Duomo di San Giorgio (Ragusa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Insigne collegiata di San Giorgio
Cathedral Ragusa Ibla.JPG
Facciata
Stato Italia Italia
Regione Sicilia Sicilia
Località Ragusa-Stemma.png Ragusa
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Giorgio
Diocesi Diocesi di Ragusa
Architetto Rosario Gagliardi
Stile architettonico Barocco siciliano, neoclassico
Inizio costruzione 1739
Completamento 1775 circa

Coordinate: 36°55′36″N 14°44′31″E / 36.926667°N 14.741944°E36.926667; 14.741944

L'insigne collegiata di San Giorgio (conosciuta anche come Duomo di San Giorgio) è il principale luogo di culto cattolico di Ragusa, uno dei monumenti più importanti della città di Ragusa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa madre della città intitolata al patrono della città, prima del 1693 sorgeva all'estremità est dell'abitato, nei pressi dell'attuale giardino Ibleo, dove si trova ancora il grande portale quattrocentesco, di stile gotico-catalano, unica vestigia rimasta dell'antico tempio.

La chiesa fu gravemente danneggiata dal terremoto e restarono in piedi parte della facciata, alcune cappelle e parte della Cappella maggiore, per cui venne costruito un ampio locale adiacente alla navata sinistra del vecchio tempio, in cui poter svolgere le funzioni.

Nel secondo quarto del XVIII secolo, si decise di trasferire la chiesa nel sito della vecchia di San Nicola, che fino al XVI secolo era stata la parrocchia dei fedeli di rito greco e successivamente, passata al rito latino, era divenuta "chiesa sacramentale" di San Giorgio.

Del progetto venne incaricato nel 1738 Rosario Gagliardi, architetto di Noto, uno dei protagonisti della ricostruzione barocca, di cui questo edificio è forse l'opera migliore: infatti per costruirla l'artista ideò un superbo gioco di prospettiva; orientò la chiesa un po' più a sinistra della piazza antistante (lo si può ben notare) così che la futura cupola fosse visibile dietro l'imponente facciata a campanile, caratteristica peculiare delle chiese del Gagliardi.

La prima pietra fu posta il 28 giugno del 1739, come ricorda una lapide murata sul lato destro della scalinata, e tuttavia, come ricorda l'enigmatica iscrizione posta sul lato opposto, i lavori poterono cominciare solo nel 1744. Il 5 ottobre 1775, con la "salita" delle campane, si conclusero i lavori della facciata. Secondo tradizione la cupola sarebbe stata progettata e realizzata nel 1820 dal capomastro ragusano Carmelo Cultraro, su modello di quella del Pantheon di Parigi, ma recenti studi e riscontri archivistici ne assegnano la paternità all'architetto Stefano Ittar.

Al Vescovo venne intitolato l'altare del transetto destro che probabilmente è posto nel luogo in cui sorgeva l'altare maggiore dell'antica chiesa.[senza fonte] L'ultima modifica del complesso risale al 1890, quando venne realizzata l'inferriata che cinge la scalinata. Il Duomo è stato immortalato in innumerevoli film e serie televisive tra cui : Kaos, Il commissario Montalbano, la seconda serie di L'onore e il rispetto ecc. Nell'attiguo museo del Duomo sono conservate le vestigia dell'antica San Giorgio, compreso un magnifico altare cinquecentesco del Gagini.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Facciata[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto di Rosario Gagliardi, di cui si conservano le tavole originali, è caratterizzato dalla monumentale facciata a torre che ingloba il campanile nel prospetto e termina con una cuspide a bulbo, richiamando i tabernacoli lignei, seicenteschi, delle chiese cappuccine.

La collocazione della chiesa al termine di un'alta scalinata e la posizione obliqua rispetto alla piazza sottostante accentuano l'imponenza e gli effetti plastici, creati da una lieve convessità del partito centrale e dalla presenza delle colonne libere. Due coppie di volute fanno da raccordo tra i diversi livelli ospitando, rispettivamente, le statue di San Giorgio e San Giacomo in basso, e quelle di San Pietro e San Paolo in alto.

