Luca Palamara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luca Palamara
Luca Palamara.jpg
Luca Palamara nel 2011

Componente del Consiglio Superiore della Magistratura
Durata mandato 25 settembre 2014 –
20 giugno 2020

Presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati
Durata mandato 17 maggio 2008 –
24 marzo 2012
Predecessore Simone Luerti
Successore Rodolfo Maria Sabelli

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università La Sapienza di Roma
Professione Ex-magistrato

Luca Palamara (Roma, 22 aprile 1969) è un ex magistrato italiano, ex membro del Consiglio Superiore della Magistratura. È stato il più giovane presidente dell'ANM da maggio 2008 a marzo 2012; dal 19 settembre 2020 è il primo presidente nella storia dell'ANM ad esserne stato espulso[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del magistrato Rocco Palamara, si laurea in giurisprudenza a La Sapienza di Roma nel 1991 a ventidue anni, entra in magistratura nel 1996 e nel 1997 inizia la carriera di pubblico ministero presso la Procura della Repubblica di Reggio Calabria, per poi passare nel 2002 alla procura di Roma per indagare sul caso Aldo Moro[2][3] e su Calciopoli[4].

Dopo esserne stato segretario generale nel 2007, è presidente dell'ANM da maggio 2008 a marzo 2012.

Nel 2014 diviene membro togato del Consiglio superiore della magistratura, eletto nella corrente di centro Unità per la Costituzione[5].

Nel giugno 2020, a seguito dei procedimenti giudiziari in corso, l'ANM decide la sua espulsione dall'organismo associativo[6][7].

Nell'ottobre 2020, per decisione del CSM, gli viene inflitta la pena più severa prevista dalla giustizia disciplinare, e viene radiato dalla magistratura. Il 4 agosto 2021 le sezioni unite della Corte di Cassazione hanno confermato in via definitiva la radiazione[8].

Il 6 giugno 2021 annuncia la sua candidatura alla Camera dei Deputati, nelle elezioni suppletive del collegio uninominale di Roma Monte Mario-Primavalle[9] con la Lista Palamara, ottiene il 6% senza essere eletto[10].

Il 9 maggio 2022 annuncia la sua candidatura alle prossime elezioni politiche.[11]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 e nel 2020 la stampa riporta notizie su inchieste giudiziarie che lo riguardano, in particolare sul suo ruolo di mediatore tra le correnti della magistratura, nello specifico, nell'assegnazione di incarichi di rilievo, come quello di Procuratore della Repubblica. Palamara riconosce di aver rivestito questo ruolo in un'intervista rilasciata al giornalista Massimo Giletti durante la trasmissione Non è l'Arena del 31 maggio 2020, sostenendo che erano in molti a fare da mediatori, e che i mediatori agivano all'interno del sistema delle correnti in magistratura.[12][13][14][15][16][17]

Durante l'intervista Palamara dichiara: "Sono qui perché ho il dovere di chiarire tutto. Non ho inventato io le correnti. Essere identificato come male assoluto può fare comodo a qualcuno. Io mediavo tra le singole correnti dell'Anm. Non esisteva solo un unico Palamara, esistevano tanti mediatori. Mi chiamavano tantissime persone, avevo una funzione di rappresentanza, ero diventato una figura di riferimento per molti colleghi, ma non per fare cose illecite. E questo ha partorito nomine di magistrati di assoluto livello. Tutti erano frutto di un accordo". E ha aggiunto: "I posti di Procuratore della Repubblica sono molto ambiti, sono posti di potere. È vero che il sistema delle correnti penalizza chi non vi appartiene. Negare che le correnti siano una scorciatoia è una bugia. Le correnti della magistratura nel CSM hanno un peso preponderante. Il politico dall’esterno non può incidere sui magistrati, ma questo sistema favorisce una commistione".[18]

Il ruolo svolto da Palamara all'interno del sistema delle correnti della magistratura è emerso dall’intercettazione di sue conversazioni captate da un trojan inoculato dagli inquirenti sul suo smartphone.[19]

Ha suscitato molte polemiche, in particolare nell'ambito della magistratura, il libro-intervista Il Sistema. Potere, politica, affari: storia segreta della magistratura italiana, da lui realizzato con il giornalista Alessandro Sallusti e portato in scena a teatro da Edoardo Sylos Labini.[20]

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 viene indagato per corruzione e per fuga di informazioni all'interno del Consiglio Superiore della Magistratura.[5][21][22][23][24][25]

Nell'ottobre 2020 la Procura della Repubblica di Perugia ha chiesto il suo rinvio a giudizio per presunti episodi di corruzione.[26] Nel corso dell'udienza preliminare del febbraio 2021 la procura ha modificato il capo d'imputazione contestandogli anche i reati di corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio e corruzione in atti giudiziari.[27] Nel marzo 2021 viene inoltre chiesto dalla Procura della Repubblica di Perugia il suo rinvio a giudizio, insieme all'ex procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio, con l'accusa di concorso in rivelazione e utilizzazione di segreti d'ufficio.[28]

Il 23 luglio 2021 il giudice per le udienze preliminari lo ha rinviato a giudizio per tutti i capi di imputazione contestatigli dalla Procura della Repubblica di Perugia, fissando l'inizio del processo al 15 novembre 2021.[29]

In un ulteriore procedimento giudiziario il 9 maggio 2022 la Procura della Repubblica di Perugia ha depositato la conclusione delle indagini, contestandogli nuovi episodi di presunta corruzione.[30]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1995 - Manuale di diritto penale
  • 2006 - Manuale sulla tutela della privacy e sulla tutela dell’accesso nelle istituzioni scolastiche
  • 2007 - La responsabilità penale del pubblico dipendente
  • 2008 - Un progetto per la giustizia
  • 2009 - Cento anni di associazione magistrati
  • 2009 - Le cinque responsabilità del pubblico dipendente
  • 2011 - Autoriforma, organizzazione, responsabilità
  • 2011 - Le sanzioni amministrative
  • 2021 - Il Sistema. Potere, politica, affari: storia segreta della magistratura italiana (con Alessandro Sallusti)
  • 2022 - Lobby & logge. Le cupole occulte che controllano “il sistema” e divorano l’Italia (con Alessandro Sallusti)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.agi.it/cronaca/news/2020-09-19/palamara-espulso-anm-9704019/
  2. ^ Caso Moro, l'accusa al consulente americano, su Il Sole 24 ORE. URL consultato il 5 giugno 2020.
  3. ^ Commissione parlamentare di inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro, Audizione del Sostituto procuratore presso il tribunale di Roma, Luca Palamara. Seduta n. 46 di Mercoledì 29 luglio 2015, su documenti.camera.it, 29 luglio 2015. URL consultato il 25 giugno 2020.
  4. ^ Claudio Del Frate, Il processo a Moggi, Moro e la lite tv con Cossiga: chi è Palamara, su Corriere della Sera, 30 maggio 2019. URL consultato il 5 giugno 2020.
  5. ^ a b Chi è Luca Palamara, il magistrato al centro dello scandalo toghe, su lastampa.it, 12 luglio 2019. URL consultato il 25 giugno 2020.
  6. ^ Palamara contrattacca: "Non agivo da solo, farò i nomi", su agi.it, 21 giugno 2020.
  7. ^ Alberto Giorgi, Palamara non ci sta: "Io espulso dall'Anm? Pronto a fare ricorso", su ilgiornale.it, 22 giugno 2020.
  8. ^ Luca Palamara, le Sezioni unite della Cassazione confermano la radiazione dalla magistratura - Il Fatto Quotidiano
  9. ^ Palamara si candida a Roma: "Darò forza al mio racconto" - Il Giornale
  10. ^ Elezioni suppletive Primavalle: vince Andrea Casu ex segretario del PD Roma, Palamara solo il 6% Fanpage.it
  11. ^ Giustizia: Palamara, mi candido alle prossime politiche - Ansa
  12. ^ L'intervista di Massimo Giletti a Luca Palamara - YouTube, su youtube.com, 31 maggio 2020.
  13. ^ Non è l'arena - Puntata 31/05/2020. URL consultato il 25 giugno 2020.
  14. ^ Palamara in tv: “Non ho inventato io il sistema delle correnti, i politici non incidono sulle nomine del Csm”, su lastampa.it, 1º giugno 2020. URL consultato il 25 giugno 2020.
  15. ^ Palamara: "Le correnti? Usate per fare carriera, ecco i nomi", su Adnkronos. URL consultato il 25 giugno 2020.
  16. ^ Michele Di Lollo, Scandalo magistratura, Palamara: "Le correnti sono sistema di potere", su ilGiornale.it, 3 giugno 2020. URL consultato il 25 giugno 2020.
  17. ^ Porta a porta - S2019/20 - Puntata del 03/06/2020 - Video, su RaiPlay. URL consultato il 25 giugno 2020.
  18. ^ Michele Di Lollo, Caso Salvini, Palamara in tv: "I pm sono sensibili ai migranti", su ilGiornale.it, 1º giugno 2020. URL consultato il 25 giugno 2020.
  19. ^ Così è stato infettato e intercettato il telefonino del magistrato Palamara, su Agi. URL consultato il 26 giugno 2020.
  20. ^ "Il Sistema" ora irrita le toghe: "Palamara dileggia la magistratura" - Il Giornale, 29 gennaio 2021
  21. ^ Luca Palamara, chi è il magistrato al centro dello scandalo del CSM, su Money.it, 25 maggio 2020. URL consultato il 5 giugno 2020.
  22. ^ L'affaire Csm - Report, su Rai Report. URL consultato il 5 giugno 2020.
  23. ^ Da Zingaretti a Bova fino alla AS Roma: tutti alla corte di Palamara, Mr Wolf della Capitale, su l'Espresso, 25 maggio 2020. URL consultato il 5 giugno 2020.
  24. ^ (DE) Justizskandal bewegt Italien, su OVB Heimatzeitungen. URL consultato il 5 giugno 2020.
  25. ^ Caso Palamara, Mattarella: "Grave sconcerto, urge la riforma del Csm, ma no allo scioglimento", su la Repubblica, 29 maggio 2020. URL consultato il 5 giugno 2020.
  26. ^ Caos procure, chiesto il giudizio per Luca Palamara - Corriere della Calabria
  27. ^ Per Palamara anche accusa corruzione atti giudiziari - Ansa
  28. ^ Richiesta di rinvio a giudizio per l'ex pg della Cassazione Fuzio e per Palamara - La Nazione
  29. ^ Luca Palamara rinviato a giudizio per corruzione - Rainews.it
  30. ^ Chiuse le indagini su Palamara, nuove accuse di corruzione: un «affare molto vantaggioso» e vacanze gratis in cambio di aiuti nei processi - Open

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Massari, Magistropoli. Tutto quello che non vi hanno mai raccontato sul Csm e sul caso Palamara, PaperFirst, 2020
  • Sallusti-Palamara, Il sistema. Potere, politica, affari: storia segreta della magistratura italiana, Rizzoli, 2021
  • Sallusti-Palamara, Lobby & logge. Le cupole occulte che controllano “il sistema” e divorano l’Italia, Rizzoli, 2022

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1443159234273803371248 · WorldCat Identities (ENviaf-1443159234273803371248