Chiesa della Badia di Sant'Agata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa della Badia di Sant'Agata
2895 - Catania - Giov. Batt. Vaccarini - Chiesa della Badia di S. Agata (1767) - Foto Giovanni Dall'Orto, 4-July-2008.jpg
La facciata della Badia di Sant'Agata, Catania
StatoItalia Italia
RegioneSicilia
LocalitàCatania
ReligioneCristiana cattolica
Arcidiocesi Catania
ArchitettoGiovanni Battista Vaccarini
Stile architettonicobarocco

Coordinate: 37°30′11.2″N 15°05′17.3″E / 37.503111°N 15.088139°E37.503111; 15.088139

Via Vittorio Emanuele II

La chiesa della Badia di Sant'Agata è una chiesa di Catania affacciata sulla via Vittorio Emanuele II, nel quartiere Duomo di Catania o Terme Achilliane - Piano di San Filippo.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa si trova di fronte al prospetto nord della cattedrale, e occupa, insieme all'annesso ex Monastero (oggi di proprietà comunale), l'intero isolato delimitato da via Raddusa, via Santa Maria del Rosario e via Sant'Agata.

L'edificio è uno dei principali monumenti barocchi della città, opera di Giovanni Battista Vaccarini[2].

La morbida tela del prospetto, mossa dal ritmo di onde leggere, cattura su di sé l'attenzione altrimenti distratta dalle altre macchine barocche del Duomo, della fontana dell'Elefante e del palazzo municipale. L'edificio che oggi vediamo poggia sulle rovine dell'antica chiesa e convento dedicati a Sant'Agata, nel 1620, da Erasmo Cicala e crollati a causa del terremoto del 1693.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Impianto a croce greca con ingressi e cappelle disposti lungo i lati di un ottagono regolare. Altari e rivestimenti degli ambienti in marmo giallo di Castronovo, sui piedistalli posti sulle mense sono collocate statue di stucco lucido, in senso orario: San Benedetto, Immacolata Concezione, Sant'Agata, San Giuseppe e Sant'Euplio. Le statue in stucco marmorizzato furono realizzate nel 1782 ad opera di Giovan Battista Marino, Mario Biondo e Giovan Battista Amato.

Emiciclo destro[modifica | modifica wikitesto]

  • Cappella di Sant'Euplio. Altare dedicato a Sant'Euplio, diacono e martire del IV secolo sotto Diocleziano.
  • Cappella del Santissimo Crocifisso.
  • Cappella di San Giuseppe.

Emiciclo sinistro[modifica | modifica wikitesto]

  • Cappella di San Benedetto. Altare dedicato a San Benedetto, autore della Regola benedettina.
  • Ingresso laterale sinistro.
  • Cappella dell'Immacolata Concezione.

Abside[modifica | modifica wikitesto]

Cappellone di Sant'Agata e altare maggiore.

BSA CT 05 02 2014 03.jpg BSA CT 05 02 2014 02.jpg Catania - Badia di Sant'Agata - main altar - 2018-07-31.jpg BSA CT 05 02 2014 01.jpg

Monastero[modifica | modifica wikitesto]

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Città tardo barocche del Val di Noto (Sicilia sud orientale)
(EN) Late Baroque Towns of the Val di Noto (South-Eastern Sicily)
Catania - Palazzo Biscari 2 - Foto di Giovanni Dall'Orto.JPG
Tipoarchitettonico
CriterioC (i) (ii) (iv) (v)
Pericolono
Riconosciuto dal2002
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda

Monastero femminile dell'Ordine benedettino sotto il titolo di «Sant'Agata», dal secondo dopoguerra ceduto dalla Curia al Comune, per decenni ha ospitato la tipografia del quotidiano Espresso sera e dal 1991 è sede del "C. S. O. Auro", oltre ad accogliere la sede del quotidiano I Siciliani da un paio di anni dopo dell'occupazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina 541, Francesco Ferrara, "Storia di Catania sino alla fine del secolo XVIII" [1], Catania, 1829.
  2. ^ Pagina 155, Abate Francesco Sacco, "Dizionario geografico del Regno di Sicilia", [2] Archiviato il 12 giugno 2018 in Internet Archive., Volume primo, Palermo, Reale Stamperia, 1800

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Rasà Napoli, Guida alle Chiese di Catania, a cura di Lucio Cammarata, Catania, Tringale Editore, 1984, SBN IT\ICCU\MOD\0403137.
  • Leonardo Di Mauro, Catania, l’Etna e Taormina, Milano, Touring Club Italiano, 1994, ISBN 88-365-0635-6.
  • Maria Teresa Di Blasi e Concetta Greco Lanza, Il Cicerone. Storia, itinerari, leggende di Catania, 2ª ed., Catania, Edizioni Greco, 2007, ISBN 978-88-7512-060-3.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Catania - Badia di Sant'Agata - 2018-07-31A.jpg Catania - Badia di Sant'Agata - 2018-07-31B.jpg

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti e itinerari agatini:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]