Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Sabato santo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sabato Santo)

1leftarrow blue.svgVoce principale: Triduo pasquale.

Sabato santo
Michelangelo's Pieta 5450 cropncleaned.jpg
La Pietà di Michelangelo
Nome originale Sabato santo
Tipo di festa religiosa
Data il giorno prima di Pasqua
Periodo anno liturgico
Celebrata in Occidente
Religione cristianesimo
Oggetto della celebrazione Segna il giorno in cui il corpo di Gesù Cristo giaceva nella tomba e la Discesa di Cristo agli inferi
Tradizioni Veglia pasquale

Il sabato santo è il giorno liturgico in cui il culto cristiano celebra il Signore Gesù Cristo nel mistero della sua discesa agli inferi.

La data del sabato santo è mobile in quanto collegata con la data della Pasqua. Inoltre, essendo la Pasqua celebrata in giorni diversi nella Chiesa cattolica e nella Chiesa ortodossa, la data solitamente non coincide nelle varie tradizioni ecclesiastiche.

La discesa agli inferi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discesa di Cristo agli inferi.

Gesù Cristo, dopo che il suo corpo tolto dalla croce su cui è morto il Venerdì santo e deposto nel sepolcro viene preservato dalla corruzione grazie alla virtù divina, discende agli inferi con la sua divinità e con la sua anima umana, ma non con il suo corpo. Secondo certe tradizioni cristiane resta negli inferi per un tempo corrispondente a circa quaranta ore compiendo la sua vittoria sulla morte e sul diavolo, libera le anime dei giusti morti prima di lui e apre loro le porte del Paradiso. Compiuta tale missione, la divinità e l'anima di Gesù si ricongiungono al corpo nel sepolcro: e ciò costituisce il mistero della resurrezione, centro della fede di tutti i cristiani, che verrà celebrato nella seguente domenica di Pasqua.

Nella Chiesa cattolica[modifica | modifica wikitesto]

Il sabato santo è il secondo giorno liturgico del Triduo pasquale, che comincia con la Messa nella Cena del Signore nella sera precedente il Venerdì santo, e termina con la Domenica di Pasqua, di cui il primo atto liturgico è la veglia pasquale.[1]

Il sabato santo è un giorno di silenzio, di raccoglimento, di meditazione, per Gesù che giace nel sepolcro. Si attende l'annuncio della risurrezione di Gesù, annuncio che avverrà nella solenne veglia pasquale. Questa si svolgerà dopo il tramonto del sole ed è considerata parte della celebrazione della Domenica di Pasqua, per cui chi vi assiste compie il precetto di partecipare alla messa domenicale.[2]

Un'antica omelia diceva: "Oggi sulla terra c'è grande silenzio, grande silenzio e solitudine. Grande silenzio perché il Re dorme: la terra è rimasta sbigottita e tace perché il Dio fatto carne si è addormentato e ha svegliato coloro che da secoli dormivano. Dio è morto nella carne ed è sceso a scuotere il regno degli inferi."[3]

Il sabato santo è perciò "aliturgico",[4] nel senso che in esso non si celebra la messa, celebrazione che viene indicata alcune volte con il termine "liturgia" o "divina liturgia", particolarmente nel rito bizantino.

"Soltanto il Venerdì e il Sabato santo la liturgia romana stabilisce che l'altare sia totalmente spoglio (privo di tovaglia, candelieri, croce, tappeti, ecc.), quale 'icona' della passione del Signore e assenza, in questi giorni austeri, della celebrazione del divin Sacrificio."[5]

La santa comunione si può dare soltanto in forma di viatico, cioè l'eucaristia impartita a chi è in pericolo di vita. Si esclude la celebrazione delle nozze e degli altri sacramenti, eccetto quelli della penitenza e dell'unzione degli infermi.[6]

La Chiesa cattolica considera degno di lode protrarre il digiuno ecclesiastico e l'astinenza dalle carni anche per tutto il sabato santo, tuttavia non ne fa un obbligo per i fedeli.[7]

Nella liturgia delle ore secondo il rito romano, questo giorno è l'unico sabato in cui si recitano i vespri del giorno, non i primi vespri della domenica che segue. La compieta, che è omessa da chi partecipa alla veglia pasquale, è però quella che di solito si recita dopo i secondi vespri della domenica.

Nella Chiesa ortodossa[modifica | modifica wikitesto]

Il Santo e grande sabato

La Chiesa ortodossa chiama questo giorno il "Santo e grande sabato" oppure il "Grande riposo"[8]

Nomi nelle varie lingue[modifica | modifica wikitesto]

Il sabato santo viene chiamato in modi differenti nelle varie lingue.

lingua nome significato letterale
ceco Bílá sobota Sabato bianco
francese Samedi saint Sabato santo
giapponese 聖土曜日 (Sei Doyoobi) Sabato santo
inglese Holy Saturday Sabato santo
irlandese Satharn Naofa Sabato santo
latino Sabbatum Sanctum Sabato santo
maltese Sibt il-Għid Sabato di Pasqua
olandese Stille Zaterdag Sabato silenzioso
polacco Wielka Sobota Grande sabato
portoghese Sábado de Aleluia Sabato di alleluia
rumena Sâmbăta sfântă Sabato santo
russo Великая суббота Grande sabato
slovacco Biela sobota Sabato bianco
spagnolo Sábado Santo Sabato santo
latinoamericano Sábado de Gloria Sabato di gloria
svedese Påskafton Vigilia di Pasqua
Kiswahili Jumamosi Kuu Grande sabato
tedesco Karsamstag Sabato di lamentazione
ungherese Nagyszombat Grande sabato

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4275834-8