Chiesa della Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo (Milano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa della Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo
Milano chiesa Resurrezione.JPG
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàMilano
Coordinate45°31′11.58″N 9°08′16.02″E / 45.519883°N 9.137782°E45.519883; 9.137782
Religionecattolica
TitolareRisurrezione di Gesù
Arcidiocesi Milano
ArchitettoBenvenuto Villa
Stile architettonicomoderno
Inizio costruzione1963
Completamento1963
L'interno
L'altare

La chiesa della Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo è una chiesa parrocchiale di Milano, posta all'estrema periferia settentrionale della città.

Costruita nel 1963, si trova nel centro del quartiere di edilizia popolare "Vialba II".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La parrocchia della Resurrezione venne eretta con decreto del 25 luglio 1959 del cardinale Giovanni Battista Montini, ricavandone il territorio dalle esistenti parrocchie di Santi Nazaro e Celso di Quarto Uglerio, Santa Agnese, e Santi Gervaso e Protaso di Novate Milanese[1], per servire i nuovi quartieri residenziali che stavano sorgendo presso gli antichi borghi di Vialba e Quarto Oggiaro.

La costruzione della nuova chiesa parrocchiale, posta nel centro del quartiere di edilizia popolare "Vialba II" realizzato contestualmente, venne compiuta nel 1963 su progetto di Benvenuto Villa.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa ha forme fortemente plastiche, che creano un netto contrasto con gli edifici residenziali circostanti, lineari e disposti ortogonalmente.

La struttura è in calcestruzzo armato, che sostiene la copertura in rame che si innalza in forma parabolica; la parte retrostante, corrispondente agli ambienti di servizio, è rivestita in cotto.

La pianta dell'edificio è circolare, con la ripetizione di pareti curve che si intrecciano a vicenda, rendendo gli spazi particolarmente fluidi. L'interno è fortemente dinamico, anche per l'illuminazione differenziata; infatti le vetrate, poste obliquamente, illuminano l'area presbiteriale, lasciando in penombra lo spazio riservato ai fedeli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cecilia de Carli (a cura di), Le nuove chiese della diocesi di Milano 1945-1993, Edizioni Vita e Pensiero, Milano 1994, p. 173. ISBN 88-343-3666-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]