enti locali del Partito Democratico nella nuova segreteria nazionale guidata dal "reggente" Guglielmo Epifani[9]. Il successivo 9 dicembre diventa membro della segreteria nazionale del Partito Democratico, con a capo il nuovo segretario Renzi, con il ruolo di responsabile nazionale dell'organizzazione e coordinatore della segreteria.

Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Governo Renzi.

Il 28 febbraio 2014 viene nominato dal Consiglio dei Ministri Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega all'informazione e comunicazione del Governo e all'editoria nel governo Renzi, venendo anche nominato segretario del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE), da cui passano i principali progetti infrastrutturali dell'Italia, e responsabile della commemorazioni del centenario della prima guerra mondiale.[3][10]

Nel corso della presidenza di Renzi figura come membro del cosiddetto "Giglio magico", gruppo ristretto di persone di fiducia che attorniavano Renzi.[3]

Ministro per lo sport[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Governo Gentiloni.
Lotti con l'imprenditore e presidente del Frosinone Calcio Maurizio Stirpe all'inaugurazione dello Stadio Benito Stirpe nel settembre 2017

Il 12 dicembre 2016 giura nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella come ministro per lo sport nel nuovo governo presieduto da Paolo Gentiloni[10][11]. La scelta di istituire di nuovo il ministero dello Sport, e soprattutto la sua nomina è stata accolta con grande entusiasmo dalle federazioni sportive come CONI, FIGC e molte altre.[12]

Il 15 marzo 2017 il Senato della Repubblica respinge con 52 sì, 161 no e 2 astenuti una mozione di sfiducia nei suoi confronti, presentata dal Movimento 5 Stelle per il suo coinvolgimento in un'inchiesta su appalti Consip.

Alle politiche del 2018 viene ricandidato alla Camera nel collegio uninominale Toscana - 04 (Empoli), sostenuto dalla coalizione dl centro-sinistra in quota PD, venendo rieletto con il 40,49% dei voti contro i candidati del centro-destra, in quota Lega, Sonia Ciraolo (26,52%) e del Movimento 5 Stelle Renato Scalia (23,66%)[13].

Scandalo Palamara e autosospensione dal PD[modifica | modifica wikitesto]

In vista delle primarie del PD del 2019 Lotti sostiene la mozione del segretario uscente Maurizio Martina, ex ministro delle politiche agricole nei governi Renzi e Gentiloni e rappresentante l'area "filo-renziana" del partito, che risulterà perdente arrivando secondo con il 22% dei voti dietro a Nicola Zingaretti (66%).[14][15]

Il 14 giugno 2019, in seguito al suo coinvolgimento nello scandalo all'interno del CSM riguardante l'inchiesta per corruzione su Luca Palamara (presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati dal 2008 al 2012) sulle procure, si autosospende dal Partito Democratico.[3][16][17][18] Nel settembre 2019 sceglie, a sorpresa, di non seguire Matteo Renzi nella fondazione del nuovo partito centrista e liberale Italia Viva.

Il 16 gennaio 2022 annuncia di tornare a prendere parte alle iniziative del PD, ponendo fine alla sua autosospensione.[19]

Mancata ricandidatura e fuori dal Parlamento[modifica | modifica wikitesto]

Non viene ricandidato in Parlamento dal PD alle elezioni politiche anticipate del 2022[20]. A novembre diventa consulente esterno dell'Empoli curando i rapporti istituzionali con Lega Calcio e FIGC della squadra di calcio della sua città natale.[21][22]

Alle primarie del PD del 2023 sostiene, assieme a "Base Riformista", la candidatura di Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, ma viene sconfitto dalla deputata del PD Elly Schlein[23], la quale nei giorni precedenti alle votazioni aperte si è scontrata.[24]

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Inchiesta sugli appalti Consip[modifica | modifica wikitesto]

A dicembre 2016 Lotti risulta indagato per favoreggiamento e rivelazione di segreto istruttorio in un'inchiesta su appalti Consip condotta dai PM di Napoli[25]. Il 15 marzo 2017 il Senato respinge una mozione di sfiducia presentata dal Movimento 5 Stelle nei suoi confronti per questa circostanza.[26]

In ottobre 2018 il GIP richiede il rinvio a giudizio di Lotti per favoreggiamento[27][28] e in ottobre 2019 viene rinviato a giudizio.[29]

A luglio 2020, Lotti viene rinviato a giudizio, assieme al generale dei Carabinieri Emanuele Saltalamacchia, anche per il reato di rivelazione di segreto d'ufficio[30][31] e il 13 ottobre 2020 inizia il processo[32]. Nella stessa data viene a crearsi un unico procedimento penale che riunisce anche il precedente filone relativo al favoreggiamento[33].

