My Name Is Earl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
My Name Is Earl
My Name Is Earl title screen.png
Immagine dalla sigla della serie televisiva
Titolo originale My Name Is Earl
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2005-2009
Formato serie TV
Genere commedia
Stagioni 4
Episodi 96
Durata 20 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Colore colore
Audio surround
Crediti
Ideatore Greg Garcia
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Fotografia Eyal Gordin
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 20 settembre 2005
Al 14 maggio 2009
Rete televisiva NBC
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 18 settembre 2006
Al 26 gennaio 2011
Rete televisiva Italia 1
(EN)
« Karma is a funny thing. »
(IT)
« Strana cosa il Karma! »
(Tagline della serie televisiva[1][2])

My Name Is Earl è una serie televisiva statunitense creata da Greg Garcia e prodotta dalla 20th Century Fox dal 2005 al 2009. La serie ha vinto cinque Emmy Award.

Protagonista della serie è Earl J. Hickey, un piccolo criminale della provincia americana di Camden County che – in seguito ad un incidente a cui scampa, e ad una fortunata vincita alla lotteria – decide di cambiare vita e, abbracciando la filosofia del Karma, cerca di diventare una persona migliore, rimediando ai tanti errori e torti commessi in passato nei confronti degli altri. Decide così di scrivere una lista con tutte le cattive cose che ha fatto, e di "riparare" ad esse giorno dopo giorno[3].

Trama[modifica | modifica sorgente]

« Avete presente quel tipo di soggetto che fa una bastardata dopo l'altra e ad un certo punto si meraviglia che la sua vita fa schifo? Bene, quello ero io! Ogni volta che mi capitava qualcosa di buono, qualcosa di cattivo era in agguato dietro l'angolo: è il Karma! Ecco perché ho deciso di cambiare: ho fatto una lista di tutte le mie cattive azioni e da allora cerco di rimediare agli errori che ho commesso. Mi sto solo sforzando di essere una persona migliore. Il mio nome? Earl! »
(Frase introduttiva di ogni episodio della serie televisiva)

Earl J. Hickey è un trentenne fannullone che conduce una vita disordinata e sregolata, dedito a piccoli furti e crimini, assieme alla moglie Joy, ai suoi due figli legittimi ma non naturali, Earl Jr. e Dodge, e all'inseparabile fratello Randy. La sua vita cambia radicalmente quando una mattina vince 100 000 dollari grazie ad un biglietto del gratta e vinci. Mentre gioisce per la vincita viene investito da un'automobile, perdendo così il tagliando vincente e finendo all'ospedale. Dopo l'incidente, Earl perde anche la moglie, che con l'inganno gli fa firmare il foglio del divorzio, e la casa, occupata ora da Darnell detto "Gamberone", amante, padre del secondo figlio di Joy e poi anche marito di lei.

Durante la sua degenza, guardando il talk show di Carson Daly in televisione, Earl viene a conoscenza del Karma, il principio secondo cui per ogni azione che si compie ne ritornerebbe indietro un'altra dello stesso tipo. Dopo la visione del programma, Earl comincia a riflettere sulla sua vita e sulla sua condotta, arrivando a concludere che le sue numerosissime cattive azioni sono la causa di questa sua grave situazione e decide perciò di rimediare. Stila una lista (composta da circa 260 punti, anche se altri ne verranno poi aggiunti nel corso degli episodi e solitamente subito risolti) di tutte le azioni cattive commesse nella sua vita, cercando di rimediare una ad una a tutte le sue colpe e di poter vivere finalmente una vita tranquilla e pulita.

Nel motel dove si trasferisce a vivere insieme a suo fratello Randy, Earl incontra Catalina, una giovane donna messicana immigrata clandestina addetta alle pulizie dell'albergo, che stringe subito una forte amicizia con i due fratelli, e promette di aiutare Earl nel suo compito. Dopo aver eliminato il suo primo punto dall'elenco ("Gettato cartacce per terra", cancellato dopo aver raccolto tutti i rifiuti sparsi sul cortile del motel), Earl ritrova immediatamente sotto la sua scarpa destra il tagliando vincente del gratta e vinci smarrito dopo essere stato investito. Grazie ai 100 000 dollari, Earl può quindi dedicarsi a tempo pieno alla cancellazione dei numerosi punti contenuti nella sua lista.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Negli Stati Uniti My Name Is Earl è stata trasmessa in prima visione da NBC. In Italia la messa in onda televisiva della serie, trasmessa da Italia 1, è sempre stata molto travagliata. La prima stagione partita il 18 settembre 2006, venne interrotta bruscamente due mesi più tardi e gli ultimi episodi furono trasmessi a intervalli di tempo, con una programmazione irregolare e discontinua. Dopo una lunghissima pausa il telefilm è tornato in onda in prima visione con la trasmissione della seconda stagione, iniziata il 10 giugno 2009 ed interrotta improvvisamente dopo i primi 11 episodi nel giugno 2009. La messa in onda è poi ripresa di nuovo un anno dopo e cioè nel giugno del 2010. Gli episodi della terza stagione sono cominciati il 17 novembre 2010, seguiti da quelli della quarta dal 17 dicembre 2010[4] al 26 gennaio 2011.

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 24 2005-2006 2006-2007
Seconda stagione 23 2006-2007 2009-2010
Terza stagione 22 2007-2008 2010
Quarta stagione 27 2008-2009 2010-2011

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di My Name Is Earl.
  • Earl J. Hickey (stagioni 1-4), interpretato da Jason Lee, doppiato da Pasquale Anselmo.
    È il protagonista e narratore dello show. Nato il 25 aprile 1970, è l'ex-marito di Joy, la quale si è sposata con Gamberone, ma nonostante questo i due sono amici (anche se di solito i rapporti tra i due si limitano allo scambio di saluti: Gamberone esclama «Bella, Earl», ed Earl risponde «Ehilà, Gamberone»). Prima che scoprisse i poteri del Karma era un ladro professionista e, assieme ai suoi amici, formava una banda. Earl è un grande fan di band southern rock e heavy metal come AC/DC, Def Leppard, Lynyrd Skynyrd, Guns N' Roses, Iron Maiden e Metallica. Il suo nome doveva essere Carl, ma al momento della registrazione del nome all'anagrafe, in una situazione comica, la "C" di Carl venne scambiata per una "E". La sua auto è una Chevrolet El Camino rossa, con cofano e portiera sinistra azzurri.
  • Randy Hickey (stagioni 1-4), interpretato da Ethan Suplee, doppiato da Stefano Crescentini.
    È il fratello minore di Earl. All'apparenza è piuttosto tardo, ma moltissime volte si nota che non è così, visto che spesso aiuta il fratello nell'impresa di cancellare la lista del protagonista. Ha un animo molto dolce, la fobia dei pennuti, ed è innamorato di Catalina. Quando beve 4 birre riesce ad avere un'ottima abilità nel dire bugie, ma se ne beve di più rischia di fare grossi danni; inoltre quando non mangia diventa aggressivo con chi gli sta intorno.
  • Joy Turner (stagioni 1-4), interpretata da Jaime Pressly, doppiata da Anna Cesareni.
    È l'ex moglie di Earl, ora sposata con Gamberone. Ha due figli: Dodge, del cui padre non ricorda praticamente nulla, ed Earl Jr, frutto di un rapporto extraconiugale con il suo futuro secondo marito quando era sposata con Earl. Odia Catalina, la cameriera dell'albergo dove alloggia Earl. All'inizio della serie ha divorziato dal protagonista, ma dopo aver scoperto che lui aveva vinto 100.000 dollari ha cominciato a perseguitarlo per averne la metà, senza successo. Il suo carattere, inizialmente scontroso e sconsiderato, si è man mano attenuato, diventando anche una brava madre. Possiede una Subaru BRAT, aerografata interamente con la bandiera degli Stati Uniti d'America.
  • Darnell "Gamberone" Turner (in originale: "Crabman") (stagioni 1-4), interpretato da Eddie Steeples, doppiato da Alessandro Quarta.
    È l'attuale marito di Joy. Uomo di colore, ha avuto un figlio da sua moglie mentre lei era ancora sposata con Earl. Lavora al fish bar, dove è famoso per la sua salsa. Possiede una tartaruga, da lui chiamata "Gamberuga"[5], che ha come tana una vaschetta rubata in passato da Earl. All'apparenza sembra piuttosto infantile, ma guardando meglio si capisce che non è così. È solito salutare il protagonista esclamando «Bella, Earl». In passato si chiamava Harry Monroe, ma dopo essere entrato nel programma protezione testimoni ha poi acquisito la nuova identità di Darnell Turner.
  • Catalina Aruca (stagioni 1-4), interpretata da Nadine Velazquez, doppiata da Daniela Calò.
    È una bella ragazza messicana che lavora come cameriera nel motel in cui alloggiano Earl ed il fratello Randy (il quale ha una cotta per lei). Trova odiosa Joy, e per questo tante volte hanno litigato, per poi essere fermate dai loro amici. È arrivata negli Stati Uniti d'America in maniera clandestina, e spesso si assiste a Catalina che parla in spagnolo dicendo cose apparentemente insensate. Spesso le presunte invettive rivolte da Catalina a Joy in spagnolo sono in realtà saluti o commenti rivolti ai telespettatori, in una chiara rottura della quarta parete.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Dopo quattro stagioni di buon successo, con una media di 4.500.000 spettatori, il 19 maggio 2009 la NBC ha cancellato la serie; dopo una paventata possibilità in cui la Fox, di proprietà della 20th Century Fox che produce lo show, o che il canale via cavo TBS recuperassero la serie per una quinta stagione, l'attore Ethan Suplee ha comunicato, a fine maggio, tramite la sua pagina Twitter, che la serie era stata ufficialmente cancellata. La notizia ha lasciato sgomento Greg Garcia, il creatore della serie, che non si aspettava minimamente la cancellazione, e che così non ha avuto modo di dare un epilogo allo show.

Tuttavia, nella nuova serie creata da Greg Garcia nel 2010, Aiutami Hope!, la storia di Earl Hickey viene menzionata come facente parte di un universo narrativo condiviso, e conclusa prima dell'inizio delle vicende della stessa: infatti è possibile ascoltare, nel primo episodio, un giornalista televisivo raccontare la notizia di un uomo che è riuscito a rimediare ad una lista di torti da questi commessi in passato, dichiarando che "nessuno potrebbe mai credere a come è andata a finire", prima che la televisione venga spenta; è ovvio il riferimento ad Earl ed alla sua lista, nonché all'improvvisa cancellazione di My Name Is Earl[6]. Nonostante la fine improvvisa di My Name Is Earl , sempre attraverso la visione di Aiutami Hope!, si può capire che Earl è riuscito a finire completamente la lista, dato che lo stesso giornalista dice anche che Earl è riuscito a completarla[7].

Ambientazione[modifica | modifica sorgente]

Non si sa esattamente dove si trovi Camden County, la cittadina in cui è ambientata la serie. Nell'episodio Il professore della prima stagione viene detto che si trovi nel Maryland. Invece nell'episodio Inside Probe viene detto che si trova nel New Jersey. Le riprese della serie sono state effettuate a Lake Balboa, una città della San Fernando Valley, nella California meridionale.

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica sorgente]

Citazioni di altre opere[modifica | modifica sorgente]

  • Nell'episodio La magica ora della quarta stagione, Randy dice «Stai parlando? No dico, stai parlando con me? Ci sono solo io, quindi sì, stai parlando con me». Questa frase è un riferimento al film Taxi Driver. In seguito, Buddy dice ad Earl «Ti farò una proposta che non potrai rifiutare». Questa frase è un riferimento al film Il padrino. Sempre nell'episodio, Randy cita anche vari film quali E.T. l'extra-terrestre, Il fuggitivo, Il silenzio degli innocenti e The Elephant Man.
  • Nell'episodio Chi l'ha visto? (1ª parte) della quarta stagione, Wilfrid Dierkes dice «Questa è la vita vera? Sarà così per sempre?» e poi urla. Tale comportamento è un riferimento a David After Dentist, un popolare video su YouTube[8].
  • Nell'episodio La soffiata , Earl si siede su una panchina e racconta la sua vita a diverse persone, quali una vecchietta, una donna, un ragazzino e un piccione. Questa scena è un riferimento al film Forrest Gump.
  • Nel 19º episodio della quarta stagione, Karma letale, i protagonisti Earl e Randy sono alle prese con una bomba che sta per esplodere. Randy dice di poterla disinnescare perché ha visto come fare in televisione, ma quando tenta di disarmarla, non sa come fare; Earl gli chiede allora cosa succede di solito in TV in questi casi, e Randy risponde che «di solito mandano la pubblicità». Dopo questa frase, viene inquadrato il timer della bomba e viene adottato lo split screen per introdurre la pubblicità nell'episodio. Questo è un riferimento alla serie televisiva 24.
  • Sempre nell'episodio Karma letale compare tra i personaggi l'attore Danny Glover (già interprete dell'agente Roger Murtaugh nella saga cinematografica Arma Letale) che veste i panni di un agente segreto. Dopo aver ricevuto un duro colpo durante uno scontro con Darnell, esclama «Sono troppo vecchio per queste stronzate!», citando alla perfezione la ricorrente imprecazione dell'agente Murtaugh nei film di Arma Letale durante le scene d'azione.
  • Nell'episodio L'erba del vicino della terza stagione, Earl e suo padre Carl vanno da uno spacciatore per rimediare della marijuana precedentemente distrutta da Carl. Lo spacciatore soprannomina più volte Carl "Drugo" e "Grande Lebowski", chiarissimo riferimento al film del 1998 Il grande Lebowski dei fratelli Coen. L'attore che interpreta Carl è Beau Bridges ovvero il fratello di Jeff Bridges, protagonista del suddetto film.
  • Il titolo originale dell'episodio Non morirò se mi aiutano gli amici, ovvero I Won't Die With a Little Help from My Friends, fa espressivamente riferimento alla canzone dei Beatles With a Little Help from My Friends.
  • Il titolo originale dell'episodio L'erba del vicino, ovvero No Heads and a Duffle Bug, fa riferimento al film con Joe Pesci 8 Heads and a Duffle Bug (nella versione italiana 8 teste e una valigia).
  • Nell'episodio Festa di compleanno del caro amico Earl ad un certo punto Randy si precipita fuori casa urlando «Leeeroy Jeeennnkins!». Tale comportamento è un chiaro riferimento ad un tormentone divenuto famoso in internet e riguardante tale persona[9].
  • Nell'episodio Camdeniti (2ª parte) della terza stagione, in una sequenza Earl fa una parodia di CSI: Miami e del suo protagonista Horatio Caine, imitando il suo linguaggio ed il suo modo di indossare gli occhiali da sole; si può sentire anche un breve urlo, simile a quello presente in Won't Get Fooled Again dei The Who, sigla di CSI: Miami.
  • Nell'episodio Scappa, Earl, scappa!, Randy dice di saper imitare il film Dementi di gloria e fa una corsa al rallentatore. Randy sta in realtà parodiando il film Momenti di gloria, in cui infatti compare la stessa scena.
  • Sono presenti alcuni riferimenti al View Askewniverse di Kevin Smith, di cui fanno parte Jason Lee ed Ethan Suplee:
  • Greg Garcia, creatore, sceneggiatore, produttore e regista della serie, è comparso più volte in piccoli camei all'interno degli episodi (anche se non sempre in modo fisico):
    • Nell'episodio pilota La lista di Earl, è lo sconosciuto con cui si mette a ballare Randy quando lui, Earl e Kenny si recano al gay bar.
    • Nell'episodio Giocatore nato si può vedere la patente di guida di Catalina. Questa è firmata da Greg Garcia.
    • Nel 5º episodio della terza stagione (Scrittura Creativa), Joy imita uno spot televisivo incentrato su alcuni sottaceti di marca "Garcia".
    • Nell'episodio Leggere è fonda-mentale!, è un detenuto costretto ai lavori forzati.
    • Nell'episodio Programma protezione (1ª parte), compare nelle vesti di un partecipante dello show televisivo Estrada or Nada.
    • Nell'episodio La strega, Greg compare nel Crab-Shack fingendosi un visitatore.
    • Nell'episodio Bulli, Greg compare nuovamente come l'agente di Tim Stack.
    • Nell'episodio Chi l'ha visto, Greg interpreta Wilfrid Dierkes, l'agente di Tim Stack e l'avvocato più economico del paese.

Citazioni e parodie[modifica | modifica sorgente]

  • Nella serie TV Aiutami Hope! (creata anch'essa da Greg Garcia), nell'episodio Compleanni, il protagonista Jimmy Chance sta guardando in televisione l'episodio Chi l'ha visto di My Name Is Earl.
  • In due episodi della serie animata I Griffin, si fa riferimento al personaggio di Randy chiamandolo «Il ciccione di My Name Is Earl» sempre in un episodio dei I Griffin, Peter dopo essersi svegliato e essersi accorto di aver perso la memoria esclama «Sapete, credo che il mio nome sia Earl» in inglese «You know, I think my name is Earl» e poi si può sentire parte della sigla iniziale della serie.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Vinti[modifica | modifica sorgente]

Candidature[modifica | modifica sorgente]

  • 2008 - Premio Emmy
    • Outstanding Cinematography For A Half Hour Series a Michael Goi per l'episodio Stole A Motorcycle, terza stagione

Trasmissione internazionale[modifica | modifica sorgente]

Questi sono i titoli della serie usati in altri stati:[13]

Edizioni home video[modifica | modifica sorgente]

Le edizioni in DVD della serie televisiva sono distribuite dalla 20th Century Fox Television.

Titolo nº dischi Data pubblicazione USA Data pubblicazione Italia Produzione
My Name Is Earl - Stagione uno[14] 4 19 settembre 2006 25 settembre 2006 20th Century Fox Television
My Name Is Earl - Stagione due[15] 4 25 settembre 2007 28 gennaio 2008 20th Century Fox Television
My Name Is Earl - Stagione tre[16] 4 30 settembre 2008 20 ottobre 2008 20th Century Fox Television
My Name Is Earl - Stagione quattro[17][18] 4 15 settembre 2009 13 aprile 2011 20th Century Fox Television

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ My Name Is Earl, stagione 2, Antonio Genna.worldpress.com.
  2. ^ (EN) "My Name Is Earl" poster, MoviePosterDB.com.
  3. ^ My Name is Earl – Un originale ritratto della provincia americana, Corriere della Sera.it.
  4. ^ Caterina Cerretani, My name is Earl: la quarta stagione dal 17 dicembre su Italia 1, Blog Tivvù.com, 16 dicembre 2010. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  5. ^ Nella versione originale la tartaruga viene chiamata da Darnell "Mr. Turtle".
  6. ^ (EN) Rob Owen, New Fox comedies: 'Raising Hope,' 'Running Wilde', Pittsburgh Post-Gazette.com, 21 settembre 2010.
  7. ^ (EN) My Name Is Earl: Did You Catch The Shout Out in Raising Hope?, TV Series Finale.com, 28 settembre 2010. URL consultato il 28 gennaio 2011.
  8. ^ (EN) David After Dentist, YouTube.com, 30 gennaio 2009. URL consultato il 24 gennaio 2011.
  9. ^ La storia di Leeroy Jenkins, Fenice Modena.netsons.org. URL consultato il 1º marzo 2011.
  10. ^ (EN) “Poopie Trim” Goes Prime Time!!!, News Askew.com, 7 gennaio 2006. URL consultato il 25 aprile 2011.
  11. ^ (EN) Poopie Trim #2!, News Askew.com, 29 gennaio 2006. URL consultato il 25 aprile 2011.
  12. ^ (EN) People Choice Awards Past Winners: 2007, PCAvote.com.
  13. ^ Altri titoli di "My Name Is Earl", IMDb.com. URL consultato il 26 marzo 2011.
  14. ^ (EN) My Name Is Earl – The Complete 1st Season DVD Information, TV Shows On DVD.com.
  15. ^ (EN) My Name Is Earl – The Complete 2nd Season DVD Information, TV Shows On DVD.com.
  16. ^ (EN) My Name Is Earl – The Complete 3rd Season DVD Information, TV Shows On DVD.com.
  17. ^ (EN) My Name Is Earl – The Complete 4th Season DVD Information, TV Shows On DVD.com.
  18. ^ My name is Earl - Stagione 4 (4 dvd), DVD Village.it.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione