Hans Thoma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Natura morta (1889)

Hans Thoma (Bernau im Schwarzwald, 2 ottobre 1839Karlsruhe, 7 novembre 1924) è stato un pittore tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Studiò all'Accademia di Düsseldorf, dove si recò nel 1867. Nel 1868 a Parigi subì l'influenza di Gustave Courbet e divenne entusiasta ammiratore della sua opera. Al realismo del pittore francese sono legate le sue opere migliori come La sorella (Winterthur, Collezione Reinhart) e Frutteto (Francoforte, Collezione Nathan)[1].

Dal 1874 fece alcuni viaggi in Italia (gli altri nel 1880, 1887, 1892[2]), dove studiò la pittura del XV secolo e subì l'influenza di Hans von Marées e di Arnold Böcklin, influenza che lo porterà nella maturità ad ambizioni simbolistiche e ad opere di scarso rilievo, come Gli arcieri e Il custode della valle (Karlsruhe, Galleria di Stato)[3]. In Alto Adige alcuni suoi paesaggi furono presi come base per delle incisioni su legno da parte di Louis Eysen, pittore in vita sconosciuto, la cui fama postuma fu dovuta anche all'interessamento del Thoma, che ne organizzò alcune esposizioni a Merano[4].

Nel 1899 fu a Karlsruhe, direttore della galleria locale e professore all'Accademia delle Belle Arti. Da questo momento divenne pittore apprezzato, ma di scuola. I temi da lui preferiti furono antiche leggende germaniche e di paesaggio. Fra questi ultimi sono da annoverare: Paesaggio della Foresta Nera (Berlino, 1872) e Paesaggio del Taunus (Monaco, 1890), certamente i più validi della sua lunga attività. Da ricordare anche alcuni ritratti di familiari[5].

Opere conservate in Musei e collezioni di rilievo[modifica | modifica sorgente]

Una sua opera (Siesta) è conservata al Museo d'Orsay di Parigi[6].

Sono conservate alcune sue opere (Autoritratto, Il guardiano della valle e Idillio di primavera) presso le Collezioni d'arte statali di Dresda. A Francoforte sono presenti Eva in Paradiso e Vallata.

Molte altre opere sono conservate in due collezioni private a Liverpool[7].

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fritz Baumgar, Thoma, Enciclopedia italiana Treccani, 1937 (disponibile online).
  2. ^ Thoma, Hans, Enciclopedie on line Treccani.
  3. ^ Fritz Baumgar, Thoma, Enciclopedia italiana Treccani, 1937 (disponibile online).
  4. ^ Fritz Baumgart, Eysen, Louis, Enciclopedia italiana Treccani, 1932 (disponibile online).
  5. ^ Fritz Baumgar, Thoma, Enciclopedia italiana Treccani, 1937 (disponibile online).
  6. ^ Scheda dell'opera sul sito del Museo.
  7. ^ Thoma, Hans, Encyclopaedia Britannica, volume 26, 1911 (disponibile su Wikisource)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 111662989 LCCN: n84020178

pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura