Chiesa della Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo (Milano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa della Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo
Milano - chiesa della Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo.jpg
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
LocalitàMilano
Religionecattolica
TitolareRisurrezione di Gesù
Arcidiocesi Milano
ArchitettoBenvenuto Villa
Stile architettonicomoderno
Completamento1963

Coordinate: 45°31′11.58″N 9°08′16.02″E / 45.519883°N 9.137782°E45.519883; 9.137782

L'interno
L'altare

La chiesa della Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo è una chiesa parrocchiale di Milano, posta all'estrema periferia settentrionale della città.

Costruita nel 1963, si trova nel centro del quartiere di edilizia popolare "Vialba II".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La parrocchia della Resurrezione venne eretta con decreto del 25 luglio 1959 del cardinale Giovanni Battista Montini, ricavandone il territorio dalle esistenti parrocchie di Santi Nazaro e Celso di Quarto Uglerio, Santa Agnese, e Santi Gervaso e Protaso di Novate Milanese[1], per servire i nuovi quartieri residenziali che stavano sorgendo presso gli antichi borghi di Vialba e Quarto Oggiaro.

La costruzione della nuova chiesa parrocchiale, posta nel centro del quartiere di edilizia popolare "Vialba II" realizzato contestualmente, venne compiuta nel 1963 su progetto di Benvenuto Villa.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa ha forme fortemente plastiche, che creano un netto contrasto con gli edifici residenziali circostanti, lineari e disposti ortogonalmente.

La struttura è in calcestruzzo armato, che sostiene la copertura in rame che si innalza in forma parabolica; la parte retrostante, corrispondente agli ambienti di servizio, è rivestita in cotto.

La pianta dell'edificio è circolare, con la ripetizione di pareti curve che si intrecciano a vicenda, rendendo gli spazi particolarmente fluidi. L'interno è fortemente dinamico, anche per l'illuminazione differenziata; infatti le vetrate, poste obliquamente, illuminano l'area presbiteriale, lasciando in penombra lo spazio riservato ai fedeli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cecilia de Carli (a cura di), Le nuove chiese della diocesi di Milano 1945-1993, Edizioni Vita e Pensiero, Milano 1994, p. 173. ISBN 88-343-3666-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]