Sulla cuspide, sotto la croce, si legge la data 1775, che indica la conclusione dei lavori della facciata.

Nel primo ordine del partito centrale si apre un grande portale con cornice mistilinea, ricca di fregi e rilievi a motivi vegetali, mentre le porte lignee hanno una preziosa decorazione scultorea, in sei riquadri, con la raffigurazione di episodi del martirio di San Giorgio, opera dell'intagliatore palermitano Vincenzo Fiorello, che li realizzò nel 1793.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

L'interno
Presbiterio.
Altare di San Giorgio.
Navata.

L'interno, a croce latina, con le braccia chiuse da absidi semicircolari, è sereno ed equilibrato e viene diviso in tre navate da dieci robusti pilastri in pietra, con un'ampia zoccolatura in pece. Gli intagli che decorano il cornicione e i capitelli dei pilastri furono realizzati tra il 1779 ed il 1781 dagli scultori Giambattista Muccio e Giorgio Nobile di Ragusa.

Nell'incrocio del transetto con la navata centrale si eleva la cupola di gusto neoclassico, a doppia calotta, poggiante su due file di colonne: in precedenza libere, oggi lo spazio tra di esse è occupato da vetri che donano alla cupola il caratteristico colore blu che forma un panorama inimitabile con il complesso di Ragusa Ibla.

Questa chiesa trova corrispondenza non tanto nell'architettura italiana, ma è molto più simile ai modelli dell'Europa del nord, come le chiese londinesi di Nicholas Hawksmoor e quelle di Johann Balthasar Neumann in Franconia che sviluppano in facciata il tema del partito centrale a torre.[senza fonte]

Navata destra[modifica | modifica wikitesto]

  • Prima campata: Cappella di San Vito. Sulla sopraelevazione il quadro raffigurante San Vito Martire.
  • Seconda campata: Cappella di San Basilio. Sulla sopraelevazione il quadro raffigurante San Basilio.
  • Terza campata: Ingresso laterale destro. Nella nicchia soprastante l'ingresso è riposta la statua lignea processionale raffigurante San Giorgio nell'atto di uccidere il drago, opera del palermitano Girolamo Bagnasco del 1874.
  • Quarta campata: Cappella dell'Immacolata. Sulla sopraelevazione il quadro raffigurante l'Immacolata Concezione, opera di Vito D'Anna.
  • Quinta campata: Cappella della Sacra Famiglia. Sulla sopraelevazione il quadro raffigurante il Riposo in Egitto, opera di Dario Guerci datato 1864.

Navata sinistra[modifica | modifica wikitesto]

  • Prima campata: Cappella di Santa Maria Maddalena dei Pazzi. Sulla sopraelevazione il quadro raffigurante Santa Maria Maddalena dei Pazzi.
  • Seconda campata: Cappella del Rosario. Sulla sopraelevazione la tela recente raffigurante la Madonna del Rosario, inserita in una cornice del 1600.
  • Terza campata: Ingresso laterale sinistro. Nella nicchia soprastante si custodisce l'Arca Santa, l'urna reliquario portata nei cortei processionali durante i festeggiamenti in onore del santo, prezioso capolavoro del 1818 dell'argentiere palermitano Domenico La Villa.
  • Quarta campata: Cappella dell'Angelo Custode. Sulla parete il quadro raffigurante l'Angelo Custode, opera di Vito D'Anna datata 1763.
  • Quinta campata: Cappella di Santa Gaudenzia. Sulla sopraelevazione il quadro raffigurante Cristo che appare a Santa Gaudenzia, opera di Antonio Manno datata 1782. Dietro l'organo il quadro raffigurante San Giorgio appiedato, opera di Giuseppe Tresca del 1787.

Transetto[modifica | modifica wikitesto]

  • Absidiola destra: Cappella del Santissimo Sacramento. Altare in marmo con tronetto per l'esposizione del Santissimo, pregevole lavoro in argento a sbalzo, opera del palermitano Domenico La Villa del 1747. Ai lati due altorilievi raffiguranti Gesù e l'adultera a destra, e Gesù con i fanciulli a sinistra.
    • Parete braccio destro: Cappella di San Nicola. Sulla sopraelevazione il quadro raffigurante San Nicola, opera di Vito D'Anna.
  • Absidiola sinistra: Cappella del Santissimo Crocifisso. Nell'ambiente è collocato un Crocifisso del seicento.
    • Parete braccio sinistro: Cappella di San Giorgio. Sulla sopraelevazione il quadro raffigurante San Giorgio a cavallo nell'atto di uccidere il drago, opera di Dario Guerci del 1866. Sopra la porta d'accesso alla sacrestia il quadro raffigurante Cristo alla colonna di Antonio Manno, nell'ambiente la tomba modesta del conte Bernardo Cabrera, le cui spoglie furono trasferite dalla antica chiesa di San Giorgio, unitamente allo stemma e ad una lapide che ricorda colui che fu il signore della Contea di Ragusa dal 1392 al 1419.

Altare[modifica | modifica wikitesto]

Nell'abside centrale è collocato l'altare in marmo, lungo le pareti laterali gli stalli per il coro, finemente intagliati.

Sacrestia[modifica | modifica wikitesto]

Espressione di stile rinascimentale della bottega dei Gagini dall'iniziale controversa attribuzione orientata al ramo dei Gagini particolarmente attivo in Val di Noto.[1] La "cona" fu voluta dall'aristocrazia cittadina nel 1573 attraverso l'Arciconfraternita della chiesa madre di San Giorgio, commissionata ad Antonino Gagini, membro della famiglia di scultori lapidei operante in Sicilia, completata dagli stretti collaboratori a partire dal 1616, contratto testimoniato da ricevuta a lui intestata. L'opera scultorea collocata nella zona absidale della cinquecentesca chiesa di San Giorgio, subì i danni derivanti da terremoto del Val di Noto del 1693. Con la demolizione di gran parte delle strutture avvenuta nel 1738, l'opera fu smontata, nel contempo ridimensionata per essere riadattata in uno spazio più piccolo, con definitiva sistemazione in questo ambiente.

La tribuna in origine era composta da cinque nicchie in pietra calcarea locale, decorata con sei colonne corinzie, presentava in posizione centrale San Giorgio a cavallo raffigurato nell'atto guerriero di uccidere il drago, a destra Sant'Ippolito, a sinistra San Mercurio, entrambi in abiti militari e nell'atteggiamento di calpestare col piede le teste recise del nemici. Alla base del manufatto sono inseriti tre altorilievi raffiguranti Storie di San Giorgio, a loro volta fiancheggiati dalle statuette degli apostoli San Pietro e San Paolo. Del primitivo apparato furono recuperate tre nicchie e quattro statue che, pur assemblate in modo alquanto scorretto e scomposito, danno tuttavia una idea della magnificenza dell'opera. Una statua andò irrimediabilmente perduta nel disastro, l'altra mùtila, documentata inserita nel prospetto della facciata, si ammira nel museo del duomo. Recenti interventi di restauro nel 2005 hanno portato alla luce la teoria di Apostoli occultati alla base delle colonne e restituito all'originaria bellezza i medaglioni raffiguranti Adamo, Eva, Davide.

Tesoro di San Giorgio:

Organo a canne[modifica | modifica wikitesto]

Nell'intercolumnio fra l'ultima campata della navata laterale di sinistra e quella centrale, sopra l'apposita cantoria, si trova l'Organum maximum[2] capolavoro della ditta Serassi opus 833, costruito tra il 1881 e il 1882[3].

Lo strumento è a trasmissione integralmente meccanica, con tre tastiere di 61 note ciascuna con prima ottava cromatica estesa e pedaliera a leggio di 18 note ottava cromatica estesa, per un totale di 3368 canne, di cui 23 di Principale in facciata disposte in tre cuspidi.

La disposizione fonica dello strumento è la seguente[4]:

Prima tastiera - ripieno grand'organo
Principale I 16' Bassi
Principale I 16' Soprani
Principale II 16' Bassi
Principale II 16' Soprani
Principale 8' Bassi
Principale 8' Soprani
Ottava I 4' Bassi
Ottava I 4' Soprani
Ottava II 4'
Duodecima 2.2/3'
Quintadecima I 2'
Quintadecima II 2'
Decimanona I 1.1/3'
Decimanona II 1.1/3'
XXII I 1'
XXII II 1'
XXVI-XXIX I 2/3'
XXVI-XXIX II 2/3'
XXXIII-XXXVI I 1/3'
XXXIII-XXXVI II 1/3'
XL-XLIII I 1/6'
XL-XLIII II 1/6'
Prima tastiera - concerto grand'organo
Terza mano
Campanelli
Corno da caccia Soprani
Cornetto 2 file Soprani
Cornetto 2 file Soprani
Fagotto 16' Bassi
Trombe 16' Soprani
Clarone 8' Bassi
Trombe 8' Soprani
Violoncello Bassi
Corno inglese
Trombe a squillo
Viola Bassi
Violone Bassi
Flauto reale 8' Soprani
Voce umana I 8'
Voce umana II 8'
Seconda tastiera - Eco espressivo
Principale 8' Bassi
Principale 8' Soprani
Ottava 4' Bassi
Ottava 4' Soprani
Quintadecima 2'
Decimanona 1.1/3'
Ripieno 3 file
Clarinetto di concerto Soprani
Viola Bassi
Flauto in VIII Bassi
Flauto a camino Soprani
Violino Soprani
Arpone Bassi
Cornamusa Soprani
Violoncello Bassi
Voce angelica
Voce umana 8'
Terza tastiera - Armonio Espressivo
Uccelletti
Ottava 4' Bassi
Principale 8' Soprani
Corno bassetto Soprani
Fluttina a cariglione 8' Soprani
Violetta Soprani
Voce flebile Soprani
Oboe Soprani
Tremolo
Pedale
Contrabbassi I 16'
Contrabbassi II 16'
Violone 8'
Bombarde 16'
Tromboni 16'
Timballi
Bassi armonici

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagine 807, 808 e 809, Gioacchino di Marzo, "I Gagini e la scultura in Sicilia nei secoli XV e XVI; memorie storiche e documenti" [1], Conte Antonio Cavagna Sangiuliani di Gualdana Lazelada di Bereguardo, Volume I e II, Palermo, Stamperia del Giornale di Sicilia.
  2. ^ in quanto sintesi della migliore arte organaria dei Serassi, iscrizione sopra la cantoria [2]
  3. ^ Gli organi Serassi in Sicilia: il caso Ragusa
  4. ^ dati tecnici dell'organo

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Fichera, G.B. Vaccarini e l'architettura del Settecento in Sicilia. Roma, 1934.
  • S. Boscarino, Stefano Ittar, in «IDEM», Studi e rilievi di architettura siciliana. Messina, 1961.
  • G. Gangi, Il Barocco nella Sicilia Orientale. Roma, 1964.
  • Autori vari. Rosario Gagliardi e l'architettura barocca in Italia e in Europa in Annali del Barocco in Sicilia. Roma, Gangemi editore, 3/1996.
  • M. Giuffrè (a cura di), L'architettura del Settecento in Sicilia. Palermo, 1997.
  • Giuseppe Antoci, Francesco e Stefano Brancato, I monumenti del tardo barocco a Ragusa. Ragusa, Nonsolografica editrice, 2003.
  • Carlo Ruta (a cura di), Barocco in Val di Noto. Messina, Edi.bi.si. 2003.
  • Marco Rosario Nobile, Prima e dopo. Disegni per il prospetto della chiesa di S. Giorgio a Ragusa, in "Lexicon" n. 8, 2009

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]