Nicholas Hawksmoor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I fabbricati dell'All Souls' College a Oxford

Nicholas Hawksmoor (1661? – 25 marzo 1736) è stato un architetto inglese, considerato uno dei maggiori interpreti del barocco inglese insieme a Cristopher Wren.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nicholas Hawksmoor nacque nel Nottinghamshire (non si sa se a East Drayton o Ragnall) nel 1661 in una famiglia di piccoli proprietari terrieri. Della sua formazione non si conosce molto, anche se probabilmente giunse ad acquisire proprietà alfabetiche di base; rivelò, inoltre, un'intensa vocazione per l'architettura che dovette impressionare Christopher Wren, uno dei maggiori architetti del periodo. Il Wren, impressionato dal «precoce talento e genio» di Hawksmoor, lo assunse come commesso quando egli non aveva che diciotto anni. Fu grazie al benefico influsso di Wren che Hawksmoor eseguì un cospicuo numero di appunti e abbozzi grafici su edifici vari a Nottingham, Coventry, Warwick, Bath, Bristol, Oxford e Northampton, proprio per perfezionare le sue doti architettoniche.[1]

Dal 1684 in poi Hawksmoor, inizialmente semplice discepolo di Wren, ne divenne un fattivo collaboratore: entrambi infatti lavorarono unitamente in numerosi progetti di edifici, fra i quali citiamo il Chelsea Hospital, la cattedrale londinese di San Paolo, Hampton Court e il Greenwich Hospital. Dopo una breve eclissi subita con la nomina di William Benson a nuovo Surveyor, Hawksmoor consolidò la propria fama lavorando al fianco di John Vanbrugh nelle importanti imprese di Blenheim Palace e di Castle Howard.[2]

Verso il 1700 Hawksmoor si affermò come uno degli esponenti più significativi del barocco inglese: tra i progetti maggiori che lo impegnarono nella maturità vi furono quelli relativi alle università di Oxford e Cambridge. Per l'accademia oxoniense Hawksmoor progettò il Clarendon Building, il prospetto del Queen's College sulla High Street, la Codrington Library e diversi fabbricati per l'All Souls College. Notevole fu il progetto per la Radcliffe Camera, una grandiosa biblioteca a pianta circolare da erigersi davanti la chiesa di St Mary the Virgin: la sua morte, tuttavia, gli impedì di concretizzare il progetto, che pertanto rimase sulla carta. A Cambridge completò il King's College, mentre a Londra sovrintese la costruzione di ben cinquanta chiese, realizzandone però solo sei (St. Alfege, Greenwich; St. George in the East; St. Anne, Limehouse; Christ Church, Spitalfield; St. Mary Woolnoth; St. George, Bloomsbury). Nicholas Hawksmoor, infine, morì il 25 marzo 1736 a Millbank, stroncato da una gotta allo stomaco.[3]

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito riportiamo il commento dell'Enciclopedia Treccani:

« La sua originalità e ricchezza creativa furono a lungo offuscate, in ambito critico, dalle prepotenti personalità dei due artisti [Wren e Vanbrugh, ndr]. Alle capacità pratiche e organizzative, apprese sul cantiere, H[awksmoor] unì una profonda conoscenza, seppure libresca, dell'architettura classica e rinascimentale, della quale usò in modo eccentrico e non ortodosso elementi e moduli, sapientemente combinati con una volumetria essenziale ed un uso piano delle superfici. [Notevoli le chiese di Londra, che sono] segnate tutte da alta inventività, adattando, soprattutto nei campanili, un vocabolario classico a una verticalità di sapore gotico »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Downes, p. 2.
  2. ^ Treccani.
  3. ^ Downes, p. 6.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN32792692 · LCCN: (ENn50036415 · ISNI: (EN0000 0001 1886 0787 · GND: (DE118773488 · BNF: (FRcb12253881k (data) · ULAN: (EN500012664 · CERL: cnp01335426