Cattedrale di San Giuliano (Caltagirone)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cattedrale di San Giuliano
Duomo-Caltagirone (2).JPG
Esterno
Stato Italia Italia
Regione Sicilia Sicilia
Località Caltagirone
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Giuliano di Le Mans[1]
Diocesi diocesi di Caltagirone
Stile architettonico normanno, barocco
Completamento 1282

Coordinate: 37°14′14″N 14°30′45″E / 37.237222°N 14.5125°E37.237222; 14.5125

La cattedrale di San Giuliano è il principale luogo di culto cattolico di Caltagirone e chiesa madre della omonima diocesi. Nel giugno del 1920 papa Benedetto XV l'ha elevata al rango di basilica minore.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di San Giuliano, secondo la tradizione, è stata edificata in epoca normanna. Il tempio che subì il sisma del 1542 tuttavia viene datato al 1282, in piena età aragonese, grazie all'iscrizione che era posta sull'architrave d'ingresso, dove venne riportato anche il nome dell'architetto, tal Magister Gofredus.[1] Forse in questa data avvenne una delle prime riedificazioni: altre ricostruzioni avvennero dopo il sisma del 1542 e dopo il sisma del 1693.

Il 12 settembre 1816 papa Pio VII con la bolla pontificia Romanus Pontifex eresse la diocesi di Caltagirone ed elevò la chiesa di San Giuliano a cattedrale.

Il prospetto fu progettato dall'architetto Saverio Fragapane nel 1908-13[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Le origini della cattedrale
  2. ^ Catholic.org – Basilicas in Italy
  3. ^ Prospetto della Chiesa di San Giuliano in Caltagirone – Ing. Arch. Saverio Fragapane, in L’Architetura Italiana, anno XI, n. 12, pp. 105-106, 1916.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]