Circondario di Albenga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Circondario di Albenga
ex circondario
Localizzazione
StatoItalia Italia
ProvinciaProvincia di Genova-Stemma.svg Genova
Amministrazione
CapoluogoAlbenga
Data di istituzione1859
Data di soppressione1926
Territorio
Coordinate
del capoluogo
44°02′57″N 8°12′47″E / 44.049167°N 8.213056°E44.049167; 8.213056 (Circondario di Albenga)Coordinate: 44°02′57″N 8°12′47″E / 44.049167°N 8.213056°E44.049167; 8.213056 (Circondario di Albenga)
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Circondario di Albenga – Localizzazione

Il circondario di Albenga era uno dei circondari in cui era suddivisa la provincia di Genova.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'annessione della Lombardia dal Regno Lombardo-Veneto al Regno di Sardegna (1859), fu emanato il decreto Rattazzi, che riorganizzava la struttura amministrativa del Regno, suddiviso in province, a loro volta suddivise in circondari. Il circondario di Albenga fu creato come suddivisione della provincia di Genova; il territorio corrispondeva a quello della vecchia provincia di Albenga del Regno di Sardegna.

Con l'Unità d'Italia (1861) la suddivisione in province e circondari fu estesa all'intera Penisola, lasciando invariate le suddivisioni stabilite dal decreto Rattazzi.

Il circondario di Albenga fu abolito nel 1926[1], e il suo territorio assegnato al circondario di Savona, tramutato a sua volta pochi mesi dopo nella nuova provincia di Savona[2].

Suddivisione amministrativa all'atto dell'istituzione (1859)[3][modifica | modifica wikitesto]

Variazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1869 i comuni di Calvisio e Varigotti furono aggregati al comune di Finale Pia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Genova Portale Genova: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di genova