Tela della Passione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Image d'une toile de la Passion exposée au Musée des Beaux-Arts de Reims
Una della tele della Passione esposte al Musée des Beaux-Arts (Reims).

La tela della Passione, o velo quadragesimale, o velo quaresimale, o panni della fame (dal tedesco Hungertuch) è una grande tela dipinta che rappresenta scene della Passione di Cristo esposta durante la Quaresima nelle chiese cristiane.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione di questa pratica prende origine dal racconto della Peregrinatio Aetheriae[1], in cui l'autrice, Egeria, narra il proprio viaggio in Terra Santa nel IV secolo. Nelle chiese orientali, il rito dell'inumazione di Cristo prevedeva un coinvolgimento emotivo dei fedeli grazie a un sapiente uso di sudari e tele dipinte. Così come anche recita il lezionario armeno, un testo liturgico del IX secolo[1] che riassume gli usi dei secoli precedenti, nel descrivere una cerimonia in cui la croce veniva bagnata e avvolta in una stoffa; in seguito questa stoffa veniva posata sull'altare e offerta all'adorazione dei fedeli, come una sindone. Un rito simile si ritrova anche nella tradizione siriana e copta[1]. Sebbene solo pochi esemplari siano giunti fino a noi, l'uso di decorare le chiese con tele dipinte, soprattutto durante la Quaresima, a partire dal Quattrocento si diffonde in molti paesi europei. Apprezzate per la facilità di installazione e l'effetto scenografico, la funzione di queste tele era nascondere l'altare dall'inizio della Quaresima o della domenica della Passione fino al mercoledì o il sabato santo.

Opere più importanti[modifica | modifica wikitesto]

Germania[modifica | modifica wikitesto]

Scoperti fra le rovine del monastero di Oybin[2], dopo la Seconda guerra mondiale, due Fastentücher (Fastentuch, o anche Hungertuch, è il nome tedesco della tela della Passione) vengono restaurati negli anni '90 dalla fondazione Abegg a Riggisberg, in Svizzera. Il più grande, di 58 m2, datato al 1472, è esposto permanentemente nel museo della chiesa di Santa Croce[3] di Zittau dal 1999, mentre il più piccolo, di 4,15 x 3,40 m, del 1573, è custodito nell'antico monastero francescano. Quello della cattedrale di Friburgo è stato restaurato nel 2003 e pesa ora più di una tonnellata con il nuovo sistema di sospensione.

Austria[modifica | modifica wikitesto]

Esposto nella cattedrale di Gurk, il velo di Gurk, di 80 m2, riporta scene del Nuovo e dell'Antico testamento suddivise in 99 riquadri. Fu completato nel 1458 da Konrad von Friesach ed è il più grande e il più antico della Carinzia.

Francia[modifica | modifica wikitesto]

Il Musée des Beaux-Arts di Reims conserva una serie di nove tele provenienti dall'Hôtel-Dieu dell'Abbazia di Saint-Remi. Dipinte a tempera fra il 1460 e l'inizio del XVI secolo, su un supporto in canapa armato a tela, hanno una dimensione di 340 x 350 cm. L'autore è sconosciuto.

Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, nel primo quarto del XVI secolo, la pratica dell'esposizione della tela della Passione si diffuse nella Confraternita dei disciplinati. A Genova, il Museo diocesano ospita un ciclo di pitture provenienti dall'Abbazia di San Nicolò del Boschetto, datato a partire dal 1538, composto di 14 tele tinte con l'indaco e dipinte a biacca su sfondo monocromo con la tecnica del chiaroscuro; di varie dimensioni, la più grande misura 460 x 450 cm.

Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

"Â calata 'a tila", rito che prevede l'improvviso disvelamento del presbiterio durante la veglia della notte di Pasqua al pronunciamento del Gloria, per rappresentare e mostrare in modo figurato il Cristo risorto. È un rito comune in molte parrocchie delle diocesi siciliane, desueto e recentemente in fase di voluto ripristino. La velatio, l'esposizione delle tele della Passione, è una consuetudine tedesca tipica del IX secolo legata alla penitenza quaresimale, la cui introduzione in Sicilia è riconducibile all'opera dei missionari dell'Ordine teutonico giunti a Palermo e Messina grazie al volere, all'appoggio e alla considerazione del Gran Conte Ruggero, avvenuta dopo la riconquista normanna della Sicilia. A Palermo, presso la Chiesa di San Domenico dell'Ordine domenicano, in strettissima relazione con l'Ordine teutonico, è possibile ammirare durante il tempo quaresimale una monumentale tela della Passione tra le più grandiose in Italia e Europa.[4]

In Sicilia, questa usanza è molto sviluppata dal XIX secolo fino all'inizio del XX, in particolar modo nel territorio amastratino-madonita (Mistretta, Gratteri, Petralia); le tele sono qui dette taledda o tuluni e il rito raggiunge il suo apice il giorno del sabato santo in cui l'altare viene svelato durante il Gloria in excelsis Deo.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Renata Salvarani, La pittura su tessuto nelle fonti scritte anteriori il XII secolo, p.10
  2. ^ (DE) Sito del Fastentuch di Zittau Archiviato il 13 dicembre 2009 in Internet Archive.
  3. ^ (FR) Consolato Generale della Repubblica Federale Tedesca a Lione
  4. ^ Copia archiviata (PDF), su domenicani-palermo.it. URL consultato il 15 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Reiner Sörries, Die Alpenländischen Fastentücher: Vergessene Zeugnisse volkstümlicher Frömmigkeit, Universität von Carinthia, cop. 1988, ISBN 9783853782323
  • (EN) Diane Wolfhtal, The beginnings of Netherlandish canvas painting: 1400 -1530, Cambridge University, 1989, ISBN 9780521342599
  • Marzia Cataldi Gallo, Passione in blu: i teli con storie della Passione del XVI secolo a Genova, De Ferrari, 2008, ISBN 9788871729480
  • (FR) Albert-Llorca (M.), Aribaud (Chr.), Lugand (J.), Mathon (J.-B.), Monuments et décors de la Semaine Sainte en Méditerranée : Arts, rituels, liturgies, Éditions Méridiennes, 2009, ISBN 978-2-912025-53-1

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]