Erli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Erli
comune
Erli – Stemma Erli – Bandiera
Erli – Veduta
Panorama di Erli
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Liguria.svg Liguria
ProvinciaProvincia di Savona-Stemma.png Savona
Amministrazione
SindacoCandido Carretto (Lista civica "Per Erli") dal 26/05/2014
Data di istituzione1861
Territorio
Coordinate44°08′14.18″N 8°06′14.75″E / 44.137272°N 8.104097°E44.137272; 8.104097 (Erli)Coordinate: 44°08′14.18″N 8°06′14.75″E / 44.137272°N 8.104097°E44.137272; 8.104097 (Erli)
Altitudine287 m s.l.m.
Superficie16,73 km²
Abitanti242[2] (31-7-2017)
Densità14,47 ab./km²
FrazioniBassi[1], Berrioli, Gazzo
Comuni confinantiCastelbianco, Castelvecchio di Rocca Barbena, Garessio (CN), Nasino, Zuccarello
Altre informazioni
Cod. postale17030
Prefisso0182
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT009028
Cod. catastaleD424
TargaSV
Cl. sismicazona 3A (sismicità bassa)
Cl. climaticazona D, 1 983 GG[3]
Nome abitantierlesi
Patronosanta Caterina d'Alessandria
Giorno festivo25 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Erli
Erli
Erli – Mappa
Posizione del comune di Erli nella provincia di Savona
Sito istituzionale

Èrli (Èrli in ligure[4]) è un comune italiano di 242 abitanti[2] della provincia di Savona in Liguria.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Erli è posizionato nell'alta valle del torrente Neva, sulla sponda sinistra e alla confluenza con il rio Vernea. Confinante con il Piemonte e con la provincia di Cuneo, il borgo è posto lungo l'antico percorso della via del sale che dalla costa ligure, valicando il colle San Bernardo (957 m s.l.m.), giungeva a Garessio in terra piemontese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Antica meridiana in una casa del centro storico di Erli

Le prime testimonianze accertate dei primi insediamenti umani risalgono all'epoca romana come punto di scambio dei cavalli lungo la via del sale[5]. Tra i vari reperti romani vi è la necropoli di Cascina d'Aglio[6], risalente al I secolo[5], ora compresa nel territorio comunale di Castelvecchio di Rocca Barbena, ma facilmente raggiungibile da Erli.

Comunemente, si fa risalire[5] il nome Erli dalla popolazione d'origine barbarica degli Eruli, risalenti alla fine dell'Impero Romano d'Occidente.

Dai vari studi sui primi toponimi locali, ad esempio i cognomi del borgo (Negri, Caffari, Caffa, Falco, Berriolo, etc.), risultano quasi certamente le origini saracene di alcuni abitanti nell'Alto medioevo[5], periodo nel quale il borgo fu assoggettato al Contado di Albenga[6]. Inserito dalla metà del X secolo[6] nella marca degli Arduinici passò tra i possedimenti dei marchesi Clavesana dal XII secolo[6] e fino al XIV secolo[6].

Per via matrimoniale prima, nel 1326[6], e con un'acquisizione diretta poi questa zona della val Neva tra Erli e Castelvecchio di Rocca Barbena rientrò dal 1335[6] nelle proprietà feudali dei marchesi Del Carretto che lo assoggettarono, dal 1397[6], nel marchesato di Zuccarello.

Successivo possedimento del Ducato di Savoia[6], Erli divenne dal 2 maggio 1624[6] parte integrante della Repubblica di Genova, dopo l'acquisto per via diplomatica dei tre quarti dello stesso marchesato zuccarellese[6], e rimase sotto le sue dipendenze fino alla dominazione napoleonica di fine Settecento. Nel novembre del 1795[5] pure il territorio erlese pagò con furti e danneggiamenti i fatti d'armi che videro contrapposti gli eserciti francese e le truppe austro-sarde nella correlata battaglia di Loano.

Con la dominazione francese il territorio di Erli rientrò dal 2 dicembre 1797 nel Dipartimento del Letimbro, con capoluogo Savona, all'interno della Repubblica Ligure. Dal 28 aprile del 1798 fece parte del III cantone, capoluogo Zuccarello, della Giurisdizione di Centa e dal 1803 centro principale del IV cantone della Centa nella Giurisdizione degli Ulivi. Annesso al Primo Impero francese dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento di Montenotte.

Nel 1815 Erli fu inglobato nel Regno di Sardegna, così come stabilì il Congresso di Vienna del 1814, e successivamente nel Regno d'Italia dal 1861. Dal 1859 al 1926 il territorio fu compreso nel I mandamento di Albenga del circondario di Albenga facente parte della provincia di Genova; nel 1927 con la soppressione del circondario ingauno passò, per pochi mesi, nel circondario di Savona e, infine, sotto la neo costituita provincia di Savona.

Dal 1973 al 31 dicembre 2008 ha fatto parte della Comunità montana Ingauna e, con le nuove disposizioni della Legge Regionale nº 24 del 4 luglio 2008[7], fino al 2011 della Comunità montana Ponente Savonese.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale di Santa Caterina d'Alessandria a Erli

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale di Santa Caterina d'Alessandria nel centro storico di Erli. Eretta intorno al 1583, divenne sede parrocchiale ereditando il titolo e i sacramenti dalla già esistente pieve di San Martino. Di pregio il piccolo campanile tardo gotico e la cassa processionale della Santissima Trinità datata al 1796
  • Pieve di San Martino di Tours presso il cimitero erlese. Risalente all'XI secolo, al suo interno presenta affreschi su due strati sovrapposti, attribuiti a Segurano Cigna
  • Oratorio di San Giovanni Battista nei pressi della parrocchiale

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Dall'estate del 2014 è stata avviata una campagna di scavi archeologici presso la grotta di Arma Veirana, un sito dove in questi anni i ricercatori - provenienti anche dalla Germania, Canada e Stati Uniti d'America - hanno rinvenuto tracce e oggetti risalenti agli ultimi uomini di Neanderthal e ai primissimi uomini moderni. Nel luglio 2018, inoltre, gli scavi hanno riportato alla luce presso una piccola tomba a capanna della grotta quelli che ad un primo studio sono stati identificati come i resti umani di bambino (o di sesso femminile) dell'età di circa tre mesi di vita. Nel particolare sono stati rinvenuti i resti di una manina, di una tibia, di una mandibola e un piccolo cranio che risulta schiacciato. La sepoltura, corredata da piccoli manufatti in conchiglia, potrebbe essere avvenuta alla fine del Paleolitico superiore. Lo scavo e lo studio del sito è tuttora in corso da parte, per quanto riguarda la ricerca italiana, dell'Università di Genova[8].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2014, i cittadini stranieri residenti ad Erli sono 31[10], pari al 12,30% della popolazione totale.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Oltre al borgo del capoluogo, comprende le tre frazioni di Bassi[1], Berrioli e Gazzo per una superficie territoriale di 16,73 km².

Confina a nord con i comuni di Bardineto e Castelvecchio di Rocca Barbena, a sud con Zuccarello, ad ovest con Garessio (CN), Nasino e Castelbianco.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Scorcio del campanile della parrocchiale di Erli

La sua economia si basa principalmente sull'attività agricola e dei suoi prodotti naturali. Di pregio è la raccolta e produzione di olive, frutta, ortaggi, castagne e funghi. Dalla coltivazione dell'uva, si ricava il noto vino Pigato.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Erli è attraversato dalla strada statale 582 del Colle di San Bernardo che permette il collegamento stradale con il comune piemontese di Garessio, a nord, e a sud con Castelvecchio di Rocca Barbena.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
16 settembre 1986 9 giugno 1990 Andrea Repetto Democrazia Cristiana Sindaco
9 giugno 1990 15 settembre 1992 Candido Carretto Lista civica Sindaco [11]
29 ottobre 1992 24 aprile 1995 Angelo Salvatico Lista civica Sindaco
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Luciano Berriolo Lista civica Sindaco
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Angelo Salvatico Indipendente Sindaco
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Candido Carretto Lista civica Sindaco
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Candido Carretto Lista civica Sindaco
26 maggio 2014 in carica Candido Carretto Lista civica "Per Erli" Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Provincia di Savona, tra il verde e il blu. Insieme facile, su insiemefacile.provincia.savona.it. URL consultato l'11 agosto 2015.
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 luglio 2017.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  5. ^ a b c d e Fonte dal libro di Enzo Bernardini, Borghi nel verde. Viaggio nell'entroterra della Riviera Ligure delle Palme, San Mauro (TO), Tipografia Stige, 2003.
  6. ^ a b c d e f g h i j k Fonte dal Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Artistiche, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 17 febbraio 2014.
  7. ^ Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008
  8. ^ Erli, lo scheletro di un bimbo di 11mila anni fa racconta la preistoria, su ilsecoloxix.it. URL consultato il 13 luglio 2018.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Dato Istat al 31/12/2014
  11. ^ Si dimette dalla carica amministrativa

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ernesto Ghione, erli, testimonianze tra storia e leggenda, Edizione La Gazzetta Ligure, Ovada 1986

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN247900269
Liguria Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Liguria