Nomine dei procuratori della Repubblica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la procura di Perugia, nel maggio 2019 si sarebbero svolti numerosi incontri tra Luca Palamara, magistrato membro del CSM poi dimessosi in seguito a un'indagine per corruzione, e i deputati del Partito Democratico Cosimo Ferri e Lotti stesso per discutere la nomina del capo della procura di Roma, la quale ha chiesto il processo per Lotti.[34][35]

La stessa procura di Perugia non precederà non ravvisando alcun tipo di reato.

Inchiesta Open[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 novembre 2020 viene iscritto nel registro degli indagati presso la procura di Firenze con l’accusa di finanziamento illecito continuato attraverso la Fondazione Open insieme a Matteo Renzi, Maria Elena Boschi, l’avvocato Alberto Bianchi e l’imprenditore Marco Carrai, tutti membri del cosiddetto “Giglio Magico“ renziano. A loro viene contestato il finanziamento illecito continuato “perché in concorso tra loro, in esecuzione di un medesimo disegno criminoso (…) Bianchi, Carrai, Lotti e Boschi in quanto membri del consiglio direttivo della Fondazione Open riferibile a Renzi Matteo (e da lui diretta), articolazione politico- organizzativa del Partito Democratico (corrente renziana), ricevevano in violazione della normativa citata i seguenti contributi di denaro che i finanziatori consegnavano alla Fondazione Open: circa 670.000 euro nel 2012, 700.000 nel 2013, 1,1 milioni nel 2014, 450.000 nel 2015, 2,1 milioni nel 2016, 1 milione nel 2017 e 1,1 milioni nel 2018”.[36]

