Chiesa di San Giuseppe Calasanzio (Milano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Giuseppe Calasanzio
Chiesa di San Giuseppe Calasanzio (Milano).jpg
L'ingresso sulla via Don Gnocchi
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
LocalitàCoA Città di Milano.svg Milano
Religionecattolica
TitolareSan Giuseppe Calasanzio
OrdinePadri Scolopi della Provincia Ligure
Arcidiocesi Milano
Consacrazione1965
FondatorePadri Scolopi della Provincia Ligure
ArchitettoCarlo Bevilacqua e Ing.Francesco Leone
Stile architettonicoarchitettura moderna
Inizio costruzione1962
Completamento1965
Sito web

Coordinate: 45°28′18.94″N 9°07′29.06″E / 45.471927°N 9.124738°E45.471927; 9.124738

San Giuseppe Calasanzio è una chiesa parrocchiale[1] di moderna costruzione che si trova a Milano in via Don Carlo Gnocchi, nei pressi di piazzale Axum, nel territorio del Decanato di San Siro.[2] Terminata nel 1965 su disegno dell'architetto Carlo Bevilacqua e dell'ingegner Francesco Leone, fu eretta nell'ambito del programma Ventidue chiese per ventidue concili contenuto nel Concilio Vaticano II. La prima pietra della nuova chiesa fu posta nel 1962 proprio dall'allora Arcivescovo di Milano Giovanni Montini, ideatore del piano e futuro Papa Paolo VI.[3]

La chiesa è dedicata al fondatore dei Chierici regolari poveri della Madre di Dio delle scuole pie o Padri Scolopi San Giuseppe Calasanzio, proclamato Santo nel 1767 da Papa Clemente XIII.

La costruzione è organizzata con pianta a croce con le quattro navate che convergono verso l'altare maggiore, tre delle quali sono occupate dallo spazio dedicato all'assemblea dei fedeli e la quarta alla zona absidale. Nel centro domina l'altare alle spalle del quale, sulla parete di fondo dell'abside, spicca un grande mosaico con San Giuseppe Calasanzio attorniato dai fanciulli e con accanto il Venerabile Glicerio Landriani, pronipote di San Carlo Borromeo e parte dell'ordine degli Scolopi. Il grande mosaico, tutto sulle tonalità oro, fu disegnato da Baccio Maria Bacci e realizzato dal pittore Franco d'Urso. Alle spalle dell'altare due vetrate artistiche sempre di Baccio Maria Bacci decorate con simboli dei quattro Evangelisti; sul perimetro altre vetrate colorate opera di Ernesto Tross contribuiscono all'illuminazione del tempio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ S. Giuseppe Calasanzio, su Le chiese delle Diocesi italiane, http://www.chieseitaliane.chiesacattolica.it. URL consultato il 29 giugno2014.
  2. ^ S. GIUSEPPE CALASANZIO [collegamento interrotto], su Chiesa di Milano, http://www.to.chiesadimilano.it. URL consultato il 29 giugno 2014.
  3. ^ BREVE STORIA DELLA PARROCCHIA, su San Giuseppe CalasanzioParrocchia San Giuseppe Calasanzio, http://www.parrocchiacalasanzio.it. URL consultato il 29 giugno2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]