Pira-tapuya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pira-tapuya
Nomi alternativiUruba-Tapuya, Piratapuya, Piratapuyo, Piratuapuia, Pira-Tapuya
Luogo d'origineBrasile
LinguaPiratapuyo
Religioneanimismo
Gruppi correlatiKotiria
Distribuzione
Brasile Brasile 1.433 (2005)[1]
Colombia Colombia 400 (1988)[1]

I Pira-tapuya o Tapuyas sono un gruppo etnico del Brasile e della Colombia.[1]

Lingua[modifica | modifica wikitesto]

Parlano la lingua Piratapuyo (codice ISO 639: PIR) che appartiene alla famiglia linguistica Tucano. Si fanno chiamare Waíkana.[2]

Insediamenti[modifica | modifica wikitesto]

Vivono nello stato brasiliano dell'Amazonas e nel dipartimento colombiano di Vaupés. Sono localizzati sul corso centrale del fiume Papuri, nei pressi di Teresita, e sul corso inferiore del fiume Uaupés. Alcuni gruppi sono migrati e vivono sul fiume Negro e a São Gabriel.[2]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il monaco spagnolo Gaspar de Carvajal, che partecipò all'esplorazione di Francisco de Orellana nel 1542 lungo il rio delle Amazzoni e ne scrisse un resoconto[3], fra le loro schiere militavano anche delle donne, che gli ricordarono le Amazzoni della mitologia greca, dando così il nome al fiume.

Organizzazione sociale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (PT) Scheda su socioambiental.org - Introduzione, su pib.socioambiental.org. URL consultato il 4 luglio 2011.
  2. ^ a b (PT) Scheda su socioambiental.org - Gruppi etnici e demografia, su pib.socioambiental.org. URL consultato il 4 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  3. ^ (EN) OpenLibrary.org, Carvajal, Gaspar de, su Open Library. URL consultato il 15 febbraio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Brasile Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile