Bororo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la popolazione nomade africana, vedi Wodaabe.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando Coroados, il municipio dello stato brasiliano di San Paolo, vedi Coroados (San Paolo).
Bororo
Bororo
Bororo-Boe agli Indigenous Games del Brasile, 2007
Nomi alternativi Coroados, Boe, Orarimogodo
Luogo d'origine Mato Grosso
Popolazione 1.686 (nel 2012)[1]
Lingua Borôro, portoghese
Religione animismo

I Bororo (o anche Coroados, Boe, Orarimogodo) sono un gruppo etnico del Brasile che ha una popolazione stimata in poco meno di duemila individui. Parlano la lingua Borôro (codice ISO 639: BOR) e sono principalmente di fede animista.

Vivono sparsi in otto villaggi nelle zone centrali del Mato Grosso. Un esponente famoso di questo gruppo è Cândido Rondon, ufficiale dell'esercito brasiliano e fondatore della Fundação Nacional do Índio (o anche FUNAI).

La cultura Bororo fu studiata da vicino dall'antropologo francese Claude Lévi-Strauss durante la sua spedizione in Amazzonia e nel Mato Grosso (1935-1936), descritta nella sua celebre opera Tristi Tropici (1955).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Bororo: Introduction." Instituto Socioambiental: Povos Indígenas no Brasil. Consultato il 4 febbraio 2015

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Brasile Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile