Claudio De Vincenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Claudio De Vincenti
Claudio De Vincenti 2017 cropped.jpg

Ministro per la coesione territoriale e il mezzogiorno
Durata mandato 12 dicembre 2016 –
1º giugno 2018
Presidente Paolo Gentiloni
Predecessore Se stesso (Sottosegretario con delega alla coesione territoriale)
Successore Barbara Lezzi

Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
Segretario del Consiglio dei ministri
con delega alle politiche di coesione territoriale e allo sport
Durata mandato 10 aprile 2015 –
12 dicembre 2016
Presidente Matteo Renzi
Predecessore Graziano Delrio
Successore Se stesso (Ministro per la coesione territoriale)
Maria Elena Boschi (Consiglio dei Ministri)
Luca Lotti (sport)

Viceministro dello sviluppo economico
Durata mandato 28 febbraio 2014 –
10 aprile 2015
Vice di Federica Guidi
Cotitolare Carlo Calenda
Presidente Matteo Renzi
Predecessore Antonio Catricalà
Successore Teresa Bellanova

Sottosegretario di Stato al Ministero dello Sviluppo Economico
Durata mandato 29 novembre 2011 –
22 febbraio 2014
Cotitolare Massimo Vari
Simona Vicari
Presidente Mario Monti
Enrico Letta
Predecessore Stefano Saglia
Successore Antonello Giacomelli

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (dal 2007)
In precedenza:
PCI (1972-1991)
PDS (1991-1998)
DS (1998-2007)
Titolo di studio Laurea in economia politica
Università Università degli Studi di Roma "La Sapienza"
Professione Docente universitario

Claudio De Vincenti (Roma, 28 ottobre 1948) è un politico, economista e professore universitario italiano, dal 12 dicembre 2016 al 1º giugno 2018 ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno del Governo Gentiloni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Claudio De Vincenti è nato a Roma il 28 ottobre 1948.

È professore di economia politica presso la facoltà di economia dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" e collaboratore de Lavoce.info.[1]

È stato Coordinatore del NARS (Nucleo di consulenza del CIPE per la regolazione dei servizi di pubblica utilità) presso il Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica dal 1997 al 2001 e membro del Consiglio degli esperti economici della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1998 al 2001.[1]

Dal marzo 2021 è presidente di Aeroporti di Roma.[2]

Politica[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla nascita del governo tecnico Monti, il 29 novembre 2011 viene nominato dal Consiglio dei Ministri sottosegretario di Stato al Ministero dello Sviluppo Economico. Il 2 maggio 2013 viene confermato in quel ruolo nel successivo governo Letta fino alla fine dell'esecutivo.

In seguito alla caduta del governo Letta, per volere del neo-segretario del PD Matteo Renzi per diventare Presidente del Consiglio, e alla nascita del suo governo, il 28 febbraio 2014 viene nominato dal Consiglio dei Ministri viceministro allo sviluppo economico, affiancando il ministro Federica Guidi.

Negli anni al MISE, sia in qualità di sottosegretario che di viceministro, si è occupato di politica industriale e di energia, affrontando trattative lunghe e difficili, per trovare a tutte le parti coinvolte soluzioni di risanamento di aziende in crisi e di tutela dei posti di lavoro a rischio.[3]

In seguito alla nomina di Graziano Delrio a ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti per sostituire Maurizio Lupi, il 10 aprile 2015 viene nominato dal Consiglio dei ministri a prendere il posto vacante di Delrio come Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri, con funzioni di segretario del Consiglio dei Ministri, oltre a conferirgli le deleghe alle politiche di coesione territoriale e allo sport, nel medesimo esecutivo Renzi.

A seguito delle dimissioni di Matteo Renzi da Presidente del Consiglio per la bocciatura della riforma costituzionale Renzi-Boschi, il 12 dicembre 2016 viene nominato Ministro della Coesione Territoriale e del Mezzogiorno del nuovo governo, presieduto da Paolo Gentiloni.[4]

Alle elezioni politiche del 2018 viene inizialmente escluso dalle liste del Partito Democratico; tuttavia in un secondo momento viene candidato alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale di Sassuolo (collegio in cui era stato precedentemente indicato Gianni Cuperlo, salvo poi la rinuncia di quest'ultimo)[5]. Viene clamorosamente sconfitto, giungendo infatti terzo dietro al candidato della coalizione del centro-destra Benedetta Fiorini e al candidato del Movimento 5 Stelle Michele Dell'Orco; non viene pertanto eletto in Parlamento.[6][7]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Marx e Sraffa. Note su un dibattito di teoria economica, Napoli, De Donato, 1978.
  • L'economia di tipo sovietico. Impresa, disequilibrio, ordini e prezzi, Roma, NIS, 1989.
  • L'economia delle relazioni. Ricchezza e occupazione nell'età postindustriale, con Alessandro Montebugnoli, Roma, Laterza, 1997.
  • Introduzione alla macroeconomia, Roma, NIS, 1997.
  • La riforma della regolazione nei settori di competenza del CIPE e dei ministeri, Milano, Franco Angeli, 2002.
  • Macroeconomia. Elementi di base, Roma, Carocci, 2003.
  • Approfondimenti di macroeconomia, Roma, Carocci, 2003.
  • La partita doppia del welfare : una base informativa originale per dibattere di tassazione e riforma dell'intervento pubblico : 14º Rapporto CER-SPI, con Corrado Pollastri, Roma, Ediesse, 2004.
  • Temi di macroeconomia contemporanea. Nuovi classici vs nuovi keynesiani, con Enrico Marchetti, Roma, Carocci, 2005.
  • Le virtù della concorrenza. Regolazione e mercato nei servizi di pubblica utilità, con Adriana Vigneri, Bologna, Il mulino, 2006.
  • Idee per l'Italia. Mercato e stato, con Michele Grillo, Milano, F. Brioschi, 2010.
  • Manuale di economia politica, con Enrico Saltari e Riccardo Tilli, Roma, Carocci, 2010.
  • Fair, robust and sustainable. A recipe for Europes growth, Roma, Fondazione Italianieuropei, 2011.
  • La sanità in Italia. Organizzazione, governo, regolazione, mercato, con Renato Finocchi Ghersi e Andrea Tardiola, Bologna, Il mulino, 2011.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Claudio De Vincenti, Lavoce.info. URL consultato il 17 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2012).
  2. ^ Claudio De Vincenti è il nuovo presidente di Aeroporti di Roma - Quotidiano Travel
  3. ^ Biografia, su Claudio De Vincenti. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  4. ^ Sergio Mattarella, DPR 12 dicembre 2016 - Nomina dei Ministri (PDF), Governo della Repubblica Italiana, 12 dicembre 2016. URL consultato il 20 febbraio 2017.
  5. ^ Liste Pd, fuori Latorre, rientra De Vincenti: tutti i big da Nord a Sud, in ilGiornale.it. URL consultato il 28 gennaio 2018.
  6. ^ Eligendo: Camera [Scrutini] Collegio uninominale 10 - SASSUOLO (Italia) - Camera dei Deputati del 4 marzo 2018 - Ministero dell'Interno, su Eligendo. URL consultato il 6 marzo 2018.
  7. ^ Governo uscente: eletto Gentiloni. Ecco gli sconfitti all'uninominale, ma in corsa al proporzionale, in Rainews. URL consultato il 6 marzo 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
Segretario del Consiglio dei ministri
Successore Emblem of Italy.svg
Graziano Delrio 10 aprile 2015 - 12 dicembre 2016 Maria Elena Boschi
Predecessore Ministro per la coesione territoriale e il Mezzogiorno della Repubblica Italiana Successore Emblem of Italy.svg
Se stesso (sottosegretario con delega alla coesione territoriale) 12 dicembre 2016 - 1º giugno 2018 Barbara Lezzi (Sud)
Controllo di autoritàVIAF (EN49267754 · ISNI (EN0000 0000 2140 673X · LCCN (ENn78056181 · GND (DE170256650 · WorldCat Identities (ENlccn-n78056181