Il 9 febbraio 2022 la procura di Firenze chiede il rinvio a giudizio di Lotti e altre 10 persone per l’inchiesta sulle presunte irregolarità nei finanziamenti alla Fondazione Open.[37]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni
  1. ^ a b Delega allo sport
Fonti
  1. ^ QuotidianoNet, Il ministro Lotti: "Così cambio il calcio", su QuotidianoNet. URL consultato il 6 marzo 2021.
  2. ^ Sognava un futuro come allenatore il factotum di Renzi, su Il Tirreno, 24 dicembre 2013. URL consultato il 6 marzo 2021.
  3. ^ a b c d e f Chi è Luca Lotti, dall'amicizia con Matteo Renzi alle cene con Palamara, su Open, 14 giugno 2019. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  4. ^ Da Samminiatello a Firenze, puntando Palazzo Chigi. Chi è Luca Lotti, consigliere comunale e braccio destro di Matteo Renzi, su archivio.gonews.it. URL consultato il 6 marzo 2021 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2019).
  5. ^ dichiarazione per la pubblicità della situazione patrimoniale (PDF)
  6. ^ Luca Lotti CV (PDF), su presidenza.governo.it.
  7. ^ Filmato audio Chi è Luca Lotti, braccio destro di Renzi, su YouTube, 7 marzo 2017. URL consultato il 10 marzo 2017.
  8. ^ Il lampadina di Renzi, su ilfoglio.it.
  9. ^ La segreteria di Epifani, ecco gli incarichi di lavoro | Europa Quotidiano, su web.archive.org, 23 gennaio 2015. URL consultato l'8 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2015).
  10. ^ a b Chi è Luca Lotti, nuovo ministro dello Sport, su Panorama, 12 dicembre 2016. URL consultato il 6 marzo 2021.
  11. ^ Sergio Mattarella, DPR 12 dicembre 2016 - Nomina dei Ministri (PDF), su governo.it, Governo della Repubblica Italiana, 12 dicembre 2016. URL consultato il 20 febbraio 2017.
  12. ^ Luca Lotti ministro dello Sport: dalla Ryder Cup ai diritti tv, tutte le partite su cui l'uomo di Renzi è una garanzia, su Il Fatto Quotidiano, 13 dicembre 2016. URL consultato il 28 giugno 2021.
  13. ^ CAMERA – COLLEGI UNINOMINALI*
  14. ^ I dem che hanno scaricato Matteo Renzi, su lettera43.it.
  15. ^ Redazione, Pd: 85 parlamentari renziani firmano per Martina segretario, su Firenze Post, 14 dicembre 2018. URL consultato il 30 novembre 2023.
  16. ^ Cos'è lo scandalo CSM? Cosa sta succedendo e le indagini, su Open, 14 giugno 2019. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  17. ^ Luca Lotti si autosospende dal Pd, su Open, 14 giugno 2019. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  18. ^ Gianni Carotenuto, Lotti autosospeso dal Pd, ma per finta: e riunisce la corrente riformista, in Il Giornale, 5 luglio 2019. URL consultato il 29 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2021).
  19. ^ Luca Lotti ha finito la sua autosospensione e rientra nel Pd, su Affaritaliani.it. URL consultato il 5 aprile 2023.
  20. ^ Pietro Grasso, l'ex pm antimafia e presidente del Senato escluso dalle liste del Pd. Renziani e giovani turchi, i delusi dalle scelte di Letta, su Il Fatto Quotidiano, 16 agosto 2022. URL consultato il 30 novembre 2023.
  21. ^ L'ex ministro Luca Lotti diventa consulente dell'Empoli calcio
  22. ^ Luca Lotti, l’ex ministro dello Sport diventa consulente esterno dell’Empoli calcio
  23. ^ Bonaccini dichiara guerra alle correnti del Pd: "Non voglio il loro sostegno". Ma sul suo carro sono già saltati in massa gli ex renziani, su Il Fatto Quotidiano, 20 novembre 2022. URL consultato il 30 novembre 2023.
  24. ^ Pd, è scontro tra Lotti e Schlein. La candidata: "È renziano". La replica: "Ero in quella corrente, se vinci mi cacci?", su la Repubblica, 23 febbraio 2023. URL consultato il 31 gennaio 2024.
  25. ^ Marco Lillo, «Indagato Lotti. L'inchiesta su appalti truccati e soffiate alla Consip», Il Fatto Quotidiano, 23 dicembre 2016, p.1-3
  26. ^ Lotti indagato, silenzio di politica e media sui verbali dell'interrogatorio. M5s: "Auspichiamo l'interesse di giornali e tv", su Il Fatto Quotidiano, 12 gennaio 2017. URL consultato il 5 aprile 2023.
  27. ^ La procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per sette persone, tra cui l'ex ministro Luca Lotti, nell'ambito del caso Consip, su Il Post, 14 dicembre 2018. URL consultato il 5 aprile 2023.
  28. ^ Consip: verso il processo l'ex sottosegretario Lotti, su la Repubblica, 14 dicembre 2018. URL consultato il 5 aprile 2023.
  29. ^ Caso Consip, Lotti rinviato a giudizio per favoreggiamento. Prosciolto l'ex capitano Scafarto, su la Repubblica, 3 ottobre 2019. URL consultato il 5 aprile 2023.
  30. ^ Firenze, Luca Lotti rinviato a giudizio per il caso Consip, in la Repubblica, 29 luglio 2020. URL consultato il 29 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2022).
  31. ^ Caso Consip, l'ex ministro Luca Lotti rinviato a giudizio per rivelazione di segreto d'ufficio, su Il Fatto Quotidiano, 29 luglio 2020. URL consultato il 6 marzo 2021.
  32. ^ Consip, Luca Lotti a processo per rivelazione del segreto d'ufficio, in TGcom24, 29 luglio 2020. URL consultato il 29 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2020).
  33. ^ Caso Consip, l’ex ministro Luca Lotti rinviato a giudizio per rivelazione di segreto d’ufficio, in Il Fatto Quotidiano, 29 luglio 2020. URL consultato il 29 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 luglio 2020).
  34. ^ Magistrati indagati, gli incontri notturni di Palamara con Lotti&Co. per pilotare le nomine dei procuratori capo, in Il Fatto Quotidiano, 5 giugno 2019. URL consultato il 10 giugno 2019.
  35. ^ Caso Csm, Zingaretti chiede spiegazioni a Lotti. Difeso dai renziani: “Parte del Pd è geneticamente manettara”, in Il Fatto Quotidiano, 6 giugno 2019. URL consultato il 10 giugno 2019.
  36. ^ Renzi, Boschi, Lotti indagati: finanziamento illecito. "Somme per l'attività della corrente politica attraverso la fondazione Open", su Il Fatto Quotidiano, 7 novembre 2020. URL consultato il 7 novembre 2020.
  37. ^ Fondazione Open: chiesto il rinvio a giudizio per Renzi e altri 10 indagati. Lui: "Lieto che inizi il processo". Ma denuncia i tre pm che hanno firmato la richiesta, su Il Fatto Quotidiano, 9 febbraio 2022. URL consultato il 5 aprile 2023.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro per lo sport Successore
Claudio De Vincenti
(Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio)
12 dicembre 2016 - 1º giugno 2018 Vincenzo Spadafora
(Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio)
Predecessore Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
con delega all'informazione e all'editoria
Successore
Giovanni Legnini 28 febbraio 2014 - 12 dicembre 2016 Sesa Amici
Predecessore Coordinatore del Partito Democratico Successore
Maurizio Migliavacca 15 dicembre 2013 - 18 settembre 2014 Lorenzo Guerini
Controllo di autoritàVIAF (EN41684092 · SBN CFIV321928 · WorldCat Identities (ENlccn-nr89002411