Francesco Sacco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Sacco
Francesco sacco.gif

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXVIII, XXIX
Sito istituzionale

Consigliere nazionale del Regno d'Italia
Legislature XXX
Gruppo
parlamentare
Corporazione dell'abbigliamento

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 29 aprile 1943 –
Legislature XXX
Incarichi parlamentari
  • Commissione dell'agricoltura
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Nazionale Fascista
Professione Militare di carriera
Francesco Sacco
NascitaSanta Croce di Magliano, 20 settembre 1877
MorteMontecatini Terme, 17 agosto 1958
Dati militari
Paese servitoFlag of Italy (1861–1946).svg Regno d'Italia
Forza armataFlag of Italy (1860).svg Regio Esercito
Flag of the Blackshirts.jpg Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale
GradoGenerale di divisione
Luogotenente generale
GuerreGuerra di Abissinia
Guerra italo-turca
Prima guerra mondiale
Comandante diCapo di stato maggiore della Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale
DecorazioniCavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Francesco Sacco (Santa Croce di Magliano, 20 settembre 1877Montecatini Terme, 17 agosto 1958) è stato un generale e politico italiano.

Generale di divisione a riposo, combattente nella guerra di Abissinia, nella guerra italo-turca e nella prima guerra mondiale, aderisce al fascismo nel 1921 e prende parte alla marcia su Roma come comandante di colonna. Luogotenente generale della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, di cui fu capo di stato maggiore.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Grande Ufficiale dell'Ordine coloniale della Stella d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine coloniale della Stella d'Italia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]