Golfo della Spezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Golfo dei Poeti)
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Massa d'acqua}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Il golfo della Spezia (detto anche golfo dei Poeti) è un'ampia e profonda insenatura della costa del Mar Ligure, situata all'estremità orientale della regione Liguria. Il golfo prende il nome dalla città della Spezia, ubicata in posizione centrale in fondo al golfo stesso, laddove sorge un'importante porto mercantile (specializzato nella movimentazione dei container).

Ospita uno dei principali arsenali della Marina Militare. Alle due estremità del golfo (occidentale ed orientale, rispettivamente) si trovano i borghi di Porto Venere e Lerici, entrambe località di grande interesse turistico.

Il golfo dei Poeti rappresenta una delle quattro partizioni in cui è possibile suddividere la provincia della Spezia, insieme alla Riviera spezzina con le Cinque Terre, alla val di Vara e alla val di Magra.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Il golfo della Spezia è orientato su un asse nord-ovest/sud-est ed è protetto da una catena di monti tutt'intorno, delimitato dal promontorio di porto Venere (e le isole Palmaria, Tino e Tinetto) ad ovest e dalla costa lericina ad est. Per questo motivo esso risulta esposto ai soli venti di scirocco (e parzialmente di tramontana) ed è invece riparato da quelli più potenti di libeccio.

All'imboccatura del golfo si trova la diga foranea, che è lunga 2210 metri e taglia il golfo tra punta S.Maria, a ponente, e punta S.Teresa, a levante, lasciando aperti alle estremità due passaggi (di 400 e 200 metri rispettivamente) al fine di permettere l'accesso al porto delle navi mercantili e militari.

Il golfo misura circa 4,5 km in lunghezza e mediamente 3-3,5 km in larghezza.

Il golfo dei Poeti visto dalla Serra di Lerici

Il patrono[modifica | modifica sorgente]

Il patrono del golfo della Spezia è san Venerio, la cui festa è celebrata il 13 settembre di ogni anno. In tale occasione si svolge un suggestivo pellegrinaggio via mare al santuario posto sull'isola del Tino.

Golfo dei Poeti[modifica | modifica sorgente]

Ripresa del golfo dei Poeti da Pugliola.

Come detto prima il golfo della Spezia è conosciuto anche come il golfo dei Poeti. A battezzarlo così fu il 30 agosto del 1910 il commediografo Sem Benelli, che proprio in una bella villa affacciata sul mare di San Terenzo lavorò al suo capolavoro La cena delle beffe: il termine fu forgiato da Benelli a San Terenzo durante l'orazione funebre di Paolo Mantegazza: "Beato te, o Poeta della scienza che riposi in pace nel Golfo dei Poeti. Beati voi, abitatori di questo Golfo, che avete trovato un uomo che accoglierà degnamente le ombre dei grandi visitatori"..

Tale soprannome deriva soprattutto dal fatto che nel corso dei secoli molti altri poeti, scrittori ed artisti hanno trascorso periodi di residenza nei borghi del golfo, folgorati dalla bellezza di questo "anfiteatro d'acqua".

Fra i tanti artisti che amarono questo luogo, ricordiamo lo scrittore David Herbert Lawrence, la scrittrice e pittrice George Sand, il poeta Lord Byron e lo scrittore Percy Bysshe Shelley. Quest'ultimo ha la sua ultima residenza nel borgo di San Terenzo, borgata marinara nel comune di Lerici.

L'8 luglio 1822, Shelley annega in una tempesta improvvisa mentre a bordo della sua nuova goletta, l'"Ariel", naviga proprio verso San Terenzo.

Il pittore svizzero Arnold Böcklin ama soggiornare in varie località del Golfo. Il pittore tedesco Karl Blechen (1798-1840), nel 1829 si trova a La Spezia e lascia due disegni intitolati La baia della Spezia e i Monti sul golfo della Spezia, ed anche un olio su tela Tramonto sulla baia della Spezia[1].

La scrittrice Emma Orczy, autrice de "La primula rossa", costruisce una villa a Lerici, dove vive dal 1927 al 1933.

Tra gli artisti italiani ricordiamo lo scrittore e scienziato Paolo Mantegazza, il pittore Oreste Carpi, i poeti Gabriele D'Annunzio e Filippo Tommaso Marinetti, lo scrittore e regista Mario Soldati che abita stabilmente in una villa presso Tellaro e lì vi muore il 19 giugno 1999, il giornalista Indro Montanelli che era solito dimorare a Monte Marcello e il poeta e giornalista Giovanni Giudici nato a Le Grazie (Porto Venere).

Nella frazione della Serra nasce il poeta Paolo Bertolani, cui il Comune di Lerici conferisce la cittadinanza onoraria.

Noto divulgatore delle immagini del Golfo è J.M. William Turner (1775-1851), paesaggista inglese che utilizza incisioni ispirate alla Spezia per illustrare il Pictoresque Tour of Italy di James Hakewill[2].

Importante è la presenza nel golfo, nel 1856 di Antonio Fontanesi. Il pittore rimane molto deluso del suo soggiorno nel Golfo tanto da dire trenta studi sono il povero bagaglio di questa escursione. Comunque egli definisce il golfo bellissimo per luce e colore.

Merita un breve cenno la presenza nel golfo, più precisamente a Fezzano di Sandro Botticelli. Il golfo dei Poeti un tempo chiamato golfo di Venere vede i ripetuti soggiorni a Fezzano di Simonetta Vespucci(1453-1476), aristocratica genovese, molto bella, la cui villa viene identificata in alcuni ruderi appunto a Fezzano dove lei muore di tisi in giovanissima età. Suo vicino di casa è appunto Sandro Botticelli che si innamora della bella Simonetta e la sceglie per rappresentare la celebre Venere nella Nascita di Venere. Secondo alcuni studiosi, esaminando attentamente il celebre dipinto, nel mare dietro l'immagine di Venere, sulla destra, si può riconoscere il golfo della Spezia, e in successione il promontorio di Fezzano, quello del Pezzino, quello del Varignano con sullo sfondo l'Isola Palmaria[3].[4]

Manifestazioni sportive[modifica | modifica sorgente]

Il golfo della Spezia è luogo di svolgimento di alcune competizioni sportive come il Palio del golfo, disputa remiera tra le tredici borgate marinare che si affacciano sul litorale, e la Coppa Byron, gara natatoria che copre il percorso marino tra i borghi di Porto Venere e Lerici.

Amministrazioni[modifica | modifica sorgente]

Amministrativamente il golfo è interamente compreso nella provincia della Spezia. I comuni che ne fanno parte sono:

Stemma Città Popolazione (ab.) Superficie (km²)
La Spezia-Stemma2.png La Spezia 95.378 51,39 km²
Lerici-Stemma.png Lerici 10.284 10,86 km²
Porto Venere-Stemma.png Porto Venere 3.906 7,68 km²

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A. Landi, 'Enciclopedia storica della città della Spezia', Accademia Lunigianense di Scienze "Giovanni Cappellini", 2008, p.90.
  2. ^ C. Musso, Il turismo nel Golfo della Spezia, in S. Gamberini, La Spezia. Volti di un territorio, Roma-Bari, Laterza, 1992, p. 969
  3. ^ R. Farina, Simonetta. Una donna alla corte dei Medici, Torino, Bollati Boringhieri, 2001.
  4. ^ A. Albonetti, Al Fezzano per la bella dama che ispirò Botticelli, in "Il secolo XIX", 12 ottobre 2001 p. 13.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Arcipelago Spezzino Arcipelago Spezzino - Golfo della Spezia
Isola Palmaria Isola del Tino Isola del Tinetto Torre Scola