Ponte Vecchio (Ragusa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ponte Vecchio
Ponte Vecchio Ragusa S1.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàRagusa
Coordinate36°55′22.99″N 14°43′44.44″E / 36.923054°N 14.729012°E36.923054; 14.729012Coordinate: 36°55′22.99″N 14°43′44.44″E / 36.923054°N 14.729012°E36.923054; 14.729012
Dati tecnici
Tipoponte ad arco
Materialemuratura
Lunghezza114 m
Altezza40 m
Realizzazione
ProgettistaIng. Giarruso
Costruzione1837-1843
Mappa di localizzazione

Il Ponte Vecchio, o Ponte dei Cappuccini (anche chiamato Ponte Padre Scopetta), è il ponte più antico di Ragusa e attraversa la vallata Santa Domenica collegando il centro storico con la parte sud della città.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio dell '800 si senti l'esigenza di unire il quartiere di San Giovanni al piccolo abitato che si stava sviluppando dall'altra parte della vallata Santa Domenica, attorno al convento dei Cappuccini. Fu Padre Gianbattista Occhipinti Scopetta dell'omonima famiglia Occhipinti col soprannome di "Scopetta", nomignolo molto conosciuto negli ambienti ragusani, a promuovere i lavori che iniziarono nel 1837 e si conclusero nel 1843. Carrabile fino agli anni '80 nel 1992 è stato restaurato e ripavimentato in pietra locale. Attualmente è adibito al solo passaggio pedonale e vi è vietato il transito ai veicoli a motore.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

L'impalcato del ponte è composto da due ordini di archi a tutto sesto in muratura in stile romanico (4 sull'ordine inferiore e 10 sul superiore). La sede stradale è larga circa 3,5 metri e permetteva il passaggio di un solo veicolo alla volta.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonella Armetta e Emanuele Fidone, La «grandiosa opera»: il ponte Vecchio di Ragusa (1812-1844). La storia e le rappresentazioni, in "Lexicon. Storie e architettura in Sicilia e nel Mediterraneo", n. 17, Edizioni Caracol, 2013

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]