Stemma di Ragusa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma civico

1leftarrow blue.svgVoce principale: Ragusa.

Lo stemma della Città di Ragusa è costituito da uno scudo sannitico di color azzurro su cui è presente un'aquila al naturale beccata e rostrata d'oro tenente con gli artigli un caduceo e una cornucopia anch'esse d'oro, lo scudo è timbrato da una corona da città.

Blasonatura[modifica | modifica wikitesto]

Gonfalone civico

Lo stemma ebbe concessione ufficiale con regio decreto del 10 agosto 1928 e lettere patenti del 13 dicembre 1928; il decreto riportava la seguente blasonatura:[1]

« d’azzurro, all'aquila dal volo spiegato, coronata all'antica d'argento, sostenente con l'artiglio destro un fascio littorio posto in banda, con frecce sporgenti, e col sinistro un corno di abbondanza, posto in sbarra, il tutto al naturale. Motto: Crevit Ragusia Hyblae Ruinis »

Anche se non specificato l'aquila viene sempre intesa essere al naturale.[2] Lo stemma attualmente in uso da parte del Comune riporta, al posto del fascio littorio, un caduceo.[3]

Il gonfalone si presente come un drappo di color verde.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente lo stemma era costituito da un'aquila, a cui era accollato uno scudo d'argento alla croce di rosso, portante cioè la croce di San Giorgio, simbolo presente in molti altri stemmi cittadini (ad esempio Milano e Genova) e sulla bandiera d'Inghilterra. L'uso dello stemma fu concesso dal viceré di Sicilia Giovanni Alfonso Enriquez de Cabrera nel 1644 quando si trovò in visita alla città di Ragusa. In quella occasione, grato per l'accoglienza, egli concesse alla Ragusa antica il titolo di città, l'uso nello stemma dell'aquila aragonese e ai giurati del tempo e al capitano di giustizia la possibilità di utilizzare delle mazze d'argento. Lo stemma fu così realizzato e conteneva nel petto dell'aquila lo scudo con la croce di S.Giorgio, Patrono principale e protettore della città (Il culto del santo, Patrono della città, ha origini antichissime, forse portato dai normanni[2] o addirittura risalente all'epoca del dominio bizantino).

Il motto Crevit Ragusia Hyblae Ruinis (traduzione: Crebbe Ragusa sulle rovine di Ibla), aggiunto dopo il terremoto del 1693, locuzione latina posto in un cartiglio presente al di sotto dello scudo. Esso ha un significato duplice: da una lato ostenta le antiche radici della città (collegandola alla greca Hybla Heraia), dall'altra può essere interpretato come l'orgoglio di appoggiarsi su rovine di precedenti popoli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luigi Rangoni Machiavelli, Stemmi delle colonie, delle provincie e dei comuni del Regno d'Italia riconosciuti o concessi dalla Consulta Araldica del Regno al 1º novembre 1932, in Rivista del Collegio Araldico, anno XXXII, 1933, p. 28.
  2. ^ a b La storia dello Stemma Ibleo di Ragusa su tradizionisicilia.it, tradizionisicilia.it. URL consultato il 23-03-2013.
  3. ^ Statuto del Comune di Ragusa – articolo 1 (PDF), comune.ragusa.gov.it. URL consultato il 24-03-2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica