Chiesa della Badia di Sant'Agata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Via Vittorio Emanuele II
Chiesa della Badia di Sant'Agata
2895 - Catania - Giov. Batt. Vaccarini - Chiesa della Badia di S. Agata (1767) - Foto Giovanni Dall'Orto, 4-July-2008.jpg
La facciata della Badia di Sant'Agata, Catania
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
LocalitàCatania-Stemma.png Catania
ReligioneCristiana cattolica
Arcidiocesi Catania
ArchitettoGiovanni Battista Vaccarini

Coordinate: 37°30′11.2″N 15°05′17.3″E / 37.503111°N 15.088139°E37.503111; 15.088139

La chiesa della Badia di Sant'Agata è una chiesa di Catania affacciata sulla via Vittorio Emanuele II, nel quartiere Duomo di Catania o Terme Achilliane - Piano di San Filippo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa si trova di fronte al prospetto nord della cattedrale, e occupa, insieme all'annesso ex monastero (oggi di proprietà comunale), l'intero isolato delimitato da via Raddusa, via Santa Maria del Rosario e via Sant'Agata.

L'edificio è uno dei principali monumenti barocchi della città, opera di Giovanni Battista Vaccarini[1].

La morbida tela del prospetto, mossa dal ritmo di onde leggere, cattura su di sé l'attenzione altrimenti distratta dalle altre macchine barocche del Duomo, della fontana dell’Elefante e del palazzo municipale. L'edificio che oggi vediamo poggia sulle rovine dell'antica chiesa e convento dedicati a Sant'Agata, nel 1620, da Erasmo Cicala e crollati a causa del terremoto del 1693.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Su ogni altare dell'aula a croce greca sono poste statue di stucco lucido, in senso orario: San Benedetto, Immacolata Concezione, Sant'Agata, San Giuseppe e Sant'Euplio. Le statue in stucco marmorizzato furono realizzate nel 1782 ad opera di Giovan Battista Marino, Mario Biondo e Giovan Battista Amato.

  • Emiciclo destro:
    • Cappella di Sant'Euplio. Altare dedicato a Sant'Euplio, diacono e martire del IV secolo sotto Diocleziano.
    • Cappella del Santissimo Crocifisso.
    • Cappella di San Giuseppe.
  • Emiciclo sinistro:
    • Cappella di San Benedetto. Altare dedicato a San Benedetto, autore della Regola benedettina.
    • Ingresso laterale sinistro.
    • Cappella dell'Immacolata Concezione.

Cappellone di Sant'Agata e altare maggiore.


BSA CT 05 02 2014 03.jpg BSA CT 05 02 2014 02.jpg BSA CT 05 02 2014 01.jpg

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina 155, Abate Francesco Sacco, "Dizionario geografico del Regno di Sicilia", [1], Volume primo, Palermo, Reale Stamperia, 1800

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Rasà Napoli, Guida alle Chiese di Catania, a cura di Lucio Cammarata, Catania, Tringale Editore, 1984, SBN IT\ICCU\MOD\0403137.
  • Leonardo Di Mauro, Catania, l’Etna e Taormina, Milano, Touring Club Italiano, 1994, ISBN 88-365-0635-6.
  • Maria Teresa Di Blasi e Concetta Greco Lanza, Il Cicerone. Storia, itinerari, leggende di Catania, 2ª ed., Catania, Edizioni Greco, 2007, ISBN 978-88-7512-060-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti e itinerari agatini:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]