Cotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cotto (disambigua).

Il cotto è un materiale edile di produzione artigianale (divenuto poi industriale) adatto al rivestimento ottenuto da un particolare trattamento e cottura dell'argilla. A seconda del tipo di materia prima utilizzata il suo colore può variare dall'ocra rossa al rosso amaranto.

Cotto ferrarese

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Infornatura del cotto

In passato era usato sia come materiale povero nell'edificazione di case rurali sia per fregi artistici. In tempi recenti è divenuto un materiale richiesto e pregiato.

Pavimentazione cittadina a Siena

Quasi tutte le città italiane con un nucleo urbanistico medievale o rinascimentale hanno avuto o hanno ancora botteghe artigianali specializzate nella lavorazione del cotto. A puro titolo di esempio Castel Viscardo, Faenza, Ferrara, Impruneta, Marsciano e Battipaglia.

A Castel Viscardo la produzione secolare del cotto è attestata dal XVI secolo. In particolare, si hanno riferimenti dell'esistenza di una fornace in impianto stabile sin dal XVII secolo (fornace de Le Trobbe) e, quindi, dalle mappe ottocentesche del Catasto gregoriano[1]. Oggi, tra le imprese artigiane presenti a Castel Viscardo alcune usano tuttora l'antico forno a legna.

A Ferrara il cotto costituisce il principale materiale edilizio utilizzato a partire dal XIV secolo. Un portale medievale tipico in cotto è quello che si può vedere in casa Novelli, abitazione del 1500 in via Borgo di Sotto.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luca Giuliani, Nel mio piccolo loco... Il Castello di Viscardo e le sue fornaci, 2009, pp. 163 e 166
  2. ^ B.Zevi, p.124.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]