Cittadino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cittadino è abitante o residente in uno stato e del quale possiede la cittadinanza avendone i conseguenti diritti e i doveri.[1]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Tale definizione ha origine dalle antiche città stato e specialmente in Roma. Chi era cittadino di Roma, e quindi ne aveva o ne conseguiva la cittadinanza, era tutelato e si considerava protetto e intoccabile in ogni luogo dell'impero e anche nelle città straniere. Il conseguimento dello status di Cittadino romano fu considerato a lungo un privilegio e l'aspirazione ad esserlo, da parte degli abitanti delle zone sotto il dominio romano, fu anche oggetto di aspre contese tra Roma e le altre popolazioni italiche.

All'epoca dei comuni il termine identificava quella classe sociale superiore ai popolani ma inferiore ai nobili.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Cittadino, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto