Betty White

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Betty White nel 2010

Betty Marion White (Oak Park, 17 gennaio 1922) è un'attrice e conduttrice televisiva statunitense.

Famosa in tutto il mondo grazie a ruoli come quello di Sue Ann Nevens nel telefilm Mary Tyler Moore Show (1973-1977) e di Rose Nylund nella serie cult Cuori senza età (1985-1992). Grazie a quella parte è diventata un'icona in tutto il mondo. Dal 2010 è protagonista della fortunata serie TV Hot in Cleveland nella parte di Elka Ostrovsky.

In questi anni ha preso parte a numerose serie televisive con ruoli molto importanti, solo per citarne alcune, Santa Barbara (1988), I Simpson (2000-2007), Boston Legal (2005-2008), Beautiful (2006-2009), Ugly Betty (2008), My Name is Earl (2009), Community (2010) e molte altre.

Al cinema si è fatta apprezzare interpretando ruoli in film molto famosi come Tempesta su Washington (1962), Pioggia infernale (1998), Storia di noi due (1999), Ricatto d'amore (2009) e Ancora tu! (2010).

Nella sua carriera ha ottenuto oltre 20 nomination agli Emmy Awards, vincendone ben 7. Possiede due stelle sulla Hollywood Walk of Fame, ed è stata in nomination più volte per i Golden Globe. Nel 2012 all'età di 90 anni riceve il suo primo Grammy Awards.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi e il successo con il Mary Tyler Moore Show[modifica | modifica sorgente]

Star a tutto tondo, ha spaziato dal cinema alla televisione americana, di cui è stata una delle regine incontrastate, fin dagli anni quaranta, vincendo ben sette volte l'Emmy Awards e molti altri premi. Dotata di una grande versatilità, nonché di un umorismo speciale che l'ha contraddistinta per tutta la carriera, la White debutta nel nei primi anni quaranta come modella, per poi apparire, nel 1945, nel film-documentario Il tempo di uccidere.

Nel 1949 il primo piccolo ruolo nella serie Hollywood on Television, nella quale interpreta una centralinista. Negli anni cinquanta interpreta ruoli importanti in televisione. Dal 1953 al 1955 partecipa come protagonista e produttrice a Life with Elizabeth, dal 1956 al 1958 è in Date with the Angels, oltre che in un paio di film di discreta fattura. È spesso ospite del game show Password condotto da Allen Ludden: i due si sposano nel 1963; Ludden è il terzo marito di Betty White e staranno assieme fino alla morte di lui nel 1981.

Negli anni sessanta si stacca dal mondo dello spettacolo per dedicarsi alla vita privata. A partire dal 1973 e fino al 1977 appare nel celebre Mary Tyler Moore Show, dove interpreta Sue Ann Stevens. Grazie a questo ruolo la White ottiene grande successo negli Stati Uniti diventato una delle regine della TV, facendosi apprezzare sia dal pubblico che dalla critica, che le conferisce due Emmy Awards come miglior attrice non protagonista di una sit-com, su svariate nomination. Sulla cresta dell'onda la White, conclusa l'esperienza nello show, ne presenta uno tutto suo, il Betty White Show in onda dal 1977 al 1978.

Intanto alterna i ruoli in TV e nel 1975 è guest-star nel telefilm Ellery Queen e nel Carol Burnett show. Dal 1983 al 1985 è nel cast della serie Mama's family assieme a Rue McClanahan, futura collega di Cuori senza età che sarà trasmesso con enorme successo dal 1985 al 1992, seguito dallo "spin off" Cuori al Golden Palace andato in onda per una sola stagione nel 1992-1993.

La fama internazionale con Cuori senza età[modifica | modifica sorgente]

Betty White alla cerimonia degli Emmy Awards, 1989.

Nel 1985 la consacrazione con il telefilm The Golden Girls, noto in Italia come Cuori senza età, nel quale interpreta il personaggio di Rose Nylund, una donna che ha passato la mezza età, di famiglia norvegese stabilitasi nel Minnesota, e che, in difficoltà economiche, arriva a Miami, in Florida, dove trova una villetta che condividerà con le tre amiche, interpretate da Beatrice Arthur, Rue McClanahan e Estelle Getty. Il suo personaggio è uno dei più esilaranti della serie, al pari della Sophia Petrillo, interpretata da Estelle Getty: è una donna sincera, svampita ma sempre pronta ad aiutare le amiche nei momenti dello sconforto.

La serie dura ben sette anni e dà alla White una visibilità internazionale mai avuta prima, oltre a numersosi premi come l'Emmy come miglior attrice, (su ben 7 nomination) e quattro nomination al Golden Globe. Negli anni 90' viene girato uno spin-off della serie Cuori al Golden Palace, con gli stessi attori della serie madre, che però non avrà lunga durata, andando in onda dal 1992 al 1993.

Il telefilm viene replicato ancora oggi con enorme successo in tutto il mondo e la serie è stata anche trasportata su DVD in diversi cofanetti che hanno ottenuto molto successo. Ad oggi delle quattro protagoniste, la White è l'unica ancora in vita.

Gli anni 90' tra cinema e TV[modifica | modifica sorgente]

In seguito appare in decine di serie televisive, come Ally McBeal, Susan, Tutto in famiglia (nel quale interpreta una governante stile Mary Poppins), Providence, That '70s show, The Practice - Professione avvocati (nel ruolo di Catherine Piper che riprenderà in Boston Legal), Everwood e Malcolm.

Per tutti gli anni 90' interpreta svariati ruoli in numerose serie TV e film. Torna a interpretare il ruolo che l'ha resa celebre in Cuori al Golden Palace, dal 1992 al 1993. Nel 1996 riceve un ennesimo Emmy Awards per la partecipazione speciale a un episodio de The John Larroquette Show. Nello stesso anno ricevo una stella sulla Hollywood Walk of Fame, per i contributi all'industria televisiva e per la grande notorietà.

Si impone anche sul grande schermo, è tra gli altri recita con Leslie Nielsen in L'occasione della mia vita nel 1991, nel 1996 affianca Morgan Freeman in Pioggia infernale e interpreta la moglie di Robert Wagner in Dennis colpisce ancora (1998). Nel 1999 è la volta di Storia di noi due con Bruce Willis e sempre nel 1999 interpreta una strana vedova, Delores Bickerman, che nutre un coccodrillo gigante con le proprie vacche nel film Lake Placid, ottenendo grande successo. Per il cinema, oltre che il volto, presta anche la voce e doppia il film Bisbiglio, elefantino coraggioso nel 2000.

Torna alla sitcom e nel 1999 interpreta diversi episodi della serie Ally McBeal che la riafferma come grande attrice brillante, ricevendo l'American Comedy Awards come miglior attrice.

Gli anni 2000 con un successo intramontabile[modifica | modifica sorgente]

Negli anni 2000 ha preso parte in veste di guest star nei due celebri cartoni I Simpson (prima nel 2000 poi nel 2007) e I Griffin nel 2006.

Per il 2003 è impegnata con Steve Martin alla riprese del film di successo Un ciclone in casa, mentre nel 2005 entra nel cast di Boston Legal, nel quale è Catherine Piper per alcune puntate.

Il successo della White sembra non finire e non conoscere crisi e nel 2006 ha un ruolo di prima linea nella serie televisiva Beautiful, nella parte di Ann Douglas, madre diStephanie Forrester (Susan Flannery) e di Pamela Douglas (Alley Mills). Resta nel cast della serie fino al 2009 anno in cui il personaggio di Ann muore.

Nel febbraio 2007 fa un cameo nel ruolo di sé stessa nel decimo episodio della seconda serie di Ugly Betty, serie che la stessa White aveva parodiato l'anno precedente in dei filmati trasmessi durante la cerimonia dei TV Land Awards.

Nel giugno 2008 vince il TV Land Awards alla carriera e partecipa alla serata assieme a Rue McClanahan e Beatrice Arthur; nel 2009 recita la parte di nonna Annie nel film Ricatto d'amore, con Sandra Bullock e Ryan Reynolds, ottenendo grandissimo successo e ricevendo nomination sia agli MTV Movie Awards che ai Teen Choice Awards.

Betty White insieme a Barack Obama.

Il 23 gennaio 2010 viene premiata a Los Angeles con il Life Achievement Award dallo Screen Actors Guild, potentissimo sindacato che rappresenta più di 100.000 attori del cinema e del piccolo schermo, che l'ha premiata appunto per la lunghissima e brillante carriera nella televisione americana.

Il successo di Hot in Cleveland e il primo Grammy Awards[modifica | modifica sorgente]

Nel maggio 2010 partecipa allo spettacolo televisivoSaturday Night Live, vincendo il suo settimo Emmy Awards.

Nel 2010 esce nelle sale il suo nuovo film Ancora tu!, che la vede protagonista insieme a Kristen Bell e Jamie Lee Curtis. Sul set del film ritrova il collega televisivo Patrick Duffy. Sempre nel 2010 partecipa alla prima puntata della seconda stagione di Community, brillante sit-com statunitense, ricoprendo il ruolo della stramba professoressa di Antropologia

Dal 2010 è protagonista insieme a Valerie Bertinelli, Jane Leeves e Wendie Malick della serie TV comica Hot in Cleveland in onda su Tv Land e trasmessa in Italia da Fox Life. Nella serie lei interpreta la parte di Elka Ostrowsky. Grazie alla sua brillante interpretazione ha conquistato il pubblico e la critica tanto da essere in nomination (per l'ennesima volta) per un Emmy Awards nella categoria miglior attrice non protagonista nel 2011. Sempre grazie a questo ruolo vince nel 2011 e 2012 lo Screen Actors Guild Awards come miglior attrice comica.

Nel 2011 la cantante emergente Luciana la sceglie per partecipare al suo singolo I'm still Hot. Il brano viene pubblicato il 22 settembre 2011 ed il 7 ottobre 2011 esce il video su YouTube che in poco tempo riceve oltre 1 milione di visualizzazioni.

Tra il 2011 e il 2012 è alle riprese di Lorax - Il guardiano della foresta (2012), dove presta la voce al personaggio di Norma. Con lei nel cast Danny DeVito (che interpreta il protagonista Lorax) e tra gli altri, Zac Efron e Taylor Swift. Il film uscirà nelle sale cinematografiche Americane a marzo 2012.

Nel 2012 a 90 anni riceve il suo primo Grammy Awards nella categoria Best Spoken Word Album per l'album If You Ask Me (And of Course You Won't). Sempre nello stesso anno riceve la statua di cera al celebre museo delle cere Madame Tussauds di Londra.

Tra il 2012 e il 2013 presenta lo spettacolo in TVBetty White's Off Their Rockers sulla NBC, che le vale la nomination consecutiva agli Emmy Awards come miglior conduttrice nel 2012 e 2013.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Betty White è stata sposata per tre volte: con Dick Barker dal 1945 e per pochi mesi, con Lane Allen dal 1947 al 1949 e infine con Allen Ludden dal 1963 al 1981 (anno della morte). Non ha avuto figli.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Betty White ha recitato anche in un episodio della sit com americana di Damon Wayans, Tutto in famiglia, nel ruolo della domestica June Hopkins.
  • La White ha lontane origini tedesche e greche.
  • Nel 1997 le è stato offerto il ruolo della madre di Helen Hunt nel film Qualcosa è cambiato; non accettò la parte per via del trattamento riservato ad un cane che compariva nel film.
  • Nel corso della sua carriera ha vinto sette Emmy Awards (premio per cui è stata nominata oltre venti occasioni), tre American Comedy Awards, due Viewers for Quality TV Awards; dal 1996 il suo nome appare nella Television Hall of Fame e ha una sua stella sulla celebre Hollywood Walk of Fame.
  • Compare in due episodi de I Simpson.
  • Compare come ospite speciale a WWE RAW per pubblicizzare il suo show Betty White's Off Their Rockers.

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrice[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Da doppiatrice è sostituita da:

Premi e nomination[modifica | modifica sorgente]

Walk of Fame[modifica | modifica sorgente]

  • Stella per il suo contributo all'industria televisiva (1996)

Emmy Awards[modifica | modifica sorgente]

Vinti:

Nomination:

Golden Globe[modifica | modifica sorgente]

Nomination:

Grammy Awards[modifica | modifica sorgente]

Vinti:

  • Best Spoken Word Album, per If You Ask Me (And of Course You Won't) (2012)

Screen Actors Guild Awards[modifica | modifica sorgente]

Vinti:

Nomination:

TV Land Award[modifica | modifica sorgente]

Vinti:

MTV Movie Awards[modifica | modifica sorgente]

Nomination:

People's Choice Awards[modifica | modifica sorgente]

Nomination:

  • Personaggio dell'anno, (1987)
  • Personaggio dell'anno, (1988)
  • Personaggio dell'anno, (1989)
  • Miglior ospite speciale in una serie Tv, per Community (2011)
  • Personaggio del web, (2011)

American Comedy Awards[modifica | modifica sorgente]

Vinti:

Nomination:

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 59891790 LCCN: n86007047

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema