Elezioni primarie del Partito Democratico del 2019 (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Partito Democratico (Italia).

Elezioni primarie del Partito Democratico del 2019
Stato Italia Italia
Partito Partito Democratico
Data 3 marzo 2019
Nicola Zingaretti 2012 crop.jpg Maurizio Martina daticamera 2018 (cropped).jpg Roberto Giachetti 2018.jpg
Candidati Nicola Zingaretti Maurizio Martina Roberto Giachetti
Voti 1 035 955
66,00 %
345 318
22,00 %
188 355
12,00 %
Seggi
653 / 1000
228 / 1000
119 / 1000
Segretario nazionale del Partito Democratico uscente
Maurizio Martina
Left arrow.svg 2017

Le elezioni primarie del Partito Democratico del 2019 si sono svolte domenica 3 marzo, per individuare il segretario nazionale e i membri dell'assemblea nazionale del Partito Democratico.[1]

La consultazione ha seguito di poco meno di due anni le elezioni primarie del 2017, che avevano rieletto Matteo Renzi alla segreteria del partito. Questa consultazione con il 66% elegge Nicola Zingaretti come nuovo Segretario.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'esito sfavorevole per il Partito Democratico (e per tutta la coalizione di centro-sinistra) delle elezioni politiche del 2018,[2] Matteo Renzi annuncia la sua volontà di lasciare la segreteria del partito dopo la formazione del governo della XVIII legislatura[3], tuttavia a causa delle polemiche interne le formalizzerà ben prima.[4] A Renzi succederà Maurizio Martina, prima come segretario reggente, successivamente viene confermato a pieni poteri il 7 luglio dall'Assemblea nazionale, guidando il partito fino al congresso del 2019.[5]

La fase congressuale si apre il 17 novembre con l'Assemblea nazionale che prende atto delle dimissioni di Martina.[6] Per il mese di dicembre viene aperto il tesseramento online[7] per consentire il voto nei circoli a tutti coloro che desiderano iscriversi al partito. Il termine ultimo per la presentazione delle candidature è fissato per il 12 dicembre.[8]

Tra le candidature ritirate ci sono quelle di Matteo Richetti (che sosterrà Maurizio Martina)[9] e del candidato considerato più vicino all'ex segretario Renzi, Marco Minniti (che in seguito decide di sostenere Zingaretti).[10] Le candidature ammesse dalla Commissione a partecipare al voto nei circoli sono quelle di Roberto Giachetti (candidato assieme ad Anna Ascani)[11], Maurizio Martina (candidato con Matteo Richetti), Francesco Boccia, Nicola Zingaretti, Dario Corallo e Maria Saladino.[12]

Il voto nei circoli si è concluso il 27 gennaio, con una partecipazione di 189 101 votanti ed un'affluenza del 50,46%. Sono ammessi a partecipare alle elezioni primarie i primi tre candidati: Nicola Zingaretti (47,38%), Maurizio Martina (36,10%) e Roberto Giachetti (11,13%). Tra i candidati non ammessi Francesco Boccia ha ottenuto il 4,02%, Maria Saladino lo 0,7% e Dario Corallo lo 0,67%.[13] Successivamente, Maria Saladino annuncia di sostenere Maurizio Martina[14], mentre Francesco Boccia sosterrà Nicola Zingaretti.[15]

Il 21 febbraio Matteo Richetti in un messaggio audio destinato ai suoi collaboratori annuncia di ritirare il sostegno a Maurizio Martina, accusandolo di aver dato troppo spazio alla corrente dei renziani all'interno della sua mozione[16], salvo poi correggere parzialmente il tiro e confermare la sua corsa insieme all'ex segretario.[17]

Candidati[modifica | modifica wikitesto]

Foto Nome Cariche Logo
Nicola Zingaretti - Festa Unità Roma 2012.JPG Nicola Zingaretti Nicola Zingaretti Per Cambiare.jpg
Maurizio Martina 2017 crop.jpg Maurizio Martina Maurizio Martina Matteo Richetti logo.jpg
Roberto Giachetti 2017.jpg Roberto Giachetti Giachetti Ascani logo.jpg

Appoggi[modifica | modifica wikitesto]

Nicola Zingaretti[modifica | modifica wikitesto]

Maurizio Martina[modifica | modifica wikitesto]

Roberto Giachetti[modifica | modifica wikitesto]

Sondaggi[modifica | modifica wikitesto]

Data Sondaggio Campione di voti Nicola Zingaretti 2012 crop.jpg Maurizio Martina daticamera 2018 (cropped).jpg Roberto Giachetti 2018.jpg Vantaggio
Zingaretti Martina Giachetti
22–27 febbraio 2019 Bidimedia 1.084 60.0% 23.0% 17.0% 37.0%
26 febbraio 2019 EMG 1.603 58.0% 32.0% 10.0% 26.0%
26 febbraio 2019 Noto 55.0% 27.0% 18.0% 28.0%
25–26 febbraio 2019 Demopolis 2.000 48.0%–60.0% 27.0%–39.0% 8.0%–18.0% 9.0%–33.0%
19 febbraio 2019 EMG 1.802 58.0% 34.0% 8.0% 24.0%
14–17 febbraio 2019 Winpoll 1.500 61.0% 21.0% 18.0% 40.0%
2–6 febbraio 2019 Bidimedia 1.113 56.0% 25.0% 19.0% 31.0%
5 febbraio 2019 EMG 1.803 55.0% 37.0% 8.0% 18.0%

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Voto tra gli iscritti[modifica | modifica wikitesto]

Candidati Voti %
Nicola Zingaretti 88 918 47,38
Maurizio Martina 67 749 36,10
Roberto Giachetti 20 887 11,13
Francesco Boccia 7 537 4,02
Maria Saladino 1 315 0,70
Dario Corallo 1 226 0,67
Totale voti validi 187 632 99,50
Schede bianche e nulle 1 429 0,50
Totale votanti 189 101 100,00
Voto tra gli iscritti
Zingaretti
  
47,38%
Martina
  
36,10%
Giachetti
  
11,13%
Boccia
  
4,02%
Saladino
  
0,70%
Corallo
  
0,67%

(Dati ufficiali)[13]

Voto tra gli elettori[67][modifica | modifica wikitesto]

Candidati Voti %
Nicola Zingaretti 1 035 955 66,00
Maurizio Martina 345 318 22,00
Roberto Giachetti 188 355 12,00
Totale voti validi 1 569 628 99,21
Schede bianche e nulle 12 455 0,79
Totale votanti 1 582 083 100,00
Voto tra gli elettori
Zingaretti
  
66,00%
Martina
  
22,00%
Giachetti
  
12,00%


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Primarie il 3 Marzo, su Partito Democratico, 28 novembre 2018. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  2. ^ Elezioni politiche: vincono M5s e Lega. Crollo del Partito democratico. Centrodestra prima coalizione. Il Carroccio sorpassa Forza Italia, su Repubblica.it, 4 marzo 2018. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  3. ^ Renzi: "Lascerò dopo nuovo governo. Pd all'opposizione". Ma è scontro nel partito: "Via subito". Orfini: "Percorso previsto dallo statuto", su Repubblica.it, 5 marzo 2018. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  4. ^ Questa volta Renzi si è dimesso davvero, su Agi. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  5. ^ Maurizio Martina è il nuovo segretario del PD, su Il Post, 7 luglio 2018. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  6. ^ È cominciato il congresso del PD, su Il Post, 17 novembre 2018. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  7. ^ Delibera n. 1 - Iscrizioni online, su Partito Democratico, 29 novembre 2018. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  8. ^ Pd: primarie il 3 marzo, candidature entro il 12 dicembre, su TGLA7. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  9. ^ Richetti lascia la corsa alla segreteria: "Lealtà e sostegno a Maurizio Martina", su Democratica. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  10. ^ Ritiro (di R. F. Calvo), su L’Huffington Post, 5 dicembre 2018. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  11. ^ Giachetti e Ascani corrono nel nome della Leopolda. Ma il grosso dei renziani va con Martina (di R. Calvo), su L’Huffington Post, 12 dicembre 2018. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  12. ^ Ecco i nomi dei candidati alle Primarie 2019, su Partito Democratico, 14 dicembre 2018. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  13. ^ a b Ecco i nomi dei tre candidati alle primarie del 3 marzo, su Partito Democratico, 3 febbraio 2019. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  14. ^ a b Congresso Pd, Saladino ora si schiera con Martina, su Corriere della Calabria, 2 febbraio 2019. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  15. ^ a b Pd: Boccia, 'accogliere appello Prodi per partecipare a primarie', su Il Dubbio, 7 febbraio 2019. URL consultato il 9 febbraio 2019.
  16. ^ Pd, sempre più nel caos. Richetti molla Martina in un audio: «Per me può andare a c...». E Boschi: «Voto Giachetti», su Corriere della Sera, 21 febbraio 2019. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  17. ^ Pd, Richetti e l'audio contro Martina: 'Era uno sfogo, basta filiere di comando'
  18. ^ Mastrovincenzo sostiene Zingaretti, su tg24.sky.it.
  19. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at au av aw ax ay az ba bb bc bd be bf Per cambiare e rigenerare la politica: l’appello del mondo della cultura per Zingaretti
  20. ^ Franceschini e Astorre a Genzano per sostenere Nicola Zingaretti alla segreteria del Pd, su osservatoreitalia.eu.
  21. ^ Pd, Battista appoggia Zingaretti. In regione in corsa solo Facciolla
  22. ^ a b c d e Pd: tutti i big con Zingaretti, e Renzi si mantiene «neutrale»
  23. ^ Pd: Bonaccini, 'ho votato Zingaretti'
  24. ^ a b c d e f g h i j I dem che hanno scaricato Matteo Renzi
  25. ^ a b c Primarie dem, intellettuali indecisi: politici divisi fra Minniti e Zingaretti
  26. ^ Congresso Pd. Ceriscioli va contro i sindaci e appoggia Zingaretti segretario. Ma quanto rischia ?
  27. ^ Pd: Cirinnà, con Zingaretti nuova stagione diritti sociali e civili
  28. ^ a b c d e f g h Già 200 sindaci a sostegno di Nicola Zingaretti
  29. ^ D’Alema: “La sinistra può rinascere in Europa. Ma no alle ammucchiate antisovraniste”, su La Stampa, 30 gennaio 2019. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  30. ^ Pd: Damiano, faccio passo indietro e appoggio Zingaretti
  31. ^ Pd, De Micheli: “Zingaretti è il candidato più unitario per il partito”
  32. ^ Di Giorgi: “Con Zingaretti per ridare forza al PD”
  33. ^ Piero Fassino a Cremona. Ecco perché sostengo Nicola Zingaretti come segretario PD
  34. ^ “Un campo largo per ripartire”, la proposta di Franceschini per le europee
  35. ^ Pd, Gentiloni: "Zingaretti può aprire una stagione nuova", su La Repubblica, 11 novembre 2018. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  36. ^ Pd: Gualmini, non rinnego Renzi ma sostegno a Zingaretti
  37. ^ Primarie Pd, l'endorsement di Letta a Zingaretti: "Può essere padre del partito", su La Repubblica, 8 febbraio 2019. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  38. ^ Primarie Pd, la svolta delle ex renziane: “Con Zingaretti, il nuovo è lui”
  39. ^ Minniti: “Chi nega i porti attenta alla democrazia. Nel Pd sto con Zingaretti”
  40. ^ Antonio Misiani a La Piazza: il Pd deve cambiare gruppo dirigente
  41. ^ Orlando chiude la festa di Dems: "La sinistra deve ricostruire la sua base sociale"
  42. ^ Roberta Pinotti su Radio 24: “Zingaretti o Minniti? Ho simpatia per Zingaretti”
  43. ^ Pd: domenica a Roma ‘A sinistra, la Piazza Grande’, Pisapia con Zingaretti
  44. ^ Romano Prodi: "Al Pd serve un padre, Zingaretti può diventarlo", su Huffington Post, 7 febbraio 2019. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  45. ^ Da Merola a La Torre, chi sta con Zingaretti
  46. ^ Quartapelle, Zingaretti e il Pd Milano: appunti di riflessione politica
  47. ^ Sala a Zingaretti: «Milano un modello per rilanciare il Partito democratico»
  48. ^ Il Pd non abbia paura di voltare pagina, su ilblogdimarinasereni.it.
  49. ^ Il coordinatore nazionale di "Piazza Grande per Zingaretti" Smeriglio domani al Circolo del Pestello
  50. ^ Zanda: "Con Zingaretti tornano Ds? Nicola non è pazzo"
  51. ^ Dal volley alla politica, Berruto: "Martina è l'allenatore giusto per ricostruire la squadra"
  52. ^ Pd, Cantone: con Martina per rinnovare la sinistra
  53. ^ a b Primarie PD, i veronesi D'Arienzo e Zardini sostengono Maurizio Martina
  54. ^ Delrio: "Stimo Zingaretti e Minniti ma preferisco il progetto di Martina"
  55. ^ Il Pd salernitano ha scelto: sosterrà Martina
  56. ^ «Pd vicino a rottura, con Martina per unire»
  57. ^ 'Il frittura' fa litigare Richetti e Martina
  58. ^ a b Pd, si spacca la mozione Martina: liste contrapposte per l'assemblea nazionale
  59. ^ Nannicini ci spiega perché sostiene Martina, per andare oltre il Pd
  60. ^ Pd: in Fvg depositate le liste dei candidati all'assemblea nazionale
  61. ^ Segreteria Pd, Serracchiani: Ecco perché sostengo candidatura Martina
  62. ^ Giachetti e Ascani corrono nel nome della Leopolda. Ma il grosso dei renziani va con Martina
  63. ^ Pd, Boschi: Voto Giachetti, unico che porta avanti nostro progetto
  64. ^ Andare oltre il Pse. Intervista a Sandro Gozi: "Dopo le europee pensiamo a nuovi gruppi all'Europarlamento"
  65. ^ Renziani in sindrome da accerchiamento, su huffingtonpost.it.
  66. ^ Pd, da Pannella e Rutelli al turborenzismo: parabola di Giachetti, outsider delle primarie
  67. ^ Assemblea Pd, Zingaretti proclamato segretario: "Serve un nuovo partito, deve cambiare tutto". Il livetweet dei lavori, su Repubblica.it, 16 marzo 2019. URL consultato il 17 marzo 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica